Home Antologia Concoso18

XVIII°  Concorso  2019

SEZIONE ANTOLOGICA:  ARTURO SANTINI Jr

Menu Concorsi

Menu Dialetto

 

ARTURO SANTINI (1917 - 1947). Unico figlio del maestro/direttore Vittorio. Nacque il 10 settembre 1917  a Reggio Emilia di salute cagionevole muore in giovane età ad Urbino il 22 aprile 1947. Di Arturo Santini Jr. non si hanno altre notizie; molto probabilmente è l'autore delle sei poesie in vernacolo urbinate in seguito riportate e di un breve racconto, "Alcuni vizi capitali" nella raccolta "Il minestrone" riportata nella monografia del padre.

 

 

VERNACOLO  URBINATE

Così è intitolato un manoscritto in poche pagine di quaderno

che contiene le sei Poesie di Arturo figlio di Vittorio, allora ventenne, ndr

 

a te,                                                                    

che tanta gioia e tanto dolor, mi hai procurato

(giorno che Maria mi piantò in asso!)

                                            Arturo Santini

il 23 di febbraio dell'anno 1937 / XV°

 

S'avvicina el temporel...

25-10-1936 ./ XIV

 

Chiudet, chiudet la porta Nunziata,

sentitt malé che boia d'un venton

a momenti vien gió 'na dacquata.

Mo sent che vent, boia d'un diavlacc.

 

Guardet com'è vers la Montata

guardet le nuvol, sarann piò de cent.

Madonna! Madonna 'ddolorata!

el temporel vien gió in t'un moment.

 

Oste che luszin! mamma mia!...

preghem fioi, preghem ma Gesù Crist.

La grandin el gren  me porta via.

 

Prest, dicem le litanì in ginocchi.

Varda, varda, acsé en s'è mai vist;

mo sent, mo sent, che grandin, che scrosci!

 

 

 

El gagà

25-10-1936 - XIV

 

Me voi fè un vestitt da gran signor

e 'na gravatta de seta fina,

e voj ch'le scarp faccen un gran rumor

che quand pass s'arvolti ogni burdlina.

 

Pó un Borsciallino me cumprarò

l'orlogg, le sigarett sa 'l bochin d'or,

'na belle arciaplata me darò

e tutt 'ligant girò a fè l'amor.

 

Mo sa m'importa s'me dirann gagà.

I mi cumpagn de rabbia creparan

quand me vedrann, acsè, a spassiggià.

 

El brutt sarà ch' en armanrà un guadrin.

Mo csa m'importa, basta ch'pensaran

e ch' en sembrarò piò un contadin.

 

 

 

 

A Lisa

10-1936 - XIV

 

T'arcordi Lisa, quand facevêm l'amor

t'un chi boschett e sotta ma cle piant?

èn pasati chi giorne! El tu tesor,

com me dicevi, en c'ha piò el vant

 

da dì de fè l'amor sa la piò bella

tra le bordelle de tutt el vicinêt.

E m'arcordarò sempre de cla stella,

che te 'na volta sa 'l ditta m'è insegnêt.

 

Cla stella, tutt le ser, la vaggh a veda,

mo te sa me, o Lisa, en ce se' piò.

Tant volt ce pens e me par de non creda

 

quand te me dissi: "E' mej a lascè gì,

è mej! tant te ma me en piaci piò"

Ma i' t'aspett, o Lisa. E' d'arnì!

 

 A Maria

23-11-1936 / XIV

 

Com'è bell vers la sera

passeggià insiem a te

Epur so ch'in primavera

te lontana andrè da me

 

Pasarann trist i giorni,

primavere artornarann

mentre so che t'en artorni.

E ma color che nient sann

 

vuria dì la pena mia.

Vuria piagna, ma me fren

perché te ridi, o Maria.

 

Te en senti el mi dolor,

perché el cor  che c'è intel sen

apartien a 'n antre cor

 

 

 

Adio Maria

Urbino, 18-02-1937 / XV

 

Adio Maria, adio belle serate

ch'ho pasât la la so sott i cipress,

 

en arnirann piò cl'ore beat.

Mo csa m'importa: sarò cuntent listess,

 

pensand ch'acsè contenta te sarê

quand en me vedrè vedrè piò. Luntan sarò

 

dal tu pensier. Mai piò te me vedrê

e anch'i' cercarò d'en arcordarme piò,

 

de cla bocca che tant volt ho basciât

de cla Maria che tant volt ho insognat.

 

 

 

 

 

El piopp

Urbino, 23-02-1937 / XV

 

Acsè parlò el piopp

ma la bufera

dop che fu sciantet:

«En piagn per me,

piagn per chel nid

che tnev fra i rem…»

 

               

Sottoscritto:  Arturo Santini