HOME Concorso 10

Concorso  2010  Agenda 2011:

Tutti i Testi Presentati a Concorso

Tutti gli autori dialettali

Testi premiati

Tutti gli altri testi:

La foresta pietrificata 
Anna Rita Ambrogiani

MA DARWIN: LA SELESION
Massimo Arcangeli

Anca 'na foja p sogn 
Adalberto Baldani

El Gazetin  dla  Piassa
Arturo Bernini

LONTANI RICORDI
Olsano Cavapozzi

In quel loco d'Urbin
Giampaolo Colocci

Convivialit 
Giorgio Corbucci

I DO CACIATOR
Egisto Fraternale

I PARCHEGG 
Egisto Fraternale

El pensionat 
Carla Galli

Primavera 
Carla Galli

En 'na poesia
Enaide Galli

El mercatin
Rosanna Gambarara

Urbin
Rosanna Gambarara

Contrasto
Tiziano Mancini

DAL MONT VEGGH EL MAR
Tiziano Mancini

I STOPACC
Tiziano Mancini

LE LUCCIOL
Tiziano Mancini

El mi' Turrion 
Stefano Mancini Zanchi

I malann 
Isabella Marini

L'amicizia 
Isabella Marini

La donna del fium 
Aldo Minutelli

INDOVINELLI 
Aldo Minutelli

Cum sia sia ...
Giuliana Pambianchi

El camin 
Delfina Scoglio

L'edision dla poesia dialetal 2009 
Anuska Severini

Natale 2009
Anuska Severini

La graneta
Maria Teresa Spaccazocchi

LA FELICIT 
Giorgio Speranzini

El  sapor  d' Urbin
Giovanni Volponi

LE D CIT
Massimo Volponi

 

 

La foresta pietrificata

(La nott d'la Befana)

di Ambrogiani Anna Rita (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

La nott ha nevicat,

la matina ha piovutt,

mo la nev

dventata gel;

pian pianin

dventat tutt trin.

 

un paesagg da fiaba

sembra fatt da 'na fata,

'na foresta incantata, ferma,

solenn, pietrificata.

 

'l gel dla Befana

che stanott regna sovrana.

magia, sogn e stupor

che s'incontra sa l'umor.

Tutt el gel ch' c' dentra el cor,

de sta vitta fatigosa,

te se stregn dentra ogni cosa.

 

Bianch el cel, bianca la terra,

tutt chius in t'la nebbia.

 

S' fatt nott.

acs incredibbil,

che te sembra tutt posibbil...

 

Ecco, ariva la Befana

da chis che tramontana;

'n attim

gira tra le piant,

un balen

t'la su' scopa volant.

 

La su' nott, el su' ambient,

s'en ce credi en t' porta gnent.

Se ce credi anca un pochin,

el vedr sotta el camin...

 

'na nott de magia

che pian pian te porta via

in t'le al dla fantasia

e ardventi un po' pcin,

quant el mond era pi blin.

 

inizio pagina 

 

MA DARWIN: LA SELESION DEL PI ADATT

di Massimo Arcangeli (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

C'HO PENSAT S - Premessa alla poesia - Cfr. ultimo paragrafo pag. 13 dell'Agenda 2010 "V'l'arcont in dialett".  C'ho pensat s, pr en m'arcord d'av mai studiat el dialett da pcin e manch en ho mai vist ma babo e mama sopra i libbre per spiegamm ch'sa vlven d cle parolin.  Me sa d'avelle assorbit pian pian, man man che crescev, com tutti, sensa nisciuna regola, sar per quest ch' facc 'na gran fatiga a scriva in urbinat e vall a veda i strafalcion ch' c' lasc tramezza.  C'ho pensat s e saria content se qualcun altre dicessa la sua acs tant per chiaricc 'na mulicca e capicc mei...

Non mi accodo al pensiero avverso al cambiamento, nel tempo, del dialetto urbinate pur ritenendo doveroso lo studio dei repertori, la consultazione dei dizionari, l'appropriarsi dei vecchi modi di dire quali fonti utili a indicare l'itinerario evolutivo del nostro attuale vernacolo.  Basta sfogliare un qualsiasi vocabolario della nostra lingua per incappare dopo l'ultimo termine, ad esempio "zwinglismo", in una serie di appendici, di supplementi e aggiornamenti ricchi di nuovi vocaboli italiani, stranieri e tecnici.  Ecco, io mi sento un evoluzionista, un amante del darwinismo, un fautore delle modificazioni costanti e inevitabili di tutto ci che sulla terra. Ritengo che i nuovi vocaboli, quelle intrusioni nella attuale forma dialettale di ibridi, di termini italiani apparentemente appena storpiati, non siano altro che la risposta  ovvia e razionale alla veloce trasformazione che la nostra lingua madre, l'italiano, ha subito negli ultimi decenni.  Ho ascoltato giorni fa un dialogo tra i miei figli sulle difficolt economiche del momento, ebbene, almeno un quarto dei termini usati era d'origine straniera, ma molti di questi avevano rispetto alla lingua madre gi subito una trasformazione. Tutto ci per sottolineare che anche i miei ragazzi parlano il dialetto urbinate, il loro dialetto; che anche io e mia moglie ci esprimiamo in dialetto, il nostro dialetto; certamente anche i nostri nonni manifestavano i loro pensieri in un dialetto simile a quello dei nostri genitori, ma lontanissimo dal vernacolo dei loro pronipoti. mia convinzione che qualsiasi lingua evolva in base alla selezione naturale e che la trasformazione di vocaboli arcaici in altri pi adatti sia l'effetto provocato dall'abbandono della vita rurale e contadina in favore delle nuove tecnologie e della ormai tanto vituperata ma inevitabile globalizzazione . Ritengo normale che ognuno adoperi e si esprima col dialetto del momento che non n pi povero n pi ricco del precedente e non rischia di divenire, secondo me, come la messa in latino, incomprensibile.

 

P.S. Ho butat giό ma chi burdei du' tre fras ch'en s'usen guasi piό, acs, tant per cap s'capiven: "lascia g da smlich - sgluppa cla gluppa sinonca tle dag - ch'el pulcin mz trol, fa'l fraiol - ecc.".  Da com me guardavne ho capitt ch'en avevne capit gnent.  Dett tutt quest, e val per tutti, anch per me,  armang d'l'idea che ognun libber da pensalla con i par s' convint d'essa tel giust; qualcun altre s'capisc' d'av tort po', se vol, gambi parer.

 

Quand la madreselva

in primavera

slunga i su' bracc rinsechitt

e getta e fiorisc,

quand l'ebbi e'l sanbuch

s'arprenden dop le g'lat invernal,

le sciep sό p'i spal, lung le strad,

intriden d'odor tutt le vall.

