Home Concorso 7

VII  Concorso  2006:

TESTI  TEATRALI
Tutti gli autori dialettali
'Na raica e 'na chioma d'Urbin
di Antonio Fontanoni
El compleann del Duca
di Duccio Alessandro Marchi

 

'NA RAICA E 'NA CHIMA D'URBIN

Atto unico in dialetto urbinate

Antonio Fontanoni (Scritto nell'inverno 2004)

 

PERSONAGGI

Giuseppe: protagonista. 

Gli altri in ordine di entrata in scena:

Giovane / Signora / 1 Uomo / 2 Uomo / Donna / Ragazza /Uomo Anziano 1 Donna / 2 Donna / 1 Prete / 2 Prete / Turista / Ragazzo

(I diversi personaggi possano essere interpretati da uno stesso attore o attrice)

  

All'apertura del sipario: una panchina in un giardino pubblico con dietro una siepe e una fila di alberi con sullo sfondo il cielo azzurro. 

La panchina spostata piuttosto a sinistra, rispetto all'intera scena.  Si sentono in lontananza e continuamente rumori di motori d'auto e di sportelli che si chiudono ed anche sirene di pronto soccorso e polizia.  Sarebbe bene che la scena, durante tutto lo spettacolo, fosse percorsa anche da comparse: gente comune. 

Lo spettacolo ha inizio con l'ingresso in scena di un uomo di sessanta, settanta anni, ben portati.  Il suo nome Giuseppe. 

Il nostro personaggio, dopo aver pulito con cura la panchina, usando un fazzoletto da naso, si accomoda sulla stessa e si rivolge al pubblico. 

 

Giuseppe: Io vengh mach guasi tutt le matn e pass 'n'oretta sa la speransa da scambi sa qualcun du' parol anch' s'n de solit parol dett tra '1 corra e '1 fuggia. 
Me mtt mach perch 'n post strategich, ma la mi' destra c' 'n postegg e pi in gi, l'ingress del supermercat... Tla mi' sinistra... ma la gi l'uscitta... e guasi tutti, alora, fniscne per pas mach... per arg a chiap l'artumobil...
( Giuseppe, non conclude il discorso in quanto si ferma, ponendosi tra lui e il pubblico, un giovane il quale ascolta, attraverso le cuffie, della musica e gesticola e fa giravolte seguendone il ritmo.  Il nostro uomo cerca di continuare a
parlare ma ostacolato da questo intruso.  Giuseppe si alza dalla panchina e batte sulla spalla del giovane il quale solleva da un orecchio la cuffia). 

Giuseppe: (Un po' risentito).  Oh ! Sta sent, bordell ! io stav parland e te... te se' mess propi davanti!...

Il giovane: ( Togliendosi completamente le cuffie ) Mi scusi, ma lei come si permette di importunarmi cos... come si permette di riferirsi a me definendomi  (Alza la voce)  bordello?
La prego di contenersi, altrimenti sar costretto a chiamare, via cellulare, la polizia e denunciarla per oltraggio a un minore !

Giuseppe: Che vo', set minor... en ce piv... en c' ombra de dubbi!...  In quant a bordell, li garantsc, en el dir propi pi: vo' set molt grand !

Giovane: Vorrei proprio vedere ! Non capisco bene il suo basso linguaggio, tuttavia sono certo di aver compreso che lei ha capito la lezione... Io, me, ne, vado ! Non voglio rimanere un secondo... con una persona cos rozza !...

Giuseppe: Va' pur... e chi te tin !... la strad' sciutta !
(Il giovane si risistema le cuffie e si avvia continuando a gesticolare seguendo il ritmo della musica che solamente lui sta ascoltando ed esce di scena fra le quinte di sinistra). 

Giuseppe: (Al pubblico) Lo dic ch'en 'n bordell... sar 'n bordell grandn ! quest en el mett in dubbi... mo tant, 'n bordell ! C'era bsogn da chiapasla tant ?
Sa sti giovin en se capisc pi gnent: vojne essa subit grandi!...  S'dava 'n pes sa cl'italian !
(Appena si siede giunge, nei pressi della panchina, una signora con delle borse della spesa). 

Signora: Oh... Pp ! sa ch' sucess ?  Ho vist un po' d' moviment sa chel ragass...

Giuseppe: Dir, sa chel vanitos !  S'era ofes perch l'ho chiamat (Alzando la voce) bordell... che lo ha subit tradot in italian... (Alzando di nuovo la voce) bordello !

Signora: Oh... Pp ! te, el s, sa vl d bordello, in italian ?

Giuseppe: So 'n bel po', io... (Alzando un po' la voce e le spalle) tant en j avr datt del delinquent ?

Signora: Del delinquent... no, mo!...

Giuseppe: No, no... mo, mo... sa vl d ?

Signora: Vl d che l, el dialett, en el sa per gnent... e che per lo, bordello, vl d casn... propi dacs... La casa chiusa... d 'na volta.  In italian se diceva... bordello. 

Giuseppe: Oh... porca putana ! alora aveva ragion l ! Mo anca l a non sap per gnent el dialett !

Signora: Se ved ch'en de mach.  I student, in Urbin c' n' a scatafasc... va' a veda chi era !

Giuseppe: Insomma, stamatina, ho rischiat 'na denuncia!...

Signora: Eh!...  me sa de s ! A sti temp!
Pp, io vagh... c'ho tant da f!...  Te salt!...  Oh, salutta ma tu' moj ! Prima o dop... ce incontrerm!...
(La donna si allontana frettolosamente con il carrello della spesa.  Giuseppe si rivolge nuovamente agli spettatori). 

Giuseppe: Mo te guarda che lavor ! Adess pr ce pens io! Per rischi el men posibil, me volt!...  (e si mette di profilo, rispetto agli spettatori e seduto al limite della panchina). 
E p en digh pi gnent, schiopassa!  Tutti venghen da dietra e acs i vegh sol a g via ! Farann lor ! Vr d, che ogg, en parlar sa nisciun !...
(Entra da destra un uomo, con una sportina della spesa e da fuori campo si sente una voce). 
Oh ! Pavln ! Pavln ! Spetta !
(Il primo uomo si ferma, si volta e attende l'arrivo di chi lo ha chiamato, poi insieme, prendono a muoversi). 

2 Uomo: T'ho fatt 'n inseguiment !  Orca v fort ! Me nt un fiaton!...  Com st ?

1 Uomo: M' statta poch ben la moj... mo adess ha'rpres el lavor... Te, com st ?

2 Uomo: La solita storia: casa lavor... c'ho anch' i turne de nott... Adess 'n period che va bnin !  I sold, en basten mai, com al solit... Pavln, so' propi content d'avt arvist ! Arconta !

1 Uomo: Sa ch'ho da arcont?... _ Toh!... te voj arconte questa, ch' fa rida... Anch tel tu' quartier ce sarnn le badant russe... moldave... filippine...

20 Uomo: E' pin ! Alora, sa ch' hann combinat ?

1 Uomo: C' 'na russa, abastansa bella, ch' bada ma Santn, porett ! T'arcordi de l ?

2 Uomo: Com, no ! E' ancora vive ?

1 Uomo: E' viv, viv !  E' propi la russa, che '1 bada... Sta russa c'avr... trenta, trentacinq ann. 
C'n tre, quattre, giovin antich ch' j stann dietra.  S' n innamorat a la fola... El pi giovin d'lor c'avr sesant'ann: s'n tinti anca i capei !

2 Uomo: El farann per 'n' aventura !

1 Uomo: S, 'n' aventura ! Ma i fratej... d de sti giovin antich... en fann atre che d ch' vojne venda l'apartament, o liberal da l'inquiln ! perch vojne sistemass...

2 Uomo: Mo tant, sta russa, en i sposar ma tutti !

1 Uomo: Lia, scond me, en sposa ma nisciun !  Dett fra d' n... fann l'amor a la Vincensa... lor la fann e lia manch ce pensa !

2 Uomo: n propi ridicol !

1 Uomo: El pi fanatich, de sti antich, sigur Pepn Montas !
(Giuseppe, ha ascoltato e per questo si allarma e si rivolge nuovamente al pubblico ). 

Giuseppe: Dv st st... l'ho promss... mo questi me sputanen !  En li facc a st st ! I capei j ho tinti... mo minga per la russa !  J ho tinti perch ren bianchi ch' faceven schif !  Insomma l'ho fatt... per essa pi giovin... Sa 'n reate ?

2 Uomo: E' da tant che ma Pepn en el vegh!...
(I due sono proprio vicino al nostro Giuseppe, che voltato di spalle e che improvvisamente si alza e si rivolge ai due ). 

Giuseppe: En so' propi sigur, ch'parlat de me... mo io me rivolgh ma vojatre d... Ma te Papuln (Puntando il dito indice contro il primo uomo ) e ma te Creduln... (indicando il secondo ) Io, ve cnosc da 'n bel po' de temp e anch s'en ce vedm da ann... vist che stt... (Alza la voce) ti quartier nv !

1 Uomo: Mo, te, se' Pepn ?  E perch t' la chiappi tant ! Minga parlv de te ! I Pepn n tanti !

Giuseppe : S, di Pepn c' n' tanti!...  mo di Pepn Montas, ce so' sol io...

1 Uomo: Ma me, me dispiac, d' contradt.  mo io ho sempre sapt, che te, vlevi fatt chiam Montas... mo ma te... t' avm chiamat, a tu' insaputta, Pepn Scend'gi !

Giuseppe: Alora te, di front a l, ametti, che io, sa cla russa, en c'entre gnent ?

1 Uomo: E' natural... te sa centri... te se' Scend'gi, minga Montas ! Par gnent... mo se ce pensi... n diversi per daver... sti d nom !

2 Uomo: E.  s!...

Giuseppe: Va ben... va ben... En so tant convint, vist da do' vin la predica.  Te, t'arcordi com t'ho chiamat prima ? (Rivolgendosi al 1 Uomo) Papuln!...  Tutti te chiamen sempre acs!...  (Alzando la voce) Tant' vera, che io, en so com te chiami per daver !  E te, Creduln ?  Io, el tu ver nom en el cnosc... so sol che se te diceven: (Alzando la voce ) vola 'na vacca !  te subit partivi a veda do' era ch' volava!... Io, stamatina, ragassi, so' 'n po' nervos... Vengh mach per pas 'n po' de temp in pac... e...

