Home Concorso 6
VI Concorso 2004
TESTI PREMIATI
Tutti gli autori dialettali

      Poesie Vincitrici

                  1 Premio

Parol de tutt i giorn
Germana Duca Ruggeri


          2 Premio

Dio vicin
Stefano Mancini Zanchi


          3 Premio

Un'autopoesia
Anna Zazzeroni

 

        Poesie segnalate
(Ordine alfabetico):

T’la strada (El mi b)
Adalberto Baldani

Le badant
Nino Cesaroni

Il prossimo tuo?
Ferriero Corbucci

Cla musica bella
Antonio Fontanoni

El bus nov
Simonetta Fucili

I fior d'Urbin (stornelli)
Duccio Alessandro Marchi

La mi' poesia
Giuliana Pambianchi

I color del mond
Maria Teresa Spaccazocchi

 

      Segnalata Prosa Drammatica

Bravo Don Pietro
Emanuela Poggiaspalla,

 

Segnalata Indagine dialettale

Detti urbinati e ricordi sparsi
Carla Gall

 

 

 Poesia vincitrice

 

Parol de tut i giorn

Duca Ruggeri

1 premio - VI Concorso 2004

 

Come goccia se spssa e rimbalsa

tla pietra la lingua d'Urbin; sa 'l vent

s'acanisc' t'i copp, tl'intrecc' d'i ram

del Pinc', fra i mur del Palass, tle finestre

 

e tle logg', se riflt tla nev, t'el ghiacc',

t'i solustre e tla nebbia, tla luc' calda

ch'indora i madn, tla frescura dle port,

d'i viggol, dle piole, t'i logiat,

 

t'i cortil, rugola gi dai torion ...

'St'impast de vita ma me me piac'

e l'artrov tle parol de tut i giorn:

- 'S'amanca per ogg' ? 'Sa compre?

 

Urbin supermercat e dispensa,

porta el sal, l'oli' e 'l pan fresch, ch' so' sensa;

l'acqua c'; e 'n solarin dolc' riemp

piat e padelle, involta i bichier

 

e la tvaja, invita a parl:

- 'Sa ch' h fat 'sta matina?

- Ho let e scrit diverse ore ...

- E brava la mi' sciaparlina!

 

L'ora vien da l'ora e da la voc'

s'indovina el sentiment: vola

da l'Anunsiata el son d'na campana

e la su' scia sparisc' pian pian ...

 

Un mars distant acend el scur, el confond;

la luna sguilla dal cel e, a petta

el sambucch, impalidisc' msa piena.

I mia gi me reclamen p'la cena.

 

- Du' s'i gitta? C'avm fam ! ... 'Sa bagaj?

- Come goccia si spezza e rimbalza

sulla pietra la lingua di Urbino ...

- Port a n, 'sa toca st a sent ! ...

 

- En c'arcont le piciafavole,

metla tla tavla l'imaginasion !

- Ma 'sa git cercand ? C'en le cresc' sfojat

sa 'l prosciut, erba cotta, sotli, sotacet ...

 

Mach pan al pan, vin al vin.

En se modiffica el ver, en se va

sul delicat ! Urbin mia, 'sa ch' ho da f?

- En te preocup, bada a viva ...

 

E s' t'avansa 'na mulicca de temp,

prova a scriva du' righ de 'sta parlata

che, da mil'an e pi, canta e svanisc'

tl'aria, com'un vapor, tut i moment ...

 

 

Lingua e dialetto sono il tema poetico di questa composizione di Germana Duca Ruggeri che sente la lingua parlata come una componente importante della cultura e della storia di questa citt: tutt'uno con i tetti e le case, le stanze e le suppellettili domestiche e si diffonde e riverbera anche sulle colline e sugli alberi intorno arricchita dalle suggestioni degli scrittori e degli artisti della Corte di Federico.

La riflessione e l'emozione poetica, cos come si maturano nella quotidianit, si alternano nel testo a vivaci scene di dialogo familiare e a squarci di paesaggio in un sapiente intersecarsi di ritmi, intonazioni e livelli stilistici.

