HOME Concorso 13

XIII  Concorso  2013 Agenda 2014:

PARTE ANTOLOGICA

Tutti gli autori dialettali

 

MONOGRAFIA dedicata a:

Franco Ligi, romano con vetuste radici urbinati

 

 Nota. Alcune poesie di Franco Ligi, sempre in romanesco e dedicate ad Urbino, sono state gi pubblicate nel 2002 in questo sito web nella sezione "Scrittori:grandi e piccoli", poi un altro gruppo di poesie furono pubblicate nell'Agenda 2012 dell' XI Concorso di poesia dialettale "Renzo De Scrilli" ed ora con l'invio di nuove poesie per la parte antologica dell'Agenda 2014 del XIII Concorso sopradetto, si pensato di riunire tutti i documenti ricevuti in una Raccolta Monografica.

 

 

 

 

 

(Clicca qui per accedere alla Monografia)

 

 

Er dialetto

di Franco Ligi - 1998

 

L'Itaja – sarvognuno -

l'ha fatta Garibaldi

co' Cavurre.

L'itajani ancora

nu l'ha fatti 'gnisuno.

 

Per - grazzie puro ala TV -

mo' ce capimo

dall'Arpi a Lampedusa.

Vojo di' parlamo tutti

nell'istessa lingua.

 

Er dialetto per

c' arimasto drent'ar core.

Pe' fa' l'amore

strill li regazzini

quanno s'incazzamo

l'itajano nun ciabbasta.

 

(Clicca qui per accedere alla Monografia)

 

Er mejo dele canzoni

e der teatro

so' in napoletano,

genovese, veneziano.

 

Forze pe' questo

io che puro nun me sento romano

pe 'ste poesiole

me so' trovato

'na maschera romana

che me fa' veni' fora

quer che si parlo l'itajano

m'arimane drento.

 

 

 

 

(Clicca qui per accedere alla Monografia)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(Clicca qui per accedere alla Monografia)

 

MONOGRAFIA dedicata a:

Francesco Saverio Gianotti

urbinate residente in Perugia

 

 

Il Gianotti invia per l'inclusione nella parte antologica tre scritti:

- Autopresentasion: aggiornamento agli anni 90 della propria biografia.

- Mi' padre: aggiornamento in rima della biografia paterna

- L'insalata de campagna: aggiornamento in rima della biografia materna

 

Anche qui si fatta una Raccolta Monografica dedicata al Gianotti riunendo questi nuovi scritti ai vari documenti inviati per la Parte Antologica delle precedenti pubblicazioni degli atti del Concorso "Renzo De Scrilli".

Le precedenti pubblicazioni del Gianotti in V'l'arcont in dialett sono:

- Vol 10 -Agenda 2011  "Spirell del vigulin"
- Vol 11 -Agenda 2012  "I malvon dls Gaifa"

- Vol 12 -Agenda 2013  "Na glupp de temp..."

 

(Clicca qui per accedere alla Monografia)

 

 

 

 

Anna Rita Ambrogiani
clicca qui per accedere
alla relativa
MONOGRAFIA

 

 

 

All'ampia produzione poetico-dialettale dell'Ambrogiani sono stati aggiunti i seguenti titoli:

Caminand

El dotor e el pret

El scop

Primavera

Sensasion

(Clicca sulle singole voci per vederne il contenuto)
 

 

Ludius (Coroseduto)

 

 

Alla consistente produzione poetico-dialettale dell'Anonimo (pseudomini: LUDIUS o COROSEDUTO) sono stati aggiunti i seguenti titoli:

Che cald

L' uc'lin

La pac dentra

Na volta

Nott d'estat

S' bastassa

 

(Clicca sulle singole voci per vederne il contenuto)
 

 

 

ANNA RITA AMBROGIANI

 

INDIETRO

 

 

Caminand

di Anna Rita Ambrogiani

Urbino, 5 Novembre 2012

 

Ognun sa 'l su' carrich,

ognun sa '1 su' ps

s'ne va per la contrada

a spalle ben ben ts.

 

La fatiga ch'en se fa...

Prima o poi...

da qualca part s'arivar !

T'un qualch pas...

 

E' 'na robba d'acs asurda,

'na robba ch'en s'vria creda,

mo tanti...

n armasti per la strada.

 

Tanti n'ho lasciat, n'ho pers...

e te chiedi qual el sens:

tun 'sta strada poca dritta

e che spess va s in salitta,

du' caminam finch' va gi el sol,

sa le gioie e sa i dolor,

armanend sempre pi sol...

