Altre Opere dell' Autore

X°Concorso-Antologia

In Antologia al Concorso 1999

Tuttti i dialettali

LA  BROMBOLONA  di Luigi Nardini

 

Poemetto in dialetto urbinate tratto da un racconto del XV secolo.

La copia anastatica dell'edizione integrale è pubblicata nel 2° volume di 

"V' l'arcont in dialett"  Ed. Montefeltro 1999.

Qui di seguito si riportano alcuni brani.

 

. . . Ve dirò ch' la Brombolona

era 'n temp la campèna de Gaifa,

che malassò in tla torr, a l'èria bona,

ce stèva com' un rass dentra la stifa;

sonèva sernpr' e en se stanchèva mèi

tant in t'i giorn dle fest che di guèi.

 

Gaifa era 'n castell: ce stèva 'n cont

sa tutta la faméia. Era sempre pront

a sminchionè e a tormentè la gent:

ma tutti chi por chèn fèva spavent.

Prò en era un sanguineri, era un birbon

ch' vleva rida a le spall di pór minchion.

 

(Ha spaventato a morte un frate cercatore gettandolo dalla finestra, ma, a sua insaputa, 

cadde su quasi due metri di neve senza altro danno oltre la paura.)

 

Chiamèven el cont d'Gaifa I' "Arabit",

mo en c'è da fasne chès ti nostre sit,

ch' el sopranom l'hann tutti, anch' el sú fiol,

el pió grand, ch'i dicéven "Lataròl".

Aveva st' nom, perché era tant gossut

de latarol, che vleva magnè ogni minut.

..............................................................

De costó tutt la grand occupasion

era quella de gi' caccia tutt' el giorn,

sempre per cle macchi' a ravaston giva

cercand le starn, i lepr', i storn.

........................................................

Quand' ecch che sotta '1 mont dla Conserva,

t'un stradin, batè el mus sa do bordelle.

Ed eren la Bruschina e la su' serva,

dó biscagnine propri dle pió belle.

È vera per daver ch' lia en era brusca

ch'era dolcia, portina, com'el miel,

ma i piaceva de magnè la fèva brusca.

E t'f invernète, sa chi tocch de gel,

vicin al su' camin ha s'la passèva

tutt le serèt a roda la su' fèva.

Mo, me diret pro vo': "Chi è sta bruschina ?"

È la fiola. d' Roscin, la pió carina.

 

Era cont de Primicili, era 'n bon om,

e avend el pel com quel del formenton,

'i diceven Roscin per sopranom;

ma s' era bon en era pro minchion.

 

(Nonostante la timidezza, sboccia un grande amore fra il Lattarol e la Bruschina

- è inutil, che l'amor è com la toss, cioè non si può nascondere - ; Roscin concede 

la mano della figlia e tutto è pronto per il contratto, ma ecco uno scherzetto dell' Arabit: 

finge di notte un incendio al suo castello e si burla di Roscin che con la sua gente 

è corso in suo aiuto, lasciandolo fuori del castello.)

;,

"Se bruscia Latarol ! aiut ! curit !"

Gridèva sempre lia da spaventèta;

ma tutti finalment, segnand sa '1 dit

de fora a la finestra spalancheta,

fec veda vers Gaifa un grand splendor

mandèt da certe fiamm che fèvn oror.

 

Gaifa giva a foch: e già se sent

la brombolona a dai sensa ripos

t'la sbatochèta per chiamè la gent

per domè cfincendi spaventos

...................................................

El cont Roscin sa la su` voc sa '1 fatt,

feva i su' omin caminè alla. lesta;

gridèva e caminèva com un matt,

ch'anca quei ch' ha sa ló perden la testa:

finalmente, tutti pieni de sudor

ern' arivèti m'al pont levator.

 

Ma el pont è tirèt so, chius è '1 porton,

e nisciun pol gi' dentr'al castell

e malassó dla gent in t' el torion

rideva d' gust com chi en ci ha pió '1 cervell. . .