I passer, le c'licch, i codross

frullen e sgaggen tra i ram,

lung i foss,

com se fosser in guerra,

i maschi n in lotta per f selesion;

le femmin, arpiatat tra le frasch,

han gi scelt el pi adatt

per pot f l'amor

e impront tutt du insiem,

fra l'intrecc fatt de paj,

'na nova covata de fiol.

 

inizio pagina 

 

ANCA 'na foja p sogn

di Adalberto Baldani (Carpegna)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

'Na foja sola

er'armasta tacata ma qel cires,

qli altre erne cascate tutte.

La foja stava dura l, aspetava.

Quand tirava qel vent fort

che t' f alz 'l bavere

lia s'acartociava tutta

s' faceva pcina pcina,

quand pioveva che pi 'n s'ne p

e che per gir c' vol le galosc

se slungava vers el bass,

sembrava 'n scivole.

Era stracca morta mo stava l, aspetava.

Un giorne s' sentita carez

un fiocch de nev,

finalment bufava.

Era 'na serata silenziosa

enn tirava 'n fil d' vent:

la foja, legera, s' lasciata and.

 

inizio pagina 

 

El Gazetin dla Piassa d' Urbin

(Ogg v' arcont dle chiacchier ch' sfan e ch 'se senten a gir per la Piassa)

di Arturo Bernini  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

"M' archmand, San Crescentin !"

 

Gren tla Piassa d'le voc

tutte aflitte che propri cunfort

en t' dan, ch' digghen... che:

Mach gim propri mal,

sa tutt ste truff e corusion

ch' n dventate 'n' istitusion,

tra chi spreca e tra chi robba,

c' chi s'ispira ma l'art de Michelacc,

c' chi tira a camp e c' chi sgobba.

 

Girem a fn de mal in pegg,

mach s' parla sol d' paghe,

de pagh 'na mucchia d' tass.

E p c' fan veda a la television

che tra tutt i partitt, en fan altre

che un gran bagai e rimbecass

e, tra gl' insult e i lor litigaticc

n tutt scen ch' fan... sol el chiass

e manca en t' risolven un... cass,

mentre intant cresc la mundessa,

l'acqua, la benzina, la luc, el gas.

Ma se va propri ben!  Ma n gim pur

davanti dacs, a en f altre che

tir fora i sold a profusion, tant

ormai c' hann pres per d' cujon.

Ah s, sem propri arcunciati per le fest !

En c' propri pi 'na mulicca d' rispett,

c'han pres e c' arbalten cum i calsett,

ma che c' tratten cum fosmi d' fess,

ma, se p, cum s' mormora e s' sent

a d, e speram ch'sia sol per... schers,

ch' en s' ariver manca pi a pagacc

le pension, alora, s che s' gir

a fn tutti sa la testa in tel... palon.

Tant ma cla brava gent, ch' sta

ma l, a cmandacc dal Palass

dla greppia e ch' manda avanti

'sta baracca scucialata per capicc...

                          vol d ma noiatre.

Anca se 'i acusasmi d'essa di corrotti,

e 'i dicesmi ch' n e s' cumporten ugual

a di furfant, ma anca a dirgli

ch'n un branch d'ladre e d' dilinguent

matriculati, listess d'fai di...

                           cumpliment.

C' el sollitt sostnutt ch' c'ha i sold,

ch' s' vanta e dic :Ma me, de sta

situasion m' ne frega men de gnent,

en me fa 'n baff, en me tocca 'n dent,

e manca m'importa propri un mannich.

Me dispiac per viatre? propri no! Ma me,

la facenda m' arman propri indiferent.

E c' invec chi s'fa prenda dal pannich.

Alora invochen le Legg e la Costitusion

contra sti governe e sti aministrator.

Da tutt le part s' areclama la Giustissia,

che per sti furfant c' vojen i prucess;

ma calcun sbotta: "Per saf, cus

n sol altre sold sprecati, adess mach

i temp en cambiati e, me daret ragion,

che in 'ste Paes ogg pi niscin...

                              va in prigion".

A sent scunsulat ste brutt nutissie,

tra i mugugn e i sbrontolament ch' fa

la gent, par dessa dentra un vespar tant

en fitti sti lament che t' fan n la depresion,

cus dop t' chiappa l' afann, vien l' umor ner,

che t'rodne el fegghett sa tutt i raguiam.

E po' c' el pessimista che cum fa

al su' sollit s' mett a f... l' astrolligh,

e inchmincia a f la su'... prevision

che gi i disastre... presupon.

Guara te, cum sm ardotti, chi

taja d' qua e chi taja d'l, tutti fann

i brav chirurghi, ch' me par d'essa

cum sfossa un incub a... l' uspedal,

ma sar mej a d invec, ch' me par

d' essa dentra gran macell.

Sa 'sti reddit ch' c'avem, per chi

quattre sold che c' dann, vedrem

ch' sar sempre pi dificil ch' ariverem

malla fin di' ann, ma pr s' preved,

e manca el negh, che gi a fatiga s'ariver,

cumprand sol el pan, a la fin del mes,

tant ch' ormai rasegnatve en c' armaran

pi manch 'i occhj per piagna.

 

El poppol quant s'tratta d'tribul

sta a sent atent a la television

le nutissie sa 'i urecchj dritti per

pot dop manifest tutt el su' malcuntent

tle Piass ma 'l Guverne del mument.

Onna pr!  Che disastre, che tracoll,

sm arvinati, derelitti; per giunta adess

s' agravata anca la crisi, ch' ha purtat

al colme dla beffa chi ha esaperat la situasion.

E cus sem arivati al pegg; duvrem

preparacc a rinunc prima d'tutt ai bei...

                       viagg per i "Camp Elisi".

Mo va l, s' vlem magn, mach c' tocher

invec acuntentacc d' un "Camp - icell",

per facc un urticell, da sapp per

piantacc 'na balla d' patat e p facc

n' arcolta d'insalata e d' pundor, magari

du suchin, du mlanzan, un sachtin d' fagiol.

Mo ma che tra el corra el fuggia,

la volta bona ch' gim a fn tutti

a p'r aria, a gambritt, altrech le vacans,

e le crucer sa i gran viagg per beacc

da g a brunz le chiapp tle solatie

e cald spiagg dei bei Paes esottici.

Purtropp, d' quei duvrem scurdacc;

c' artoccher arg piutost ti nostre lidi

a rusul la schina fin a scutacc.

Aah!  S s, sm propri tl' arvina!

C' artruverem cum l'Argentina ?!

O farem la fin dla Grecia ?!

Se mach la situasin en argirer

per el vers giust, sar del tutt inuttil

a... d, o a... f; insomma ! Sa sti

quattre ch' corren gi per la china

altroch a g a bagn el cul in t'i bei lidi,

argirem a spigul e arcoia i stridi,

c' artuccher g a prenda el picon

per gi a scav el carbon in tla miniera,

insomma, mach, tocca facc curagg

e argir le mannich e a metce a lavr

dur per d 'n avenir ma i nostre fil

se no puretta lor, s'en creden ma chi

vien a f i miraccol, s' artruverann

senza men sa la cacca fin al... coll.