1 Uomo: Mo sta' calme, Pepn ! Incontrt stat 'na cosa bella... M'ha fatt propi piacer!...  Dmm la mana, va' l!...

2 Uomo: Anca ma me, dmm la mana !
(Mentre i nostri tre personaggi si salutano e senza che Giuseppe si accorga si siede sulla panchina una donna con diverse borse della spesa). 

Giuseppe: Ragassi ! Sper d'arvedve prest !
(I due lasciano Giuseppe e lo salutano facendo gesti con le mani e mentre attraversano le quinte, lo fanno a voce alta). 

2 Uomo: Pepn... ce vedm !

1 Uomo: Oh !... stat un ver piacer rincontrat... Pepn Montas ! 

Giuseppe: (Rivolto al pubblico).  Brutti mostre... fioi de ste pu...
(La parola gli si tronca in gola perch, con la coda dell'occhio, vede la signora, l seduta.  Segue un breve silenzio.  Giuseppe si siede nervosamente, un poco distaccato e poco curante della donna. 

Donna: En si fa pi... sa sti supermercat ! Stamatina so' propi stuffa... Ho fatt 'na sudata, sa ste bors!

Giuseppe: (Dopo un po' di silenzio Giuseppe interviene). 
Pr, la robba, costa 'n po' men!...

Donna: Minga sempre... e tun tutt ! 'Na robba costa men... clatra costa de pi.  Tocaria g a veda da tutti!...  Campa cavall ! e com se fa ?  Vann via diec matinat inter !  El post per la machina, en c'... Io staggh da clatra part... 'n disastre!...

Giuseppe: 'Na volta era divers...

Donna: Era propi divers... Per Lavagin givi da Batist, da la Vienna... da Galiano!...  e arnivi sa chi spaghett vruchiati tla carta blu... I fischion, el succher, el sal tun cla carta de paja tutta gialla.  M'arcord tutt ch casett, sa '1 vetre davanti e dentra tutt le spec de pasta!...  Qualca volta se vdeva anch qualch verminacc !  E tutt ch barattol de vetre sa le caramelle e i simsant ? Quant volt, da pcina, m'hann fatt n l'acquolina !... Pi in s, de sti tre negosi, c'era 'na lateria...  e Armando ma i bordei, i dava el latt sol se prima faceven 'na partitina a dama sa l !...

Giuseppe: E p hann incminciat a d... che i negosi d'acs en given bn... en eren igienich... che ce se doveva amodern... che costava tropp... e pian, pian...

Donna: S, perch adess costa poch ! E p, v mal dentra... tutt de corsa... la robba a portata de man... Compri anch quel ch'en te serve... En se parla sa niscin ! Un bongiorne e 'n bonasera e tutt risolt... 'Na volta en era acs !

Giuseppe: Io, en ce giv tant a f la spesa, mo quand ce giv... se parlava... Ma le giraven le notissie !

Donna: Quand mancava qualch'cosa... facevi 'na corsa... En c'ren i frigo... mo c'avevi la robba fresca... Adess tocca f di mucchj d'robba!...  El frigo... el superfrigo... e s' v via la luc ! A chi temp sol qualcun c'aveva el camburn pin de noc,... de mel,.. de sansicc,... de salm ! Beata lor !  M' arcord dla verdura coltivata... tl'ort... ma lagi, sotta la piasetta d' Sant'Andrea !

Giuseppe: Che tempi, quei, Signora ! Mo c'era 'na miseria !

Donna: Ricca, io, en so manca ogg ! So men poretta... Pr me par d'av pers l'aria !... e se s'inciampa t'un spn !

Giuseppe: E p, n in Urbn, stm in alt ! Pensat ma ch atre ch' c'han anch' le polvern !

Donna: E i bordei ?

Giuseppe: (Rivolto al pubblico)
Ecch ch'arvin cla parola!...  (E si guarda intorno.  )

Donna: E i bordei, dicev ? Io c'ho du nipot... purtini,... n palid com i mort !  Scla e casa: guarden la television... e magnen le merendn e le patatn!...  Giochen sa chel compiuter o fnn i compit... En c' pi tutt chel chiass, di bordei, per i vigol, tle piasett!...  I mi' nipot, n educati... mo purtini !

Giuseppe: ( Alzando un po' la voce.  ) Stnn mej de jjj0^... Io, a quindic ann, d'inverne, c'avv ancora i calson cort !

(Segue una pausa). 

Donna: Adess ch' ho rpres fiat... archiap le mi' bors e vaggh via!...
(S alza e sistema lentamente i manici delle borse di plastica che sono posate in terra e sulla panchina). 
M' ha fatt verament piacer incontrall... Avm parlat in dialett e sgambiat du pensier... ch' m'hann fatt arcord quel ch' c'avevm e quell ch' avm pers... Grasie de cor ! Ce vedm !
(Giuseppe si alza, posa una mano su di una spalla della donna e sorridendo, approva con il capo e contraccambia il saluto.  La donna, con il suo carico, esce di scena.  Giuseppe riprende la posizione al limite della panchina e nello stesso momento sente un susseguirsi di trilli di un telefonino.  Giuseppe si volta e rapidamente riprende la sua posizione.  Una ragazza con uno zainetto sulle spalle si ferma e mentre si accinge a rispondere, guarda il telefonino e si rivolge al pubblico). 

Ragazza: (Un po' risentita ) E' sempre lia ! (e porta il telefono all'orecchio). 
Oh... mama ! En n le diec e gi m' chiamat tre volt !  Io, ho decis... en c'ho nisciuna intension d'arpenscc ! te, lascia g da piagna !

Giuseppe: (Al pubblico).  E sa ch' sucess ? Le disgrasie, ragassi, n sempre mal a 'spet per saltatt adoss !

Ragazza: Io, mama, so' magiorenne!...  (alza la voce) c'ho dic'nov ann e poss dispona dla mi' vitta com me par ! No, en com dici te ! Io, voj g a viva da per me !...  I studi, s'en j ho fnitti... i fnir ! Bbo, dic ch' en me dar gnent ?  vedrm sa dir '1 giudic ! Io, c'ho 'l dirtt da costrum 'na vitta !... E' 'lora ?... Ehmb?...  Se vagh tla su' casa?...  Lascia g, marna, va' l... se c'han fiol... s' separat... sa ch' i fa !  Dura, fn ch' dura !... Io, stasera, a casa, en arvengh !... fat com ve par ! No, no... vojatre en m'avet fatt gnent... ansi ! Mo io voj la mi' vitta !... t' capittee ? E' vera, vera... m'avt dat tutt... e alora adess... perch fat acs ? ve set messi per travers ? T' l'ardigh 'n'antra volta: so magiorenne !  En ve stat a preocup per me... Lascia g da piagna ! mama !

Giuseppe: (Al pubblico.  ) Guarda, en mi' fiola!...  mo i daria du schiafon !  ma sta sfaciata !  ma sta svanita... mo guarda che lavor !

Ragazza: Ma me, en m'importa, sa dighen chiatre !  La vitta lunga ?... e n avm sempre bsogn de chiatre ?... e la gent c'ha la memoria ? Ehmb !  io facc com me par ! (Alza nuovamente la voce ) So' magiorenne ! Me vlt sempre ben ?  Mej acs !... S'avr bsogn... te chiamar ! Mama, en insista... en telefon pi... se no, io, so' costretta a gambi la scheda ma 'l telefonn ! (Chiude il telefono nervosamente e ci lo manifesta con gesti, come per dir e... non mi rompete! La ragazza esce di scena e il nostro Giuseppe, oscillando il capo, disapprova e si rivolge al pubblico). 

Giuseppe: Pori genitori ! Chis de chi la fiola ! Cla svampita ch'en atre ! I daria d sbarbasn !
(Giuseppe, mentre fa queste considerazioni, non si accorge del sopraggiungere di un uomo che ha superato un anziano il quale avanza molto lentamente, causa il peso dei suoi anni.  L'uomo, con in mano borse della spesa, lo batte sulla spalla). 

Uomo: Oh ! Pp !  anca stamatina s mach ?

Giuseppe (dopo un bell sobbalzo)  Mor da 'n colp !  M' mess 'na paura ! M' fatt f 'n stols !

Uomo: Se' d'ventat delicat !  Sa c', la cosciensa sporca ?  Mach, en sfuggi !

Giuseppe: S, la cosciensa sporca... che tocca st sitti... tocca st 'tenti sa chi parli e com parli... S'en eri te... stv st, mut com un pesc !

Uomo: E sa c'! el nemicch t'ascolta ?  Com diceven... gi ?

Giuseppe: Taci ! El nemico t'ascolta ! A part i schers... mo tocca st 'tenti sa chi en cnosci !  Ma me prima, m' n' sucessa una bella !

Uomo: Oh... Pp ! sa d i numer ?  Lascia perda, va' l!...  El tu' vissi en el perdi mai... bugiardn eri... e bugiardn se'...

Giuseppe: Ecch, io el sapev ch' giva a fn dacs... alora... en t'arcont propi gnent !

Uomo: Sar mej... Pp, adess te lasc.  C'ho da g a port a spass el can.  Te salt !

Giuseppe: S, el can... En ce se ved pi... manch se caschen le palomb !  Sempre ognun per j afar sua !  n dventat pi impotant i can di cristian !

Uomo: E' dacs, Pepn ! la vitta ! E' la vitta d'ogg ! T'arsalt... Salutta ma i tua !
(Ed esce di scena.  L'anziano raggiunge la panchina, accomoda la sua lunga e affilata borsa della spesa e si siede con difficolt di movimenti.  Giuseppe lo guarda e non dice nulla... dopo alcuni secondi)

Anziano: Che fiacca... ragassi ! Per ariv mach stat 'n'impresa... La vecchiaia 'na brutta bestia !

Giuseppe: S, fattve coragg... ariv ma la vechiaia 'na fortuna !

Anziano: Ah, bella fortuna !   gi per s com t'avesser picicat tla schina un quadrifoj d'otanta chil!  Te manca 'l fiat... te manca l'equilibri... f le zaganelle, paura d'inciamp,... perch, chel quadrifoj te pol ciach...

Giuseppe: Ostia ! sapet f anca le rim !

