HOME Concorso 4

IV  Concorso  2001
PARTE ANTOLOGICA

Tutti gli autori dialettali

NINO CESARONI

poesie

LA MI CARTA D'IDENTITA'

NOZZE  CESARONI  FEDRIGHELLI

LA STRADA DE SANTA LUCIA

GIGIN  CARETTA

LE GUARDIE D' PIASSA

I SPASIN  D'NA VOLTA

LA CRICCA DEL RAGN D'OR

URBIN  VENTOS

LE GROTT DEL DOM

URBIN CH' VA GIO'

LE MURA D'URBIN

I GIOC D'NA VOLTA

LA MEDICINA

MA LA LUNA

SE FA SERA

LA MISERIA

SALITT E DISCES

AMICH  E CUMPAGN

EL PATERNOSTRE DL'URBINAT

EL DIALETT PER NINO

 

Breve Biografia

 

NINO CESARONI nato a Urbino il 23/12/1919 in Via S. Lucia, ora residente in Giro dei Debitori, 6.  Invalido di guerra nella campagna di Libia durante la II Guerra Mondiale. E' stato impiegato presso l'Ente Ospedaliero di Urbino ed in pensione dal 1978. Ha svolto per molti anni attivit orchestrale e ha fatto parte della Banda Cittadina e poi di varie orchesrine locali. Ha cominciato a scrivere poesie dal 1950 per diletto e senza alcuna pretesa letteraria. A tutt'oggi ha scritto pi di 100 poesie in dialetto leggendole spesso in pubblico e partecipando a vari concorsi con esito favorevole. Nel 1979, con il Prof. Alfredo Zampolini ed altri, ha formato il Gruppo Dialettale di Urbino che ha pubblicato, nel ciclo di otto anni, sei libri di poesie di vari autori (Collana de I Quattre Vent ).

Nel 1986 ha pubblicato in proprio ed in pochi esemplari un suo libro di 50 poesie dal titolo "To chiappa !", riscuotendo il caloroso favore del pubblico.

E' iscritto all'Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali d'Italia.

Dettagli pi coloriti sulla sua vita di Cesaroni si possono leggere nelle prime tre rime.

 

Lavori di Nino Cesaroni pubblicati dalla PRO-URBINO nella collana di "V' larcont in dialett":

La nostra vita   Segnalata e pubblicata nel I vol. Concorso 1998

Ben tornata Fontanella   Pubblicata nel I vol. Concorso 1998

La maschera  In Antologia I vol. Concorso 1998

La societ dla fam  Pubblicata nel II vol. Concorso 1999

Libert  Pubblicata nel II vol. Concorso 1999

I artigian  Pubblicata nel presente IV vol. Concorso 2001

La fin del mond   Pubblicata nel presente IV vol. Concorso 2001

El coragg dla paura  Vincitrice come prosa e pubbl.  nel presente IV vol. Concorso 2001

La pell dl'Ors   In prosa,  pubbl.  nel presente IV vol. Concorso 2001

 

 

 INIZIO PAGINA

 

LA MI CARTA D'IDENTITA'

Nino Cesaroni, 1986

In Antologia - IV Concorso 2001

 

So' d'Urbin e facc el brav

mo le cals pr en le lav

se per qualch inconvenient

me se sporca st'indument.

 

El cognom me fnisc in . . . oni,

com quei ch'en a spinduloni.

Nino invec 'l nom mia

mo 'n antre pess c' ne saria [1].

 

I mi' ann n pi de . . . anta,

c' ne vol trenta per novanta;

so' in pension da qualch'ann,

dop lavrat pi de trent'ann.

 

Stagh pe 'l Gir di Debitor,

pr sa i buff me facc onor,

in t'na casa alla mej

quant s'ariva al numer sei,

un po' a petta, al ripar,

do' c' Mengo, el calsular.

 

Per trent'ann sa la mi' moj

ho spartit dolor e gioi,

mo le gioi, per essa chiari,

sa i dolor en vann al pari.

 

Prima r un po' pi carnitt.

Se adess so' sciaganitt

perch 'na malatia

m'aveva belle purtat via;

m'hann arprs per i capei,

c' n' armast sol trentasei.

 

Me piacevne, quant er pcin,

la chitarra e 'l mandulin,

mo pi de tutt la pasion mia

stat sempre la "batteria".

 

Pr tel pi bell dle sunat

ecch so gitt a f 'l suldat

a f la guerra, per di mej,

mo sm gitt t'un mar de guai.

 

Dopp ho arprs 'i obbi mia:

el sun e la poesia;

mo sa i son en facc pi tant,

sol tla banda ogni tant

daggh du' sc'gnat t'i tamburlan,

i "timpani", per dill in italian.

 

Mentre invec sa le strofett,

ogni tant, per dilett,

quand c' un po' d'ispirasion

e nesun t' romp i minchion,

cerch da mettme in dispart

per d sfogh ma la mi' art.