S'alsen dle voc d' maldicent, piene

d'livr, ch' ne digghen de tutt' i culor;

ch' fan pi dann de cle sfuriat d' vent

ch' seminen l' angoscia, el spavent.

Porett st' Urbin sa tutt i cittadin

s' en fossa per chi do Turicin

sa 'l turisme e per chi quattre student

ch' artiren un po' s le sort econommich

ce scansen da g gi miserament a fond

da val, tel precipizi a rotta coll a rugulon,

in t'la disperasion s' en strova 'na solusion.

E p, c' chi dic: Adess l'inflasion

galoppa a stroppa cerquelle, che a ste punt

i mument n brutti, sm vicin al tramont.

Ma c' anca calcun ch' la ved anca pegg

e dic: Ansi ma me, me par d' essa t' la

nott pi scura, sm propri cunciati mal,

e manca en s' vegghen risors per armedialla,

m' arcorda ch' el dett, ch' dic che...

                      sensa lilleri en se lallera.

Ma che, sem propri ardott al lumicin;

par ch' sm arivati a tir gl' ultim...

                                                        ansc.

E adess spol anca inchminci a d le

nostre orasion, giunta la nostra...

                                                 fin ?!.

 

Pro datme ascolt, stam a sent

anca la voc de chi sagg,

che c' arcorer e c' far curagg

che c' informa, e dic: Alegria !

ades metet via cle brutt facc,

en v' avilitt, en stat imburgnitti

fatve forsa e statme s arditti,

arcurdatve che noiatre c'avem

ma Un ch' sta d' casa mal Dom,

ch' 'na vera Pruvidensa, la nostra

risorsa, la manna dal Ciel, basta gill

a pregh e purtai un cer d' acenda

tl' altar ma 'l Nostre bel e bon,

ma sopratutt tant Misericordios

Prutetor..., Sant Crescentin.

Git a implorall ch' sfacessa daver

'na Grassia per salvacc da ste

sventur ma noiatre ch' sem d 'Urbin.

Ma, da malas da cima del su'

Baldachin, L surid, e dic: Mah io

Ve ringrassie de cor ch' varcurdat

da n da me, pr c' nit sol ti

mument del bsogn; so' vera

el Vostre Sant Paladin e ch' nit

da me per arcmandav, pr ma

voiatre ormai per tirav fora da

sta situasion en ve basta manca

da g a pregh ma tutt i Nostre

Sant pi caritatevol del Paradis.

Tutt'al pi anca se la strada adess

piutost mal' ardotta e tutta buc,

potet pruv da g a tru, s' ve d

l' apgg clatre Sant, ch' io cnosch

e mi vicn; chiapat la strada ch' va s,

per el Cimiter, e git da L, da...

                         San Bernardin.

Dit ma L che ve mand... io, e vedret

che L bon cum' , ve chiaper tle su

grassie e v'ascolter e cercher de niv

incontra e d' esaud le vostre supplich.

 

E cos, i Citadin, tutti d' corsa van

a pregh ma 'l Sant sa tanta devusion.

San Bernardin a sent tutt de lagn

accorate cum s' fosser 'na Messa Cantata,

s' emoziona e se cunfond e per la cumusion

i venghen gi perfin i lagrimon e repplica:

So cuntent e ve ringrassie ch' set

nutti a pregh da me sal cor tle man

e pieni d' calor; mah!  credetme pur,

io tutt ste gran pusibilit en c' l' ho,

en le pusegh e manca en c' ho d' le

gran richess, tutt quel che io c' ho

e ch' m' apartien, ch' ve poss d,

e che poss spart, sa ognun d' voiatre

sol un pestin d' terra, ma...

terra bona, per piantacc el cec.

Pr, no Cittadin ch' sm listess

pur pieni d' ottimisme e de risors,

stam sempre a la grilla, che anca

se queste n tutt robb ch' suceden,

en dam tant pes ma ste malelingue,

en ce scuragiam, pi del necessari

en c' facem prenda e stravolgia dal

pessimisme, dal scunfort e dalla fiffa,

stam alegri e facemce pi annim, tant

ormai gi segnat, el nostre destin

cum quel d' essa di pover babusin,

ch' venghen rinchius dentra 'na...

                                                      stiffa.

 

inizio pagina 

 

LONTANI RICORDI

di Olsano Cavapozzi  (Cherasco, CN)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Era fnitta da qualch ann la sconda guerra mondial, la miseria a detta de chi grand c' n'era dacs tanta che molt spess se sentiva di "en c'ho 'na lira da f cant un ciech".  No burdlin en capivam la gravit dla situasion e sa l'ansia del gioch sensa pr av tant gioch, cercavam le solusion per cert vers pericolos. Per esempi: en savria propi d el perch de cla pasion che n burdei de nov diec ann c'avevam da g sempre a ravaston per i bosch del circondari.

Sta de fatt che tutti insiem, sa i lacc dentra 'na sacoccia e un curtlin aganciat ma i pantalon, partivam da Cavalin chiapavam la scurciatoia fin de sotta Micarin e p via in tla maruga do' da sempre se sentiva un gran bel concert de uc'lin.  Svolasavne diffidenti ma armoniosi ed eleganti tra le cann e i cepp d'ginestre, fra i ram dle cerque e i bosch de rogh.  N a seda tra 'l falasch, sotta l'ombra di sambucre sa la massafrombla tra le man caricata sa 'n sass tond, guardavam incuriositi e setti setti sensa quasi respir aspettavam el moment bon.  Ma i burdei se sa cum n, de pasiensa en c' n'hann mai troppa e tra un moviment sbaiat e una serie d'rumorin s'aspettava inutilment ch'arivassa qualch uc'lin.

Aspt tropp ce s stufava e dacs se decideva da lasci la postasion e g f 'na puntatina tra i filar de Che'-Rzin. Quant el sol brusciava fort, salivam per Che' Pasaia e arivati in cima al mont tun chel tuf che luccicava facevam tutti la liscia, capriole e rugulon.  Subit dop se ripartiva, entusiasti e caricati, tutti sporchi e scurticati per chi grepp a strascinon.

Intant el temp velocement pasava e da g a casa nisciun d' n c' pensava. Ma le nostre madre ansios, per non d preocupat, ce chiamavne e ce cercavne tutt intorne ma 'l castell.  Arivati dentra casa, de tutt quell che dop sucdeva en ne voj propi parl.  Quant el pegg era pasat, me metev a magn in fretta e aspettav el moment giost per g fora un'antra volta e tutti insiem c' s'artrvava per decida cosa f.  Quante volt n sem partit a esplor i fundon dla Vall e com c'divertiva s e gi, avanti e indietra tun chi bosch ch' en fnivne mai.  Ma per arcontalla giosta poich n eravam un branch e facevam 'na gran casciara, le cos en givne sempre lisc. Dalle parole s'pasava ai fatt, ogni tant se discuteva, qualca volta s'litigava e prima o poi qualcun piagneva.  Nonostant st'inconvenient in poch temp tra d'n tutt s'appianava e decisi s'arpartiva a scopr qualcosa d'nov. 