Anziano: S, le rim ! n vent'ann ch' ho portat le pall ma 'l Dom e tutt le ser, prima d'indormentm dagh l'adio ma '1 mond e ogni volta... a la matina... m'artrov mach... Me sa che 'l Padreterne m'ha dimenticat... Ormai me vergogn d'essa viv!...

Giuseppe: Mo... Madonna ! e quanti ann c'avt ! Mille ?

Anziano: Mille, no... mo... c' n'ho novantaquattre!...  Avt sentt ben ?

Giuseppe: Ho sentt, ho sentt!...  Ehmb ? L'altre giorne mort un ch' c'aveva centquatordic ann !

Anziano: Bell lavor ! me butt subit tel foss d'Rusciol !
(L'anziano abbassa la testa oscillandola in segno di disapprovazione e cerca nelle tasche un fazzoletto che risulter, poi, di stoffa molto colorata e si mette a pulire il naso.  Giuseppe scorge l'arrivo di due uomini.  )

Giuseppe: (rivolgendosi al pubblico) Sitti mosca! (Sta volta en digh propi gnent... morissa matt ! Arvn' el Gatte la Volp !...  Acs, i chiamen tel bar !  n sempre insiem !

1 Uomo: Io, me so' talment stufat che da 'na volta, o cl'atra, i schiaf 'na sampata do' chi fa mal... ch'ha d'arcordass per un bell pess, chel testa de... (Interviene il secondo uomo interrompendolo.  )

2 Uomo: E' insoportabil... sempre davanti... capisc tutt l... E' vist com ce tien a essa sempre davanti ?  Tutt ben vestt... par 'n antre.  S' contornat de sei, sett imbecill ch' j argira com i par... 'i cmanda l !...

1 Uomo: E questa, la chiamen democrasia!...  Mo va' a Fan... va' l!...  E' robba da matti ! Mo, i vt.  dovren essa spontani e frutt dl'inteligensa personal!...  Campacavall ! Ma lo i frega !

IPUomo: E' dventt, dal gnent, el caporion... quei vten com vol l!...  Da ment ma me... te fa com far io... :dagh le dimision e stagh a casa mia a guard la television... sensa dov chiap le gocc per durm...
(Giuseppe non fa altro che muovere le mani e far smorfie per manifestare la propria sorpresa dalle affermazioni dei due). 

1Uomo: S, mo en giust... Le gocc le dovria chiap l ! d ment !

2*Uomo: Te, ancora en capt... c' dla gent... che par nata... a posta, per f j imbroj !...

1Uomo: Io, quest, el capsc, mo quand se chied aiut, pi in alt, lor te dovrien st a sent!...  Se porti le prov, le documentasion...

Giuseppe: (Alpubblico) Anch' s'n false ?

1Uomo: Dovren f qual'co'... invec.  fann le orecchj da mercant !  Per lor... sempre tutt normal!...  Ce dovr essa el mod da faj lasc g !

2Uomo: S, mo ma me me sa ch' tutt 'na congrega !... e che n, sm j imbecill a credce!...  Ce vojne altre inisiativ... 'n antre spasi!...  Dovm/gambi partt, se vlm chiap qualch'c!...

Giuseppe: (Mentre i due escono di scena).  Questi, en n, el Gat e la Volp... questi n do' volp !

Anziano: Caro mio... el mond pien de volp !  Mo minga sol adess !  Io, en ce face manca pi cas... tant n'ho viste e sentt ! e p, a la mi' et... sa vo' ch' me frega ! (Alzando la voce) Fate vobis !

Giuseppe: E gi 'n'antra volta sa l'et!...

Anziano: S, perch s'en ne parle me ringiovanisc ! E' d'adess ch' dura sta ciofega ! '

Giuseppe: Mo io, ma v ve cnosc... Sa facevat... el falegnam per Valbona ?

Anziano: Pi che falegnam... tirav la cinta !

Giuseppe: Com saria ?

Anziano: 'n mod da d... per d ch' c'era poch da magn.  C'era 'na miseria nera eh' en te digh !  Atrech adess ! propi vera... chi c'ha '1 pan en c'ha i dent !  Quand er giovin c'avev i dent mo en c'avev el pan... adess c'ho el pan e di dent, sol el ricord.  Osia... i dent c'j ho... mo el pan en el poss magn... cl'atre en el digerisc !

Giuseppe: V, ma mi' padre, l'avet cnosciut ?  Se chiamava Vasinto, mo tutti de sopranome, el chiamaven Montas...

Anziano: Com no... faceva el fachn !  M'arcord ch'portava chle balle de carbon tla schina !  E stava tutt curve... era pcn de statura... mo c'aveva 'na forsa !  Mo te... saresti el fiol de Montas ? Mo te guarda che robba !... mo, tu' padre, morte ?

Giuseppe: d'adess ! sarann ormai vent'ann !

Anziano: Beata l ! ch'ha fnit da tribol !
(L'anziano interrompe il suo discorso e cerca nuovamente il fazzoletto colorato.  Due donne intanto stanno bisbigliando sulla destra estrema della scena.  Si avvicinano e la loro voce si fa udibile.  Giuseppe trincerato nella sua posizione di difesa anche se in compagnia del suo interlocutore). 

1 Donna: Guarda... io propi en m' l'aspetav... I vdev sempre insiem... pareven propi Giulietta e Romeo... e p, dop tre mes de matrimoni s'n separati !  Che robba!...  I genitor, poretti !

2 Donna: Sarann disprati ! Ognun ha 'rpres el propi fiol ?

1 Donna: Mo, la casa, l'apartament, l'aveven comprat insiem ?

2 Donna: 'Na robba acs!... Sti giovin ne fann veda de tutt i color !... e p, la madre de lia en sta manch tant bn... poretta !

1 Donna: Mo l'apartament, un comprar la part de cl'atre.

2 Donna: E i sold ? en n minga 'na stupidaggin ! minga i trovi tra la paja ? Gi avven fatt i sacrifici, facend un mutue ! C'aveven un po' da part... mo leva sensa metta se svta la sachetta... E te el s mej de me, eh' dacs...
(Breve silenzio)

1 Donna: Mo... en hann intension d'armetse insim ?  sa 'l temp, magari !...

2 Donna: Lia, purtina, en fa atre che piagna.  L, m'hann dett che cl' atre giorne, a casa di genitor, ha pres la tvaja e ha tirat gi tutt quell ch' c'era sopra el tavln.  En i spol d gnent ! E' nervos fraid !

1 Donna: Mo te guarda che lavor !... Mo qual' '1 motv ?  te se' gnent ?

2 Donna: L dic che lia c'ha ma 'n antre e lia dic che 1 c'ha ma 'n'antra !

1 Donna: El cervell fa di brutt schers !...
(Le due donne, arrivate all'altezza della panchina, osservano attentamente Giuseppe e per nulla l'anziano). 

1 Donna: Mo quell Pepn ?

2 Donna: E' l !  l !

1 Donna: Mo com' ch' sta dacs ?

2 Donna: Porett ! anca l gir via de testa !  Sar l'et !... Quant c' n' chi chiappa ste robb !
(Le due donne superano lentamente il nostro personaggio ed escono di scena non lasciando un solo istante lo sguardo verso Giuseppe). 

Giuseppe: (Rivolgendosi al pubblico) Mor da 'n colp ! Voi atre donne ma chi ve d la forsa da parl!... Sar posibbil che un va via de testa perch sta sitt e sta acs, com staggh io ? Ogg, propi en vol g !... Mo sa sm tutti matti ?
(Giuseppe agitato ma si trattiene, per pudore difronte al compagno occasionale di panchina al quale si rivolge con mosse e smorfie come per dire... il mondo va cos... ). 

Anziano: Io viv sol... caro mio... tir avanti sa i ricord !...

Giuseppe: Com' ... en ve st sposat ?

Anziano: S, s ch'me so' sposat... mo mi moj statta pi furba de me... gi partita e m'ha dett ch' m'aspetta malas... Lia sigur malas: ha fatt la lavandara e 'na mucchia d'ann gitta, estat e inverne ma i lavato a lave i pagn de ch atre... (Breve pausa)  Avm avut anch du fiol... un maschie e 'na femmina... Mi' fiol a Milan, ormai da quarant'ann.  sposat e c'ha tre fiol... La mi' fiola a Peser... Lia c'ha du bordei...

Giuseppe: (Alpubblico) Ardai !

Anziano: La mi' fiola vien s 'na volta a la stmana... mi fiol me telefona guasi tutt le ser... Io dovria, per faj st pi tranquilli: g tel ricover... mo... ma me, sol a pensacc, me vien la pell d'oca, me tira 'n po' el fiocch... capt co' ?

Giuseppe: Ho capit... ho capit tant ben !

Anziano: E p... per pagh el ricover dovra venda la casa e io en la voj venda perch vria che '1 mi' fiol arturnassa in Urbin...
(Il dialogo viene come sospeso in attesa, del passaggio di due uomini che entrano in scena).

Giuseppe: (Al pubblico) Un di d l'ho vist tant volt.  Ha da essa el pret de... com se chiama cla parocchia?...

1 Prete: Io, proprio, non gliela faccio pi... Ho bisogno di aiuto.  E' vero che la mia parrocchia non grande ma i fedeli sono anziani, hanno bisogno di conforto... e anche di aiuto materiale... Portarli dal medico, fare delle spese... m'impegnano molto.  I giovani partecipano pochissimo anche perch non ho il tempo di dedicarmi a loro... Le funzioni sono tante !  Siamo proprio pochi !

20 Prete: Ti ricordi quanti eravamo in seminario ? e che file lunghe formavamo, quando ci portavano a passeggio ? Le vocazioni sono calate... e per tutti noi veramente un calvario !
(I due superano la panchina ed escono di scena). 

Giuseppe: (Alpubblico)  Quei, manch c'hann vist ! Anca ma lor... a sent, en i va ben per gnent !  E' vera che de profesion, fann el lament, mo me sa che quel ch' diceven vera... I pret, en pochi un gran bel po' !

Anziano: E pens che quand er giovin... ma i pret che se cnosceven de pi da vicin i se diceva: "Va' l... ch' avt lette el libbre del tornacont !"

Giuseppe: Me sa ch'n gambiat molt robb... da i vostre temp !