La poesia dialettale per Germana Duca un omaggio alla citt e al suo luminoso passato, ma anche una proposta a riscoprire quella cultura che ci onora, a farla rivivere e a diffonderla.  Maria Laura Ercolani

 

INIZIO PAGINA

 

 

Poesia 2 classificata

 

DIO E' VICIN

Stefano Mancini Zanchi

2 premio - VI Concorso 2004

 

Che fin hann fatt

le Tu' promess

de stamm vicin ?!

 

Par ch'te nascondi

sempre pi spess

t'un angulin !

 

En t' vo' f veda

o en vo' st pi a sent

tutt' le mi' lagn, el mi' pat.

 

Sol com' un can me sent tun 'ste sentier

grig, pien d' nebbia e d'malinconia,

continue a "mugin" sopra i pensier

ch' m'artrov ti giorne de 'sta vita mia

 

Epur el sent, seben ch' so' ardott un stracc,

che Te en m' mai respint,

ansi ! me porti in bracc

 

 

Stefano Mancini Zanchi raggiunge una rara intensit poetica in questa poesia religiosa che si configura come un dialogo intimo del poeta con Dio, dialogo dolente che, in atteggiamento di rispettosa confidenza, si anima di una ironia tipicamente popolaresca, se non vogliamo proprio dire urbinate, che il dialetto esprime in modo molto efficace.

Mancini Zanchi coglie bene la successione degli stati d'animo e li isola nelle strofe, sequenze compiute di una struttura organica e di grande leggerezza.

Parallelamente il ritmo breve e tronco, un poco aspro, delle terzine cresce fino a distendersi negli endecasillabi della quarta strofa in cui la condizione dell'anima viene resa visivamente in un suggestivo paesaggio autunnale.

L'ultima strofa, con percorso inverso nel metro e nel ritmo, ci porta al tono scherzoso, ma ora affettuoso,dopo il percorso interiore compiuto, dell'inizio.  Maria Laura Ercolani

 

INIZIO PAGINA

 

 

Poesia 3 classificata

 

UN'AUTOPOESIA

Anna Zazzeroni

3 premio - VI Concorso 2004

 

Me so' detta: "Anna fat coragg carina

e btta gi do' frs in rima

per pod ridce s

t'un chi diec dodic chil de pi".

Guard ma chl'atre...

"Dio l' n belle !!!"

pochi fianch, drett e snelle,

sensa av 'na gran culatta

e davanti ttta piatta;

i', invec, porca paletta,

avra da taj 'na bella fetta,

sia de dietra che davanti,

sia tle spalle che t'i fianchi.

Quand so' davanti al specchj

me scappa el fum anca da 'i orecchj,

artir la pansa a pi non poss

mo tant en me se veggne 'i oss;

me gir de dietra mo me se pra

propri propri 'na gran panra.

E' colpa dla gonna so' sigura,

che me sfalsa la figura ...

allora part in quarta

e vaggh dalla sarta,

'i deggh: "Maria...

m'avresti da f 'na cortesia ...

chla gonna ch' t' ho dett da f,

stregnla fort, mach e mal

e fai por d tre righett

che en me se straciassa quand la mett"

"eh! carina, i' tla stregn,

mo dopp va s e fa el bregn".

La vria stretta, me so messa in testa,

perch quand vaggh alla festa,

vria che la gent dopp che m'ha guardta,

dicesne "varda l'Anna cum calta".

Mo val, pensandce ben,

da dmen voj magn de men...

la mi' vicina mal davanti,

ha buttet gi la pansa e i fianchi ...

far anca i' t'un chel mod:

da dmen n pasta, n pn, n brd ...

scca, frtta, mossarella ...

avran da d: "Che sposa bella" !!!

E dasmo' ho incmincit a st

sensa n beva, n magn ...

se calla s, un ett... mezz chil...

la pasiensa perd el fil,

incmenc a f un mus rabitt

che en m'arcnosc manca el mi' maritt;

mo tant stagg dura ...

... i' voi f la mi' figura ...

Dop de tre ms de formagg e ov,

la blancia en se mov ...

i', mentre ch atre lechevne el piatt,

da magn scep e scunditt ho fatt ...

so' nutta tresta indiavleta,

mo la gonna en s' slargheta.

Vat a f sfreggia, te e la dieta !!!

vlem ineminci a g alla dietra ?