Ah..! che vita spensierata bella e ricca d'novit ch'avem pasat t'un chi ann mal. Ma el fatt pi curios, che ogg nonostant che j ann pasat sien ormai tanti quant arvagg ma Cavalin sent qualcosa dentra d'me, un richiam talment fort ch'me costring arg a f un gir com facev quant s'er burdel malagi ti bosch dla Vall.

 

inizio pagina 

 

In quel loco d'Urbin

di Giampaolo Colocci  (Carpegna)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Tel borgh del mercatal

i svettene i torricin

i student chiappane il tranvail

van de cursa com i struzz

invec ma i bar s' parla l' Urbinat strett.

 

Gli artist com i matt

van dal Micucc

comprane gli atrezz per pitur

perdene la testa tra le rob da compr

sempre el scont quand c' da pag.

C'n le salit che fann n il fiaton

mentre all' inverne

quand' c'n i lastron

per f la discesa

s rischia da f i rgolon.

 

M c' anca la festa de San Crescentin

ma la procession del duom

sbatne i batocch del campanon

nascost tra i vicol struzzane sai bott i burdel

a men en se f d'un spuntin sa la crescia ed el vin.

 

S' pos'ne veda dle belle mostre

all'Accademia Raffaell

do' se riconferma el post pi arcnosciut

dla storia dl' incision

e te s rizza i pel a guard i lavor.

 

Tel giorne di aquilon

su per el grepp

fan f le capriol p'r aria

da le mille forme e color gli aquilon

che, quand i se spacca, el fort vent li porta lontan.

 

Po' anca capit de trovalla imbiancata

e 'lora te sembra post' incantat

la poesia te ven in un fiat

in un dialett spicicat

e t'la p arcont tutta d'un fiat.

 

inizio pagina 

 

Convivialit

di Giorgio Corbucci (Urbino, Ca' Massasett)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Sempre, da che mond mond

Sia i ricch che i contadn

Alla sera specialment

S'en godut un bicchier d'vin.

 

Anch'a casa e in compagnia

Tutti intorne ma 'n tavlin

Se discorr pi volentieri

Sa un bon bicchier de vin.

 

E infatti in tutt'Europa

Dalla Francia all'Ungheria

Che sia Pub, Bar o Bistrt

Tant, sempre 'n'osteria.

 

P essa 'n vissi, quest vera

Mo un tantin va coltivt

E chi c'ha difficolt

Pol magn un po' salt.

 

Quand magneva el por si' Mario

Tel tavlin, tra le padelle

L metteva de persona

Anca 'n piatt sa le sardelle.

 

Po' aggiungeva 'na battuta

Come l'orasion d'un prt:

"La sardella d un bon beva

E sopratutt, mantien la st!"

 

inizio pagina 

 

I DO CACIATOR AL MONT PAGANUCC

di Egisto Fraternale  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Caro Rafael,

t'arcordi quand mandevne el carel,

lavorevne ma 'l fornacion,

cargevne i madon?

Un giorne, era n'ariaccia,

sm partitti per g a caccia,

era prest a la marina,

sa la nebbia sa la brina,

avem pres le motociclett,

tutti d sa le dopiett.

aven pres le carcatucc

per g al mont Paganucc,

le stred erne imbreciet,

gitta ben s'en sm caschet,

sm rivet en c'era el sol,

i caciator tirevne al vol,

det tutt content:

"ogg ne masem cent !"

Avevne el sighett,

m fatt el capann tra mezza i cepp,

sa el fred ma le men

aven stes i richiem,

han cmencet a cant,

m cmencet a tir,

gim a arcoia sotta cle piant

c' n'era un ogni tant,

j aven contet:

ventiquattro n'm maset,

avem pres i turd marin

sen partitti per Urbin.

gitta ben

l'ultima volta sn gitta a caccia insiem...

 

inizio pagina 

 

I PARCHEGG

di Egisto Fraternale  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Tra le scole e il marchet

Urbin tutt blochet.

La gent che va a cumpr

en c' ha el post per parcheg;

c' tanta confusion,

e qualch contravension.

Adess qualch s' moss,

s'n ardunet tutti i pess gross:

han pensat da d el via

ma i lavor de Santa Lucia.

Tra espert e architett

fan i parchegg gi per i grepp,

tra le rusp e i scavator

se sent un gran rumor.

Hann tajat tutt le piant,

hann trasformat l'ambient

sa i madon e sa 'l cement,

ora che han cminciat

vojne f 'l supermercat,

Quand c' l'inaugurasion

ce sar chi c'ha i milion

ce sar i vu' cumpr

sensa i sold per magn,

i disocupet n sempre pi dispret;

sar fnit i parchegg

e la gent star sempre pegg...

 

inizio pagina 

 

El pensionat

di Carla Galli  (Brescia)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

P anca mur sta' tranquilla

Tant l

En mov' un puntell de spilla

Tocca faj tutt: prepotent

E grandin

Un po' noios e sensa dent.

 

Sopra el divan a stravacon

Sbraita

Sa quel digh'ne tla television

De politica en 'i va ben nient

Pora Italia

En se capisc pi n'acident.

 

Finalment sa i nipotin

Rid de gust

Ha truvat el su' badurlin

'I fa f tutt, basta ch'en se fann mal

'I discorr sempre

Per quell un nonn eccesional

 

Ecco arrivat, el telefon squilla

Sta 'ttent

Ch' bagnat, mal se sguilla.

 

inizio pagina 

 

Primavera

di Carla Galli  (Brescia)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

L'allegra primavera

Ch'entra dalle finestre

Sa i profum dle ginestre

Porta musica e color

 

Dop el grig noios del fredd

En se vedeva l'ora

D' incminc a g de fora

Per scald un po' i oss

 

Le vecchiett arzille stann

Tla porta a f la maja

Tel vigol fann ciataia

Un ardun tant per parl

 

Tra i mur e i pagn stesi

S'alsen tutt discors da poch

Mo male el bell del gioch

'Na scusa per st insiem

 

D'improvis un gran chiass

Sotta el sguard di resident

Sbuca un'orda de student

Quei moderni de 'sti temp

 

Capei rimidi de gel

Bragalon sal cavall bass

Passen tra e vann a spass

Per g 'ncontra a le sperans.

 

inizio pagina 

 

En 'na poesia, ma 'na riflession mia

di Enaide Galli  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

"Io scapp!"

"Du v?"

"ariv in piassa,

ariv fina mal."

Vagh s, vagh gi,

salut ma qualcun tant per salut

ognun per la su' strada

c' hann tutti el su' da f.

D amich c' n' armasti pochi, suced dacs

se st tant temp fora d'Urbin per lavr.