Anziano: M'arcord quand da la campagna... i cuntadn arivaven scalsi portand le scarp a spindolon, legate sa 'n curdln, una d' l e una de qua del coll.  Le scarp le meteven sol per n tla cit.  Portaven, ma i lor padron, i poj, j ov, i frutt de stagion e p given tl'osteria da dov scapaven el pi dle volt ciucchi... Se per cas incontraven el lor padron ! era '1 finimond ! i padron i gridaven... i diceven da g a casa a lavor... La miseria era nera... Eravam ignoranti 'na gran mucchia!...  Pensa che io, che facev el falegnam, tla cita, so' git 'na volta tla banca per dmand 'n prestit... La banca en era com adess: c'eren s e no du tre impiegat !  Alora so' git dal diretor e j ho spiegat ch'avev bsogn d'un prestit... e l m'ha fatt: "Voi avete gi fatto operazioni?... "  E io... s... s.  'N ann fa so' git tl'ospedal a leve 'na gnocca ch' c'avev tla schina!...
L m'ha guardat sottocchj e dop d' na smorfia m'ha fatt 'n elench de tutt quel che vleva da me... Quand c'arpens... me dagh dl'imbecil!...
Quant er indietra ! Adess en so' tant avanti mo qualco' ho imparat !

Giuseppe: Mo, j artigian eren tutti poretti ?

Anziano: Io, de precis en el so mo me sa ch'eren pochi quei che galegiaven tl'or... se tirava avanti.  El magne era contat.  En parlm p di vestit e dle scarp !  Urbin era pien de sart e de calsular e le pess e i rinacc eren l'ordin del giorne.  El vestt bon era un e sempre quell... I fiol eren 'na mucchia e le scarp en c'eren per tutti e chi s'alsava prima le meteva...

Giuseppe: Mo tant... ce sar stat anch i ricch ?

Anziano: Che discors !  quest se sa... i ricch c'eren e com !  Eren ricchi per daver... Given via... m'arcord, fin da pcini, sa i guant bianch... spec le donn.  I fiol di ricch en giocaven mai sa i porett... C'era 'na bella division tra chi c'aveva e chi en c'aveva!...

Giuseppe: 'n mond... tutt fnit !

Anziano: E... s... 'n mond fnit... come me... Adess, pr, bsogna ch' vagh via... tard e sa la mi' andatura!...  'Na volta c'eren i pisciat, (alzando la voce) i vespasiani !  adess en ne trovi un manch se mori da 'n colp !
(L'anziano lentamente si alza, riprende la sua smilza e lunga borsa di plastica.  Giuseppe, gi in piedi, cerca, magari solo gesticolando, di aiutarlo, incoraggiarlo, posandogli una mano sulla spalla e accompagnandolo poi con lo sguardo fino all'uscita della scena per poi tornare a sedersi. 
Mentre Giuseppe ancora pensieroso e scosso ecco sopraggiungere, da dove uscito l'anziano, un uomo di sessanta settant 'anni)

Giuseppe: (Rivolto al pubblico) E quest chi ?  Perch vin da davanti e no da dietra com fann tutti per g ma '1 pustegg ?  Io, staggh stt... en ha da vol 'na mosca!...

L'Uomo: Mi scusi (Rivolgendosi a Giuseppe) buon uomo !

Giuseppe: (Al pubblico) Com far a sap che io so' bn ?... Che impostor !... quest sigur un gisvtt!...

L'Uomo: Mi scusi se sono inopportuno... ma voi siete di Urbino ?

Giuseppe: (Sempre al pubblico ) Chis perch me l' dmanda ?  En se vede ?  Vagga, com vagga, io, staggh stt. 

L'Uomo: (Andando proprio vicino al viso di Giuseppe).  Mi scusi... fatemi segno, almeno con il capo, se siete o no, di Urbino... Ma voi, siete di Urbino, siete di qui, o no ?

Giuseppe: (Non resiste... tace, ma afferma di essere di Urbino con un movimento del capo ). 

L'Uomo: Quest me fa propi piacer!  Oh !  che sospir !  fmalment !  n quarant'ann ch' so' gt via da Urbn!...   quarant'ann ch'aspett da pot parl el mi' dialett !

Giuseppe: (Lo guarda... accenna un sorriso ma non apre bocca). 

L'Uomo: Io parle, me sfogh in dialett... se v en c'avt l'us dla parola en i fa gnent... basta che ogni tant me fat segn... s o no... sa la testa... Va ben ?

Giuseppe: (Accenna un lento e lungo s, con il capo ). 

L'Uomo: Me poss metta a seda mach, vicn a v.

Giuseppe: (Di nuovo, con il capo, dice s). 

L'Uomo: Ve pott metta... ve pott gire ?
(Giuseppe si gira e i due si trovano rivolti verso gli spettatori ). 
V, en avt idea da quant temp asptt ste moment: a seda sa un ch' sa '1 mi' dialett !  la lingua de casa mia !  Per quarant'ann ho dovt sforsm a parl l'italian!...  Oh !  minga che io sia contra l'italian !  c' mancaria !  Mo parl '1 dialett, tutta 'n'antra robba !  E' tutt pi chiar !...

Giuseppe: (Rivolto al pubblico).  Quest... el dic l... l en sa 'sa m' sucess qualch mint fa sa 'l dialett!...

L'Uomo: Set d'acord sa me ?
(Giuseppe conferma con il capo e con il movimento di una mano accentuandone l'approvazione). 

L'Uomo: M'arcorder sempre quand la prima volta, tla cit, dov so' stat p quarant'ann, so' gt a compre mezz chil de fischion... La signora, dal bancon, m'ha guardt com se fossa nutt da Marte!...  "Cosa desidera signore ?" E io mal, com 'n imbecl... :"Vra mezz chil de fischion !" Lia me fa 'na smorfia e 'n gran sospr!...  Io en ho sapt risponda e so fugt dal negosi tutt ross com un pundor!...  (Avvicinandosi e rivolgendosi con premura a Giuseppe). 
Oh ! Guarda ! che se t'annoi... dill !

Giuseppe (Con un lento e grande movimento del capo dice no). 

L'Uomo: E' statta 'na condanna... credetme...
(Giuseppe oscilla il capo... : un s, incondizionato). 

L'Uomo: Poss d, pr, che Urbn en m' l'arcordv acs... e p en c' pi nisciun che cnoscev... un po' fors... perch en j arcnosc,  quarant'ann ! n quarant'ann !  n 'na mucchia !  So' gt tra ma 'l cimiter, ma le s ch' n'ho vist 'na mucchia !  C'n anch pi giovin de me !
(Giuseppe, conferma nuovamente con il movimento del capo). 

L'Uomo: En voj parl de ste robb brutt!...  Adess so' mach... sa un ch' me sa cap... ste moment el voj propi goda!...
(Mentre l'Uomo dice queste cose, entra in scena un signore, con macchina fotografica e borsello a tracolla e in mano alcuni depliant.  Questo signore, sicuramente turista, non fa altro che guardare intorno). 

L'Uomo: Finalment ! dop tant temp... poss f 'n po' d' ciataja.
(Il Signore di passaggio, ascolta e interviene rivolgendosi all'Uomo). 

Turista: Do not chat I !  I chat !  You speak English ?

Giuseppe:(Rivolgendosi al pubblico)  Ecco, ce sm 'n'antra volta !

L'Uomo: (Rivolgendosi al turista)  No, non parlo inglese...

Il Turista: I am sorry ! (ai em sori !) (Il turista, scusandosi, esce di scena)

Giuseppe: (Alpubblico)  E' gittaben... meno mal !

L'Uomo: (Come se quell'incontro non fosse avvenuto ).  Perch chi stat sempre mach en se rend cont de tutt quell ch' gambiat... Io en pensv sigur da veda tutt ste machin !  Urbn, vecchj, ugual de prima... da la cinta in s.  in bass tutt divers!...  Le machin!...  i negosi!...  la gent de tutt i color !  C' 'n moviment !
(Giuseppe fa sempre segno di approvazione con il capo). 

L'Uomo: Mo, j urbinat, quei d'Urbn, du n n sparitti ?
(Giuseppe con una mano fa segno, oscillandola... come se fosse un s e un no... un ni). 

L'Uomo: Ho vist la fontana, tla piassa, blna ! Tutt chi giovin a spargujon... sopra ch scaln... davanti la fermacia de Diani... quei n d'Urbn?
(Giuseppe, con un lento e largo movimento del capo, dice no). 

L'Uomo: Urbn, vecchj, tutt el lore ?  Ho girt, sotta '1 logiat... sotta l'orlogg... avr sentt... cinquanta dialett... o mej... cinquanta cadens... Oh ! s ia chiar !  io, en c'ho gnent, contrari!...  mo j urbinat... du n ?  Ce se armast te, e sensa voce ?

Giuseppe: (Alpubblico)  Quest, va a fn... ch' me fa 'rn la voc !  mo io tengh dur !

L'Uomo: M'arcord tutt ch grupp de donn a seda lungh i vigol ch' faceven el calst... le maj... e arcontaven i fatt... e p giocaven a le cart.  Che tempi, quei mal !  E tutt j artigian ch' rern per Valbona, per Lavagin, tun tutt le vie... Zagobello!...  E' tutt fnt !  Mercatal pien de machin!...  M'arcord... quell '1 temp de quand so' git via io: l'inaugurasion d 'na sala da ball, tel Mercatal... : "El lagh dle vergin !"... Acs, i maldicent, l'aveven subit chiamata !  E l'autorumba che niva tutt j ann, ma la gi a Mercatal ?  Era mej ch'en arnv!...  che almn continuav a sogn... arpens sempre ma ch temp!...

Giuseppe: (Alpubblico).  Me par da sent ma me... En li facc pi a ste stt... Io en parle mo lo en ved!

L'Uomo: A giugn, la purcision de San Crescentn, la fiera... ( Guarda Giuseppe e alza la voce ).  El giorne de San Crescentn, ha continuat tutt j ann a piovicich ? (Giuseppe, oscillando la testa, lo afferma). 

L'Uomo: M'arcord quand ma San Crescentn, ma la statua, j aveven fatt i ritocch sa le temper... e sotta l'acqua, porett, s' mess a piagna tutt colorat !  Che tempi !  E tutt le fest dla matricola ?... sa i carr, le cansonr sa tutt le parolacc... C'era '1 Duca Materasso... el pi vecchj de tutt j student....
D n gitti tutti ? D n tutt ch bordei ch'ren per i vigol e i viguln ?

