Home Autori Dialettali

FOSCOLINO:  Foscolo Sabbatini

 HOME:Urbinati indimenticabili

 

Biografia

Natale

All'amico Ettore

Festa dla cometa 1964

Stramberie Urbinati (1964)

Elezioni 1965

Urbin d'inverne

Cena sociale 1966

Cena sociale 1967

Festa dla cometa 1965

Tiritera urbinate

Coment d'un extra-muro

Le patentat

 

Raccolte da M. Gianotti nel settembre del 2002 con l'aiuto di vari urbinati, come:

Prof. R.Bacchielli

geom F.Micheli,

avv. Alfredo Cossi

 

(vedi I fior di camp STIBU, Urbania, 1979)

 

FOSCOLO SABBATINI nato in Urbino il 21 ottobre 1915 ed morto in questa citt a 53 anni il 15 novembre 1968.             

Ci sono giunte scarse notizie biografiche su Foscolo. Era un ometto mingherlino ma vivace e dotato di molto senso dell'umorismo. Molti urbinati  lo ricordano principalmente per le rime briose e pungenti che componeva in occasione di ricorrenze festive, manifestazioni cittadine o avvenimenti occasionali della vita cittadina, particolarmente se si trattava di vicende grottesche.

  Diplomato alla scuola Magistrale, lasci presto Urbino per trovare una occupazione altrove e fin per assumere un posto di insegnante di educazione fisica nella Scuola Media Torquato Tasso di Ferrara. Ma la nostalgia dei parenti, degli amici, lo ricondussero ogni tanto nella sua citt natale. E sono proprio questi agognati ritorni, la gioia di sentirsi a casa, il felice incontro con gli amici del Circolo che lo ispirarono. Egli compose poesie rivolte a presentarci i toni comici della vita con abili e spassose caricature.

Foscolino anche autore di testi poetici in lingua italiana che, analogamente alle composizioni in vernacolo urbinate, venivano composti in occasione di ricorrenze e cerimonie scolastiche in quel di Ferrara.

 

In Antologia sul Web: marzo 2003

 

 

Estratto dalle poesie

 

I compagn, i parent mia: 

"Oh se' 'rnut, quand arv via? 

 

Ti caf, sott' a le logg,

come ieri dacs ogg,

ho artruvat tutta cla gent

che lavora e ch' en fa gnent;

en cresciuti da l'altr' ann

quei ch' n 'nutti dai Trasann. 

 

C' Fef de Canavacc

ch' en te sposta manch un bracc;

l difend tla profesion

sol chi c' ha i gran milion ...

 

Sa le rt tutt mez sgonfiat,

tel sedil un sacch d' patat,

sensa lum e sensa fren

'na fumara com un tren

o ch' c' 'l sol o ch' tona gros,

vien Rinaldi da chi foss ...

 

Sa la faccia moscia moscia

ho incontrat ma 'l sor Paloscia ...

 

C' Bigonzi ch' se d ai viagg,

e te cmincia dal prim magg;

lo te cnosc tutta la Spagna

com Pandolfi la sua cagna ...

 

Se le pag en poch o gnent,

se lavora o no la gent,

ma 'l sor Bino dl'Ort Botanicch

en i frega manch' un mannicch.

 

Raul Gamba c' ha le doj

quand el cerca la su' moj.

 

Celso Fabbri e Balsomini,

i ben noti figurini,

non se tenghen pi per man,

ma se guarden com du' can.

Me par propri come ogg,

s e gi sotta le logg,

se parlaven, se guardaven,

s'armiraven, s'argiraven:

" te sta ben el vestit scur "

" te se' bell sa 'l capell dur "

" n de moda le scarp gialle "

" ragion, tocca compralle "

 

Ma ha giocato i suoi quattrni

quell'Orlando Balsomini ?

lei signor vorr scherzare,

lui qui per controllare;

sempre lisc, sempre elegant,

in tle man un par de guant,

'na moderna tosatura,

un capott ch' 'na pitura,

lo sempre indafarat

per guard chi ha giocat ...

[Balsomini]

E tutt dritt sa'l su' cappell,

apogiat sopra l'ombrell,

in t'la piassa tonda tonda

t'arcminciava a f la ronda

dal teatre fin a Diani

a bracett sa'l su' Catani.

 

 

E' cnosciut gi vers San Pol

a Lavagin, a Risciol,

ai Trasann, a Cavalin,

dai vilan de mez Palin.

 

Quand d' vol t' sar stufata,

sa 'l fiat gross e gi sciatata,

i' m'arcmand, la mi' cometa,

butme gi tun sta pineta.

 

la met e pi d' torion

era gitta a rugulon;

tutt la colpa del casch,

era d' quei ch' givne a pisc ...

 

E Pretelli chel Gigin ?

Rintanat t'el su' mulin,

t'la su' vitta ha 'vut pasion

sol per l'orz e 'l furmenton ...

 

Sitto sitto a passettini

quel dottor, quel Mandolini,

se il programma non gli addice,

lui la spegne e poi felice

con in bocca una castagna

s'allontana con la cagna

 

Se dman piov opur se buffa

s' tocca acenda o no la stuffa,

dopp ch' ha vist i su' strument

e studiat tutt le corrent,

Titti dic tutt seri e tost:

"El cald gross vien vers agost"

 

Ecca passa el bell Pavlin,

che da poch s' fatt sposin,

anca lo fa el notar

(tutta l'acqua va tel mar);

 

In t'el circol in t'el salon

a guard television

sta pur cert che c' 'na coppia

a sent Lascia e Radoppia:

Gualassi sa la moj

en 'i sposta manch le doj.

 

 

Matteini apogiat in t'le colonn

tutt gricitt com el por nonn,

de quell ch' fa tutta la gent

en 'i sta propi ben gnent:

 

Sa 'na maja brigolata

e la testa mezza plata

vien dal Dom el Maresciall

i pied lisci e sensa call

(en s'diria che fin a ieri

era el re di' bersaglieri !),

 

Gino e Cansio come ier

parlen gi di lor poder

 

C' Cangiotti, voj d el gatt,

gira e corr com un por matt:

 

Ecca Diani tutt svagat

dic ma tutti ch' malat.

 

C' po' Pippo bonacion

lo ch' nat ma i Gualantron

 

Vien po' Licio, el fontanier,

quanti sold ha fatt da ier ?

lo vend l'acqua e bev el vin,

ha scaldat ma mez Urbin.

Sega ben e magna a uff

tutt content ch'en ci ha i buff.

 

Chi en s'arcorda de Tachin ... ?

tutt tirat com un pess d' legn:

n 'na mucchia le su' fregn !

 

 

 

Se i' pens ma i dolor mia,

me credet , i' ce piagnria.

Dacs ogg, dacs dman

sempre sol com un por can,

in t' na stansa mobiliata

ch' en manca sofitata.

Un brut giorn me troverann

setta el lett sa tutti i pann,

moribond e bell gitt,

gi sa i labbr mezzi gricitt.

En m' la chiapp, me facc coragg,

dop d' genar 'nir pur magg !

 

C' po' 'n'aria, un paesagg

par da essa sempre d' magg

Oh Urbin, ma chi t' ha fatt

era un birb opur un matt !

M'avvilisch se pens che dman

sar sol com un por can.

 

E se fossa sol per me,

ce credet, vel poss giur,

magneria anch'el pan sol

o un piatt d' cudich sa i fagiol,

pur d'armana tra sti mur

in atesa d'un colp dur.