Quand artorni tla tu' cit ch' idealizat

provi 'na gran delusion e quasi t'manca el fiat.

T'arcordi cum era la vitta ai tu' temp

pi misera de sigur, ma piena de sentiment,

di tu' vicin, vita e miracol sapevi

e tutt quel c'avevi condividevi.

Se stava alla vegghia a chiachier,

i burdei a f 'l chiass

i giovin a f 'l fil ma le ragass

i vecchj a 'rcunt e bruntul.

Adess un "ciao"

o un "bongiorno" indiferent

la senti distacata,

quasi ostil la tu' gent!

E me fann n el nervos

quei che 'na volta salutten

e n'antra volta fann finta d'en cnosc'te.

Per me Urbin armast el custod

de tutt i mi' pi grand afett,

le mi' radic n mach

perci el mi' post social l'ho d'artruv.

Pr en poss pretenda d'av

sensa nient d,

i prim pass so' io ch'j ho da f

se, sa la mi' gent, me voj integr!

 

inizio pagina 

 

El mercatin

di Rosanna Gambarara (Roma)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Davanti a San Francese

sopra i banchett

la dmennica

c' 'n sacc de batanai,

libre, perett pr acenda a cap del lett,

orlogg sensa lancett,

sighett e tnaj,

bichier deco

tasin e bocalett,

ochial sensa stanghett

ventaj

artai de giornal

gialli anticchi,

scaldalett de cocc,

pinsett per el camin,

fermaj

e spassol p'i capei,

ventaj de piss,

santin

rosari d' vetre

crocifiss.

Ogg c'era un clarinett

e 'n mandolin

e du organett,

e 'n sett d' lensol de lin

sa 'l giornin.

E tun sfond celest

c'er' anca

'na santa

sa la faccia rosa e bianca.

 

inizio pagina 

 

Urbin

di Rosanna Gambarara (Roma)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

L'ho vista a l'improvis dietra la svolta

d'un sogn, fors. Scivolava pian tel pel

dl'acqua. Se rispecchiava capovolta

com 'n'isola, com tun mond paralel.

 

Me par d'avella arvista 'n'antra volta,

forsa tra l'imbra e l'ambra, in mezza al ciel

sospesa malas. Viagiava arcolta

com dentra 'n'astronav. S' gonfiava el vel

 

dle nuvle sotta. Sensa ps pian pian

volava sa 'l palass i toricin

el campanil la cuppola la mura.

 

Mentre volava sempre pi lontan

quand era ormai poch pi d'un punt pcin pcin

sapev d'av trovat la quadratura.

 

inizio pagina 

 

Contrasto

di Tiziano Mancini  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Sta sospes un aquilon in mss al ciel

con nobile eleganza pascoliana

guarda dall'alt al bass sensa mova un pel

tutt le miserie dla natura umana

 

El vent poch, quasi 'na bonaccia

quand tutt un tratt a rompa st'armonia

se sent un chiopp de carta che se straccia

e un grido de dolor e d'agonia

 

"Ahi!" dice la Cometa "che dolore"

sentendosi trafitta in mezzo al petto

"ma chi che s'infrange al mio cospetto

ferendo pi del corpo il mio onore?"

 

"Scusat, scusatce tant, signor aquilon

m'ha infilsat tel vostre pett un brutt bordlacc

che sensa rispett e sensa educasion

v'ha tirat sa la su' canna di stopacc"

 

"Vorresti dunque dire, o screanzato

che saresti quel lurido cartoccio

arrotolato prima e poi leccato

che dai polmon sputa batteri e moccio?"

 

" ver, avet ragion, propi quel mal:

me chiamne stopacc in mod dispregiativ

e arcasch tla terra sporca da du' niv

perch com un sput en so capac d' vol

 

Pr i' pos d che c'ho la libert

da essa sempre padron del mi' destin

mentre v podret vol in eternit

mo set sempre legat com un buratin!"

 

L'aquilone punt tel cor dventa tutt ross

" vera, vria schiant el fil e vol via

liber finalment da fn anca dentra 'n foss

mo sa la sodisfasion d'av 'na vita mia"

 

Rispond el stopacc "Alora tienme strett

e famm armana ma te dacs infilsat

podem g a spass in gir com du' fidansat

se te me prendi a bracc sotta l'archett

 

te m'insegner ma me l'eternit

e io t'imparar l'umanit

sar un miracol, tutti niran a Urbin

perch mach che la vita en avr fin".

 

inizio pagina 

 

DAL MONT VEGGH EL MAR

di Tiziano Mancini  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

I' en la cnosch la foschia marina

se nascond i vascelli fantasma

o se la caligin infida

dventar nebbia stanott.

 

En cnosch el nom del vent

se guard el fil dl'onda

o se odor el sal

pers tl'aria salmastra.

 

Io el Far el veggh da dietra

dai mont del gir inutil

du strissa l'occhj

per po' arguard l'acqua.

 

Io so 'l strollig dl'acqua stretta

distingue i granell da le panucc

te so d s' tacca o non tacca

da com vien gi le polisch

 

El mi' pass quand buffa

trova la piola nascosta

sotta la mucchia d' nev

ch' fa casch i marinar.

 

I dubbi de ch'i atre

a Urbin n i mister

e per f l'inisiasion

da sguill tla Galaverna

 

inizio pagina 

 

I STOPACC

di Tiziano Mancini  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Ogni giorne in tutt el mond

quanta gent che parla al vent:

c' chi dmanda, chi rispond

pi dle volt per sensa gnent.

 

tutt fiat che va sprecat:

el mi' babbo i' m'arcord

che 'na volta che un mort

sentensi 'i fnit el fiat.

 

Che impresion ch' m' aveva fat

a pens che cl'imbornit

chis quant avria campat

s' fossa stat un po' pi sit.

 

Mo s'en fossa 'na bugia

che i polmon van risparmiat?

Pensa un po' quante cassat

che de men se sentiria.

 

A st al mond saria 'na manna

un silensi da arcoracc:

i' el mi' fiat i' el mett t'na canna

e c'infil un bel stopacc.

 

El tir s da cima el ciel

a sfior ma l'aquilon

lor vicini pel a pel

e n sotta sa 'l magon.

 

inizio pagina 

 

LE LUCCIOL

di Tiziano Mancini  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Cl'atra nott en chiapav sonn

alora me so alsat.

Dietra l'avlan ho arvist cle luc

che da bordel 'i dav la caccia

per mettle tun bichier

e trov cent lir el giorne dop.

Chi pi grand invec

'i givne dietra sa le bordelle

mo era 'na scusa per pomic.

P a 'n cert punt

lor hann cminciat a spar

e i' me so sposat.

Adess digne ch'en c'n pi.

Mo alora sa ch' vist,

le lucciol, o i mi' ricord?

 

inizio pagina 

 

El mi' Turrion

di Stefano Mancini Zanchi  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Me ce portava da pcin

mi' madre per la man

e m'arcontava storie

di temp ormai lontan.

