Home Concorso 12

X°  Concorso  2012  Agenda 2013:

Tutti i TESTI  PRESENTATI
Tutti gli autori dialettali

Indice non attivo: scorrere il testo per la ricerca

Ambrogiani Anna Rita
Io e la farfalla

Ambrogiani Anna Rita
Poesia de Natal

Ambrogiani Anna Rita
Quell che vria …

Arcangeli Massimo
Tempural

Arcangeli Massimo
La piasetta d' sant'Andrea

Balsamini Arnaldo
I foch de paja

Balsamini Arnaldo
I maestre de Lavaggin

Bernini Arturo
I' quand'er pcin tra sti mur…

Bernini Arturo
El pintor Rafaell

Bernini Arturo
Mo st'Urbin è 'na Città

Bernini Arturo
Facessie del pasat

Bernini Arturo
Vicende urbinati

Borgiani Maria Grazia
Una passeggiata per le vie d'Urbino e i ricordi …

Bucci Romano
El poeta artista

Bucci Romano
El vent d'Urbin

Bucci Romano
Le salit e le disces d'Urbin

Capellacci Anna Maria
L'esagerasion

Capellacci Anna Maria
Ricordi

Cavapozzi Olsano
La fin del 2010

Cavapozzi Olsano
Un viagg indietra tel temp

Fontanoni Antonio
Pcìn, pcìn

Fraternale Egisto
La Teresa e la gatta

Fraternale Egisto
L'Italia e i partit

Fraternale Egisto
Un pret e 'na monica

Galli Enaide
Filastrocca: chiccirighì

Galli Enaide
Tre indovinelli

Grassi Antonina
'Na mulica de dialett

Luslini Oliviero
La Rosa

Luslini Oliviero
In piassa

Mancini Zanchi Stefano
Che crisi !!!

Mancini Zanchi Stefano
Bertoldo, bertoldino e cacasenna

Minutelli Aldo
Chi so' ?

Minutelli Aldo
La mort de Gvann

Minutelli Aldo
L'adolescenza

Minutelli Aldo
Raccolta di indovinelli

Pernarella Marco
 L'autunno

Pernarella Marco
 Marco corre

Pernarella Marco
Marco abbandona

Quieti Ines
El dotor dla magia

Quieti Ines
El giovdè grass

Quieti Ines
El mi' Urbin

Quieti Ines
U.Piersanti  - Il maestro …

Quieti Ines
Raphael Gualazzi

Quieti Ines
Vale, alè ! (nulla osta)

Spaccazocchi Maria Teresa
La piuma

Speranzini Giorgio
Il nevone del 2012

Speranzini Giorgio
'Na tiritera vera

Volponi Giovanni
La festa che manca ma i urbinat

Volponi Giovanni
Mo sa pol essa ?

Volponi Massimo
Dipendessa da me

Volponi Massimo
El nevon del '12

Zolfi Brunella
La menopausa

 

 

 

(In ordine di Autore)

 

Io e la farfalla

di Anna Rita Ambrogiani  (Urbino, 17 giugno 2012)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Davanti a casa mia

in t'la campagna,

gind de fretta

ho rischiat da scontramm

sa 'na farfalla:

bella, grand' e bianca.

 

Lia giva per la su' strada,

i' per la mia..

Era 'na strada

da " 'na botta" e via..

 

Avem deviat,

se no, stava pegg lia..!

 

E' statt un moment sol,

mo ce sem capitte "al vol".

 

INIZIO PAGINA

 

 

Poesia de Natal

di Anna Rita Ambrogiani  (Urbino, 25 Dicembre 2011)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Per 'ste Natal

vria regalè ma tutti 'na poesia,

j vria metta le ale com ma un sogn,

perché pudessa gì ma du' c'è bsogn.

 

'Na poesia scritta da me,

mo en so sigura se la saprò fè.

'Na poesia alla fin en costa gnent,

magari po' aiutè ma un po' de gent.

 

Ispirime te da malasó o babìn mia

che si mort de vechiaia e malatia.

Aiutme te, 'ste giorne de Natal

che da malasó i vedi tutti 'i mal.

 

'Na poesia adatta per ciascun

second la vitta e i bsogn de ognun..

'Na poesia ch' facessa el gir del mond

per aiutè ma chi ha tocat el fond,

e anca ma chi ancora en l'ha tocat,

per fall sentì un po' piò solevat.

 

Per chi tun 'sta vitta en ne pòl pió

e fa 'na gran fatiga a artirass só.

Per chi sta ben e sopratutt per chi sta mal,

per pudè tirai só un po' el moral.

Per chi è lasciat sol, scordat.

Per chi se sent un po' tropp afaticat.

Per chi soffre la guerra, el fredd, la fam

e manch en c'è nisciun a daj 'na man.

 

Mo..

'na poesia lieta,

legera cum la seta,

ch'ariva in ti angolin;

per chi grand e per chi pcin.

 

Anca per chi è innamorat, felic, content

e j par d'en avé bsogn propi de gnent.

… Mo cala gió, artorna t'el tu' pcin,

che 'ste dialett.. el cnoscne sol a Urbin.

 

INIZIO PAGINA

 

 

Quell che vria..

di Anna Rita Ambrogiani  (Urbino, 29 Agosto 2012)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

E' 'na vitta frettolosa:

tutti a corra estat e inverne

com s'dovessne campè in eterne.

 

Mej a fermass a guardè 'na foja,

mej a fermass a guardè un fior,

quant'è ora ugual se mór.

 

Corra e corra per 'sa fè,

no, 'sta vitta en è per me.

 

Voj fermamm, voj un po' d'pac,

quella d' maché.. no quant se giac !

Voj fè un po' piò quell che me piac.

 

Voj rifletta, voj sognè,

voj un po' piò d' temp per me.

Voj un po' piò d' temp.. per te.

 

Sé, voj sognè, voj volè via,

pò artrovè la strada mia.

 

E insiem girem avanti

per i mari, monti e campi.

Insiem.. guardand el cel,

come ogg' e come ier..

 

Continuè..

sa la speransa..

che le robb possne gambiè.

 

INIZIO PAGINA

 

 

TEMPURAL

di   Massimo Arcangeli

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Du' nuvol ner

ch' se gonfien cum un gatt

quand rissa el pél.

Un lamp, un ton,

un scrocciol d'acqua fitta.

'Na burasca d' vent

ch't' aruffa tutt le foj

a mulinell.

Un attim de spavent,

el cor tla gola e te,

tremand sotta l'umbrell,

ch'aspetti ch'se chetassa

ste ruvèll.

 

INIZIO PAGINA

 

 

 

I FOC DE PAJA

di Balsamini Arnaldo

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

V'arcordat del por Bataja? •

Era quel che per Lavaggin

me diceva: "Te, burdel,

en fè mai un foch de paja

perchè quell en serv a gnent,

è soltant 'na stupidaggin

ch' butta el fum in t'j occh' d'la gent."

 

S' dic' ch'argì ma ciò ch'è statt,

sal tu cor che batt più fort,

o ch'se' sciap o dventat matt.

Conta sol la via da l'ort

cum fann quei ch'èn tel Cumun

ch' pensen sol ma i foch de paja

per nascondse dietra el fum

cum diceva el por Bataja.

C'hann ardott sal cul per terra

al servissi dla Provincia,

c'amanca sol da fè la guerra,

ma speram che nessun cmincia.

 

Per fè un foch che possa scioia

tocca fall de legn d'ambroll

ch'è più fort e se pol smoia.

Lor, prò, en c' l'hann in tel midoll

e c'è sempre chi s'profitta

facend finta da fè 'l brav,

sguarguaiand da la via dritta,

le fan grosse cum i trav.

Sann ormai perfettament,

e magari c' ridne sopra,

che de bon en farann mai gnent,

l'important è ch'en se scopra.