Quel n de chi moment

ch' so' felic e so' cuntent.

Dop c' le sodisfasion

quant se legg ma 'n po' d'person

che ascoltne sensa bacan

e alla fin batten le man.

 

Pr cercat d' n'esager

perch quant me sent chiam

"poeta" e no per nom

i' me sent, en el so com,

dvent ross sa'n po' de stissa,

perch se per cas arnissa

Dante, poeta eterne,

ce vol poch mettme tl'inferne

per f roda sti quattr'oss

ma cl'afamat de "Ugolino"

e dacs dopp adio Nino . . .

 

 

 

NOZZE  CESARONI  FEDRIGHELLI

Urbino, 19-04-1952

Scritta e letta da  Raffaele Zampolini

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Qualch collega intrapprendent

ha esclamat: Finalment !

anca l'ultim arrivat

d l'addio al celibat. .

 

Dop qualch ms d'apprendistat,

in tla pianta l'hann schiafat

sia t'un vers sia t'un atre

l a post com tutti 'i atre.

 

De caratter assai calm

en s'arrabbia pi d'un palm

anch se qualca scampanlata

par che sia un po' arrabbiata.

 

Un caratter propi d'or

per la sposa un gran tesor

che con tutta fedelt

l contra-ccambier.

 

Dattilografo velocissim

sembra pi un direttissim

sa chi ditta de qua e de l

par ch'avessa da tast.

 

'I divora i foj bollati

'i magna quei intestati,

una sveltessa sensa scamp

vien e va com un lamp.

 

Per f 'n po' divert la gent

sona ben vari strument:

la gran cassa, la batteria,

i tambulan, la soneria.

'Na persona portentosa,

l'allegria per la sposa !

 

Da Montecchj fin a Gadana,

gi da bass fin alla C'sana

chi en cnosc el batterista

dalle moss caratterista ?

 

Sonator de grande vaglia

en rifiuta la battaglia

anca se per quattre cinqu' ser

ha da pass nottate ner.

 

Vivet allegri e stat felici,

quest l'auguri de n amici.

Sensa perda un istant

atacam chel bon spumant

alla salut di du sposin

e di prossim marmocchin.

 

 

 

LA STRADA DE SANTA LUCIA

Nino Cesaroni, 1991

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Giorni fa,

sa'n ditta puntat vers noiatre,

com fann 'i accusator;

Ennio c'ha dett:

El dodic d'agost, m'arcmand,

en ve diggh atre !

E dop av chiest le spiegasion

per sap sa ch'era st'imposision

ho capit ch' s' tratava d'un artrovass

insiem de quei che stavne per 'na via

che saria quella d' Santa Lucia.

In pi c'era anca da festeggi

el ritorne dla sorella dal Canad.

Alora el pensier argitt dietra tel temp,

che tropp n' pasat verament,

perch n sem nati un po' prima,

tel dopguerra, tant per f la rima.

Io so' nat da pied Santa Lucia,

in t'na traversa ch'c' tun sta via,

in Via Timoteo Viti numer un

e dop de quel en c' n'era pi nisciun.

Pi in l la Chies d' Santa Lucia

sa Don Cesre e Don Astolfi, ai tempi mia.

Dop c'era la famiglia Lucciarini

sa du' gemell un po' birichini;

Da cl'atra part c' ancora la fontana

do' spess ce bagnavam com i pesc

per tirac l'acqua adoss sa 'na mana.

Vicin la fabbrica di curtell,

pi in l el cinema. de Scarnicchia,

e so' sigur ch'en v'arcordat da burdell

d'una boteghina sa 'na vecchia

pcina pcina ch'en vdeva guasi gnent

chiamata la Tresina Gamba d'Argent.

E p per falla un po' pi stretta,

'niva le osteri' dla Linda e dla Ciccia,

do' se giva spess a f 'na "foietta".

E dand 'na sgrosata ma i ricord,

gind s per sta via i' m'arcord

del palass dla Pensierini do' affaciata

c'era sempre lia ch' faceva 'na fumata.

Pi in s la butega de Gagin

ch' faceva el calsular e lavrava d' fin.

Pi avanti c'era quella de Polidori,

che vendeva i gener alimentari,

sa 'n odoracc ch' se sentiva da fori

ch' c'aveva de stant, per essa chiari.

P c'era quella d'Alfredo el mecannich

che spesse volt i scapava el mannich,

ne sa qualcosa l'Adua sa i fratej

e ma la Lisena en ch'i giva mej;

n pr el chiamavam "Cagon"

perch giva spese a falla dietra el turrion.

Mo quant c'aveva l'umor bon

metteva la butega a disposision:

arcomodava tutt, anca i mutor

perch era propi brav t'el su' lavor.