 

In pied sopra el murett

sa l'aquilon

montav da giovanett

sa gran passion.

 

E a vent'ann

per man sa la ragassa

ce baciavam mal

no com ogg, tel mess dla piassa.

 

Quanti sospir nascosti

tra i madon,

nn custoditti

mach tel mi' torrion !

 

Ogg quand vengh s

m'arpos sopra el murell

e arveggh tutt le mi' storie

da quand er un burdell.

 

inizio pagina 

 

I malann

di Isabella Marini  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

So piombat tel pien dl'invern

Sar long sar 'n infern

Se p facc com l'ann passat

Sen c' lasc le penn so' fortunat

A d pass da casa mia

Hann apert 'na farmacia

So' diventat el miglior client

En passa giorn ch'en me serv gnent

el mal de gola en m' mai lasciat

Le tonsill gross me chiuden el fat

Un sacc dolor me sent adoss

Ci la bronchit el mal ma i oss

E me fo' pi da un gran nervos

Quan sa la toss quasi m' afog

Poss d che ancora en sto malacc

Perch la febbra m'arduc un stracc

Felic ma april d el benvenut

Ma en ho fatt i cont sa i mi' starnut

Sa 'i occhj gonfi el nas tapat

Arriv ma giugn e tir el fiat

Sto ben sa i cald el sol leon

Me sparisc tutt, sto propri bnon

Sa 'l sol malat... dic che adess

Tocca st attent per non n less

Ma i' figurt so' 'n animal

el sol en ma mai fatt mal.

El prim giorn de tintarella

Vaggh ma i bagni Marinella

Sa tutt cla crema me so' mess adoss

En duvria scottam... n dvent ross

Ma chel giorn el sol era rabbit

Arveng a casa tutt brustolit

Per tutta la vita le spall compres

Sembrav che ardev tel foch aces

Ho passat el mes d'agost

A cure ste poll arost

E chi l'avria mai immaginat

D'en av ben manca st'estat

E com diceva el por peppon

En c'en pi le mezz stagion

D colp de toss... en bastat

Per cap che l'invern era arivat.

 

En so' un che me lament

Ma me nissa n'accident...

E p... quel che stat ormai l'ho vut

... l'important... la salut !!

 

inizio pagina 

 

L'amicisia

di Isabella Marini  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

L'amicizia quella vera

pi dle volt 'na chimera

Ch'un insegue da fiulin

coltivand tra ros e spin

a l'asil ch's un mucicon

tocca crescia tra pugn e schiafon

quan se' alla scola se' gi grandin

ma ancora en tutt insult e ridulin

quand le passion se fann pi grand

n gi passat bell'e vent ann

e tutt chi amich n la tu pell

c' condivis rob brutt e bell

p sa i temp di chi compagn

Ch' c' giocat per tanti ann

C' ne arman sempre de men

E t' dispiac ce stavi ben

Ma l'amich del prim schiafon

Lo c' sempr tun canton

Che avria voja d'essa ascoltat

Ma che spess te l'he ignorat.

Se' cresciut, se' pien d'amich

Se' content, c' un sacc d'invit

cnosciut un bel po' d' gent

C' i amich, en t' manca gnent.

Ma quand la vita t' cambia umor

Te te senti un mel ma 'l cor

Te trovi sol tra tanta gent

Che in fond de te en sa propri gnent.

E allora t' guardi un po' d'intorn

ma propri d' l ci avresti bsogn

senti t' manca l'amich del cor

ch' c'era gi prima dl'amor

Ma ancora prima de parl

L gi mal, vicin a te

E le parol en n mai servit

L te guarda e t'ha capit

E sa t'i occhj i gocciolon

te f pi dall'emozion

Allarghi i bracc, el strigni fort

'I v un gran ben un gran confort

com l'acqua dla sorgent

prezios, en costa gnent

Tla mi' vita s' mess in mezz

E se en c', m' ne manca un pezz

En c' nient de pi important

D'un amich che te sta acant

En c'ho gnent... poch fortunat

Ma sol per quest sar invidiat

 

inizio pagina 

 

La donna del fium

di Aldo Minutelli  (Fermignano)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

S'arcordar el Metauro di segret chi ha confdet?

Di desideri scritti sa 'i occhj tl'acqua in fuga?

Di dolor, le gioi, le difficolt ch'ha superet?

Dle preghier volet al cel, dal bagnasciuga?

 

Ancora la luc e l'acqua, in chesa, evne da n

En c'era el progress e i ben de Dio d'ogg

Lavatric e detersiv? la nonna mai sentit a d

Tutt a unt de gommit, sensa guard l'orlogg

 

En feva diferensa s'era incinta o deva la tetta

En s'arendeva a la tramontana, el fred d' gen

Le men ti fanch, t'la testa i pagn e la banchetta

Vestit e biancheria, tutt ma 'l fium giva a lav

 

In ginoch t'la riva com 'na santa

Se l'acqua era giaccia en se cureva

La voja de lavor n'aveva tanta

Magari moriva dal fredd, lia canteva

 

A la fin, sa i mel de schina mo sodisfatta

Se pur intorne era bianch de brina

Sa tant amor stendeva i pagn tla fratta

Segneta sa do stracc la sera prima

 

S, era quella la vitta chi ann mal

Tuttora se c' pens me s'epra el cor

Arveg de nov la nonna, sensa sbaj

De nov la su' dolcessa el su' candor

 

La regina neta dop? "na bugia bella e bona"

Ansi per la madonna dai corai "n'eresia"

E logica, dam pi lett e pi poltrona

Dic: "s'ha tribolet la nonna pegg per lia"

 

Invec i' pens ma i valor cla donna m'ha paset

Un'albre secoler ch' en ha mai pers 'na foja

El su' ricord ha fat d'me 'n omne fortunet

So' vecchj e sper ancora ti bon frutt da coja

 

inizio pagina 

 

INDOVINELLI

di Aldo Minutelli  (Fermignano)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Volubil, invisibil e potent per su' natura

Dle volt talment gentil d'acares 'na foja

Dle volt furios e travolgent da f paura

Insidia el capell, el vetre e l'orc tla croia

(El vent)

 

So neta com voiatre tle letier

Prima ho paset mal la vitta mia

Adess invec ho cambiet mestier

Lavor ti ufici bel pagheta e f la spia

(La cimic)

 

inizio pagina 

 

Cum sia sia ...

di Giuliana Pambianchi  (San Marino d'Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Te si' quell

ch' ho sempre sognat

e ch'enn sperav

pi de trov,

quell

ch'enn ho mai cercat,

per la troppa paura d'am.

 

Te si el port

du' trov un ripar,

el confort

malle mi' delusion,

el mi' segret pi car,

la carta vincent

per tutt le ocasion.

 

 

E adess che percorem

la stessa via,

starem sempre insiem,

cum sia sia.

