Home Concorso 10

X  Concorso  2010 Agenda 2011

Tutti gli Autori dialettali

Tiziano Mancini legge la sua poesia segnalata al X Concorso

 

Urbino, 22-12-2010  -  Cerimonia della premiazione dei partecipanti al

X Concorso 2010 di Poesia Dialettale "Renzo De Scrilli"

e della presentazione del X Volume della pubblicazione degli atti

" V'l'arcont in dialett " in formato Agenda 2011 - Ed. Montefeltro
 

 

IN OCCASIONE DELLA REINAUGURAZIONE
DELLA FERROVIA URBINO-FANO
di Tiziano Mancini (Urbino)

Alleluja! Finalment
tutt Urbin a la Stasion
en c' un ch'en content
d'arviagg tun chi vagon.
C' la fila ma 'l cancell
per mont tla sconda class
che tla prima c' 'n cartell:
"Riservata ai Capatass".
Ecch' s' moss e sm partitt!
Ha fschiat el capstasion
quei armasti tel piancitt
ce salutne sa 'l magon.
En s'fa in temp a d "che bel"
che sm gi tla galleria
tun chel scur piagn un bordel
e 'na sposa dic "va via!"
Arivati a Fermignen
quei del post vojne mont
mo cum veghne ch' tutt pien
cmincen subbit a sbrait:
"en giust che quei d'Urbin
han chiapat tutt le poltron"
acs 'i dann el contentin
tacand s 'n atre vagon.
Fosombron naturalment
ecch' un'antra incassatura
e ma 'l tren che va gi lent
agiungem 'n'antra vetura.
Sa 'n gran sfors arpart pian pian
mo suced 'n'antra sommossa
quand arivne a Cuccuran:
"anca n vlem 'na carossa!"
Quei a Fan aspetta pur
fin a not tun cla stasion
stan tel palch le Prefetur
la Provincia e la Region.
C' la banda che 'i aspetta
c' chi dorme e chi git via
c' chi armedia 'na marchetta
p d'un tratt ecch n'agenzia:
c'n riuscitti, n arpartit!
Han stacat tutt le caross
dal vagone del Partitt
ch' in arrivo a pi non poss!
Taca banda, bordei cantat!
I bei tempi en artornat
perch adess tla Ferovia
viaggia la Democrasia.

 

La precedente poesia stata ritenuta meritevole di segnalazione con la seguente motivazione:
Rievocazione, in forma di satira socio-politica, di uno storico evento. Godibile la partenza del trenino, con le soste nelle stazioni successive, via via che si aggiungono carrozze colme di passeggeri. Un metaforico viaggio al rallentatore che si conclude, come sempre, a vantaggio dei capatass di turno.