 

Tanti, in qualch mod, p i artrovam

e ne trovam anca de novi,

qualcun che un po' ce consoli

t'i dolor e t'i malann

e condivida sa n le gioie in t'j ann.

 

E cos continuam el viagg

sempre in cerca de atre spiagg,

in discesa e in salitta

fin a che en propi fnitta,

fin a che en sces la sera...

Fin alora ...ognun de n spera !

 

INDIETRO

 

El dotr e el pret

di Anna Rita Ambrogiani

Urbino, 11 Agosto 2013

 

El dotr com el pret

devi dij tutt'i segret,

mo ma'l pret pu dij c'arvedrem...

del dotr en pu f d'men,

se te chiappa 'na botta d'dolor

per non atrovatt dal Creator.

 

A chel punt, se ce credet,

avet bsogn anca del pret !

 

INDIETRO

 

El scop

Anna Rita Ambrogiani

Urbino, 27 Marzo 2013

 

Te dicevne:

"Tocca av un scop

t'la vitta

fin a che en propi fnitta !"

E alla fin... armani

sa 'n pesstin de aria fritta !

 

Mo...

vaggh avanti in pompa magna

tant l'aria fritta en se magna !

Vaggh avanti ogni moment,

l'aria fritta soltant vent,

gnent c'avev e gnent c'ho

e cos ce provar.

Vaggh avanti e tengh dur

anca se c'n le fregatur.

Vaggh avanti a ogni cost,

pi che el fum...

cercand l'arost.

Vaggh avanti da incoscent

e alla fin...

en ce perd gnent !

 

Verament, p io, c'n'avria,

e anca pi d'un, di scop...

cerch da ragiungi a poch a poch,

e, sa tenacia e sa pasion,

pian pian arivne...

anca le sodisfasion !

 

INDIETRO

 

Primavera

Anna Maria Ambrogiani

Urbino, 10 Aprile 2013

 

Esplosion de primavera,

esplosion de color,

che t'ariva fin al cor:

rosa, bianch, viola, giall...

in t'el verd de prat, camp e vall.

 

Esplosion de color,

esplosion de primavera,

per chi in tutt el mond spera

t'el rinov de l'illusion...

 

El risveglie d'la natura

in t'la terra, acqua e cel,

esplosion de primavera,

che va a scioja tutt el gel.

 

 

 

Sensasin

di Anna Rita Ambrogiani

Urbino, 4 Luglio 2013

 

Te veggh t'el cel azurr

che sfuma a l'orizont,

te veggh in t'el tramont

del sol

che cala dietra al mont,

te veggh in t'l'acqua chiara

che scorr d'in sotta al pont,

te veggh in mezz al verd

d'l'erba

ch' fa da sfond.

Te sent in t' l'aria fresca

ch' me sfiora pian la front.

 

INDIETRO

 

 

 

 

LUDIUS o COROSEDUTO

(Anonimo)

 

INDIETRO

 

CHE CALD !!!

di Ludius (Anonimo)

 

Un giorne ch'er sdraiat e 'n facev nient,

per la ciafagna e 'l cald apicicos,

ho chius i occh per cerch dentra la ment

calcosa de simpatich e grasios

 

ch'me dassa, per lo men per un moment,

un po' d' soliev, vist ch' en trovav ripos:

cercav insomma 'n pensier, un sentiment

com 'na piuma, leger e vaporos.

 

Ho pensat ma 'n tramont sa 'n ciel seren,

ma 'n lagh d' montagna, p ma 'n fior ch' pian sboccia,

ma 'n prat de ap e de farfall tutt pien,

 

ma  'na fila d' pulcin dietra 'na chioccia:

mo me so' acort che gnent me giva ben,

dacs ho decis, so gitt a f 'na doccia !

 

INDIETRO

 

L' UC'LIN

di Ludius (Anonimo)

 

'Na volta, me par vers el carneval,

(el giorne pro en m'l'arcord pi de precis),

fora da la finestra un frull de al

ho sentit sbatta fort a l'improvis.

 

Era 'n uc'lin che, sopra 'l davansal,

intirisit e spers, s'era decis

d'fermass mal, ch'sentiva 'n fredd bestial:

acs j ho apert, tla faccia 'n gran soris,

 

pr lo impaurit, ha arpres subbit el vol.

Alora ho sparpajat un po' de pan

e so' gitt via, in mod ch'restassa sol.