Giuseppe: (Alpubblico).  Io, en li facc pi!...
( e con tono pacato e voce regolare, si rivolge all'Uomo). Sttme a sent, caro mio!...  Io n parle... mo v, me par, ch'en vdet !

L'Uomo: Mo alora, v parlat ?

Giuseppe: Parle s, e fatme continue a parl.  V dit che j urbint n fugitti !  Mo v, la gent ch' ma lagi, tla piassa... (e indica gli spettatori puntando l'indice) i vdt, o non i vdt ?  En sarnn tutti mal; j urbinat, mo v'asicur ch' c'n ancora anch' s'n a sparguion tun tutt le coln intorne... (alza la voce)  Tle cas nv !

L'Uomo: Ve voj d che so emosionat... me vien da piagna... sentv a parl... '1 dialett !

Giuseppe: Fatme continue...

L'Uomo: Durat, fin ch' ve par!...  basta ch' parlat el dialett !

Giuseppe: Mo, scusatme tant, v sa vlevat, che n armanevam com quarant'ann fa ? E sa sm le mummie ?  Le machin c'n, vera... e c' anch' un gran casin ! Mo sa co' dovevm continue: sa la biga, el birocc o la bicicletta ?
E magari, i pi fortunat, sa la Vespa... la Lambretta o qualch cinq'cent ?  Dovevm st tle cas... sensa sol ?

L'Uomo: No, no... quest!...  ce mancaria !  Mo io pensav d'artrov molt urbinat... veda i bordei per i vigol e sentii a litigh in dialett.  Invec c'n sol le artumobil e manch un bordell... E' com tun tutt clatre cit !

Giuseppe: (Guardandosi intorno)  I bordei en c'n, perch stann tun casa a gioch sa '1 compiuter o a guard la television !

L'Uomo: El dialett, che fin ha fatt ?  I bordei, s'hann guardat la television?...  mal c' sol l'italian... sa 'n po' de romanesch... d'ingles... e 'na mucchia d'parolacc !

Giuseppe: Statve bon, ch' c' chi ce pensa... E nata a Urbn 'n' asociasion, me par ch' se chiama... Pro Urbin... che organizza concors per chi scriv in dialett le poesie, i racont.  C'n diversi ator che reciten sol in dialett ! C' chi arcoj i proverbi, chi scriv le robb per el teatre... L'universit... c'ha propi 'n rm per mantiena viv el dialett !
(Le parole di Giuseppe vengono interrotte da della musica.  E' entrato in scena, da destra, un giovane con una radio in spalla e si sente cantare Duccio, una delle sue canzoni.  Il giovane, accompagnando con il corpo il ritmo della canzone, attraversa tutta la scena ed esce, meravigliando i nostri due protagonisti, in particolare, l'Uomo). 

L'Uomo: Quest propi en m' l'aspetav !  Fischia nonna !  E' bella da rida !  sent che aria ch' c'ha ! Mo, stmm a sent... d fann sti spetacol s'el teatre tutt rott ?

Giuseppe: Era rott quand st gt via v... adess, dovet veda com ben mess ! L'hann arcmidat... bell ch' fa voja !

L'Uomo: Se chiama sempre... Teatro Sansio ?  E' sempre ma le d era prima ?

Giuseppe: E no, chis !

L'Uomo: Perch, quand c'er io, diceven che 1' vlevn but gi perch era brutt, davanti i Turicn... Ansi, m'arcord, ch' c'ren di profesor dla Scola del Libbre, che quand disegnaven i Turicn, el teatre, en el meteven per gnent, perch i pareva brutt...

Giuseppe: V, set grand come me... e ve saret acort... che le mod cambien... e acs da brutt che pareva cla volta, hann incminciat a d ch' poteva g... e alora !

L'Uomo: Io, del bell o del brutt... en discut... pr ch' sia ancora mal so' content... Dop dla guerra, tel teatre, ma le fest ce given le famj inter.  Io, ce so' gt, sa i mi' genitor a bal... Faceven i veglion... M'arcord che 'na volta, per f rida... in sett ott s'n messi a magne tel palch, i spaghett dentra j urinal !  Arpensacc.  ancora me fa rida !  perch a la fin, ch urinal, j hann mss anca tla testa !...  Una volta en c'era gnent e se rideva sa gnent !

Giuseppe: Mo, ch urinal... ren pulitti ?

L'uomo: Lor diceven de no.  Diceven ch'aveven portat ognun el lor... e per quest, tra le donn, c' stat, dal schif, anch qualch strangulon... Mo i giorne dop, s' saput.  che j urinal, ren novi de zecca !

Giuseppe: Vlv propi... veda !

L'Uomo: Sti ricord me s'amuchien tel cervell... n velati com da 'na ragnatela... mo n tutti mal... n vivi e i poss but fori... arcontaj... sol in dialett.  (Si rivolge a Giuseppe guardandolo negli occhi).  Stt a sent ! Alora me garantt, ch'el dialett en spart ? e sol nascost ?

Giuseppe: En , n spart, n nascost ! Ogg, che giorne ?

L'Uomo: Ogg... giovd. 

Giuseppe: Alora, saabbot, ce vedm tla piassa, sotta l'orlogg, vers le ott de sera...
V, ce pott essa a cl'ora ?

L'Uomo: Pens de s... mo sa dev n a f ?

Giuseppe: Gm insiem a teatre, propi tel teatro Sansio.  Sabbot c' 'na recita... tutta in dialett... e chis, che v en pott incontr un ch' v'arcnosc !  e acs potrt st in pac !... e vedrt ch'el vostre mond en spart... Adess, dm (Rivolgendosi verso il pubblico ) 'na guardata tla piassa, per veda ch c'ha la testa pi grossa.... (Guardano, scrutando fra il pubblico)  e p gm via... ch's' fatt tard ! (I due si dirigono verso l'uscita e nel momento che stanno realmente uscendo) Oh !... prima de lasciac me dirt el vostre nom ?

 

FINE

 

 

 

 

 

 

EL COMPLEANN DEL DUCA

Commedia rinascimentale

Duccio Alessandro Marchi

 

     (tre ragazzine stanno giocando a "Uno due tre stella" in piazza, sullo sfondo c' il palazzo ducale..)

 

LINA  Rina, oh Rina, sa f?  T'ha pres 'na paralis?

NINA  En paralisata...   s' incantata gitta in estasi...  el ved?  St passand Raffailin sa 'l su' ba, van so' sigur ma 'l palass ducal...

LINA  Embeh?  Com' ch' i fa brutt d'acs..

NINA  Vria veda ma te... innamorata persa, purtina...

LINA  E l?

NINA  Se... anca te!  E' tropp pres sa le su' facend... disegna tutt'al giorne... en s' manca accort de lia... cert che propri un bel ragass chel Raffailin eh?

RINA  (si risveglia e sospira... ) bell e brav... dighen tutti che diventer 'n artista famos in tutt'el mond...

NINA   vera... l'ho sentit a d anca io... m'ha dett la mi' mama che mezza parent sa la su' ma' per cont d'una cugina de ters o quart grad, che el Duca Federico da gi j ha comprat un bel po' de quadri... j ha fatt f el su' ritratt... quel dla su' moj...

RINA  el s el s... d'acs brav... che pensa ... l'ha chiamat anca el Papa... a Roma...

LINA  'I vol d la benedision?

NINA  Stupitina... per pittur le stans ma 'l vatican... no?

RINA  E gi... en el se?  E' specialsat t'i sant... t'i sant e... tle madonn... el vojne d'impertutt... a pittur le chies... i palass... sol che... (rivolta a Rina) da ment cuchina... mej che te l' cavi dalla testa un d'acs... abituat tropp ben: duchesse... principesse... cortigiane... ma quelle come n en 'i guarda manca...

LINA  Ved che set informate ben tutt'e due de ste ragass... sapet tutt eh?  Vita mort e miracol... pr ce schmett... en sapet 'na roba importanta...

RINA  Saria?

LINA  Che Raffailin cuchine ma me 'n bel pess che m'ha puntat... me fa 'na pistariccia tutt'intorne...

NINA Se... ma te... lascia g val... pistariccia... en f la papulona com al tu' solit...

LINA  Papulone saret v... papulone e invidiose...

RINA  Allora sentim un po'... sa vria da te ste Raffailin?

LINA   da tant che m'immatisc per famm un bel ritratt...

NINA Ma te?!

LINA  Se ma me, ma me... ha dett che una dacs blina en l'ha mai vista da nessuna part del mond... e p tant se saio so' la piu bella d'Urbin... el dighen tutti...

RINA  Sentit tutti che svansica...

NINA  Pensa d'avella sol lia... sentim un po'... madunina d'cocc... allora perch se l te pastura... en el f ste ritratt... en se sa mai... se i piacci d'acs tant potria essa che te fidansi sa l... da tant che cerchi el ragass...

RINA  Te carina f la fin dla Mariarosa...

NINA  Che tutti la vogliono... ma nessuna la sposa... (Rina e Nina ridono come per prenderla in giro)

LINA  Brutte sfaciate... allora... prim Raffailin en me piac, en el mi' tip...

RINA  Perch sa ch'i manca?

LINA  Gnent mo en c' mai... tropp girandulon... Perugia... Firense... Roma...

NINA  Te scarti grass cocca... en te sta mai ben gnent, mo arcordet ben che scarta scarta... arman la carta...

RINA  Carta canta villan dorme...

NINA  E chi dorme non piglia i pesci...

LINA  E sa centra?

RINA  Sa centra?  T'accorgi quand armani sensa el pesc cio zitella...

LINA  Zitelle armarret v che set brutte e disgustose... e p...

RINA  E p... sa c'?

LINA  E p voi essa sincera... s' fossa per me, me l' faria anca f el ritratt, mo el mi' ba' en vol assolutament...

NINA  Perch?

LINA  Perch se dic che ste Raffailin un gran birichin... sa la scusa del ritratt... va ha fn sempre mal... e p Raffailin en liber... m'hann dett che a Roma c'ha un mess filarin sa 'na bordella che lavora da un fornar... com s'chiama gi?  La Fornarina... j ha promess che la porta sa l mach in Urbin per apr un bel ristorant... da gi ha comprat i local... mal dacima a Valbona...