 

Arivat ma st' punt apert,

la speransa en sia lontana!

Prima ch' dventi tutt desert

maché c' vol el cor d'una campana.

 

En dicem pió che quest è quell che c' meritam,

en c'arfugiam tl' ipocrisia che è tipica di sgnor,

facemce sentì sa quell ch' c' arman,

en ce scurdam che, de sta bella terra, sem tutti debitor.

Forse qualcun già ce sarà,

e speram ch'sia d'Urbin,

ch'ardia vitta ma sta pora ricchissima città

sa l'aiutt d' San Crescentin.

 

INIZIO PAGINA

 

 

I MAESTRE DE LAVAGGIN

di Balsamini Arnaldo

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Per no' burdei d'ogni sorta

la libertà en era per la via,

cminciava dop ch'eravam for Porta

du' ch'ce spultraciavam cum sia

sensa mai esagerè tun quell ch' s'faceva

perchè el camp en era tutt' el nostre

e manch s'pudeva fè quell ch' se vleva:

tucava divida el post sa i Maestre

del legn, dla pietra e quei di cocc.

Mancand el spasi tla lor butega,

givne a lavré tutti tel gioc a bocc

acontentandse d'una carega,

mo el bell era propi quest maché.

S'avet un po' d' pasiensa adess ve 'l digh.

 

Quant Aliventi, dett Gustin,

doveva taiè 'na pietra

montava la sega sa tutt i macubin

adosat contra el travaj e nesun i stava dietra.

L'arvegg ancora adess tun cla spec de tron

du' ch' scoreva la lama luccida che sfrega

sa 'n mist d'acqua, sabbia e un po' d' vin bon,

ogni tant tra i dent j scapava qualca brega.

Comunque Gustin sa la pietra era 'n artista:

sa lò ho imparat a duprè el scarpell

che per me è statta 'na gran conquista

perchè tocca cmincè fin ch' se' burdell.

Quant le vacch de Che' Gin Gualtiero

avevne bsogn d'una forgiata

tucava gì dal maniscalch Zanzero

ch' c'aveva el travaj da pied a la Montata.

Adess ve digh una stranessa:

quel ch'era tla butega di birocc

se chiamava propi Debulessa

e, a guardall ben, era ardott un cocc.

Quant meteva el cerchie tla rota d'legn

en era 'na robba propi da poch

perchè tucava stè precis tel segn

sal cerchie dventat ross tel foch.

Per ringrasiè quei ch'eren nutti aiutta

da la Delina fniva tutt t' na bella butta.

E c'era anca per no', brutta canaja,

dietra i pensier d' filosofia de Bataja.

 

Bataja era el custod di motor dl'acqua:

i lavava, i puliva, i coccolava,

per ló el lavor era 'na pacchia,

chi quattre pess de fer guasi 'i amava.

Quant mancava la corent ch'en era salda

chiamava ma Nando de Crescion

per metta in moto el Bubba a testa calda

e 'n tel volano tacava el gran cinton.

Acsé argiva l'acqua per tutt'Urbin

e s'faceva content Bataja e San Crescentin.

 

INIZIO PAGINA

 

 

Ma  viatre  che   ma  che   en   set  nati, manca  en  sapet 

C' SA  VOL  DI'  A  CAMPE'  TRA  LE  BLESS  d' urbin

I quand' er p'cìn tra sti mur d' Urbin

di Arturo Bernini

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Te ringrassie Signurìn, io daver

te so grat d' avem fatt nascia

in t' un 'sta magnifica città

                                                d' Urbin.

Tra 'ste strad e 'ste piàss che

da mind da fiulìn ma me

m' han fat da balia e m' han

                                               arlevat.

T' artrovi circundàta, tra i mont

e verd colin t'fan da giardin

e te ma le dentra com fossi

t'n' aiola, per tant sa chel

sfond del ciel turchin t' fann

 risaltè… bella com un bocciòl

                                               d' na rosa

che malé è apena, apena sbociata.

Se tramezza cle rubuste

mura e chi poderos turiòn,

ch' abracien ma chi do delizsios

                                               Turicìn,

che d' nòtt' t' accolghen e te

riparen e t' fan com da calda… cunna,

 per fat durmì e per fat fè

i sogn piò dolc e beati, com

se fossi‚ 'na tennera e amata:

                                               Infanta Duchessina.

Mo, sotta cl' arluccichè d' argent

d' le stelle e chi maggich ragg d'la

luna, che t' copren, t' immanten,

t' incuronen, e te donen chel fascin

solenn, ch' me sa mej e piò apropriat

d' paragonatt ma 'na splendida

                                               Regina.

mo tanta important e blina

che d' te è fat innamurè tutt el mond.

 

INIZIO PAGINA

 

 

 

Cuncin de Storia: el pintòr Rafaell

di Arturo Bernini

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Ma vatre ch'en sét d' Urbin en

potet pruvè per «Lia» 'sta atrasiòn;

vlet metta, ma se c' pensàt, anca el

Divin Pitòr Rafaèll in tun 'stà città c'è

                                   nat.

Han scritt ch' era ti su' mod, tle su' fatess

 e ti su' lineament 'na mucchia agrazsiat,

ma dicemce el ver, … era dotat de fàscin

e dal purtament altèr era un ver damerin

                                               ed era propri:… bell.

Ed è per quest che Ló per la bravura

t' la su Art, s' faceva apresè, mo anca se

en s' dava dle arie, ce t'neva a comparì

sempre elegant, sa 'na parvensa d' un pavòn;

s' dic c' aveva la reputazsiòn che sa tutt le

donn ce pruvava e ce fava el farfalòn;

mo spec sa quelle chi girunzlaven d' intorne

se diceva, e ogg se conferma, che sa tutte,

per dì tutte Lo… aranfava, e pó sa… quelle

com un ver gentilòm se… cumpurtava.

Per via d'la su vasta fama e rinumansa

pró precisament per na piò vasta, risonanza

l' han elett: "Raphael Sanzius Urbinas

                                   Divini Pintore".

Pró per no' cuncitadìn…, per ragion d' quell,

sarà sempre e sol …" Rafaell el:… Re del Pnell ?"

E' cert e sigur ch' stat su' Padre, Giovanni

Santi… Mastro Pintore ", che in 'sta Città d' Urbin,

'i ha datt origgin e po' ch' l' ha principiàt e gli ha

tramandat la conoscenza e l' ha aviat vers

la nobbil: …Art d' la: … pitura, quand' era

ancora propri un burdlìn , ma:… Rafailìn.

E' per st' Art che Lò, sa su' padre hàn datt:

ma 'l su' Casat e ma 'sta Città magnificensa

e lustre a profusion; paggin d' immaggin

tratte d' an libbre de Storia, piene d' avveniment,

de Glorie esaltant e, mesti decadiment, che sen

suc'dutte da quand è statta fondata dai

                              Roman e, dixit fu: … " Civitàs Urbinas ".

Cosè c' han tramandat, e sarà anca stat

per seccol, el viva in tla… Civitàs Urbinas,

che sa 'l pasè di millen è d'ventata

granda e più bella, seppa d' impurtant …" Gens

illustrissima et Nobilissima dei: Montisferetri…

                                               Comes;

e de tant' altre grand Casat, de:… Nobilis

e de numeros… Fameje Blasonate, et Monsignori

Munifici Prelati et excelsi Cardinalis et:… Papa.

Homini Notabilis, mo anca quei men… Notabbilis;

Legati … o… sLegati, dal… vast… e Celebrat

patrimoni, del Principat… d' ial… Albani .

Das mod; com è nata, è visutta Urbin;

che oltra ma i Nobbil, ha dat anca i natal,

ma 'na massa d' atre famos Genie, et valenti

Artisti et Architett, Studios et inventor ch' han

spaziat in tutt i camp et genner d' rob.