 

Dop un po' arnutt: l'avria chiapat tle man

per di calor, com s' fossa i' el su sol.

Lo un po' ha becat e po arfugitt, lontan.

 

INDIETRO

 

LA PAC DENTRA

di Ludius (Anonimo)

 

Se spegn el giorne

ch' mor dentra 'l tramont,

sfumand e trasformandse tun mister.

El sguard se alsa intorne,

ti camp sensa i color, vers i sentier

ch'aspettne el scur

ch'se spand so vers i mont,

sensa rumor:

fora da le paur,

tel paesagg sospes,

chiara c' sol la luna

ch'fa luc per rischiar tutt i pensier.

El mond se perd e dorm,

sa le su mille form

che 'l silensi perfett pian pian arduna

in t'una sola, sensa pi sorpres.

Dentra sta quiet se sent

sol, ogni tant, el vent

in ti capej, leger com 'na caressa,

ch' fa sent propri com un vria essa:

sembra ch' la porta lo la nott ch' avansa,

e fa nascia tel cor un sentiment

ch' consola e ma la pac i d sostansa.

 

INDIETRO

 

'Na volta...

di Ludius (Anonimo)

 

I c' ho 'na certa et, da 'n pess so' ti "anta",

e acs m' arcord tant robb ch' en c' enn pi adess:

in gir d' miseria alora c' n' era tanta

dentra le cas sens' acqua e sensa cess.

La gent s' dava da f per sopraviva

sa'l poch ch' c' aveva, sensa tant pretes,

che 'l poch che pi d' na volta purtropp fniva

prima d' pot ariv a la fin del mes .

Mo anca chi c'aveva poch o gnent,

tun ogni situasion s' sforsava d' essa,

per quel ch' poteva, anca 'n po' content,

dand un bel calc tel cul ma la tristessa !

Gi per le strad el traffic era poch,

tutt le piasett e tutti i vigulin

erne pieni d' bordei che sa i lor gioch

facevne, giorne e sera, un gran casin !

E vers mesgiorne spess da 'na finestra

qualcun gi vers el fiol ch' giocava ancora:

"Oh, Gigi, di vien so che la minestra

mach tel piatt 'n pess ormai ch' se sciora !".

C' chi l' arcordar cert mej de me

cle gioie, chi dulor e tutt chi afann,

anca se gi pasat - sa ce vlet f -

da chel period un bel scrull de ann !

Qualcun cert provar 'n po' d' nostalgia,

qualcun atre dir ch' mej adess:

el mond giust ch' va avanti, sia quel ch' sia,

e ste g avanti el chiamen el "progress".

Va ben dacs, per forsa o per amor,

tutt quel ch' nov dar cert i su' frutt,

pro lasciatme un pensier ch' me vien dal cor:

sar, mo i' en so' convint del tutt !

 

INDIETRO

 

NOTT D' ESTAT

di Ludius (Anonimo)

 

C' ho 'n strat d' erba per lett sotta la schiena

mach tla S'ciana, tun sta nott d' estat:

Urbin s' ved da lontan, a malapena,

mentre el ciel, sopra d' me, tutt stelat.

 

Stanott calda, sensa vent, serena,

piena d' magia, com tun mond fatat:

la natura dintorne par sol piena

del cant di grill ch' se sent per tutt el prat.

 

So' sol tun st' ora persa dentra 'l scur,

so' sol tun ste silensi ch' me circonda,

ch' me leva per un po' tutt le paur:

 

te 'l cor adess sent sol 'na pac profonda

pi d' l'univers che sopra, com un mur,

dietra el su gran mister par ch' me nasconda.

 

INDIETRO

 

S' BASTASSA...

di Ludius (Anonimo)

 

S' bastassa el sol pensatt per rendte vera,

se 'l di' de te soltant t' facessa viva,

per el mi cor, che de sper pi en spera

se non tun gel ch' da te sempre i ariva,

 

el di' e 'l pens, per tutt la vitta intera

sarien un gran soliev: e in tuna estiva

bella stagion se cambiaria la nera

nott infinitta che d' la luc schiva.

 

Mo el sogn inuttil, com 'na fantasia

ch'se regg tel nient e vers el nient se porta,

ch'la tua asensa fa nascia tel cor mia.

 

Ogni intension persa, svoida, morta,

e 'l cor patisc, com t'na lunga agonia:

la pena eterna, la speransa corta.

 

INDIETRO