E propi vicin a chel "volton"

c'era la butega de Stifon,

'n antre brav artigian d'Urbin

ch' faceva le bott, le mastelle e i tin;

e quant en giva a gioch alle bocc

faceva anca le rt per i birocc.

Per sti lavor l'aiutava sempre Pipusin

che pi dle bott s'intendeva del vin ...

e l'osteria ch'era propi de front

sa questi c'aveva un bell tornacont.

Non tutti v'arcurdat de Cecch e de Clement,

i unich "bus" ch' c'erne in chel moment,

fatti de carossa sa i cavall

e sa du' sold te portavne al Gall.

C'era parecchi "sgnor" tun 'sta via,

padroni di palass d' Santa Lucia:

Gambarara, Pensierini, Carloni,

Scoccianti, Moni, Mulazzani;

per en d p del Palass Albani,

Marra, Giulianelli e Calderoni.

Tra 'sti palass ce stavne anca i purett

in certe casacc brutte e all' istrett;

a d de tutti me ce vra un volum

e poss anca scordam de qualcun

.........................................................

 

 

 INIZIO PAGINA

 

 

GIGIN  CARETTA

Nino Cesaroni, 1970

In Antologia - IV Concorso 2001

 

C' in Urbin un personagg caratterista

sa 'na faccia ch' te fa rida a prima vista,

quant parla e p anca pi gignal,

sa 'n dialett del tutt original:

per d "sm gitti " l te dic "gismi",

per d "eravam "l te dic "fosmi ",

per d "ossia" te dic anca "vienessa",

e se qualcun rid, ma l en interessa.

 

S' i dmandi el nom te'l dic sa sta strofetta:

"Lelli Luigi, detto Dottor Garetta,

Carlo Erba passata la mezzanott,

e dop le due Lelli belle cott,

forse, ma non sempre, perch ve' l  dic Lelli

che "ormai son finiti i tempi belli".

Da ste strofett certament avret capitt

ch' i piac da beva e magn cunditt ...

 

Mett s la bavarola prima d' magn

ch' porta sempre sa l, en se vol spurch.

A vedle a magn 'n divertiment,

magna de tutt, en scarta mai gnent;

c' ha 'na dentiera, quant apra i labbre,

ch' par la butega de n de chi fabbre.

'Na volta ha dett ch' a forsa da magn

s' n stufat le ganasc per mastich,

e l'ost stanch da portai el vin

'i ha mess 'na damigiana sopra 'l tavlin ...

 

Quant canta c' ha 'na voc baritonal,

i piac d' cant e canta ch' en c' mal

bench sia alt - e questa propi bella -

l'hann mess a f 'l "bass" in t'la Capella.

 

"Caretta" 'n sopranom derivat

che forse ma su' padre l'hann schiafat,

e quest faceva anca el carettier,

carett e cavall erne el su' mestier.

Gigi invec sotta el Comun ha lavrat,

faceva el spasin motorizat;

mo a d dacs ogg en pio loggich,

se chiama: "'Operator ecologich"...

E' donator de sangue "Goccia d'or"

e sa le donason s' fatt onor.

 

Richiest da tutti per tiena s el moral,

sa i su' cant e storielle original:

fatti vera che ma l n sucess

e quant 'i arconta rid anca l stess.

Com de chi due che ch'avevne 'na faccia

propi com el color dla vernaccia;

Gigi schersand glj ha dett. n 'i ha rispost:

"Manca vo' en set cott in bianch, piutost ! ..."

S' n messi tutti in t'na gran risata,

e tutt fnit sa 'na sbicchierata.

 

'Na volta gitt a Fiuggi sa 'n parent,

tutti beveven l'acqua e l per gnent,

mo dop un po', per onor del ver,

n' ha bevut anca l qualchi bichier;

pr dic che 'l stomoch ha dacs brontolat:

"Sa c' ogg l'alluvion ?" 'I ha dmandat.

 

Quant a casa nessun pi 'i parlava,

faceven "scena muta" quant s'magnava,

pr dop qualch giorne l s' stufat,

e battend t'un bichier "Il conto" ha dmandat.

Anca mal fnitta t'na risata

e la pac in famiglia artornata.

 

Ma 'l Presid dla Scola del Libre

l'ha chiamat "Colega" perch 'i ha dett che

anca l Presid dla Scola del "Litre"...

 

Hann dett ch' c' Lelli cott ... tel camp sportiv,

invec l'ho vist in piassa: era giuliv;

mo se ved ch' c' statt qualch fagott

ch' ha prs l'elicotter per Lelli cott.

Se 'i dmandi se sti fatt en vera o no,

te rispond sol sa sta fras: "Lo sapr !"

 

Adess io v' n' ho dett sol qualcuna,

mo ogni giorne c' ne sara una,

perch ma l i venghen sensa sfors,

spontaneament, in t'i su' discors.