'Na bella pissa e d bei spaghett

armetm s tre-quattre ett ...

Mo ... en me frega 'n acident,

minca n tant belle quelle che en c'hann gnent...

'Na donna, sa un bel sen e un bel dedietra

minca da sputacc propri sopra ...

E pu', el deggh anca se en poss,

i omne 'sa ne fann de chi quattre oss ?

e 'sa portne tel lett

una donna sensa cul e sensa tett ?

E pu', scuset, le donn cicciotelle

n pi bon e anca pi belle ...

T'un chle facion lisc e content

le grcc en c' n propri per gnent.

Ma quelle ch' n snelle perch stann atent,

en i succedessa por gnent, de gnent,

ansi tant de capell, el sacrifici en pcin,

mo quelle che pi magn'ne e pi en fin,

i chiapassa por 'n atacch de grass

ch' 'i ce vlessa 'na sporta per portall a spass ...

 

 

La composizione di Anna Zazzeroni ha il carattere narrativo tipico della poesia dialettale e ripropone il genere popolare della farsa.

Si distingue per la vivacit e le freschezza delle espressioni e la comicit un po' grottesca delle immagini.

Non manca, e anche questo tipico della poesia popolare, la morale dettata dal buonsenso e da un sano amore per la vita che salva dalle mode distorte imposte dalla cultura dominante.    Maria Laura Ercolani

 

INIZIO PAGINA

 

 

Poesie segnalate

(In ordine alfabetico per autore)

  

TLA STRADA (El mi' ba')

Adalberto Baldani

Segnalata - VI Concorso 2004

 

Un viagg, saret d'acord, cmencia sempre quante n part

e spess, tun 'sti cas, quand ce se saluta s'rischia l'infart

eh si perch, un cont lasciass in allegria,

un cont dovess lasci perch la miseria t' porta via!

Acs per trov 'l mod da cambiass q'i du' pann

anca 'l mi' b dovut fuggia dal su' paesin : da Suann !

La paura de quel ch' i poteva succeda enn 'i mancava

mo da fn prigionier tel desert propi en c' pensava.

Dic ch' stata dura a st t' un camp d' prigionia pi d ' vent ms

de bon c' stat ch' ha studiat qualcosa e ha 'mparat un po' d'ingles !

E cert che dopp l'Africa statt un bel cambiament tel su' destin

artrovass ma Carpegna tra du' foss a f 'l contadin !

Di camp purtropp en era manch el padron

mo gli ha fatta lostess a facc dvent quattre sandron !

Oh anca ma la mi' ma', ch' sara p la su' moj,

el merite da essa di bei ragazz nessun li toj;

c' dovevte veda com sgambetavme lagi ma 'l Mulin

sempre a curra avant' indietra da l al Mutin !

Pens che tutt ql ' energia c' 'niva da quel magnavme

oddia, enn ch' la facevme tanta longa eh, anzi en c' badavme

p'r tla tavla c'era sempre 'n ova sbatut : "Perch fa ben !"

e 'n po' d' lard sfregat tel pan perch convien !

 

Artornand ma 'l mi' b, comunque, m'arcord che a l'improvis spariva

e c's com'era andat via a l'improvis, sa du cass d' vin, arniva;

el sapet che 'ncora enn' ho capit d' precis do' q'el post

che per guadagn 'n tozz d' pan 'i tocava and a f 'l most ?

Un burdel a l per l en c' fa cas, tla su' natura

mo arpensacc adess per l da essa stata dura.

E p me sa che quel enn era manch el sacrific pi gross:

per armedi 'n po' d' legna 'i tocava salt du' foss

e per en fass veda, s'no s' piava le bott,

partiva per el Sass vers le tre d'nott !

E per qualch chil d' gran? 'na stagion ma la machina da batta !

mo sempre ma la pula, ariv ma la minella en gli ha mai fatta.

Sar anca che ognun c' ha 'l su' destin,

mo tutt q'i rosari davant' al camin?

E facc and 'lla scola? pensat ch' sia stat un lavor da poch

a f la rotta fin al Campsant? altrech st vicin al foch !