Et, tant' atra… Gens, d' ogni condision…

ricch, povre e derelitti com i Populàn,

pro metemce anca le campagn

vissutte sempre dagl' afflitti povre e vessati Vilàn.

 

INIZIO PAGINA

 

 

 

Cuncin de Storia:  mo, st' Urbin è 'na: … Città !

di Arturo Bernini

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Ma, vuiatre daver avet capitt

ch' sa vol dì essa nati, in sta città ?!

Basta ch' aprìtt 'i occhj e guardat

un po' d' intorne per scuprì che Lia…

c'ha decisament 'na gran: blessa e d' fascin

seducent da venda, per via dle su belle

Chies e un Dom pregievol e maestos,

è fitta de Nobbil è notevol Palass;

 ro, tutti en sovrastati dal … grandios

e prestigios:… Palass Ducal, che primeggia

 ra i più bei e prezsios del … Rinasciment,

ch' à fàtt realiszè com propria Dimora,

dagl' illustri e Celebri Architett dl 'Epoca;

dal dalmata: …

                                               Luciano Laurana;

 e dal senese: …

       Francesco di Giorgio Martini;

el Nostre Insigne: …

       Federicus Montisferetri Dux.

 Ch' era stat un valoros e insigne: …

                                                 Capitan d' ventura;

pró, la Storia dic ch' mandava 'na mucchia,

pió Impurtant, adiritura, ch' era un: …

Hom piò famos ,

ch' c' aveva di grad, ansi degl' incarrich

piò elevat, c' aveva in ver la… Dignità, ecco!

Se !? Adirittura, quella de: … "Confalonerius

dl' Esercit dla Sancta Romanae Ecclesiae".

Pró, sicòm era anca un … Colto Studios,

quand c' aveva 'na mulicca d' temp libber

legeva d'le ver catass de libbre, dei

scritor di temp pasati, era, cum spol definì, …

'na Persona istruìtta ! "aveva studiat a 'la: …

" Ca Gioiosa da Vitturino da Feltre; "

 e tla su' Cort accuglieva 'na mucchia…

 d' "Artista com: Piero dla Francesca, Paolo

 Uccello, Giusto de Gand, Baccio Pontelli

 e 'na massa de… Leterat", ch' nivne da tutt

le part, sia dl' Italia, ma anca quei dl' Europa.

In sustanza, era ed è stat un: … " Erudito…

 Mecenate;"

e già dai su' temp, el … Duca, ha fatt d' ventè

sta Città d' Urbin, del Mond Cultural: …

                                               "L' UMBLICH"

 

INIZIO PAGINA

 

 

EL  POETARTISTA

di Romano Bucci  (Cosenza, ottobre 2012)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

I mi' ann pió bei ormai ènn gitti via …

a chel temp scrivev spess 'na poesia

sa la rima baciata, dritta o de travers,

el so sol io tutt' el temp ch' ho pers !

 

Vivev a Urbin, cla volta, er sol un ragass …

che oltre a gì a scola, en facev un cass.

Facev el "poeta" l' "artista" sol per la gloria,

quella purtropp è 'na vecchia storia.

 

Tanti anni èn passati, adess so' in pension,

ho fnitt da insegnè, ho arpres la passion:

el mi' temp el pass… (per me è 'na cura)

a fè le incision e sopratutt la pittura.

 

Dacsé i mi' giorne trascorren… dacsé

apena me als me mett a pitturè.

Me divert sa i color, me divert sa 'l dialett,

me dò l'aria d'artista davanti al cavalett.

 

Per fè l'artista ce vol 'na ragion:

l'artista in ogni cosa "combatt" 'na question.

E per me la question è sempre aperta

da quarant'ann so' un cojon in trasferta.

 

Arpens ancor adess ma chel bell temp passat

e ancora so' maché a fè le rim baciat …

Chi nasc rotond en pol morì quadrat

i cojon… a dventè furbi en hann mai imparat.

 

"Dovunque c'è el piacer, en c'è mai mal"

se me va ben ma me, è tutt a post ugual…

Facc quel che me piac e, non de rar,

i' la mi' art la regal ma chi me par.

 

A forsa d' pitturè ho apert 'na mostra

tle stans de casa mia, mai tla vostra.

Io dentra casa mia me sent a Urbin

anca tel territori cosentin.

 

Vria dì 'na cosa ma chel car amicch,

sa la faccia rotonda, piena com un ficch,

l'estat pasata a Urbin me dmandava:

"Sa fè machè? quant arvé al tu' paes?"

 

'I vlev risponda: "In Urbin oltre l'art e i palass,

se possen ammirè anca i testa d'cass".

'I ho dett soltant, chisà se l'ho persuas:

"Ma te sa t'importa? Se' sol un ficcanas!"

 

Io en so' un poeta, io en so' 'n artista,

mo me basta, o Urbin, a veda la tu' vista.

Arvengh da te quant poss, mi' cara Urbin,

sensa chieda el permess ma chi massava i sisin.

 

INIZIO PAGINA

 

 

EL VENT D'URBIN

di Romano Bucci  (Cosenza, settembre 2012)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

'Na bella mattina ai giardin de Raffaell

soffiava un vent tant fort che ogni uccell,

spaventat dalla caduta dle castagn,

cercava un ripar, un bugh com fann i ragn.

 

El vent era tant fort che cle frond ombrose

se scrollaven d' adoss cle castagn impicciose:

ènn cle castagn ch' en se possne magnè,

che io en capisc che cass ce stann a fè.

 

Cascaven per terra ancora dentra i ricc,

se spaccaven tla strada: era tutt 'n impicc.

Sopra le machin facevevne un fracass,

com la grandin, dure com i sass.

 

Io scapciat dal vent guardav sitt sitt

a volè pr' aria le foj secch, arruginitt.

Un vent arabitt soffiava fort davver …

a seda t'na panchina ott o nov stragner:

 

chiari de pell, insiem a quattre ficch,

a seda anca per terra a fè 'l picnich.

Magnaven allegri, per lor era 'na festa,

quant d'improvis sopra la lor testa

 

'i arriva 'na cascata de castagn

che 'i ha fatt fuggia da chel "bagn".

M'è 'nutt da rida, 'na scena divertent,

èn gitti via de corsa t'un moment.

 

Sbatteva i ram, urlava chel vent fresch,

mentr i fuggiasch gridaven in tedesch,

forse convinti da tutt chel macell,

ch' el vent fassa caschè le pall ma Raffaell.

 

Majetta, calson corti, biondi e bei

el vent tla lor testa arbaltava i capei.

Tun chel moment m'è 'nutt un pensier:

el vent è pió brav d'i parucchier !

 

El vent buttava gió tutt cle castagn per terra,

sbatteva le persian e i alber com t'na guerra.

I fuggitiv ènn gitti gió dal Mont:

era un bombardament in fin dei cont.

 

Ma me me piace 'l vent, so' rmast malé

a schivè le castagn sol da per me;

quant "tira el vent e abbaien i can"

giria a spass tra i alber ogg e dnam.

 

T'arcorderò Settembre a Urbin ventos,

sa te ho passat un mes meraviglios !

Sper sol d'arnì a Dicembre t'un ste teatre

a leggia sta poesia… en diggh gnent'atre.

 

INIZIO PAGINA

 

 

LE SALITT E LE DISCESC D'URBIN

di Romano Bucci  (Cosenza, settembre 2012)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

'Na sera de Settembre in cima al Mont d'Urbin

in compagnia de Viky, el mi' maltesin,

amirav la discesona de via Raffaell,

che scend gió fin in piassa, guarda che bell !

 

Tla prospettiva artistich, pittoresch

spunta el campanil de San Francesch.

Snell, elegant, presios com un merlett:

merita un basc tla front' el su' architett.

 

Gió per la via tant' aquilon rossi,

appesi a zig zag, dall'ariettina mossi.