RINA  Basta val sa tutt ste fregnacc... gambiam gioch...

NINA  S dai... giocam a campana... c'ho el gess per f i segn per terra...

 

MUSICA

 

(le tre ragazzine riprendono a giocare e di l a poco,passa il banditore di corte... )

 

BANDITORE  (rullo di tamburi)  Popolo tutto d'Urbino... dell'urbe e del contado... (rullo di tamburi) lo nostro reverendissimo et amatissimo Duca Federico domani compie gli anni... et per tanto si terranno in tutto il ducato bellissimi et grandissimi festeggiamenti (rullo di tamburi).  Per la nobilt tutta quale conti contesse, duchi, duchesse, cavalieri, cortigiani, cardinali e compagnia bella ma 'l palass ducal... dove ci sar un gran ballo con i migliori musici del momento et un grande banchetto... (rullo di tamburi).  Per gli altri sudditi tutti ma 'l Mercatal... tutt vin e pesc fritt... porchetta a volont fin a notte fonda... le danse lutteranno passata mezzanotte... allieter la serata la famosa orchestra L'allegra brigata... intervenite numerosi... (esce)

NINA  Iezzo!  Avet sentit c' la festa da ball ma 'l Mercatal... com so' contenta!

RINA  Ann ce so' stata, me so' divertita 'na mucchia... la gent c'era... c'era tutt Urbin... e anca 'na mucchia de bordei... ce gim?

NINA  Che domand... ce gim ... ce gim s !  un ann ch' aspett sta festa... la mi' ma' m'ha fnit da cucia propri ier un vestit nov... se vedi l' bell... te Lina vieni?

LINA  Valaa... ma 'l Mercatal ce girt v... quella en roba per me... io ho altre imbisioni... el sapet sa ve digh?  v git ma 'l Mercatal dmana sera... io vagh direttament a la festa ma 'l palass ducal... mal s che poss trov el tip che fa per me...

RINA  Poretta me... te te se immatita... mica te fann entr malas... quella la festa per i signor... e te s'en me sbaj... si' poretta come n...

NINA  E p... anca se li facessi a entr ... dop com f?  En c' un vestit per el vers... parli sol el dialett.

RINA  E malas invec parlen... el latin... l'italian... insomma t'arcnoschen subit... e te schiaffen in galera... altre che marit...

NINA  Da ment... en f la stupidina che ve a fn ti casin grossi... vieni sa n... ce divertim sigur...

LINA  En ve preoccupat per me che mica dorm... niria anca sa v ma... en poss perda st'occasion... el sent... Malas ma 'l palass ducal trover l'om dla mi' vita... un sgnor ... un cavalier... un cont... insomma un bel ragass... bell e bon... un sa 'na gran mucchia de sold... che me sposar e me portar t'un castell... servita e riverita com 'na principessa...

RINA  Te sogni cocca... vara ch' el principin azzurr en esist...

NINA  E se esistessa en niria propri da te... mach in Urbin...

RINA   vera vera com fa a n in Urbin che en c' 'na strada fatta per el vers...

LINA  Sa ne sapet v?  Lasciat f ma m... tla vita tocca punt in alt... e p io... c'ho anca le conoscens per entr tun cla festa...

RINA  Com saria?

LINA  Me far aiut dal mi' sio... Claudius... l ha lavrat 'na mucchia de temp a la cort del duca come infermier... adess in pension mo ancora un che conta ... e p birb... svelt com la polvra...

RINA   matt com un cavall... st' atenta Lina da ment en te cacc t'i guai...

LINA  V' l'ho gi dett... en v'avet da preoccup... git pur alla festa di purett... e divertitve... io vagh ma quella di signor... ce vdem passat dman... dop v'arcont...

 

MUSICA

 

LINA  Donca... b'sogna che tir via... en c'ho tant temp... ho da g a cerch chel farambulan del mi' si'... cert en sar facil a convincia un sfadigat com l a dass da f... pr c' la poss f... i far un p de noia... en me pol di de no... sigurament t'un casa ancora dorm... capiret sempre in gir fin a nott fonda... (guarda in alto verso la finestra) sio!  sio!  o sio!

CLAUDIUS chi ?  Chi me vol a st'ora dacs prest?  Ancora en ha cantat manca el gall...

LINA  Ormai hann cantat anca le gallin... l'una e mezzasio so' la Lina

CLAUDIUS  Chi?

LINA  La Lina... la tu' nipota... com' en m'arcnosci?

CLAUDIUS  Ah se... adess arriv... (scende in strada) chi te manda cla disgrasiata dla mi' sorella?  En i poss prest manch un baiocch eh?... So' in bancarotta... e p ancora m'ha da ard ducent scud che 'i ho prestat du ann fa... perci... aria.

LINA  Dai gi sio en f el rustic com al tu' solit... en pens sempre ma i scud... so' nutta acs per nit a trov... un bel pess che en ce vedem ...

CLAUDIUS   vera propri un bel pessen t'avev manca arcnosciut... fatt veda com si cresciuta... ostia che bella bordella si' dventata... ormai si' quasi da marit...

LINA  Ecch... l'ho sempre dett che se' svelt... capit subit al vol... propri per quest che te so' nutta a trov... per via del marit...

CLAUDIUS  El marit de chi... dla mi sorella?  En voj sap gnent el se'... sa 'l mi cognat en so' mai gitt d'accord...

LINA  No, sio, el marit mia... quel ch' ho da trov...

CLAUDIUS  E io sa centre?  Bella com si' chiss i bordei che te farann el fil... en avr sigur bsogn de me che te fassa da ruffian... e p quell un mestier che ormai da tant che en el facc pi... so' gitt in pension... come infermier e come ruffian...

LINA  Ascolta sio... en me devi aruffian sa nessun... me devi solament port sa te o almen famm entr dmana sera a la festa del Duca ma 'l palass ducal...

CLAUDIUS  Mo sa dici?  E' impossibil... malas en s'entra... tocca essa un nobil... minim cont... o cavalier... mica infermier...

LINA  Embeh?  Me far entr a bughetta... c' tanti amici malas...

CLAUDIUS  Sta' a sent bordella me v metta t'i guai?  Sa te se messa in testa?  Se te v divert, va alla festa ma 'l Mercatal... malas en roba per te...

LINA  En vera... sio... so' sigura che malas trover marit... bella come me en c' n' tante in gir... famm entr tel palass... al rest ce pensar io... e quand sar diventata nobil e ricca sfonda m'arcordar anca de te...

CLAUDIUS  Allora magn!  En poss... voj pass 'na vecchiaia tranquilla... te salut... (accenna ad andarsene), salutme la tu' ma' e armetti in ment ch ducent scud...

LINA  Sa f ve via?  En te vergogni per gnent a non aiut l'unica nipota che c'... dai sio en f l'ignorant... ho bsogn de te... e p tant se non m'aiuti far da sola e dop te dovrann disturb n'altra volta per cavamm dai guai... perci tant val che m'aiuti subit...

CLAUDIUS  C' ragion anca te... pr com facc p'r aiutat en me vien in ment gnent...

LINA  Ce vol la tu' furbissia...

CLAUDIUS  Altre che furbissia mach tocca propri scomod la magia...

LINA  La magia?  La Magia Ciarla?  Tel sens dla madre de Raffaell?  No... Raffaell en m'interessa...

CLAUDIUS  No la Magia Ciarla... la magia nera... tel sens da f 'na roba impusibbil quasi un miracolo... insomma tel senso della Brussolona...

LINA  La Brussolona?  Chi cla vecchiaccia brutta com un colp che st vers San Pol?

CLAUDIUS  Propri...

LINA  Mo io mica c'ho el malocchj o qualca fattura...

CLAUDIUS  Quest en s'pol sap... ce l' pol d sol lia..., la Brussolona, e ce dir anca com avem da f per risolva el nostre problema...

LINA  Brav sio... (lo abbraccia e gli d un bacio) el sapev che m'avresti aiutat...

CLAUDIUS  Lascia g sa tutt sti compliment... en c'avem mica el temp da perda... gim...

 

MUSICA

 

(Lina e Claudius giungono sotto il portone della Brussolona)

LINA  Dai sio bussa sa c' paura?

CLAUDIUS  Insomma... devi sap che sta tipa trista impestata se i gira stort bona anca da fatt 'na fattura a mort... all'istant...

LINA  Mo 'na tu amica... sa te en pol essa acs trista...

CLAUDIUS  'Na mi amica... 'i ho fatt le puntur trent'ann fa quand c'aveva 'i abet... chiss se s'arcorda manca pi...

LINA  'I abet?  Mo te facevi l'infermier o el giardinier?

CLAUDIUS  Ignoranta!  I abet saria 'na malattia...

LINA  Ah scusa... sa ne so en so' pratica di malann... dai bussa...

 

(Claudius bussa due volte)

 

BRUSSOLONA  Chi ?  Chi vien a rompa i cojon?

CLAUDIUS  Signora Brussolona s'arcorda de me?  so' Claudius, l'infermier...

BRUSSOLONA  Sa v?  Chi t'ha chiamat... en ho bsogn... st ben... va via alla svelta... sinonca te scaje el malocch...

CLAUDIUS  (rivolto a Lina)  Me sa che ogg en giornata... (rivolto alla Brussolona)  El so che en avet bsogn de me signora Brussolona... en sia mai!  so' io che ho bsogn...

BRUSSOLONA  C' i scud per pagh?

CLAUDIUS  (rivolto a Lina)  C' i scud per pagh?

LINA  No... m' i presti te... dop t' i ardaggh...

CLAUDIUS  Se com la tu' madraccia... (rivolto alla Brussolona) certo che ce li ho...

BRUSSOLONA  Allora aspetta e non rompa i cojon c'ho da f un attim...

 

(dopo un po' esce dal portone una donna che piange... )

 

CLAUDIUS  Perch piangete brava donna?

DONNA  Perch la Brussolona m'ha dett che el mi' marit me mett 'i corne sa cla strega dla mi' vicina de casa...

CLAUDIUS  Embeh?  En v'ha dat un rimedi?

DONNA  Se... m'ha dat sta polverina... j l'ho da metta tel caff...

CLAUDIUS  Fat veda (legge la scritta nel sacchetto... ), arsennich !

DONNA  Sa dit, funsionar?