 

E, cum sia sia,

sappi che i' ce sar;

cum sia sia,

te ce sar sempre, el so ...

Cum sia sia.

 

 

 

El camin

di Delfina Scoglio  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

L'altre giorne ho avut n'idea:

ho aces el caminett...

 

Erne ann ch'en el facev

e ho da di' ch' m'ha fatt efett ...

statt bell a veda el foch,

a sent chel calorin,

a guard cle fiamm tremant

e le lucciol ch'givne s,

per la cappa del camin ...

 

"Cric, cric, cric" facevne alora

(quanti ann fa? 'na sesantina ?)

salend s per chel bug ner ;

mo da cima en c'arivavne:

givne a sbatta tla catena

ch'penzolava tutta nera

in atesa del caldar ...

 

A cuvin sopra l'aiola

guardav s tra la fuliggin

chel chiaror luntan luntan

da do' niva la befana ...

 

El camin era bel largh,

bassa bassa era l'aiola

e mal, sopra el camin,

c'era lia: la ventarola;

a sinistra el macinin,

a la destra el pistasal,

da 'na part el ferr da stir

e da cl'atra i fulminant.

 

Fra la cener e i tison

se cucevne le patat,

qualca volta le castagn

e dle volt, mo rarament,

s'aduprava la gradella

pr'arust 'na fetta d'lard

ch'la magnavi gi sa 'l sguard.

 

I ultim tiss, prima d'g a lett

en s'facevne dvent cener:

messi dentra un recipient

sa l'aiut d'una paletta

e ben chiusi da un cuperchie,

j artruvavi la matina

trasformati in carbonella ...

 

inizio pagina 

 

L'edision dla poesia dialetal 2009

di Anuska Severini  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Anca st'ann , ben o mal, s' svolt la rasegna dla poesia dialetal.

Sta volta en ho partecipat perch tutt chi diploma m'aveven stufat

Avev scritt n'antre du righ per el cor de Massaferr

format recentement da un grupp de parochian

che canten e s'aspetten sol le batutt de man.

Sm 'na ventina d' donn che canten per pasion,

se diverten insiem durant le lor riunion;

un grupp ch' s'podria chiam

anca "assemblea de quelle che a casa en sann sa f"

 

L'argoment m' sembrat trop particolar,

non adatt d'figur tel libre dialetal,

legat a un grupp ristrett e, invec da g a sent

so armasta a casa, a lett.

Pro ho vist la registrasion c'ha mandat in onda la television

sa la Lara Ottaviani c'ha intervistat tutt quei dla comision.

 

Le due pi acculturate, docenti rinomate, hann fat cap

el valor del dialett ch' radicat in n, ch'sm pi che bagiotini,

da quant, tanti anni fa, eravam pcini pcini,

con parole ben dette, ricercate, forbite,

mo vlevne significhi che propri cum magnam avressim da parl.

 

Tra quei dla comision un, daver, m'ha colpitt,

applaudiva, rideva, s' propri divertitt,

cercava de nascondse dietra el corp del dotor

mo la su' bocca aperta riempiva el televisor !

 

Fini ha lett qualch bran del concors

mo pi che recitat diria c'ha sbasofiat,

pr s' scusat dicend ch'en s'era preparat !

 

El regista, in dispart, a seda tun canton

ve dir quasi ch' m'ha fatt cumpasion !

Santoriello un cultore delle nostre radici;

quant recita s'impegna per daver, cnosc ben el su' mestier !

Ammicca, s'alsa in pied, quant arconta se sbraccia,

ce tien a compar, pi d'i atre c'mett la faccia!

 

Due parole dirette al giular dla compagnia,

al dottor Duccio Marchi che fa la su' comparsa e p va via!

Dop ch' l'ho vist strimpel la chitarra, scand la su' ballata

che le vicende di urbinati narra, ho dett ma la vicina,

pianin, pianin, tra i dent: "Chiss se 'i vien da rida quant visita i pasient !

Pr, caro Duccio, un consiglio te 'l voj d:

el dialett lascle st ma quei cani come me,

che chiamen "fungh" i "fongh" a la maniera giusta

cio da cittadini e no da contadini.

 

Alla fine di queste due righe che hanno voluto scherzosamente esprimere qualche mia osservazione, voglio ringraziare tutti quelli che si attivano con sacrifcio e lavorano per la riuscita di queste manifestazioni e per mantenere vivo e rinnovato il dialetto dei nostri padri e della nostra infanzia.

 

inizio pagina 

 

Natale 2009 - El cor de Massafer n 2

di Anuska Severini  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

En cminciat a di' che c'ho la lingua lunga

perch c'ho armess le man a scriva ste du righ ;

la colpa sol del giornalista, l Di Ludovico

quel ch'scriv tel Nuovo Amico ch' m'ha provocat dicend:

"Perch en t'armetti in pista e scrivi quel ch'suced

quant c'artrovam in pied, schierati a Massafer

per cerch d'metta a punt i nostre ritornei?"

 

L m'ha dat l'assica e, io ch'so un po' tignosa,

ho arcolt sta nova sfida rischiand d'essa noiosa.

 

Ormai en pi d'tre ann che ce riunim per Pasqua e per Natal

per prepar di cant, ch'ce riesce en c' mal,

e c'fan ben figur davanti ai parochian

ch'ascolten e ce premien sa le batutt de man

 

L'Odette ce mette el cor, s'impegna per daver,

cnosc ben el su' mestier;

per dirigia se sbraccia, saltella, s'alsa in pied

ogni atac fori temp, non sol el sent, mo el ved !

Potem capilla ben s'facem 'na figuraccia

pi d'n ce mett la faccia

 

Per fac cap che Astro del ciel e Pargol divin

voine un cant delicat, imita el son del violin

mo, spess n entram, Dio bon, sa la grassia d'un ton!

Io e la Maria qualca volta sforam

anch s'la Gina ce dic:-Mo vlet cant pi pian!-

 

Marcello segue a ruota la sua sposa

sorride ai suoi assolo, registra ogni sua posa;

tutta la sera a seda t'un canton

ve dir quasi ch'me fa cumpasion!

 

Vicin a me c' l'Eude ch'en sta ferma un minut

quant arconta se sbraccia, quant canta fa la staccia;

i piac molt a chiacchier; pel lavor lasciamla st;

quel che tocca, un vas, un fior dventa un bel capolavor.

Fa la madre, la sposa, l'assicuratric

ed svelta com la polver, ogni client el dic

ve dir, po', che ogni tant va a f anca la badant.

precisa per f i cont, mo el marit dic spess che romp !

 

In coppia sa Francesco, el giular dla compagnia,

se trova per daver in total sintonia.

L ce sfott, a me ha dett, sensa vergogna, ch'potev essa la su' nonna!

Un giorne c'ha vist l'Eude a cuvin sopra 'na buga

i'ha dett ch'era precisa a la su' tartaruga !