Legati a un fil da 'n palass a cl'atre

com sopra el palcoscenich d'un teatre.

 

La veduta fiabesca de cla sera dorata

era da 'i ultim ragg de sol illuminata.

Per me era opera d'art d'un grand Artista,

tutta l'atmosfera d'un quadre impressionista.

 

Era del "Mont" la rossa esposision

per la Festa, ormai passata, d'i Aquilon.

'Na festa poetica, per me, indimenticabil,

ch'en vedev pió da un temp immemorabil.

 

In pied dal monument el somm Pittor,

che guarda la su' via sa tant amor,

te dà l'impression che pien de nostalgia

sembra pensè "malagió c'è casa mia".

 

In Urbin ogni strada è in salita o in discesa:

do' te trovi è tutt bell, c'è sempre 'na sorpresa.

Guardat el campanil da via del Balestrier

e ditme s' ho ragion , se diggh el ver.

 

Entrat da la Porta de Santa Lucia,

guardat fin in fond quant'è bella sta via.

Io pió d'na volta l'ho ammirata e com …

tel sfond la cupola e 'l campanil del Dom.

 

Andand pió in gió c'è l'Agenzia dl'Entrat,

da malé ancora più splendore vó ammirat:

sopra l'Ort Botannich principesch

fa mostra d' se el campanil de San Francesch.

 

Le salit e le disces de "Urbis-bina"

te porten in só e in gió per la collina,

com chel disceson sa tant de baffi,

quell che va gió a San Pol, cioè via Saffi.

 

A Urbin ogni discesa è pittoresca immagin:

el Mont, Valbona, via Saffi, Lavagin …

salit e disces in ogni vigol, piassa o via,

mentre cammini e guardi se' dentra 'na poesia.

 

Urbin, in fond se' com la nostra vita:

dop ogni discesa c'è sempre 'na salita.

In ogni rion, piassetta o vigulin

trovi salit e disces e trovi anca i scalin.

 

De te, Urbin, se parla in ben e in mal,

ma con ha dett Piero se' la Città Ideal.

Urbino umanistica, ducale, piccola e bella,

parlen de te tel mond, sott' ogni stella.

 

INIZIO PAGINA

 

 

L' esagerasion

di Anna Maria Capellacci

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Gesù, appena nat,

guarda st' mond esagerat.

Sa la scusa del Natal

la gent spend a pine man.

Dai capotti alle bursett.

dalle scarp fin ai calsett.

Tra le luc e le stellìn

tutti comprne i regalin

per chi grand e per chi pcin.

I burdei è i pió cuntent

pini d' regal che 'n ne fan gnent.

En sann sceja manch per lor

qual' è el regal miglior,

tra la bugatta che camina

e le cors dla machinina.

En sann che tutt sta tecnologia

'i ha rubat la fantasia.

I più grand pensne ai cenon,

al spumant e al paneton,

al pandor e ai torroncin.

Nisciun pensa a Gesù Bambin.

Gesù osserva contrariat

tutt ste spes esagerat.

Lo ha predicat la povertà

e a sti mod maché en ce sta.

Chiappa subbit la decisìon

per armetta a post la situasion.

Ecch che manda 'na gran crisi:

tasse varie a più non poss

el portafoj s'arduc a l'oss.

Per gravè la situasion

ecch ch' ariva anca el nevon.

La nev, el gel, la tramontana,

el fredd entra dentra i oss,

c' vol el gas a più non poss.

E1 burslin è sempre men gross.

Voj propri veda cum faran

quand i sold i finirann.

Vol guardè ma sti sfigat

a tirè fora i capott d'i ann passat.

Dop qualch mes de venticell

cmincia a 'rnì anca el temp bell:

tutt d' na volta un cald bestial

stend i omne e i animal.

Ansimant e sudaticcia

la gent panscia tla calura,

se sent debla e insustitta.

Anca l'acqua è bell' e fnitta.

Dall' umidità en se respira,

la gent se dmanda sal fiaton:

"Sa ch' è mej, l'afa o el nevon?"

Gesù guarda beat …

Anca Lo ha esagerat!

Dop s'accorg tutt d'un tratt

Ch' anca Lo un sbaj l'ha fatt.

Ha colpit sol i purett

ch'erne già vessi a viva a stent.

Quei sa i sold a profusion

van ben sa 'l sol e sa 'l nevon.

Ha cercat da dè 'na lession

ma tutta la popolasion.

enn s'è acort che com sovente

chi più ricch se salvne sempre.

Sa 'l nevon vann tutti a sciè

e sa 'l sol vann a notè.

Gesù scot la testa sconsolat:

"Anca se ho esagerat

Putropp malé en ce so arivat !"

 

INIZIO PAGINA

 

 

 PCÌN, PCÌN

di Antonio Fontanoni

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

C'èn di ucc'lìn

pcìn, pcìn

che volen

bass

Batten le al

fitt, fitt

e rimbalsen

da 'na siep

a cl'atra

da 'n ram

a cl'atre.

Vol brev

fretolos

angosciat

 

In alt

c'èn di ucc'lón

sa le al

grand, grand

cle batten

ogni tant

com per passa temp

perchè lor

inseguen i vent

le corent

del moment

 

INIZIO PAGINA

 

 

LA TERESA E LA GATTA

di Egisto Fraternale

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

'Na matina apena alsat

vagh a fè 'na pasegiata,

tra el rumor del vent

ho sentit un lament.

Era 'na voc disprata

d'una gatta apena nata,

l'avevne abbandonata,

l'ho presa tle man,

me so acort aveva fam,

l'ho arportata e governata,

avev el latt sol,

li ho dat sa 'l paciol.

Un giorne en vleva magnè,

l'ho portata a visitè,

ha capit: era sol spaventata,

ha arcminciat a magnè, a migliorè,

dop un mes aveva arpres,

adess è un po' obesa, com la Teresa.

La matina quand va 'l lavor

arman sola per un po' de or,

l'aspetta ma l'ascensor,

sta malé, aspetta perchè

j porta da magnè,

e vol giochè,

è afesionata,

l'ha arlevata, e salvata.

 

INIZIO PAGINA

 

 

L'ITALIA E I PARTIT

di Egisto Fraternale

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Guard la television:

c'è 'na grand confusion:

fann atre che litighè,

en se sa per chi votè,

stann tacat ma le poltron,

ce chiappen per cojon,

fann i propr' interess,

cambien el nom di partit

ma lor è sempre j stess,

en hann fatt nient de bon,

hann slongat l'età dla pension,

quand se va a chiapè

c'è armast poch per campè,

passa j ann, ariva i malann,

ariva i malor, i sold j tenge per lor,

vojne toja la tredicesima per Natal,

en se pol fè pió i regal,

quand se tratta da difenda i stipendi e le poltron

en c'è discussion,

dal sud al nord en tutti d'acord,

sinistra e destra è tutta 'na minestra,

invec ma l'Italia da faj onor

pensen sempre e sol per lor.

 

INIZIO PAGINA

 

 

UN PRET E 'NA MONICA

di Egisto Fraternale

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Un pret per vocasion

ha trovat 'na solusion,

sa 'na monica fa un progett

da gì a scaldè 'l lett,
han sentit a poch a poch

ch'era cald com el foc,
sa tutt chel calor

han cminciat a fè l'amor,
el pret tant précis

j pareva el paradis,
la monica l'ha sempre cercat,
finalment è arivat,

è un lavor leger,

continuen sa ste mestier,

el fann in ner, sensa fè el chiass,

en paghen manch le tass,

el lavor ha funzionat,

ha dat boni risultat,

ma dop tant amor

è arivata la crisi anca per lor,

tutt è cambiat,

anca lor s' èn separat,

la monica intelligent,

che le preghier le saveva tutte a ment,

arvà tel su' convent,

el pret pentit e disprat

prega e dmanda perdon

per i su' pecat.