 

Quest Lelli Luigi detto "Caretta"

dalla parola semplice mo schietta,

Re del bel cant e del bon umor

che guarisc ogni mal, mej d'un dottor ...

E, tant per ripeta 'na fras sua,

ve digh: "Tira gi sta coppia d'ua !..."

 

 

 INIZIO PAGINA

  

 

LE GUARDIE D' PIASSA

Nino Cesaroni, 1979

In Antologia - IV Concorso 2001

 

E' qualch'ann che in Urbin

hann asunt di pisardon,

'nut da Schieti e Cavalin,

a regol la circolasion.

Un giorne ariva un forestier

e dic ma un d'lor:: Per piacer,

per gi' al Stadio do' se passa ?

L se mett a testa bassa . . .

un vicin 'i ha sugerit:

Vol sap del Camp spurtiv !

E l, tutt rinvigurit,

cmincia a dai le spiegasion:

Qui vicino volti a dritta,

p va in cima la salitta,

quant sotta chel volton,

pl dmandalli ma Stifn,

che s'en gioca alle bocc,

fa le rt per i birocc.

 

N' antra volta, sempre un d' lor,

giva in gir per n'ispesion,

quand ha vist in t'un canton,

una mucchia de cartacc,

per el vigol dle Stalacc.

Se mss subit a indagh

per sap chi era statt,

p ha incminciat a muscin

tra cle cart, pareva un gatt.

Finalment legg el nom d'un

e corr subbit ma 'l Comun

P s' saput  pi tardi,

ch' era Giacomo Leopardi.

 

Un tal t'el Mercatal sa 'na gran prescia,

ha chiest ma 'n vigil, ch'magnava la crescia,

dov'era el Vespasian pe 'l su' confort.

Guardandi fiss e masticand pi fitt,

per pot mand gi l'ultim bocon,

'i ha dett: Ste nom en l'ho mai sentitt !

bsogna ch' me dic anca el cognom,

Mo quand chel tal i ha fatt cap sa era,

alora en i pars propi el vera,

de potei d tutt le spiegasion,

sa 'n italian pin de sfondon

Chel vagga s da monto in tla salitta,

fact qualc'atre pass gi da vall,

entrat propri de front alla Zitta;

mal el vostre comod el potet fall!

Pr quel, sa tutt chle spiegasion,

ormai l'aveva fatta t'i calson !

 

Un tal ch'aveva chiest da visit la Galeria,

sapet d l'hann mandat ? Tla Ferrovia !

Ma 'n antre ch'vleva sap l'ora d'partensa

dla corriera ch'a Peser era diretta,

'i ha dett: En el so, avt pacensa,

pr so' sigur, e ve 'l poss prometta,

che part un'ora dop de quella d' Fan.

E quella d'Fan quant part? Chel tal 'i ha chiest.

O questa bella ! I rispond st'vilan,

se vlet gi' a Peser sa v' interessa d' Fan?

 

El Palazzo Ducale del Laurana ?

'I hann chiest ma 'n vigil de Gadana.

No! E' del Comun ! 'I ha rispost quest,

...........................................................

acs d' fregnace ha rimpitt el cest.

 

 

 INIZIO PAGINA

 

 

I SPASIN  D'NA VOLTA

Nino Cesaroni, 1990

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Quant c'era i spasin a pul le strad

la mundessa in gir se vdeva d' rad.

Sentivi a bonora la matina

el rumor dla ramassa che strascina,

el sbatroccol dle pal e cariol,

o sgambi qualca parola sa'l lattarol;

el nostre ch' faceva anca el cantant,

acenava qualch motivett ogni tant.

Per ogni strada e ogni vigulin

c'era disponibil el su' spasin;

ma da quant 'i hann gambat la "dicitura"

en sparitti dalle strad adiritura.

Quant un se chiama "Operator ecologich"

de spass per terra en pi logich ...

 

 

 

 INIZIO PAGINA

 

LA CRICCA DEL RAGN D'OR

Nino Cesaroni, 1978

In Antologia - IV Concorso 2001

 

T'el millenovecentquarantasett,

'na squadra de ragass, chi pi purett,

sa 'na cariola, un badil e un picon,

han spianat un mucch d' terra sotta un torrion.

 

Dalla lor fatiga e el lor lavor

nutt fora un local dett el Ragno d'Or:

una pista da ball all'apert.

'Na bella inisiativa, quest cert,

per el svagh dla gent e di student,

ch in Urbin en c'era propi gnent.

 

Atacat c'hann fatt el bar e 'n gran camin,

per f le cresc sfoiat, specialit d'Urbin.

'I artefic de st' lavor ren parecchi,

rne giovin, mo en dventati vecchi.

 

Pi de trent'ann n' pasat del temp,

ansi qualcun en pi present …

Per di qualch nom di pi cnosciutt:

Barabin, Gig Caretta, el Canutt,

Tino Amati, Alfio Succa, el Fantin,

Chiopali, Perugini e Cirigin,

Piergiovanni, Cecchini e Marangon,

e tanti atre che adess me sfugg el nom.

