Alfredo  Zampolini  La scampanata

Bibliografia

 

 

 

La scampanata. Terra di Urbino 1938

COMUNE DI URBINO
ASSOCIAZIONE PRO URBINO
ASSOCIAZIONE URBINO ARTE

LA SCAMPANATA

COMMEDIA DIALETTALE  di
ALFREDO ZAMPOLINI

Personaggi:

Debolessa
Pistapep
Rimedi
Marolla
Gisto
Santina

Interpreti:

Gabriele Sperandio
Luca Silvestrini
Claudio Capellacci
Amleto Santoriello
Gilberto Uguccioni
Lucia Tempesta

 

Regia a cura della COMPAGNIA DIALETTALE URBINATE
Canzoni di Duccio Alessandro Marchi
URBINO 21 dicembre 2002
TEATRO SANZIO

 

Alfredo  Zampolini:   LA scampanata

Testo completo in v'l'arcont in dialett del 2000

 

Il Prof. Alfredo Zampolini al terzo Concorso di Poesia Dialettale "Renzo De Scrilli"
presenta la commedia dialettale, La Scampanata, al III Concorso di poesia dialrttale "Renzo De Scrilli"
ottenendo il Primo Premio per la prosa

 

 

 

 

 

Dalla Premessa alla III Edizione:

 

Nuove poesie dialettali e La Scampanata

Il concorso di poesia dialettale urbinate piano piano si sta avviando verso la quarta edizione, creando quel legame di continuit che indispensabile per cementare una tradizione ancora troppo labile.

... omissis  ...

L'ultimo concorso dialettale ha premiato la commedia in dialetto La scampanata di Alfredo Zampolni: un giusto riconoscimento al ritorno del teatro dialettale a Urbino, con una tematica, quella dello sberleffo verso i matrimoni strani, molto diffusa nelle letterature del nostro continente: Rolando Bacchielli mi ricorda il francese "charivari", l'inglese "rough music" o "Skimmington-ride", lo spagnolo "cencerrada", e il tedesco "Katzenmu- sik". L'allargamento delle tematiche del concorso non pu quindi che far bene alla produttivit del concorso e all'interesse che questa iniziativa riesce a far emergere.

Sanzio Balducci

I PERSONAGGI

 

I quattro compagnanoni      PISTAPEP

                                           DEBOLESSA

                                           RIMEDI

                                           MAROLLA

L'uomo beffeggiato             GISTO

L'amica di Gisto                 SANTINA

 

L'episodio ricorda l'usanza di un tempo di canzonare ad alta voce, di notte, vicino all'abitazione, una coppia di sposi o altre persone che avessero dato motivo di scandalo.

 

MAROLLA: E' il capobanda. E' uomo anziano, di esperienza. Ha organizzato lui la scampanata, ma quando la faccenda si mette male, si dimostra irascibile e puntiglioso. Non cede nemmeno quando gli altri si sono arresi alla nuova situazione. Ben inserito nel suo ruolo, perde via via la sua autorit e finisce sconfitto.

RIMEDI: E' un altro anziano della compagnia. Ha buon senso, controllato, riesce bene nelle battute di motteggio nelle quali mette un tono di ironia. Non sta sottoposto a Marella e alla fine risolve la situazione a suo favore.

PISTAPEP: E' il pi giovane della compagnia. E' un bambinone, un ingenuo, che non riesce a inserirsi nel programma della scampanata. Le sue domande sono spiritose, ma spesso inopportune, le sue battute di motteggio esilaranti.

DEBOLESSA:  E' un altro giovane. Come Pistapep non ha espe-rienza di scampanate, ma si inserisce meglio nel programma. E' vivace e ha spesso la battuta buona.

SANTINA:  E' una ragazza decisa. Riesce a tener testa ai quattro compagnoni e alla fine lei che vince. Sicura nelle risposte, volitiva e tenace, domina gli avvenimenti. Donna senza prevenzioni sociali., sincera e leale.

GISTO: Uomo forte, con voce tonante e tono collerico. La sua voce minacciosa fa presagire un dramma

 

PROLOGO
I quattro compagnoni compariranno sul palcoscenico a telone abbassato preceduti da vivace musica di scena.

MAROLLA - (rivolto al pubblico) Sa ch' na scampanata? So sigur ch'en el sapet ! Alora ve 1' dir i'. Era na gran minchionatura ch' se dava ma chi faceva scandol....oh, na volta s' faceva prest a f scandol! Bastava che na donna avessa avut un fiol bastard, o men ancora, che un om un po' ansian avessa spusat ma na ragassa giovna. E alora sa s' faceva? Tre o quattre person del pas, tutte d'acord, s' meteven, na nott, sotta la finestra de quell ch' aveva fatt scandol, e gi mal, a svergognal!  Minga sa du' paruln, mo sa i sgagg', le cansunacc e la batraccola fatta sa i bidon ! Insomma, un gran chiass, e tutt el pas sentiva e se divertiva. E el minchionat? Ma'l minchionat i tucava st sitt e non risponda, se no, quei de sotta, faceven pegg. N adess, mach, in ste teatre, pruvm a arf na scampanata. Sem in quattre, i' e sti' atre tre (li indica). Per prim, i'. Chi so' i'?  I' so' Marolla, el pi ansian dla cumpagnia, el capoccia, l'organisator, se dira ogg', de ste bell schers; quest, vicin ma me, Rimedi, n' amich mia, ch' me d na mana per tiena in pied tutta la baracca (Rimedi dar qualche segno di compiacimento) perch chi' atre n d giovanott, inesperti un, quell mal, (lo indica) se chiama Debolessa - e quest ve basta per cap el tip (Debolessa avr una reazione contenuta di risentimento); cl' atre ancora un burdell, un mucicon, ch' se chiama Pistapep (Pistapep avr una reazione esagerata di compiacimento) - Sti d giovincell farann tutt quell ch' i dir i'! E adess pudm anca incminc (fa l'atto di andarsene)