 

INIZIO PAGINA

 

 

'NA MULICA DE' DIALETT

di Antonina Grassi

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Le salit d'Urbin

son 'na brutta bestia

ma senza de lor me sent persa.

Se camin tel pièn

me par d'arbalticam,

ma fortuna che sta città

è tutta un sal e scend.

M'arcord, quand er pcina,

che currev so per san Pol

senza avé el fiaton,

ades quand vaggh per Valbona,

arivèta da cima, bat el cor

'na mulichina .. ma tranquij

vol di' che ancor so' viva ..

 

INIZIO PAGINA

 

 

La Rosa

di Oliviero Luslini

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Facev compagnia ma la poesia,

ma ló m'ha portat via.

En m'ha consegnat,

anca se l'avria desiderat.

Fors' è mej stè distant

da le situation imbarasant.

Tla su' casa m'ha arportata

e malé me so' seccata.

Adess so' un fior pasitt e goff.

Me butterà t'un foss!

Invec so' stata fortunata,

perché m'ha consegnata ma lia.

Che alegria!

Che emosion!

Me gitta via tutta la disperasion.

Me so' sentita bella e important,

dovev gì un po' distant.

Ma mess t' na scatola pcina

e m'ha tajat anca la gambina.

En m'importa,

speram che lia m'apra la porta …

 

INIZIO PAGINA

 

 

In Piassa

di Oliviero Luslini

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

In Piassa en c'è nessun.

In ti mur c'è chi è gitt t'el scur.

 

INIZIO PAGINA

 

 

Che crisi !!!

di Stefano Mancini Zanchi

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

L'avev capitta subbit

che calcò en giva.

 

Avev immaginat

anca com f'niva…

 

Me so preocupat

quant' sensa  dill' ma nisciun

Tremonti s'è dimess

E  n'è armast sol un 1.

 

Come le tarme  ti vestitt

Ce magne i risparmi… sitti sitt.

 

E la bensina aumenta, pensat che porcheria!

Piena de tass e accis com d'la  Guerra d'Algeria2.

 

Tle nostre tasch' ènn gitti a muscinè

 Inventand più tass…  tutt' da paghè.

 

Mentre per lor

Industrial o dotor

en cambia propi nient

Chi era ricch è armast ricch

Sol no' en c'avem piò nient.

 

Acsè el mond

da che mond  è mond  è sempre gitt

Par che sol i porett

Avrien da stè a cul ritt.

 

Mo passarà anca questa

e n'antra  artornerà

Finchè i politicant s'abuffne

e rubbne a volontà.

_____________

1 In queste righe si gioca con i nomi Tremonti ex ministro dell'Economia e Monti attuale presidente del Consiglio.

2 In realtà si fa riferimento alla Guerra di Abissinia. Viene qui usata la parola Algeria solo per mantenere la rima.

 

INIZIO PAGINA

 

 

Chi so' ?

di Aldo Minutelli (Fermignano)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Maché so' nèt e pass la vitta

Del mi post en me lament

La mi presensa en è graditta

Perchè solettich el talent

 

So' pcin, fastidios e incisiv

Per giunta anca poch bell

So' forestier e so' abusiv

E scot i nerv a fior de pell

 

Sotta me c'è 'n gran cantier

De continue viagg in tond

Da malé part el pensier

E va in gir per tutt el mond

 

Cnosch i su limmit e le bravur

Giorne e nott sto a origliè

Maché l'ansia le gioi e le paur

E i segret podria arcontè!

 

Se dic ch'en se pol intercetè

Mo se c'è chi pèga in ner

De nascost venga da me

Ve poss svelè tanti mister

 

(Process sopra process mo la vrità en ariva in port. Interogasion, impront digitel e po'el DNA. A la fin en se sa mai chi ha ragion e chi ha tort. Alora per non sbaiè git da ló, v'asigur le robb le sa)

(Soluzione: el pdocchj)

 

INIZIO PAGINA

 

 

La mort de G'vann

di Aldo Minutelli (Fermignano)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

G'vann sta mel, ha belle fatt

I' ha dett 'l pret "Vè dal Signor

Fatt coragg l'oli sant tlo datt

Sarè ricevut sa tutt i'onor"

 

- Don, sicom sò coscent

Pens poss dì ancora 'na parola

N'idea che da tant mè stà tla ment

Set sigur se viv 'na volta sola?

 

Perchè i vria arcmincè da chep

Anca se per vo en ce gnent da fè -

"Sta sitt quest en discors da scep

Tel mond è sempre uset achsé"

 

- El so, el so, sarò vecch mo minca tont

Ancora ciò da fè 'na mucchia maquagiò

E po' per 'ste viagg, ancora en' so pront

Saria content se al post mia git so vò -

 

"E no carin, la cartolina le ricevutta te

Rasegnte en cerchè dfè 'l renitent

Dà retta, sa lò en tla po' sguignè

Tant te trova, te trova, stà content

 

È rivet l'ora, inutil giri in tond.

Tutti dighne, almen avem fnit da sofrì

Che sol la mort è giusta t'un ste mond

En ho capit, perchè t'en vò morì"

 

- No perchè ancora c'avria da fè

Provè n'a sconda volta com se viv

Goda tutt quel se pol desiderè

E fè quel che n'ho fatt, perchè 'n capiv

 

Almen diceti se pol chiuda n'occh -

"No! La su legg è per tutti uguel

En pol fè na scarpa en socch

Lò en Suprem giust e imparsiel

 

 G'vann tlo già dett, è rivet el tu moment

Ansi, spieghte mej, dim do vu rivè

È paset stant'ann ancora en se content

Tant se campi ancora, ce sol da tribolè"

 

- Don vria fè na scapatina ti vent'ann

Perchè ho lascet qualcò in sospes

En podria fe'n piacer ma G'vann

So via en me per sia dle gran pretes

 

Se pens quant n'ho pers chi ann malé

Me vien un rusichin ch'en m'è va giò

Alora se me det el temp c'voi arprovè

Mo'l guei è se continuet a dim de nò

 

Trop ocasion ho pers tla vitta mia

Specialment quant er giovin e fort -

"Questa caro e solo pura nostalgia

Ciarpensi adess se in punt de mort?"

 

- A di la vrità, ce pens e da tant

I vria sodisfè stà voia a ogni cost -

"Damò è tardi, è ora ve ma 'l campsant

Ansi tira via che già pront el post"

 

- Alora asptet, voi dì anch'i le mi ragion

E c'è tengh a dille e com, sor arcipret

Perchè vo set brev a fè i sermon

Mo, per me, en avet mai moss un det -

 

"El se? C'è na bella faccia tosta

Benchè se 'ermast s'an fil de fiet

È ricevut l'invit per posta

Ancora pensi ma le sciapet"

 

- Sé fors' è vera i starò anca mel

Prò vò en vdet l'ora ch'i so spiret

Per piè chi do sold del funerel

E gi fel fil ma nantre disgrasiet -

 

"Basta G'vann, inutil ch' giri intorne

En ho mai vist un moribond acsè

St' agonia la trascini da tre giorne

Se la slonghi ancora, pegg per tè"

 

- Stet a sentì, se vò insistet a dì de nò,

Alora i diria, intant ogg aspetem

Chied information, se pò tocca gi sò

I da d'men, vla sigur, fo'l sciopero dla fem -

 

INIZIO PAGINA

 

 

L'adolescensa

di Aldo Minutelli  (Fermignano)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Adolescensa, adolescenza

Rimi ben sa l'innocensa

Ingenuità, ingenuità

Rimi ben sa felicità

 

Era i'ann del prim amor

Barba e baff sol i prim pél

Quant sa poch vibreva el cor

Quant san det tochev el cél

 

A cl'età un pò se straved

Prò per me era la mej

Me piaceva a cmincè dai pied

Le gamb e sò sò fin i capei

 