 

 

(Si stabilisce una tregua fra i due conti  a causa di un intervento armato del Duca 

Federico per ristabilire l'ordine in Fossombrone, al quale erano chiamate 

partecipare tutte le famiglie nobili con servitù e contadini. Qui si distingue il 

Lattarol che, con l'armatura rimediata con secchi e marmitte, "pareva el ritratt 

d'San Crescentin". Il Duca Federico di ritorno dal vittorioso intervento,a cono-

scenza degli attriti fra Roscino e l'Arabit, vuole rendersi conto sul posto per sapere 

di più e riappacificarli)

 

... el Duca Federich pr' argì 'n Urbin

ma '1 castel de Gaifa se fermò,

e fu costrett d' fermars' anca Roscin

perché ló en vleva ch' avessa capit

el Duca el su' rancor sa l'Arabit.

....................................................

Capiret da per vo' s' la Brombolona

i deva gió de gust t'la sbatocheta

dopp el fatt de Fossombron; e dai e sona

e sona e ardai per tutta la giornèta;

ma chi tocch per Roscin ern' un torment

che cla cansonatura 'i arniva in ment.

 

E diceva tra d' ló: « en soni a martell ? . . .

en chièmi aiut ?.. .ma l'ho segnèta a dit . . .

Se per te ho avut la mia in 'ste castell,

avrè la tua, vedrè, sa l'Arabítt . . .

O ch' te daggh 'na schioptèta o ch' te port via,

ch' ho bsogn d' sfogalla 'sta rabbiaccia mia ».

...................................................................

Stèvèn già per gi' a pranz, e cerca e chied,

ma Roscin en s'artrova in nisciun sit;

quand entra un servitor ch' mal Duca died

un fòi ch' era acsè dentra concepiti

« Sa 'n piatt de macaron e 'n bichier d' vin

en s'arvolta la testa ma Roscin »

 

(Così è rottura fra le due famiglie e Roscin rinchiude nella sua stanza la Bruschina

 senza più farla uscire di casa.  Il Latarol deve accontentarsi di spiare la sua Bru-

schina da lontano e sente il suo canto struggente.  Ma l'idillio viene improvvisamente

 interrrotto dal rumoroso crollo di una parte del castello di Gaifa e rovina anche 

la torre campanaria.)

 

Lia cantèva: « Fiortin de pinpinella

se potessa volè com 'na farfalla

'niria vicin a te, speransa bella ».

E chel por Lattarol stèva a guardalla,

e a senti' chi bei cant ch' i givn' al cor,

piagneva, por bordell, dal gran dolor.

 

Un giorn' anca ló i fec 'na cantatina,

e i diss acsè: « Fiortin de la Cesèna,

vôi portè via sa me la mi' Bruschina

foss' anca tra i leon dentra 'na tèna ».

 

Quand' una matina, tutt in t'una volta,

se sent un scotiticc', un diavléri,

là, vers Gaifa, e per de piò s'ascolta

com un gran tonf da spaventè sul séri,

che te pareva che per chi valon,

ce gissa'na montagna a rugolón.

 

Ma '1 Latarol 'i vien la pell polina,

'i s' arisn' i capei, e a la sfugita,

facend un segn d' salut ma la Bruschina,

se mett a corra só per cla salita;

ma guardand ma Gaifa ebb 'na gran stretta

che n' era gita via 'na bella, fetta.

......................................................

El cont de Primicili, o mei Roscin,

quand sepp ch' la Brombolona en c'era piò,

che de Gaifa tra tutt cle rovin

sa tutt cle pietre era gitta giò,

en ve so dì, machè, che gust provassa,

ma quell ch' è cert, ch'era content 'na massa.

 

(I castellani recuperano alacremente la campana fra le macerie e, appurata la sua integrità, le cercano una nuova sistemazione)

 

La portóron in trionf fin mal castell,

mo quand furen per mettla in qualchi sit

só in alt, quell' è stat al pess pió bell;

ch' essend el campanil sua già sparit,

t'un olm la schiaffen ch' era t'un torion,

perché da tutt le part se senta '1 son.

 

Quanden s'pol gi' vestit de seta o d' lèna,

bsogna vestirs d' bigell o d' rigatin;

e acsè i tocò ma cla pora campèna

a stè t' na pianta com stann i cardlin,

sensa avè nisciun altre adornament,

che le fòi e i rèm mossi dal vent.

 

Pacensa el vent ma quand t' i mes d'invern

sa cle nev' ch' 'niven, sa cle barburen

e sa cle boia de cle galaverne,

ch'eren bon da durè dle settimèn,

cla campena se vdeva sempre piena

de cert brombol, che faceven pena.

........................................................