CLAUDIUS  Avet fed ... funsionar sigur... el vostre marit en ve metter pi i corne...

DONNA  Grasie... (esce di scena tutta contenta).

LINA  Mo sio sa l'arsennic morir...

CLAUDIUS  T' l'ho dett che sta Brussolona trista... lia la solusion la trova sempre ... dop tocca veda le conseguense... tocca essa svelti a daj l'interpretasion giusta... mo en te preoccup... sa me se' in t'una bott de ferr, anca io so' mezz del mestier...

LINA  Fortuna te!

CLAUDIUS  Eccla ch' ariva...

LINA  Iezzo l' brutta... f spavent...

CLAUDIUS  Sssss!  En te f sent...

BRUSSOLONA  Ecchme... sa vlet?

CLAUDIUS  Allora, signora Brussolona, questa la mi' nipota... e c'ha un problema... en ha ancora trovat el ragass...

BRUSSOLONA  Insomma saria singol...

CLAUDIUS  Singol?  E sa saria?

BRUSSOLONA   un mod da di' ingles... ancora da n en s' usa ma siccom io ved el futur so gi che fra quattre, cinquecent ann anca da n per di caffa o zitella s'user ste mod de d... Burdella,  famm veda la man.
(Lina allunga la mano... )

BRUSSOLONA  Me dispiac en la poss leggia... en vegg ben...
(Claudius tira fuori una banconota e la mette in mano a Lina)

BRUSSOLONA  Ah ecch... adess s... tutt pi chiar... non veggo segni di fattura alcuna...
(Lina fa un sospiro di sollievo)

BRUSSOLONA  Pr sta bordella anca se d'acs bella... per trov el marit ha bsogn da g in t'un post... un post d en facil a entr per gnent e in pi... se en ce riesc..., armarr per sempre sola e infelic...

LINA   sentit sio?  Anca la signora Brussolona l'ha dett... en voj armana sola e infelic...

CLAUDIUS  Ho sentit... allora signora Brussolona el punt quest: sta bordella dmana sera ha da entr alla festa del Duca ma 'l palass ducal... el su' ragass mal ch' l'aspetta...

BRUSSOLONA  Ah 'na paja a falla entr ... v me chiedet un miracol e i miracol... costen car...

CLAUDIUS  Fat el miracol... intant ve daggh l'anticip... (gli da altri soldi)

LINA  Grasie, sio...

CLAUDIUS  (rivolto a Lina)  Tun sta faccenda ce voj g a fond ... dop farem tutt' un cont sa la tu' ma'... allora sa tocca f?

BRUSSOLONA  Donca, tutt quel poss f trasformavv...: ma lia in t'una nobil contessa... e ma te al massim tel su' cocchier... s' tropp brutt cocch... en poss f de pi...

LINA  Va ben, va ben c'accontentam... vol d che te sio m'accompagni e p m'aspetti all'uscita...

BRUSSOLONA  Donca... questa la polverina magica(tira fuori un sacchetto) git a casa e butattne un po' ti vostre vestit... dop un ora saret trasformati e pronti per la festa... per...

CLAUDIUS E LINA  Per?

BRUSSOLONA  Prim..., l'incantesim fnisc a mezzanott... scond..., en avet da parl, perch la voc en se traforma... perc scappa dall'anima e non dal corp... allora sitti e mosca... che se ve sentisser a parl com adess, in dialett, ve scoprirann subit...  Toh!  Chiappat ste sachett e... m'arcmand... arportatme i sold c'ho d'av... alla svelta eh?  Sinonca, massim un ms e sarete tutti e d ma San Bernardin...

CLAUDIUS  En ve preoccupat (fa gli congiuri) arrivederci e grassie...
(escono tutti e tre di scena)

 

 

MUSICA

 

( rientrano in scena Lina e Claudius con i vestiti nuovi pronti per entrare a palazzo)

CLAUDIUS  Ostia, si blina!... sa chel vestit sembri propi 'na principessa...

LINA  Grasie, sio... anca te ste ben d'acs tutt'armulit... se te vdessa la pora sia...

CLAUDIUS  Eh... pac all'anima sua... allora m'arcmand, eh?  Fa parl ma me che qualca parola d'italian la s... te devi st sempre sitta... ansi fa finta da essa muta... la contessina muta ... e p soprattutt a messanott men dieci, al massim, scappa... io so' mach che t'aspett...

LINA  Va ben, sio, en te preoccup...

(sul portone del palazzo ducale ci sono due guardie del duca)

GUARDIA  Avanti ben arrivati alla festa del duca.  Chi dvem annunc?

CLAUDIUS  Questa la contessina muta de ... Sguaraguai e io so' el su' cocchier...

GUARDIA  Sguaraguai?  Du saria st post...

CLAUDIUS  All'estero.  Vicin al Dubai... uno stato dove si chiappano delle gran inc..., fregature...

ALTRA GUARDIA  E la carossa d l'avet?

CLAUDIUS  L'avem parcheggiata davanti al dom...

GUARDIA  (rivolto a Lina)  L'invit l'avet...

CLAUDIUS  En 'i fat le domand... en pol risponda... muta...

ALTRA GUARDIA  Ah scusat... en ce fat cas ... el mi collega un gran maleducat... fat entr la contessina ... d'acs blina che saria un pcat lascialla fora... e p se ved che nobil... se capisc dalla su' bllessa e dal su' portament...

ALTRA GUARDIA  Avanti... entrat pur contessina...

(Lina saluta con un cenno della mano Claudius ed entra dentro il Palazzo... )

CLAUDIUS   gitta ben... entr entrataadess far lia... io approfitt dl'occasion... un vestit dacs bell en l'ho mai avut... potria trov anca qualca sposina giovina che m' la dia... so' stuf da f el vedov...

GUARDIA  Oh!  Ma te mal... cocchier... sposta la carossa da davanti el dom... en s' pol parcheggi mal... el vescov s'incassa...

CLAUDIUS  La sposto subito signora guardia... pr in Urbin du n i parchegg?...

GUARDIA   vera, pr st' altr'ann sar pront un gran parchegg a sei piani ma la porta di Santa... Lucia...

CLAUDIUS  Se... campa cavall...

 

MUSICA

 

CLAUDIUS  Ancora saria prest... le undici e un quart... pr so' nut per temp... so' curios da sap com 'i gitta ma c'la bordella...

LINA  ( nascosta dietro un angolo della piazza)  Sio... sio... so' maqu

CLAUDIUS  Oh!  Da gi se scappata... en m' l'aspettav dacs prest... en te divertivi?  Com' gitta?  Racconta dai so' curios... trovat el ragass...

LINA  Ssss... sta sitt sio... parla pian... so' dovuta scapp... e adess so' ricercata dalle guardie del duca...

CLAUDIUS  Porca vigliacca!  T'hann scopert... com' te se messa a parl?

LINA  No sio... el fatt che... adess t'arcont... allora... com so' arrivata er d'acs bella che tutti me chiedeven da ball... mo io en accettav... stav tle mie... e soprattutt stav sitta...

CLAUDIUS  Allora en mai ballat... en te s' divertita per gnent...

LINA  No... ansi ho ballat anca tropp... perch a un cert punt nut oltra un bel cavallier... alt biond... sa i occhi assurri com el ciel i capei biondi sa i boccol com le ond del mar... gentil... educat...

CLAUDIUS  Ho capit... te se innamorata...

LINA  En che me so' innamorata... er dagi innamorata de l... ho capit subit che se trattava dl'om d'la mi' vita...

CLAUDIUS  Allora?  Sa c'... en se contenta?

LINA  Da na part se... pr...

CLAUDIUS  Pr?  Sa ch' success?

LINA   success che el Duca... anca l s' invaghit de m... e m' ha c'minciat a punt...

CLAUDIUS  E te?

LINA  Ho fatt finta de gnent... lo pr diventava sempre pi insistent e a un cert punt...

CLAUDIUS  Sa ch' success?

LINA   success che m'ha mandat a d da un su' servitor che el Duca s'era innamorat de me e m'aspettava dop mezzanot tla su' alcova... io adess en so de precis sa saria st' alcova... mo ste nom en me squadrava tant...

CLAUDIUS  Porca paletta un bel lavor... el se com' la legg?  El Duca padron de tutti n e pol fa val in ogni momento su tutte le donne del suo ducato...:  ius primae noctis..., la legg dla prima nott.

LINA  Sa vria d?

CLAUDIUS  Vria d che l te pol sgh prima di qualsiasi altro... in quanto che tu sei sua propriet...

LINA  Oh Dio, sio... aiut'me te ... en ce voj g sa un brutt acs... fa paura sol a guardall c'ha sol un occh... el nas tutt stort... e po' vecchj...

CLAUDIUS  El so... brutt e vecchj... pr te dar un sacch de scud e te potria fe divent una dama di corte... fossi in te ce pensaria...

LINA  Manch per sogn!  Mica so' 'na cortigiana o, puriment, una putana... E p io so' innamorata de chel bel ragass che t'ho dett... en poss f na roba dacs... per intant so' fugitta... tra poch fnisc l'incantesim dla Brussolona e artorner normal... preferisch a perda l'amor ansich l'onor...

CLAUDIUS  Brava... c' ragion fuggim... podarsi che el duca dman en s'arcorda pi de te e chi s' vist, s' vist...

LINA  Speram... se no el se' sa te diggh... piutost che g sa l, m'amass..., me but gi dal torion...

CLAUDIUS  Val ... en el d manca per schers... 'na solusion la troverem, no?

Semai argim a disturb ma la Brussolona... (escono)

 

MUSICA

 

(Rina,Nina e la Brussolona stanno parlando tra loro)

 

BRUSSOLONA  No, bordelle, en poss f gnent... Mal s'aferma anca el poter dla magia... l'avev avvisat ma chel matt d'infermier... l'hann arcnosciut e l'hann arrestat... l'unica solusion che cla bordella se mett el cor in pac e va s dal duca... t' l'alcova... capiret sa v ch'sia... io l'ho data via tant volt per sensa gnent... almen lia... avr i su' vantagg...

NINA  Mo tant ce sar un mod... me sembra impossibil... che sta storia ha da g a fn acs mal...

RINA  'I avev dett io che giva a fn t'i guai... sa tutt i grill c'ha sempre avut t'la testa... voj spos un ricch... voj divent nobil... tocca puntare in alto...