Chi capei biondi dorèti

La facina da Madonna

Gonfi i sen apena nèti

Enì stevne pió tla gonna

 

Er content d'vedla pasè

Magari aspetev malé le or

Se pò s'gireva vers de mè

Dventev ross com un pondor

 

E! da quant l'avev tla ment

Forsi el mia era'n ches rer

Portev avanti chel torment

Da quant er tl'elementer

 

I so net del ventinov

Er ancora ai prim aprocc

Anch se prima fev le prov

I risultet, sa 'l contagocc

 

L'ho incontreta 'na matina

Me per ti press del monument

I dirò" bongiorne signorina"

Mon m'è nut fora gnent

 

Er a cort d'ogn argoment

Avev penset quel 'i év da dì

Mo destin t'un chel moment

Le parole en vlevne nì

 

Er timmid e impacet

Imbranet tel parlè

In pió cott, per non di bruscet

I sensa lia en podev stè

 

Prò en m'arendev tirev a insista

Già pensev tle noss e 'gonfett

De giorne en la perdev de vista

De nott l'avev sa mè tel lett

 

Quel era un mond tutt coloret

La fantasia avanseva t'un balen

È vera, fors er un po' pichiet

Mo se c'iarpens, stò ancora ben

 

 

INIZIO PAGINA

 

 

El dotor dla magia

di Ines Quieti

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Che mal de schiena, me facev pena.

Davanti al specchj sol 'na volta

che farabutt.. m'ha dett arvolta,

la pansa in abbondanza e tutta soppa

la paura m'è gitta ma 'l cor: odio, se scoppia !!

 

Franchin te preg, fa qualco', per favor

e allora ecco che tutt de corsa arriva el dottor:

Inesina, cum stè? En li facev a parlè !

Appena vist el dottor è gitt via el dolor,

ha avut paura… m'aveva fatt l'agopuntura.

 

Cum avrà fatt en ho capitt,

t'un minut m'ha guaritt !!

Pó è fugit via tutt de corsa,

en s'è arcurdet manca dla borsa.

E' un miracol d'la natura la su' bravura !

 

Ora verament ce vria un ringraziament,

perchè c'è tanta gent ch'en capisc gnent…

Io prov a scriva 'na poesia

cum la sugerisc l'anima mia.

Che momento bello, uso però anche il cervello

ed il cuore mio è il pennarello.

 

Il dottor Roberto è una persona buona e intelligente

che il Signore ci ha donato per non far soffrir la gente,

perchè anche LUI ha sofferto il male,

predicava il bene e l'han premiato:

sulla CROCE l'hanno inchiodato !

Piangeva senza voce per il dolore atroce !

 

Il male si sente ma non si vede

tanto la gente non ci crede.

Tutte le parole me l'ha suggerite il cuore

non le buttare per favore

perchè assieme a lei ne morirei!

 

INIZIO PAGINA

 

 

EL GIOVDÈ GRASS

di Ines Quieti

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Al giovdé grass

usava mascherass

passavne casa per casa

e io, pur de balè sa lor, 'i seguiv pass per pass:

erne 'na banda.

C'era chi s'vestiva da dotor,

el dotor scopriva le tett per sentì el cor

c'era el vecch sa l'organett che fava el sonator

e po' c'era el pajacc ch'urlava da matt,

du carabiner ch' arrestavne i ladri

i ladri rubaven le galline

(qualcun ce provava daver)

pró mangnaven le salsicce tacat su ma 'l pal.

C'eren du ladri,

el spos e la sposa,

la sposa era un ragass

prò c'aveva el "gas"

'i tucavne le tett cherne fatt sa le ghiffole

e 'i tocavne anca al cul

el spos era g'los

magnavne tutt, en se salvava nient

'i lasciami fè.

Nó bordelle sensa paviment badavme a balè.

Tutti 'i davne qualcosa, el cest era pien

i ova, la pancetta, la goletta,

qualca salsiccia per fè la frittata

la cena era invitata

tel poder dla Stella:

ce davne la stalla e 'na gran frittata

e se balava a stroppacerquella.

Ogni contadin pó portava el butiglion del vin.

Capirè, alsava quattre grad !

Ma la C'sana l'uva en maturava,

qualcun diceva ste vin en me convinc

è un po' brinc,

ogni tant un bichierin

che magnat, che bevutt, che balat

tutta l'ann lavor e fam

che chel giorne ce sembrava 'na cosa esagerata.

Chel vechiett mett in moto l'organett

giva a orecch

mo per nó la musica era bella

e sbalava tutta la nott

sa i socch sa sotta le brocch

se pistava la terra

el piancit era tutt rott

e sbalava a stroppacerquella

non sono mica balle

'na volta era dacsé.

Adess le sale en propri belle

sen pasati da le stalle a le stelle

mo io adess me chied

chi era più content.

Me sa, nó; che balavam sa i socch e sensa paviment.

Un vechiett sonava 'na manfrina

e chiatre facevne 'na cantatina.

Se 'l vlet sape sa vol dì

la canson, stat a sentì:

 

"Ciccol ciccol mascherina,

se 'n ce l'ov c'è la galina

el baghin l'avet masat

su pel mur l'avet tacat

se 'n ve chiappa la fantasia

sensa el ciccol en poss gì via."

Se balava alla Cesana

e el mi poder confinava

sa la Stella.

Cla volta se divideva un toss de pan

e l'ombra dla cerquella

la stella era 'na casina pcina pcina

sa i madon mezzi rotti

e la terra tla stalla

ma per nó rappresentava

la festa de chi balla.

L'han arfatta grande e bella

la casina della Stella,

la cerquella è sempre malé

sempre più bella

e ogni volta che c' pass

se m' atac ma 'l mur sa 'l mi' orecchj,

me par ancora de senti el son de cl'organett.

 

INIZIO PAGINA

 

 

EL MI URBJN

di Ines Quieti

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Dal profond dl'anima mia

ma 'l mi Urbin

i dedich sta poesia.

 

So' gitta via fisicament

ma è sempre tla mi' ment.

Ho portet sa me Urbin

e insiem i su' Torricin.

 

El pensier gira tla testa

te guard da la finestra.

 

Sa la ment so' tla piassa

me par d'essa la tu' ragassa

è un pochet che me so' sposata

ma io de te so' mnamorata !

 

Da da cima la fortessa se' 'na blessa

la nev t'acaressa.

Te mand tanti bacin

e te fotograf: URBIN !

 

Me par d'essa 'na turista

per guardat ho pers la vista,

È la città mia

en avev da gi via !!!

 

INIZIO PAGINA

 

 

Raphael Gualazzi

di Ines Quieti

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Cla sera… Sanremo

Poch dop che me so' alzata

Me so' detta ecch n'altra giornata..

Ma ogg invec de gì a spass

Voj scriva 'na poesia seduta tel terass.

 

Ma 'l vicin de casa mia

'i voj scriva 'na poesia

appena fora ho guardat ma la giù in bass

e ho pensat ma chel brav ragass

sta malé…  malé a du pass

se pol sentì el respir s'en c'è 'l chiass !

 

Abitam dacsè vicin
C'è sol n'a stradina per confin
Però lui el confin l'ha superat
E a San Remo l'han premiat.

 

Cla sera guardav la television

Quand lu ha incuminciat… che emosion !!!

Da chel porton sotta casa mia

Era uscit el maestre dl'armonia!

 

La sua era 'na canzon propi bella

La voce il piano ed ecco 'na nova stella !

E' brav da fè paura

un ver fenomen dla natura.

 

Questa è na storia bella ch'en fnisc maché

El chiamen tutti, nott e dì.

E c'è da dì ancha 'n'altra cosa

che è 'na persona ch'en se mett in posa

anzi è propi umil e sincer

e piac ma tutti per davver !

 

A scriva in parol de cla sera l'emosion
En è per me presunzion
Ma sol passion !