 

Basta a d ch'erne ventisei

e han cercat de f sempre del lor mej

per pot mand avanti ste local

ch'era un vant per la citt Ducal.

 

Mo giorne f, andand a spass pian pian,

ho sentit da cle part un gran bacan:

c'era 'na ruspa che spacava tutt.

Poch lontan da mal c'era el Canutt,

apogiat t'un tavlin, mezz avilitt,

'i ho chiest le spiegasion, m'ha dett: "Sta sitt.

 

Se v parl en toch ste tast,

un pess che c'ho el sangue guast.

E p, seguitand tramez ai dent, 

ha dett: L 'hann arprs chi prepotent,

dop trent'ann, ansi trentun,

l'han arvlut chiap quei del Comun.

Sa ce vlevne f , 'i ho ardmandat.

I gioch dle bocc per i disocupat !

m'ha dett e p gitt via tutt indiavlat,

perch dal bar qualcun l'aveva chiamat.

 

A sent i discors de ste porett,

anca ma m m'ha fatt un cert efett,

arpensand ma'l temp ch'era pasat,

perch anch i' parecchie volt c'ho sonat

 

M'arcord ch'  'niva sempre dla gran gent,

specialment d'estat, pin de student;

anca de fori la gent se divertiva:

magnava el g'lat e la musica sentiva.

 

E p lor s'contentavne de pareg,

en l'han fatt sa'l scop de guadagn;

vlevne f sol divert la gent,

tutt el rest en 'i importava gnent.

 

Invec ai mi' temp quant se balava,

dle sal in tla cit en ne mancava:

da Belpassi, al Tordinon e al Mercatal,

sa quattre sold, giravi tutt le sal.

 

Adess che c' anca pi esigensa

di local da ball sm armasti sensa,

acs la giovent se vol bal

da Urbin i tocca emigr,

perch se stann mach tl'interne

en balne n d'estat e n d'inverne.

 

Che bsogn c'era di gioch dle bocc mal ?!

Tropp c'ne del post, bastava cerch !

Mo un tal, che a parl en i rincresc,

dic: Ma qualcun 'i fa mal el fum dle cresc

el fum del foch che tocca mettle a gass,

c' anca un pess gross ... ch'en pol sent el chiass .

 

Com se alle bocc, quant fann "resta per sei",

opur per ott, sia qualc de mej ...

E' 'n gioch ch' fatt sol per i ansian,

la giovent en va a sporcass le man.

Per dilla schietta, e quest ormai se s,

se balla sol t'la "Festa dl' Unit".

E la cricca del Ragn d'Or, allegra dla citt …

sta canson ch'era la lor, pi nisciun la cantar.

 

 

 INIZIO PAGINA

 

 

URBIN  VENTOS

Nino Cesaroni, 1980

In Antologia - IV Concorso 2001

 

E' qualch giorne che in Urbin

tira un vent indiavlat,

l'ho lett anca tel "Carlin"

ch'ai cent all'ora ha tirat.

 

Per le strad 'n arbaltaticc:

vola le cart, vola i carton,

i ram dle piant sa i brancon,

de copp e vetre un scrociolaticc.

 

Vola el capel ma qualch vechiarell,

ch' en ha fatt a temp a tienle dur.

Fa el chiass 'na cola rotta

a strascinn tel mur.

 

S'rugula per terra un barattol d' latta

mentre fugg spavritta 'na gatta.

I pal dla luc, tla strada, fann la staccia

e i nuvolon tel ciel se dann la caccia.

 

Casca le antenn, casca qualch camin:

( sucess anca ma 'l mi' vicin !)

se givi contra vent se faticava;

invec tocava corra, se t' calsava.

 

El da fa ch' c'avevne cle por donn

per tiena gi bass le lor gonn,

mo el vent scherss i girava tond

e faceva veda anch' qualch mappamond.

 

Ma na, ch'era statta dalla parrucchiera

e vleva fass veda armulitta,

'na ventata l'ha scapciata tutta:

era bionda, mo dventata nera !

 

Le piant cle gross se scrulavne tutte,

mentre le pcin te facevne l'inchin,

e qualcuna en li faceva pi ad alsass

perch la "testa" aveva batutt ti sass.

 

Le foj secche amuchiate t'la cunetta

cmincen a fa el birell,

par ch' ballen la "scarpetta"

o el " saltarell ".

 

La gent va via svelta, par ch' ha prescia,

com se a casa se brusciassa la crescia.

Qualcun camina un po' distant dal mur

ch' en 'i caschi un copp tla testa pi sigur.

 

A Urbin, quand tira el vent,

essend in t'na colina,

en fa tanti cumpliment,

specialment s' la "sciorina".