Per chi brombol fu detta Brombolona

perchè 'i aveva spess a spindolon

ed eren longhi piò d'una persona;

e quand s' moveva per dè un po' de son,

se 'i cascheven, 'i feva t'un moment,

per la nev ch' 'niva giò continuament.

.........................................................

V'è mèi sucess de sapè mort ma 'n tel

e po' dopp d'incontrall in qualch sit ?

...........................................................

Acsè i fec ma Roscin quand arsentì

i son dla Brombolona tutta d'un chiopp ...

« E questa da dov' scappa ? - smett a dì -

s' l'hann artoveta sèna ho fed ch' ce schiopp »

I pareva da sognè, ma sogn en era,

e lo brontola sbuffa e se dispera.

 

(Il frate cercatore travestito da mendicante gobbo in una notte da lupi convince Roscin a rubare la campana all'Arabit per metterla nella torre del suo castello che non ne aveva.  Nel frattempo, fa rapire la Bruschina dal Latarol.)

... Tirèva un'èria propi bugiardona

quand chiapparon d'assalt la Brombolona

...dacsè.... tutti stèven dentra el lett

e Roscin e su' om fec el giochett.

....................................................

El sol fèva bug bug da d' là dal mèr

mandand sa 'l su' lum, un po' de chièr

quand ecch ch' ma Primicili già se sent

la Brombolona a sveghiè la gent.

......................................................

Propri in tel mod ch' i èp scappen dal buzz

e s' mettn a gironzè maqua e malà

per vlè trovè chi è statt ch' 'i ha datt de fruzz,

acsè fu ma Gaifa, quand se sa

da tutti cla campèna era sparita;

c'è chi bestemmia e chi da mors ti dita.

 

Sentend la Brombolona a sonè fort

ma Primicili: « Boia d' un Roscin !

grideven tutti - ha da essa la tu' mort

sta barvacèta, aspetta un concinin ».

E l'Arabit, en vdend el Latarol,

grideva: « M'ha tradit anca mi' fiól ».

...........................................................

En crediat, prò giaminga, ch' malagiò

ma Primicili fossa tutt' na festa,

che quand Roscin s'acors ch'en c'era piò

la su' Bruschina, s' deva i pugn t'la testa.

...............................................................

« Ha d'èssa statt cl' infèm del Latarol

sa chel gobacc; oh ! quest è tropp daver !

Girò dmatina apena sals' el sol

dal Duca a sentì tutt el su' parer.

Se giustizia en me farà sarò tremend:

min dov' incontre Latarol el stend ».

 

(Fortunatamente, anche l'Arabit, capita la gravità della situazione, decide di andare a chiedere consiglio al Duca.  Il Duca già sapeva tutto ed aveva consigliato il Lattarol di rispettare la Bruschina e di lasciarla in un convento.  Pace, matrimonio, pranzi, dove non mancarono lattarol e fava brusca, e grandi libagioni concludono la storia)

 

Se trovorn' in Urbin in t'el stess giorn,

e 'l Duca i voss riceva a la stess ora;

ognun i diss la sua, sa chel contorn

de tigna, de rabbia e d' bil ch' butèven fora;

'i fec sfoghè ben ben ma tutti dó

e dopp per ultim, 'i parlò ben ló.

 

Ma l'Arabit 'i diss: « Impareret

de tant sminchionè continuament,

'na lesion ve ce vleva, ch' lasceret

in tel gì avanti, un po' pió in pèc la gent.

V'hann rubèt la campèna ? Ve sta ben ...

gitl' a archiappè s' larvlet e s' ve convien ».

 

E dopp diss ma Roscin: « Ha pièt el vol

chel bell ucclin ch' tnevèt dentra la stifa ...

ve sta a pnell, ch' ancha per vo' ce vol

'na lesioncina com' al conte di Gaifa.

Sa da tiena 'na fiola imprigionèta

solament perchè s'era innamorèta ?»

..........................................................

La friteta era fatta; e fu 'n moment

dopp a fai gi' d'acord, e sa 'na stretta

de mèn, sa 'n bèse e sa 'n abraciament,

fra tutti dó artornò 'na pèc perfetta.

Diss el Duca: « Sta ben ! chi ha 'vutt ha 'vutt ...

mo prò arcordètve d' en fè piò i cociutt ».

 

Altre Opere dell' Autore

In Antologia al Concorso 1999

Altre Opere dell' Autore