 

INIZIO PAGINA

 

 

UMBERTO PIERSANTI - IL MAESTRO DEI POETI

di Ines Quieti

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Il mio babbo Eugenio e Celestino a piedi

dalla Torre a Urbino!

Che ricordi belli

Mio babbo e Celestin Bacchielli.

 

El mi ba' del Celestin parlava spess,

erne bravi e onesti,

tutti d'un pess !

In fiducia parlavne d'interess

Se vlevne ben e se scambiavne i piacer.

 

M'arcord ch'er pcina

el mi ba' diceva:

"So' gitt a casa de Celestin

c'era anca la moj

che donna la Fenisia !"

El mi' ba' era sincer

Che fameja per ben !

 

Tra tanti amici

el prim era Celestin,

era brava anca Gasparin

e per fe alla svelta

chiatre erne tutti

de seconda scelta..

 

Abitavne vicin a 'n foss

quan givi a casa lor

te butavne el mond adoss

el bichierin del vin

e un po' de salamin

fossa stat la matina o fossa stat la sera

lor te ofrivne sempre tutt quel che c'era.

 

Anca adess quand se parla de lor

so' felic,

spreram tant che siene assiem in paradis.

 

Che ricord bell

El mi ba' e Celestin d'Bachiell…

 

Passano gli anni su questa storia

ma è sempre viva nella mia memoria !

 

INIZIO PAGINA

 

 

Vale ale!  (nulla osta dalla sig.ra Ines)

di Ines Quieti

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Valentino

quante volte sei arrivato primo !

 

Mentre scrivo

sto a pensare

a Valentino

e le sue gare

a me piace la sua storia

meritata è la sua gloria !

 

Quando penso al corridore

io ritrovo il buonumore

come il vento voli via

e qui parte la fantasia

e vien fuori una poesia.

 

Prima de nascia

già tla pansa

aveva già cminciat la dansa:

"maché dentra en se fa nient

io voj fè gli allenament"

 

Questi versi, lui piccino

lui in fasce in quel d'Urbino

qui invento e mi diverto

ma comunque questo è certo

che con quel che è diventato

forse poi non l' ho inventato !

 

Dop du' giorne che era nat

dl'ospedal s'è già stufat

dalla culla s'è butat

sotta el lett l'han artrovat

tutt content fa du' risat

e intant me so' alenat !

 

Sitto sitto pó è fugitt

en se trova, mo du' è gitt !

Io l'ho vist aprì la porta

e la madre en s'era acorta

en l'ha vist è malagiò

malagiò in tel spiasal

che è davanti l'ospedal.

 

Mo tutt quest sarà normal

mo c'è el bab che c'ha un regal

en el ved aspetta aspetta

mo me sembra 'na lambretta !

 

Babo mia mo sa ne facc d'una lambretta

ma me me serv 'na motocicletta !

 

El bab telefona subbit ma la concessionaria

e ecch che ariva el camion sa la motocicletta praria !

Valentin pcin com'era monta so pianin pianin

e ma la moto i dà i bacin

questa si ch'è 'na motocicletta

l'acend, i dà el gas e part de fretta !

 

S'è fermat in mess dla piassa

c'era gent de ogni rassa,

urbinati e resident

e 'na mucchia de student

che moto !

'I han scatat le foto.

 

Sa du' sgassat è arivat ma 'l teatro

avev vist che roba strana

giva anca fuori mana !

 

El padre 'i stava dietra

se me casca t'una pietra..

el poret marcava strett

pregava ma san Crescentin

ch'era anca el su' padrin.

 

Ha saltat grepp e foss

el por ba' l'ha fatta adoss

el sorpassa, el camin

cambia marca, mett la prima !

 

Se, la moto era sicura

ma ho preso una paura

en era mej 'na mula !

Finalmente arnivne a casa, a Tavullia

ti confin dla Romagna

c'en le cas e la campagna

Valentino va tla strada e va ti foss

se divert sa 'l motocross.

 

A forsa de girè a tond

è dventat campion del mond

de coragg en s'è mai pers

el campion dl'univers !

 

Per noi d'Urbin en vria dì 'na cassata

ma 'l cor ce schioppa sa 'n campion de sta portata

 

Valentino appartieni a tutto il mondo

sia quadrato che rotondo

ma la città dove sei nato

la più bella del creato

dove c'era mamma, nonni, zio e zia

tu per noi sei poesia!

 

INIZIO PAGINA

 

 

LA PIUMA

di Maria Teresa Spaccazocchi (Peglio)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

M'è compars un angel un giorn de magg

sopra i fileri leger svolaseva,

quel che voleva, dop l'ho capit

el mi' vignet ló controleva,

 

dolc el su' sguard ho incrociet pu è fugit

ma un giorn de giugn, sa 'n svolass è arnut,

insiem al sol andeva e arniva

ogni schiantel giorn per giorn cresceva,

 

me rendev cont che custodiva

com di brilanti chi ècini d'uva,

 

pu en l'ho più vist, se vendemmiò,

l'ua in bon vin se tramutò.

 

Sopra le bott adess tutt le ser

pin de vin ross, ce lasc un bichier

e quant all'alba la nott sfuma,

svoit è el bichier sa dentra 'na piuma.

 

INIZIO PAGINA

 

 

 

Il Nevone del  2012

di Giorgio Speranzini

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Le strade tutte bianche

le person a casa stanche

            St'ann è nutt giò el ciel bianch

I dann en 'na mucchia, per intant

La vitta è guasi fnitta

Se durmiva 'tla suffitta

La luc, per un bel pess sa le candel

È turnata pian pianin, com' el gel

Qualche casa, com 'na tana d'Ors ,

Sém turnati al secol  scors

            I vecchj arconten  del Ventinov e del Cinquantesei,

            Febrar è statt  un mes de buriana e de sconquassei,

I tunnel sa' i badil èn stat scavat

Purtropp qualcun en l'arcontat

            Quand sém de front a 'sti aveniment

            Arcordamce ch'en sém nient

El creat è daver potent

E quest ce dev fè nì 'n ment

            Che l'Om è debol, moritur e fugac

            In tla Terra; facem a pac.

Tutt'insiem urlam "Viva la Serenità"

Via la guerra dall' Umanità.-

 

INIZIO PAGINA

 

 

'Na  tiratera vera!  (2010)

di Giorgio Speranzini

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Tutti a 'n cert punt

ce sem chiesti:

"Da che part nim ?

In do' gim?"

Ste mond ha bsogn,

de 'na mulicca d' comprension,

un cuncinin de bontà,

un pestin d'onestà,

un tantinin d'empatia,

un bel po' de fratellansa,

'na briciola de bonumor,

un cuchiarin d'afett

'na mucchia d'umanità

'na spisicata d'amor

un pischin d'umiltà,

tanta pac

men egoism,

men invidia, e sopratutt,

men amor per i sold !

 

INIZIO PAGINA

 

 

La Festa che manca ma i Urbinati

di Giovanni Volponi

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

A Urbin c'ènn tant festività:

San Crescentin è 'na solennità

Che vers le cinque al centr è 'n gran pienon

Dietra la banda per la procession.

La musica antica a luj sa chi stranieri

È 'n appuntament important, de quei seri.

La festa del Duca pó archiama tanta gent:

Tutti a veda com è 'l Rinasciment.

C' n' è tanta, fin a notte fonda

E 'l parchegg el trovi (forse) alla rotonda.

Alla festa dl'aquilon

Cmincia 'n altra procession

Dopo prans vers la Cesana

S'incammina 'na vera carovana.

A Natal c'è 'na gran ressa

Per gi a veda la bellessa

D'i presep original

Che anca strani ènn bei ugual.

Sa 'l calor dla primavera

Ce n'è n'altra a dir el vera:

vers la fin del mes de magg

c'è la festa del formagg.

La Casciotta a marchio DOP

fa 'l pienon fors anca tropp.