 

E quant el vent pian pian sar calat,

i nuvolon chi grossi avr ardunat,

alora el cl incomincia a brontol

e la pioggia fitta fitta a casch.

 

Vien gi a catinelle e a bidon

mo a Urbin en c' paura dl'aluvion,

sm in alt e ha da piova i ms

per veda a 'n s a galla ma i Psars.

Se dic che Urbin la cit del sconfort,

mo mej ch' piov e tira vent

piutost che soni a mort …

 

 

 INIZIO PAGINA

 

LE GROTT DEL DOM

Nino Cesaroni, 1991

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Per n d'Urbin 'na tradision,

sia per chi tristi che per chi bon,

rispett el Lund de Pasqua,

anca s'acqua o nev gi casca.

Grandi, pcini, donn e m,

gim a f 'n gir tle Grott del Dm;

e p dic ch' c' l'indulgensa,

dachs da gicc en s' pol f sensa.

 

Da qualch ann pr, a d al ver,

en pi de n i forestier:

sar l'apata de n urbinat

opur perch qualcosa cambiat:

'na volta era tutt pi accoglient

sa "Ciccio" ch' faceva el dirigent,

perch s'en giravi pe'l su' vers,

dalla gent ch' c'era, te truvavi spers.

 

E p era tutt pi arpulitt,

adess c' le statue n tutt' insustit,

piene d' polver,  'na pussa d' rinchius,

che ma tutt quant fa gricc 'l mus.

Ce vleva tant daj 'na pulitta ?

Posibil che ancora en l'hann capitta ?

Anca l'ann scors l'hann mss tel giornal

mo quei testardi fann sempre ugual;

e  p mal n conservati

di capolavor tel mond rinomati.

 

In Urbin c' propi la mania

d' lasci le cos achs com sia:

p di lavor lasciati a met

per ann inter, c' n' in quantit.

 

La scalinata del Dm a ristrett,

el palass dla Finansa sensa tett,

la fortessa Albornos chiusa da'n pess,

la casa dle Vign sempre lustess.

 

Hann arfatt el mur a son d' milion

mo ancora en s'p g tun chel turion.

La statua del Papa sensa 'n bracc,

quella de Raffaell ardotta un stracc;

guarda sotta le logg el piancitt

tutt impatacat e sempr' insustit.

 

Mej lasc g per non d cle pi belle:

cio di parchegg e dle gran "bretelle",

mo in attesa de cl' occasion

strignm la cinta s'no c' casca i calson ...

 

 

 INIZIO PAGINA

 

URBIN CH' VA GIO'

Nino Cesaroni

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Sta matina un gran chiass

ho sentit gi per cle piass:

"E' saput quel ch' sucess?

s'en el s tel digh adess:

ma l, dop el scond turion,

git gi el mur a rugulon !"

I giornal, la Tiv

fann a chi ne s de pi,

tutt' Italia ha saput

de ste mur ch' cadut.

Per n en 'na novit

perch ormai un pess ch'se sa

ch' c'era el mur pericolant,

ch' l'hann vist tutti i pasant;

ansi hann vist quel e atre

andand otra dal Teatre.

Tun ste mur di temp antich

ce nasc de tutt, perfin un fich,

ch'i ha fatt f 'na gran pansa

sopra l'Ort dl'Abondansa.

Era 'n pess ch' s'aspetava

che ormai ste mur cascava.

"Era ora ! ‑ dic qualcun -

e speram che tel Comun

adess se den un po' da f !"

Mo c' poch da sper,

perch sti Cap interne

dann la colpa ma'l Governe,

el Governe ma'l Comun

e dachs en fa gnent nisciun.

 

Urbinati en v' la chiapat

se 'n pess d' mur cascat,

se anca Urbin va gi tutt,

tant ormai risaput

c' ne fann un nov (en le ball ! ...)

ma l gi de sopra el Gall.

 

 

 

 INIZIO PAGINA

 

LE MURA D'URBIN

Nino Cesaroni, 1995

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Finalment se vd Urbin

circondat da le su' mura

ripulitte per benin

da tutt chi bosch e cla verdura,

che cuprivne ste cinturon

fatt de mur e de turion.

 

A vedla adess 'na blessa

sta cintura d' madon antich,

ch' dava vant e sicuressa

ma Urbin e ma Fedrich,

che partend dal su' palass

per le mura giva a spass.

 

A cavall tel su' destrier

giva s vers la Fortessa

sa l'aria da guerrier,

a ispesion la soldatesca,

perch c'aveva la mania

d' f la guerra ma chi sia.

 

P'r adess se v gir

tutt intorna ma ste mura

c' di punt ch'en s'pol pass

perch occupati adirittura

da privati cittadin

sa ort, capann, giardin ...