 

Con le due nuove avem fatt un bell'acquist,

en puntuali, s'impegnen com en s'era mai vist;

N vecchie ce chiedem:- Pensat che durer

se dop l'impegn de tutt cle stman becam sol batutt de man! -

 

St'ann insiem a n, n'antre element nutt

Paolo, un bel signor, ch'ce d un fort contributt;

l vol subbit cant sensa tant ascolt;

ha una voce possente che, nel gruppo, si sente;

sa chel trombon vicin Giancarlo s'fa pcin pcin,

rischia d'g in confusion

e de fermass de chiop a met dla canson

Vers la fin dla riunion, guarda l'orlogg:

"Avem fatt tardi anch'oggi

- po' dic pi fort - dami gi Odette,

sar ora da g a lett!

 

Quando si unisce a noi don Agostino

canta con l'entusiasmo d'un bambino;

un gran piacer a vedle sorident

l che par ch'abbia sempre el mal de dent!

 

L'edision de ste Natal ma la Ione ha portat mal

perch prima ch'fnissa el cors, approdata al prontsocors!

Lindo en vol ch'vien a cant, sol a casa en ce vol st;

per fregh mej ma 'l maritt e costringel a st sitt

lia ha fat finta d'g a durm e, pian pian, p'en fass sent,

scapata com 'na ladra e de corsa ha fat la strada

per ragiungce tel salon e prov tutt le canson.

Tl'arn a casa pr ha inciampat;

s' artrovata a gamb rit e sensa fiat.

El su' spos s' alsat dal let

in mutand sotta un giachet

e ha gridat:"En so' mica un testa d'sass;

en vera ch' inciampat dentra el terass;

tu s' argitta s tla chiesa, t'costar sta bella impresa!

Ed infatti avr da st tut el mes sensa stir!

 

Lund sera sm rientrati tardi

apannati eran gli sguardi

per el sonn ch' c'aveva pres e l'impegn ch'ce fa st tes;

el mi' spos ha aces la luc: "Guarda un po' com un s'arduc

anch stasera mezzanott, sa sti cant ormai rott !

Par ch'avet da g a teatre, ma chi 'i frega de voiatre!

Se' ch'en dorm sensa de te, mettet gi, da ment ma me!

 

So' arivata a la chiusura e me sent 'na certa arsura

trop c' n'avria ancora da d, sar mej a lasc g?

Se i dagh gi, sta tirlinghina duraria fin a dmatina

Chiud sa un gran ringrasiament rivolt ma la dirigent,

un applauso anche a Marcello

e all'intera compagnia che salutt prima d'g via.

 

A tutti voi buon NATALE e buon ANNO!

 

inizio pagina 

 

La graneta

di Maria Teresa Spaccazocchi  (Peglio)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Oh! munei,

me so' stufeta

tutt la nott t'un sta graneta,

s e gi su per sti tetti

sempre pina de sacchetti.

 

Bsogna ch'vaggh sal granaton

quant ti sacchi c' el carbon,

pesa tropp e sporca astuff

nisciun pega, fan tutt buff.

 

Mo perch propri a Gen

la Befena ha d'ariv?

sa ste fred tutt gelet,

preferiv a n d'estet !,

giv al Mer,

a f do tuffi,

tel post d'essa sempre muffi

a pi el sol salla graneta

che dal fred s' guesi spleta,

avria propri da gambialla

mo en ci i soldi per pagalla,

sa sta crisi c'vol pasiensa,

tocca f la penitenza.

 

Sper per tutti ch' sia un bon ann

pr' arvedecc mach st' altr'ann.

 

inizio pagina 

 

LA FELICIT

di Giorgio Speranzini  (Ancona, 2008)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

Tutti la felicit la vlem vicin,

Pr nisciun la tien un bel pestin

Quand pensi ch' ma te vicina

Alora scappa via com una burdlina

Anca se per cas, te sfiora

Tienla stretta che t' arcra,

Quand la tieni vicin al cor

com avecc un gran tesor

En essa sempre scontent,

La vitta te sembra gnent ?

Sm al mond per tribul ?

Non cred, sia propi acs

colpa de Dio ? colpa dl'om ?

Chi chiappa el testimon ?

Alla fin , el ben trionfer

So' sigur, el mal en ce sar,

So' sigur , l'umanit se salver,

Alla fin vedrem felicit.

 

inizio pagina 

 

El  sapor  d' Urbin

di Giovanni Volponi  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

De nott, quand dorm, sogn le stell,

le stell ducali, tel ner dla nott.

Mach el ner c' anca de giorne,

e de nott el fum copre 'nic,

anca i sogn de chi vol veda el giorne.

 

De nott, quand dorm, sogn le aquile,

le aquile dla porta de Valbona, tl' azurr del ciel.

Mach el ciel en c' manca de giorne,

perch de giorne se sta dentra le grott,

ma no quelle del Dom, quelle del carbon.

 

De nott, quand dorm, sogn l'odor,

l'odor del prans, del prans dla Dmennica.

Mach l'unica cosa ch'se respira

la pussa del carbon che te sfnisc,

anca de pi se pensi al prans de casa tua.

 

De nott, se dorm, sogn el sapor,

el sapor d'Urbin, el prim de Giugn.

El sapor dle mura, el sapor dle piol,

el sapor di pagn stesi fora, di passatei.

El sapor dla nott, del giorne, del vent.

El sapor d'Urbin.

 

A tutti gli Urbinati che, emigrati all'estero,

hanno cercato una vita migliore.

 

inizio pagina 

 

LE D CIT

di Massimo Volponi  (Urbino)

Presentata per X Concorso 2010 Agenda 2011

 

N c'avemi d cit: una Urbin,

cl'atra, propri de front, San Bernardin:

la prima la casa di vivent,

la sconda la dimora dej assent.

Tra le d, una strada che scolina

e, serpegiand, pian pian le avicina.

De nott tutte e d c'hann le luc acese,

mo se una viv invan le su' atese,

quella tra i cipress, i vialett e 'l mur

en viv n 'l present n 'l futur:

resta mal, immobbil, sollenn e silensiosa,

com un spos ch'aspetta la su' sposa.

Nate e cresciuti insiem, moment per moment,

e en un cas se tutte e d en un monument,

ma la storia e ma se stess, sospes ma 'l sol,

immers tra i profum di crisantem e girasol.

E ce gim a salut i nostre cari

per chieda confort ma i nostre cor amari,

e i fior e le preghier che ma lor porgem

en in realt per n che ancora vivem.

Se un giorne Urbin morir

San Bernardin comunque vivr,

perch sapem che l'esistensa limitata

propri da cla mort che sempre l'ha evitata.

Una sola la diresion del camin

che cmincia fin da quand un burdlin:

dai toricin al mausoleo ducal,

per tutti, perch 'l destin rend ugual.

Anch'io ho scolinat, e vegg pi vicin

i profil e le luc de San Bernardin.

 

 

inizio pagina