 

Tutt st'elenc de festività

Diret vó: "I bastarà!"

E invec nó. I Urbinati en s'accontentne

E, s 'i manca calcò, l'inventne,

com el tren che alla stasion en c'era pió

e adess el vedi per Valbona che va giò.

Dacsé a forsa d'arpensè

Ènn arrivati al pensier

Ch'en convien a organissè

Calcò de nov da zer,

basta sol approfittè

de 'na festa che già c'è.

 

Dop accese discussion

Qual sarà la conclusion?

Qual sarà il gran festivàl

Che farà da succursal?

Manch a dill, ça va sans dir:

è nutta fora la Madonna del Gir.

 

E difatti a Massaferr com a S. Bernardin

Quand c'è la festa ènn tutti d'Urbin;

quand è a Trasann o a San Ciprian

da do' vengne tutti quei che fan baccan?

Quand ariva a la Pi d'Cagna

De Urbinati è pien appena s'magna;

quand è al Gall o a Canavacc

Come media en c'è malacc

Ma quand passa ma Calpin

Quatre so tre ènn d'Urbin.

 

'I Urbinati, purtinini,

en han scelt i rusticini

della festa del poll arrost,

en han scelt le caldarrost

della sagra de Lunan

che vien sol 'na volta l'ann.

Han vist ben d'accaparrass

Propri quella che va a spass:

che se a magg c'è da 'na part

Dop du mes c'è 'n altra volta

E a settembr, tutt una volta,

pol essa anca da du part.

Mica scemi, i Urbinat,

sa la scusa da riempì le chiesin abbandonat

fan el gir delle frasion,

màigne e bevne a profusion,

e alla fin la preghierina:

"Oh, mia cara Madonina,

perchè en te fai 'na bella passeggiata

e magari passi al Dom e all'Annunsiata?"

 

 

INIZIO PAGINA

 

 

Mo  sa  pol  essa?

di Giovanni Volponi

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Dop quattr ore de magnata

er a fè 'na pasegiata..

El perchè en l'avet capit?

Ecch: appunt. Adess v' el dicch:

c'ha un difett el matrimon:

dop du ora dentra 'l Dom

e altre quattre ferm a seda

è bisogn d'alsat in pieda!

... stav dicend ? La passeggiata !

Camminav tun 'na brecciata

Tra le Conc e la Stasion,

sa le braccia a spindulon,

quand, ale!, el pied me sguilla

e m'artrov com un'anguilla:

tutt sdraiat. Mo che saracca !

Pó me gir: e che patacca !

Er tutt sporch nei pantalon,

molt più ross d'un peperon.

"Sa pol essa ste color ?

-me chiedev pien de dolor-

un pundor cadut malé

m' avrà fatt sguillè dacsé?"

Manch el temp de guardè in bass

che calcò me cad sul nas:

un pallin tra 'l viola e 'l ross

ch'è più vloc d'un pettiross

e va giò che par cuntent

d'artrovè tutt i parent.

Tutt insiem vann a furmè

chel spessor ch' te fa sguillè.

Se en marcite, pó è sicur,

ènn più viscide del burr.

Fors qualcun c'ha già pensat:

acqua no; burr en è stat;

l'oli no; manca i pundor..

ènn le visciole, signor!

Tel gelat o sul budin,

com cunserve o dentra 'l vin,

quand le magni en fnisci pió

mo in cla strada en c'arpass pió.

 

INIZIO PAGINA

 

 

DIPENDESSA DA me

di Massimo Volponi

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Se che fossa per me

en ce saria pió le guerre.

eh già.

Perchè io voj ben ma tutti,

belli e brutti,

secchi e pasciuti.

Eh se.

Dipendessa da me,

tla television bastaria un canal,

nasional.

Se che fossa per me

l'om è l'om, la donna è la donna.

eh già,sè sè.

Se fossa per me

i pret se potrien sposè,

ognun a mod sua potria pregè

perchè Dio è ugual per me e per te.

Dipendessa da me

ha da cmandè

chi le robbe le sa fè.

Te dic io maché, te dò io malà,

sè, ma du ch'è la verità?

Se che dipendessa tutt da me..

Per fortuna ch'en è dacsé,

se no, poretta me !!!

 

INIZIO PAGINA

 

 

EL NEVON DEL '12

di Massimo Volponi  (Urbino, 9 febbraio 2012)

Presentata al XII Concorso 2012 Agenda 2013

 

Me par da essa ai temp dla prima guerra mondial:

ti vigol c'è le trincee, scavate propri ugual

a quelle dl'Adamello, del Carso, del Tonale,

difatti c'è i soldat armati sa le pale.

La protesion civil, i speleolog, i pompier,

i scoiattol de Cortina, el socors alpin, i carabinier:

tutt quest per ste nevon - tre metre e ventun!-

che, mist a la buriana, c' ha mess tel TG un.

Le scale longhe longhe che ariven sopra i tett,

le ruspe, giorne e nott, a lottè sa i parapett,

la gent tapata in casa dal fredd siberian

mentre i bordei, dai vetre, "ciao ciao" fan sa le man.

Le macchin sepellitte, i brombol come spade,

le frasion isolate perchè èn sparitt le strade:

un event eccesional, molti hann avutt paura

di front a ste miracol de forsa d'la Natura.

E giò a fotografè, da ogni angolasion,

j efetti belli e brutti de ste gran nevon.

Dic c'vojne fè un impiant de risalitta

dal Mercatal so so fin alla Piassa,

veloc, sensa fermat, moderna e dritta

pió bella de quelle che c'èn in val de Fassa.

En nutti aposta i specialisti dal Trentino

e apena en arivati machè a Urbino

han dett; "Questa se ch' è la nev, quella vera,

no quella che sparen da no' fin alla sera.

La nostra è fraida, en tien, è artificial,

lattiginosa e sporca, se caschi te fè mal.

La vostra invec è bella, bianca e compatta,

merita uno skilift, sa un'unica tratta.

E po' da cima en manca propri nient,

i bar, i ristorant, i alberg per tutta cla gent,

la caciotta fresca, el vin nostran, la crescia

per turisti e student che viven sensa prescia."

Vo' metta una stasion petta un rifug alpin

e quella invec che ariva propri tel cor d' Urbin?

Al nord montagne e bosch e un fredd da batta i dent,

maché quand arivi c'è un sacc de monumenti

E alora el bigliett che paghi ma la so al Faloria

machè val pió del doppi sa tutta la su' storia.

Tant'è che dalle Alpi e anca da l'Apennino

la settimana bianca adess se passa a Urbino!

E quand un è arivat da cima a la salitta

poi gì giò in pichiata sa i sci, el bob o la slitta,

volend se pol fermè a discorra sa la gent,

o anca leggia i giornal o ciuffilè tel vent,

guardè ma i negosi, sbircè tra le vetrin,

entrè e pó arscapè sa un pacch, un ricordin.

Dacsé quand a la fin tla Porta è arivat

è com se avessa sciat ma anca pasegiat.

Se pó, sa 'l sol in faccia, se ferma al Mercatal

s'artrova propri davanti tutt el Palass Ducal !

E alora è com fossa un vero vincitor

d' una discesa libera, sa la medaja d'or !

Atre che Dolomiti, atre che monti alpin:

le prossime olimpiad sarien da fè a Urbin!

El palaghiacc ma 'l Dom, a S. Pol i trampolin,

giò per via Raffaello la gara de slittin,

tra i bosch de le Cesane la sfida de gran fondo,

e Urbin saria chel giorne la capital del mondo!

Ma tutt quest, el so, è sol un sogn brev

che se sciojerà, ma 'l sol, sa tutta sta gran nev.

E quand, fra cinquant'ann, mi fiol dirà cum era

arconterà 'sta storia e d'una gran bufera …

 

 

INIZIO PAGINA