 

Mentre invec sara 'na blessa

ripristin el caminament

dal Palass alla Fortessa

per f in mod ch' passi la gent,

ch' vol g a veda chel coloss

dla Fortessa d'Albornoss.

 

 

 INIZIO PAGINA

 

 

 

I GIOC D'NA VOLTA

Nino Cesaroni, 1986

In Antologia - IV Concorso 2001

 

I gioch d'na volta quant'eravam burdei,

quant giva pegg e forsi andava mei,

quant se cantava che pot av

mille lir al mes era 'n bel camp,

c' n'era 'na mucchia e a poch press,

e forsi rne mej de quei d'adess:

cut, chiapparella, scaricabott,

la bella insalatina. I fagott

facevam sa le belle statuin

e p dop cminciavam sa le palin.

Sa quelle se facevne tanti gioch

che messi insiem en duravne poch:

cioda, pancott, buticchio, castlett,

battmur, sergent e atre giochett

che a vl d tutt le spiegasion

ce nira fori un bel libron.

 

Invec le burdelle in dispart

giocavne sa 'na bugatta a f le sart;

favne le righ per terra sa'l gesett

per gioch a campana sa i sompett.

 

Se podevi spenda qualch centesimin

givi dal Diavlett a compr 'l frulin

e sa 'na frusta fatta alla mej:

era 'l divertiment de n burdei

a fe gir ste frull in tel selciat

ch' girava a forsa de frustat.

 

Dop c'era el cerchj de legn o i cerchion

ch'se mandavne avanti sa'n baston

o sa'n pess de sbranga fatt a rampn

e gi a corra tle strad e i vigulin;

pr ce vleva 'na certa abilit

per tieni dritti sensa fai casc.

(I burdei d'adess calsne un buton

e guardne chi pupass com i minchion ...)

 

Dop se giocava sa la tavletta,

ch'era come ogg la rachetta,

la palla era sempre de pessa

e quant'era d' gomma era 'na blessa.

Mo se giocavam in tla piasetta

c'era sempre Canapin o Muscon a petta,

du' guardie d' piassa sempre alla grilla

per cerch d' portac via la palla.

 

Dle volt se giocava anch'al palon,

'na mezza pscicca sa poch cuperton

e no' ch'eravam d' Santa Lucia

givam for Porta, d'l dl'osteria;

mo se per scarogna giva d'sotta,

se 'n s' fermava tla cunetta,

giva gi vers Che Palotta

ch'sara vers le part del Tir a Segn,

per essa chiari, sensa d le fregn.

Mo n givam de corsa a chiapall

e, artonati da cima, stirava 'l fall.

Dispess giocavam sa'l birucin,

gi tle discs, ch'en manchen in Urbin.

Tutt fatt in casa sa quattre legn

sensa progett e sensa disegn;

era fatiga sol a f le rt

ch'invec de tonde nivne mezz quadrat.

 

D'estat, quant c'era el sol leon,

giv a la Burzaga o ma Bracn,

ch'en era cert du' stasion balnear,

ma sol da grandin s' vist el mar !

 

D'inverne quant faceva chi nevon,

che dle volt cuprivne anca i purton,

s' faceva i bugatt, le palutat,

la liscia sa le scarp sotta 'l lugiat,

o s'giva for Porta sa la slitta

fatta sa quattre pess de tavletta,

che tocava tiralla per g s

e spess en giva manch per g gi.

S' fava i butacc quant curinava,

'na diga d'nev d l'acqua scoreva,

quant era piena facevam "cacon"

e l'acqua giva gi a gultilon

squaiand tutta la nev per cle discs,

un gran divertiment sensa prets.

 

 

 INIZIO PAGINA

 

 

LA MEDICINA

Nino Cesaroni, anni 90

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Se'l medich te prescriv 'na medicina

per la tossa o pel mal de schina,

chiappla subbit sensa tante noj

perch se v a leggia t'un chel foj

ch' tla scattola per le spiegasion

incmincen subbit le preoccupasion.

Fra avertens, contr'indicasion,

efett colateral, precausion,

t'vien dett: Quest en un medicinal

mo un missil intercontinental !

Alora per tir le conclusion

butaresti tutt in tel bidon.

 

 INIZIO PAGINA

 

 

MA LA LUNA

Nino Cesaroni

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Guardav 'na sera,

sol e solett,

la luna piena

prima d'gi' a lett,

a pansa sopra

sdraiat t'un prat

amirav st'opra

ch'ha fatt el creat.

E mentre guardav

st'astre splendent

facev intant

qualchi coment.

Quante canson

d'innamorat,

quante person

de te han parlat!

T'han tinta d'ross,

de verd, de chiar,

t'han mss tel poss,

e butat tel mar;

anca tel rio

t'han butat sti matt

e vleven sap

chi era stat.

T'han dett bugiarda

e ficcanasa,

che dventi pallida

e p scontrosa,

mo se' lunatica,

evident

che non po' essa

diversament.