Quel ch' sicur ch'en c' s' anoiava durant la giornata:

f la scaffa, mogna, rastl, vang era tutta 'na sudata

e la sera scap a d 'n ochiata ma la vacca e ma 'l baghin

e no' , invec, ma 'l cald aspet ch' lampegiassa q'el triangulin.

 

S perch la television, comunque, l'ha vluta compr

e 'nc per la Cinqcent tant temp enn ha fatt pass;

sa quella s che 'nd su ma Carpegna era 'na volata,

no sa le vacch, ch s ' faceva prima sa 'na caminata.

Ha vlut anca tir su i mur ma 'l gabinett

m pers el panorama, mo almen la facevme sotta 'n tett !

Oh, a dill adess sembra 'n scherz, mo t ' un quattre e quattr'ott

m fatt un salt d' tecnologia al giorne da la nott.

Enn con quest ch'era pasata la miseria

mo sa 'ste novit ce sembrava mena seria !

E p, second i su' progett, era 'nc nut l'ora

da scapp su tla piazza, da metta la testa fora

e dass 'na svolta fitand un bar a 'n cert moment:

mo quella stat 'n' idea ch' dventata 'l su' torment !

Q'la volta me sa ch' i era 'nuta 'na gran bella pasion

p'r, p darsi ch' pensava d' arfass sa qualch' altra sodisfazion

perch en so' sicur s'era propria content de tutt quel ch' i era sucess,

mo q'la fischiatina tla bocca ia gli ho vista spess !

E p pens che c' avem tutti d'i progett ch'en c' n 'nuti

e a pensacc tropp ce s' artrova stracchi e tutti canuti;

quel ch' poss d ch'el mi' b en s' mai tant lamentat

e ia, sincerament, so' sodisfatt de quel ch' m'ha lasciat:

la voja d' discorra, d' en f tant compromess sa la gent,

un po' d'allegria e p me par da essa anch' intelligent !!!

 

Pens ch' l' avet capit d' sicur dal prim vers

ch' 'n mestier ch' facc a temp pers,

mo ho vlut scriva lostess 'sti du pensier a q'i

perch a la fin fin quest ch' voj d:

... sa Te and d'acord enn stat propi 'na gita,

mo, com dic el Poeta tel su' cant per Bolvar ch' mort:

"tutto quello ch' nostro viene dalla tua spenta vita"

e ia, a pens ma Te Ba', enn 'i poss d tort !! ...

 

Un ringraziamento particolare a Mattia

che ha permesso tutto questo con la sua tecnologia.

 

INIZIO PAGINA

 

 

 LE  BADANT

Nino Cesaroni

Segnalata - VI Concorso 2004

 

Chi avra mai pensat,

dop che vecchj n  dventat,

pien d'aciacch e de dulor

da dvent  "Dator d' lavor ?!"

 

Adess ch' ce  sara bsogn

de non g a cerche le rogn,

d'un po'  d' pac e de ripos,

da st calm sensa nervos,

 

ecch t' ariva  la massata

d' 'na situasion disgrasiata,

e,  per ironia dla sort,

te te  se'  apena accort

che  t' hann  fatt  "Dator d' lavor",

com se  fossa un de chi sgnor.

 

Te  sta veda che pian pian,

sa  le  legg de chi bacan,

dop che n prs dal mal

el  fan dvent un  Industrial;

mentre  invec  se' 'n disgrasiat

per tutt quel ch' t' capitat.

 

Per  fortuna ch' c'  l'emigrant,

ch' n chiamate  "le Badant",

lor a casa fan de tutt

e te dann un bel aiut.

 

Sar el mal da metta a man

chel grussolett fatt pian pian,

mss da part per  la vecchiaia,

mo adess bruscia com la paia ...

 

Alla fin pr se' cuntent

d'aiut 'sta pora gent

ch' costretta a emigr

per g  in cerca de  lavr.

 

Com buffa  la nostra vitta !

per disgrasia ricevutta

ogg te chiamen  "Sor padron";

per  rispondi propi  a ton

ce vria  'na parolaccia",

 

mo, tant per  salv  la  faccia,

cerch da spiegai pian pian

che 'l  "Signor"   quell tla Croc,

e  'l  "Padron"  c' l' ha sol el can.

 

INIZIO PAGINA

 

 

Il  prossimo tuo?