NINA  Sta sitta... en serv a gnent a f ste predich... quel serv trov 'na solusion e alla svelta...

BRUSSOLONA   'na paja!...

 

(mentre le tre donne parlano passa di nuovo il banditore di corte)

 

BANDITORE  (rullo di tamburi)  Popolo di Urbino... il Duca di Urbino nostro signore... s' ammalato... gli ha preso un esaurimento della madonna... in quanto che s innamorato perso della contessina muta di Sguaraguai, la quale per lo rifiuta e si nasconde non si sa dove...
(rullo di tamburi)  Chiunque la conosca e sappia dove si nasconde... le faccia sapere che se entro domani a mezzogiorno non si presenter spontaneamente al palazzo ducale... il suo zio Claudius, l'infermiere, verr impiccato.  Cos stato deciso dal tribunale del duca...
(rullo di tamburie il banditore si ritira).

BRUSSOLONA  Sentit... ormai en c' gnent da f... 'i tocca gi s se vol salv el su' sio... git a cercalla e convincetla... en mica giust che l porett c'armett la pell per le zirle dla su' nipota...

RINA   vera... en giust... gim a cercalla...

NINA  Gim... a st punt sol un att de clemensa del duca potria salv capra e cavol...

BRUSSOLONA  El so... mo en facil... ce vria qualcun influent che 'i chieda la grassia... qualcun che cnosca direttament el duca... 'na paia!

NINA  Te en cnosci nisciun?

BRUSSOLONA  Io s ... 'na volta cnoscev un nobil... un certo Baldassar Cas... coglione un fissat sa tutt ch salamelecch... era un mi' client, mo git a st a Ferrara...

NINA  Uh!  Che pcat...

RINA  Trovat!

NINA  Chi?

RINA  Raffailin... sol l ce pol salv... t'arcordi cla faccenda del ritratt?

NINA   vera... brava, bella trovata... gim da Raffailin...

BRUSSOLONA  Raffaell, chi el pittor?  Sa c'entra?

RINA   troppa longa da spiegh avem da g... tocca tir via Raffailin dman va a Roma... dop addio fichi!

BRUSSOLONA  Git bordelle... toh ... ve dagh ste portafortuna (tira fuori dalla sottana un corno) n'avret propi bsogn...

LINA  Grassie ... allora en vera st dacs trista com se dic...

BRUSSOLONA  Git... git alla svelta...

 

 

MUSICA

 

 

(Raffaello sta dipingendo col cavalletto e la tavolozza il ritratto di Lina)

 

RAFFAELLO  Se me vien fora un ritratt bell una met de com si bella te... facc un opera d'art che fra mille ann ancora... farann la fila per 'nilla a veda... in Urbin...

LINA  Te ringrassi per i compliment Raffaell, ma io c'ho 'na certa fretta... d'man ma 'l mi' sio, 'i vojne tir el coll e tutt per colpa mia...

RAFFAELLO  Cercar da parlacc io sa 'l duca... en trist... solament quand s'impunta specialment ... per una donna... el s com sm fatti n omini...

LINA  S, el so st fatti sa 'l sighett...
Oh!  se propi en el p convincia far un sacrifici... e gir so io...

RAFFAELLO  E no, scusa... se l' da dalla ma 'l duca allora tant val che prima m' la d ma me...

LINA  Brutt sporcaccion, mo sa dici?  Bada a disegn...
fatt?

RAFFAELLO  Ho da f un capolavor o un sprocch?  Lascia g da f la gnorgna... sta ferma... immobil... e non parl... sinonca com facc a disegn... la muta?  Ansi fa 'na roba te potresti anca spoj 'na mulicca... un bel pett fa sempre el su' effett...

LINA  Val... en ce pens manca... gi el mi ba' se me ved mach cmassa ma tutt'e d... pensa se me ved mezza nuda...

RAFFAELLO  Toh !  vien a veda che bella roba vien fora 'i voj metta el titol... Ritratto di gentil donna... el port sa me a Roma... sigur qualch signor oppure el Papa stess me l' compren subitt... com' el vedne...

LINA  Saria contenta per te... pr la roba che me prem de pi... salv el mi' sio...

RAFFAELLO  El salvarem... el s sa voj f ste quadre d'acs bell che 'l voj regal ma 'l duca... a baratt dla vita del tu' sio...

LINA  Bella idea... dici ce star?

RAFFAELLO  En el so... ma l'unica solusion, l propri fissat sa i quadre...

LINA  Speram... allora fatt?

RAFFAELLO  Secch ... vara che lavor.

LINA  (guarda il quadro)  Ostia si brav ... mo chi t' ha imparat a disegn dacs ben...

RAFFAELLO  El mi' ba'... e p anca el mi' maestre... un ch' abita a Perugia...

LINA  D fann la cicolata... ?

RAFFAELLO  S sda quand chel genoves... com s'chiama gi... Cristoforo Colombo  l'arportata dall'America... dic che la gent per compralla fa la coda...

LINA  Se v a Perugia m' n'arporti un pesstin?

RAFFAELLO  Me d un bacin?

LINA  Se toh!  (gli da un bacino)

RAFFAELLO  Un bacio perugina...

LINA  Sa vol d?

RAFFAELLO  Boh!  M' nutt d'acs...

LINA  Te se' matt...

RAFFAELLO  N artisti sm tutti un po' spostati... dacs riuscim a veda sempre avanti...

LINA  Dai, tira via va s... s' fatt tardi...

RAFFAELLO  Vagh vaggh... che prescia...

 

MUSICA

 

(Raffaello si reca dal duca Federico. Davanti al portone ci sono le solite due guardie... )

 

RAFFAELLO  El duca t'un casa?

GUARDIA  S, mo en vol essa disturbat... 'i... nut un mezz esauriment...

RAFFAELLO  En potria f n' eccession... ho un quadre bellissim da faj veda.

SECONDA GUARDIA  En creggh... tre giorne ch' en scappa... tutt sol mal t'l'alcova che piagn...

RAFFAELLO  Git'le a chiam... c'ho 'na cosa important da d... riguard a cla bella bordella ch ha fatt n l'esauriment...

GUARDIA  Allora vaggh... mo fa ch' sia vera... el duca incasat dur.  da gi ha mandat a mort ma 'n infermier... ch' era anca un su' dipendent...

RAFFAELLO  El so el so, mo... va pur... sa chi credi d'av a che f?

SECONDA GUARDIA  En el so sa ch' ho da d ma 'l duca?

RAFFAELLO  Di 'i ch' el vol Raffaello... gran maestro del pennello...

SECONDA GUARDIA  (chiama)  Signor duca,... signor duca...

DUCA  Chi ?  Chi mi vuole?

GUARDIA  C' 'n imbianchin mach che ve vol...

DUCA  Un imbianchino?  Non ho bisogno... il palazzo stato appena ripulito...

GUARDIA  Ma ste pittor ha da divv 'na roba molt importanta... s'chiama Raffaello...

DUCA  Raffaello?  Per bacco scendo subito...

RAFFAELLO  Buongiorno carissimo duca come va?

DUCA  Male... soffro di pene d'amore...

RAFFAELLO  Lo so carissimo duca e per alleviare le vostre pene che vi ho portato questo mio quadro... l'ho fatto questa notte...

DUCA  Fammi vedere... bellissimo... meraviglioso una vera opera d'arte ma... questa l'ho gi vista ... si lei la contessina muta di Sguaraguai, la muta insomma... la donna per cui sto soffrendo... la conosci?

RAFFAELLO  No signor duca siete cos innamorato che vedete quella ragazza dappertutto... questa solamente il ritratto di una gentil donna...

DUCA  Pu essere... per ci assomiglia... comunque stupendo... quanto costa?

RAFFAELLO  Nulla... non ha prezzo ve lo regalo in cambio di un favore vi chiedo di risparmiare la vita di Claudius l'infermiere ...

DUCA  E perch dovrei farlo?

RAFFAELLO  Perch siete da tutti riconosciuto come un grande mecenate ed inoltre per la vostra grande magnanimit...

DUCA  Va ben... va ben... te Raffaello se un gran ruffian... anche se non se lo merita, perch un gran filibustiere, liberer l'infermiere...
Un opera d'arte cos non pu mancare nella mia pinacoteca... inoltre mi ricorder per sempre la fanciulla muta di cui mi sono invaghito... sai cosa ti dico?  Questo quadro sar conservato per sempre nel mio palazzo e sar ribattezzato La Muta...

 

MUSICA

 

(Lina Nina e Rina stanno parlando tra di loro)

 

RINA  Val che t' gitta ben... salvat capra e cavol: el tu' sio ... e anca la tu' verginit...

NINA  Fortuna Raffailin... toccaria faj un bel monument...

LINA  So' sigura che un giorne qualcun el far...

NINA  Allora racconta... com'era ste cavalier che s' innamorat de te...

LINA  Bellalt biond... sa 'i occhi azzurri... gentile... en me ce fat pens se no me vien la tristessa... l'ho lasciat dacs... sensa manca potel salut... quand l'artrovar un altre ugual?

RINA  En se sa mai... abbi fed... magari te sta cercand...

LINA  Com saria a d?  En eri te quella c'avevi dett che el princip azzurro en esist?

RINA  Azurro no... mo podria esista quel verd o quel giall...

NINA  E p la festa del duca c' anca st' altr'ann p sempre arprov...

LINA  Val... en ce pens manca... voj mor tel mi lett...

 

(entra in scena il nobile cavaliere che cerca ancora la sua amata)

 

CAVALIERE  Scusate fanciulle... conoscete per caso la contessina muta di Sguaraguai?

LINA  Certo che la conosco... so' io!  Amore mio sei tornato a prendermi!  (lo abbraccia)

CAVALIERE  Sei tu mia adorata... mo en eri muta?

LINA  Avev pres un gran spavent e m'era gitta via la voc... ma appena t'ho arvist m' artornata...

CAVALIERE  Miracolo!  (la prende in braccio ) Gim!

LINA  Ma d?

CAVALIERE  A sposacc... e po' de corsa tel mi' castell...

LINA  En saria mej prima a conviva per un pess?

 

NINA e RINA  E vissero felici e contenti

 

SIPARIO

 

 

 

 

INIZIO PAGINA

INIZIO de "Il compleanndel duca"