T'han mess tla faccia

de tanta gent,

e tle sacocc

de chi en c'ha gnent,

te fan pass

per chi ignorant,

t'han fatt crescent

e p calant.

......................

De tutt ste cos

che dic la gent

ma t' en t'importa

propi per gnent,

e sempre arluci

de nott tel mond

anch se 'na nuvola

dle volt te nascond.

  

 

 

 INIZIO PAGINA

 

SE FA SERA.

Nino Cesaroni

In Antologia - IV Concorso 2001

 

El sol gi stat ingoiat dai mont,

tra i sass d' San Simon e la Carpegna

lasciand un strascich ross all'orizont,

sta scena d'un pitor propi degna.

Se fa sera, s'oscurne i canton,

s'archiappa la via d' casa lentament,

s'acend pian pian le luc de chi lampion,

del giorne ch'passa pr en so' cuntent.

E' sempre un d'men da pod camp

e anca se t'un st'mond c' poch da goda

te tira el sacch da dovel lasc,

mo purtropp c' n' armast poch da roda . . .:

En per i ann ch'en saren tanti,

anca s'ho prs la "via discendent",

mo aciacch e pensier ch'en tanti

e che dle volt te levne i sentiment.

Me tocca camin un po' mezz tort

perch i snod s'en aruginitt,

so secch arplitt ch'me rid el beccamort,

sar cinquanta chil sa i mi' vestitt.

En c' vegh pi tant, me ce vol i ochial,

so' mezz sord, me ce vol la dentiera,

tocca fermam quand vagh s per le scal,

segn ch'anca per me se fa sera.

  

 

 INIZIO PAGINA

 

 

LA MISERIA

Nino Cesaroni

In Antologia - IV Concorso 2001

 

M'ha dett mi' moj, sa na faccia seria,

che a casa nostra c' una miseria

che da un po' d' temp dventata nera,

per quest che lia se dispera.

J ho rispost un po' meravigliat:

"Mo i sold ch' t'ho datt  en t' hann mai bastat ?

Sa vol d adess st' ragionament ?

E' sempre dett ch'en mancava gnent !?"

"Sa ch' capitt ! - alora lia m'ha dett -

En minca la miseria di purett !

Vedi mal chel vas sa cla piantina,

ch'i dagh 'n' adacquata ogni matina ?

E' quella la miseria che t'ho dett,

mo te capisci sempre per dispett ..."

"O porca dla miseria adiritura !

Ch'sa metti paura per un po' d'verdura !

 

 

 INIZIO PAGINA

 

 

 

SALITT E DISCES

Nino Cesaroni

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Una volta, quant er pcin,

me dmandavne se in Urbin

c' pi disces o pi salitt.

Io stav un cuncin sitt

e p sensa tant lunari

rispondev che erne pari.

Mo se me 'l dmandne adess

rispondria ch'en so' fess,

perch ormai ho gi capitt

ch'en men le disces dle salitt.

E ma chi me dic de no

i dira provat un po'

t'na pendensa a gi s e gi

el vedret d c' vol de pi.

 

 

 INIZIO PAGINA

 

 

AMICH  E CUMPAGN

Nino Cesaroni

In Antologia - IV Concorso 2001

 

'Na volta s'diceva "cumpagn" per di amich

opur s'diceva "amich" per di cumpagn,

mo da quant arivat i Partit

i amich en en pi cumpagn,

e i cumpagn en en pi amich.

Prova a di "amich" ma 'n Comunista

opur "cumpagn" ma' n Democristian,

n t' manda 'n acident a prima vista

e cl'atre fa 'l segn dla Croc sa le man;

e tutti d predichen l'uguagliansa,

la pac, l'acord e la fratelansa !

 

 

 INIZIO PAGINA

 

 

EL PATERNOSTRE DL'URBINAT

Nino Cesaroni

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Padre nostre ch'se' malas

te pregam per tutti n

Te che gverni dal tu' Regn

fa che Urbin ne sia degn.

Fa pur com t' par ma te,

mo de n en te scord;

sia tel cel che tla terra

ce sia pac e no la guerra.

Dacc ogg un pess de pan

ch'el companattich l'armediam;

paga i nostre debbit, Signor,

specialment ma quei

del Gir di Debitor.

En c' f 'n chi pensieracc,

che c'arduc'ne com i stracc,

e guarisc tutt chi mal

che non basta l'ospedal,

specialment n com el nostre:

mo c'vol sol el Paternostre.

E speram che dacs sia,

tien a ment e cos sia.

 

 

 

EL DIALETT PER NINO

Nino Cesaroni

In Antologia - IV Concorso 2001

 

Per chi el parla: 'n piacer,

per chi l'ascolta: un mister,

per chi el scriv: 'na festa,

per chi el legg: un gran mal de testa.

 

 

 INIZIO PAGINA