Ferriero Corbucci

(Ca'Mazzasette, 20 giugno 2003)

Segnalata - VI Concorso 2004

 

Ho apert la finestra

dal fium se mov 'na bressa

leggera com 'na caressa

tel ciel spunta 'na stella

balugina, s' accend e brilla,

intorne al mur la lucciola scintilla.

Che pac stasera !

du donn s' fermne a parl.

Per di' la verit, s' fermne a url.

Se romp l'incant !

C' l'obbligh d'ascolt.

 

" 'I hann prs a cannonat ?"

" No ! S'arbaltat la barca ".

" 'Sa fann in gir pel mond ?"

" Venghne mach a rub.

   un branch de vagabond ".

" En mort tutti ? Pegg per lor !"

" En prov nisciun dolor ".

 

Al largh de Lampedusa

Veggh la tragedia de chla pora gent:

Sent i urle disperat, el piant ...

E l'onda alta avansa

spinta dal vent

e tutt travolg insiem sa la speransa.

N' mort pi de ducent.

Emb ? El mond indifferent !

 

Oh, Dio benedett

se sm tutti fratelli

sotto 'ste ciel stellat;

e se daver ce si'

me devi lasc d

che Tu scelt la croc

el simbol del dolor,

c'eri perci anca Te

tla barca insiem sa lor.

Tu vedi sopra el pett

de 'ste du donn

i crocfiss longh'un palme ...

Se non me so' sbaiatt

dimm cum s' fa a st calm ?

 

INIZIO PAGINA

 

 

CLA MUSICA BELLA

Antonio Fontanoni

Segnalata - VI Concorso 2004

 

Me sdraiv

e pian pian me ranichiv

Ascoltav da dietra 'na siep

strapav le foj, sognav

 

Chla musica bella fnitta

anch' la siep sparitta

Tel su' post c' 'n cant

e 'l silensi complet

Sol sa 'l vent

se strofnen le foj :

rumor de metall

sn de cristall

Sa le foj del cant

el mi' sogn se ripet

En pi chla musica bella

E' ocasional

mo me leva tanti mal

 

INIZIO PAGINA

 

 

EL BUS NOV

di Simonetta Fucili  (Simo anno 2000)

Segnalata - VI Concorso 2004

 

Quant ora d' g a lavr,

en trov mai da parcheg.

Per g in piassa 'n gran torment

l'unnica, f l'abonament.

Arivi t' un lamp tel centre d'Urbin

dalla Piantata, sa 'l Policin.

Mo 'st' ann me so' meravigliata,

mentre aspetav ma la fermata.

 

Pronto, nuovo, collaudato,

pu salir l'handicappato.

e p te en ce creder,

el bus nov sa 'nca parl !

 

Cum l'autista ha apert la porta,

sem armasti a bocca aperta

linea 3, Giannetto Dini -

pareva ch'dicessa - montat s cretini !

 

Mo arivat a Fontanon

s'era gi rott i cojon,

en giva pi n avanti n indietra

s'era fermat, pareva d'pietra.

 

A seda com i bacal

ho pensat adess dir:

linea 3, ma come vedi,

ogg in piassa se va a piedi .

 

Da quant fa tutti 'sti bei discors,

ogni tant salta le cors.

El bus vecchj, quel ch'en parlava,

ben o mal p'r caminava

 

pianin pianin l giva dritt,

el bus quel vecchj, en m'ha mai traditt.

Ma quest mach se i gira storta

robba ch' te chiappa tramezza la porta.

 

Diceva ieri un omin pcin pcin

era mej sa 'l Policin !

ho prs el tram de stamatina

'i era fnitta la benzina .

 

Quant monti s senti 'na gran lagna,

canta per radio l'Ivana Spagna

e t'acompagna la musichina

da Massaferr alla piscina.

 

Sar un bel tram, io 'n voj di gnent

mo, me da poch afidament

Canta, parla, fa 'l fanfaron

p t' lascia a piedi a Fontanon.

 

INIZIO PAGINA

 

 

I  FIOR  D' URBIN

(piccola raccolta di stornelli d'amore in dialetto)

Duccio Alessandro Marchi

Segnalata - VI Concorso 2004

 

Fior dla Cesana

l'amor en s' pol nasconda in t'una mana

l'amor en s' pol nasconda dentra un poss

l'amor en s' pol nasconda: com la toss !

 

Fior dla ginestra

cantav de nott sott a la tu' finestra

cantav e m'aspettav una risposta

m' arrivat soltant un vas tla testa !

 

Fior bucanev

t'accaressav pian pian e te dicev:

facem'ce seppell da 'sta bufera

farem l'amor fin quand' primavera !

Fior dla cipolla

so' gitt a piedi fin da Farinella

so' gitt a piedi fin passat Maciolla

so' gitt per f i bacin sa chla bordella !

Fior d'la mimosa

ragassi l'era blina la mi' Rosa

m'arcord chla volta che m'ha dat un bac

el fidansat m'ha dat un scrull de sc'gnat !

 

Fior dla lavanda

ma 'l cor i s'ubidisc e non se cmanda

ma 'l cor non se cmanda i s'ubidisc:

credme un lavor dacs manch ma le bisc !

 

Fior dla gramigna

la mi' ragassa ha fatt una gran tigna

la mi' ragassa ha fatt el bregnulin

per consolalla 'i ho fatt du musciulin !

 

Fior de spighetta

me s' r innamorat della Marietta

mo lia cidiosa en me dava retta

piagnev tutte le nott com una c'vetta !

 

Fiori d'aranc

en t'ho vluta spos adess m'aranc

en t'ho vluta spos so' armast da sol

l'amor 'na palomba: tiri al vol !

 

Fior girasol

te vria bac t'el mentre s' alsa el sol

sa'l sal sol s'condischen sol le rap

mo sensa el sal l'amor arman tropp sciap !

 

Fior crisantem

en voj mor d'amor mica so' scem

en voj mor d'amor ce mancaria !

piuttost che ne mor facc sensa d' la !

 

Fior d' melagran

de nott te parlar d'amor pian pian

de giorne vurlar com un stracciar

m'hann da sent che t'am lontan lontan !

 

Fior d' pimpinella

l'amor che nasce brilla com 'na stella

l'amor che nasc arluc com el sol

se smorcia pian pianin l'amor che mor !

 

Fior dla magnolia

la mi' ragassa en sa f la sfoja

la mi' ragassa en sa f el condit

la mi' ragassa en trover el marit !

 

Fior della succa

me sent innamorat una gran mucchia

me sent innamorat mo state sitti

che i fior de succa en boni sol s' n fritti!

 

INIZIO PAGINA

 

 

La mi' poesia

Giuliana Pambianchi

Segnalata - VI Concorso 2004

 

En v'immagint quant me piac'ra

d'ariv a scriva 'na poesia !

magari sol de du strof o tre,

mo ch' c' avessa tutt quell che c' ha d'av.

A l'inissi avra da parl d'amor

perch 'l pi grand de tutt i valor;

e p dl'amicissia, dl'onest e del rispett,

che quant la leggi te scaldassa 'l pett.

La vria f legera com 'na piuma,

dolc com 'na rosa che profuma,

trasparent com l'acqua del mr,

ch' fassa rida o piagna quant te pr.

E p semplic, com semplic a respir,

libera, com ch'l' ucc'lin ch' vedi a vol;

che consolassa e te fassa compagnia

ogni volta ch' avr bsogn de lia.

Ch' arcuntassa 'na storia mai sentitta ...

... la mi' poesia, m'acorgh che l'ho gi scritta

 

INIZIO PAGINA

 

 

I colori del mond

Maria Teresa Spaccazocchi

Segnalata - VI Concorso 2004

 

Aspetta la tela tireta a bianchett

la su penelta sa tutt el rispett,

per mna de chi nir arcordeta ?

sa rabbia o pasion sar aditeta !

scorr el penell, intingolet d' ross,

sensa intervall tel centr reghela

un gran rotond, che sfuma a ridoss

dal punt d' inisie in scia tla tela.

Vibra la mena un colp decis

dentra chel tond , apr un soris

e m sa 'l ner, do segni secchi

giall un righett, n ns e occhi

tel mond chla tela sorid a colori

ringresia Mir e tutt i pitori

 

 

 

INIZIO PAGINA