RIMEDI (trattenendolo) - Oh, en dett gnent del minchionati... e de cl' atra!

MAROLLA (un po' seccato) - El minchionat en c perch l s' vergogna!... ad ogni mod el sentirann parl, dopp... cl'atra... cl'atra, quand vien, la vedrann!... adess, gim a f la scampanata (e rivolto al pubblico) e v' la prumett brodosa, cum ha da essa. Parola mia, parola de Marolla! (si ritira dietro il telone seguito dagli altri mentre si ripete il motivo vivace della musica).

 

INIZIO

 

PRIMA PARTE

La scena si apre su un paesaggio di campagna nostrana; da una parte, in alto, si vede una vecchia casa. Gli uomini entrano a uno a uno con in mano un bidone con dentro un bastone. Dalla cinghia pende un imbuto che servir da trombetta.

Ma - Oh, sem arivati, finalment!
De - Alora, sara quest el post?
Ma - Propri ... mo parla pian, sem de front a la casa de Gisto.
De - Ostia, che casa vecchia c ha Gisto!...guarda com s' ved ben la loggia e chi du camn tel tett!
Ma - E pi in l c el capann.
De - En avra mai credut che Gisto, sa tutt i su gir, abitassa t'na casa tanta vecchia!
Ma - G' ha lasciata el nonn sta casa....chi s quant ann c ha? Mo Gisto ce sta ben listess, e p adess e' ha anca la cumpagnia!
De - Toh! s'ved la luc tun chel finestrini
Ma - Mal c la cucina. L e la burdella avren d' av magnat e adess starann un cuncn a parl.. .prima de g a lett!
De - Mo dimm un po', da mach ce sentirann?
Ma - E com no!? Tel silensi dla nott ce sentirann icuntadin e tutt el pas!
De - Pusibbil quei del pas?
Ma - Se te 1' digh i', c he da creda! En el s che de nott se sent anca el respir del lepre? (gli uomini, dopo aver esplorato il luogo, prendono posto)
De - Sti bidon du' i metm?
Ma - (con importanza) - Questi i he da tiena sa te che serven sempre!
Pi - Alora ... vlem incminc?
Ma - Sent ma quest! L vol incminc....(rivolto a lui) Se ved ch' se' un burdell!
Ri - Prima tocca pens quell ch' s' ha da d, coion !
Ma - E' la prima volta ch' fa na scampanata. Ha furia, cum s' avessa la crescia in tel foch!
Ri - E invec tocca ste calmi, se no el giochett en vien ben !
Ma - Alora (li chiama a raccolta), statme a sent tutti. N, ma Gisto, i duvm d l'assica e tratall mal. Se l sta sitt e s' arend, se fnisc prest; se l en s' arend, alora tocca arni dmana sera ... e ardai gi fin ch' en se stuffa....e alora ha da ceda per forsa.
De - E sa i dicm per svergognal?
Ma - I pudm d tutt quell ch' ce par, basta ch' parlm n a la volta, se no s' fa confusion. Facm acs: ma chi i vien in ment calc, cmincia per prim... tant, dopp, da na parola ne vien n' antra.
Pi -1' voi cminc per prim!
Ma - (rivolto a Rimedi) -  Fal ste sitt, ma chel piscialett!
Ri - Marolla ha ragion. Propri te vo' parl, ch' la prima volta!
Pi - c ho na bella cuslina da d!
Ri - Sentm.
Pi - I digh ma Gisto: "Gisto, sa c arconti d' beli?"

(Risata generale)
Ri - (imitandolo, ma burlandolo) - "Gisto, sa e' ar-
conti d' beli?" Ostia, che fantasia! E va ben.e dopp? Sa ch' i dici dopp?
Pi - Dopp, basta!. (Altra risata)
Ma - Bravo! Bravo! Sa te se farla propri na bella scampanata!
Ri - Cert che tochera essa spiritosi....
Ma - E1 brutt se en vien in ment gnent.
De - E alora cum se fa?
Ma - Sent ma quest!... ah, gim ben!
Ri - Cum se fa? Aspetti ch' venga in ment calc e dopp parli.
De - E quand ho fnitt?
Ri - T' arposi.
Ma - Sa credevi da non lasc mai g da sgag?
Ri - Sara un bel lavor! Invec n bagaim per un pess e po' carposam, archiapam per n' antre pess ... e acs de seguit.
Ma - Avet da cap che le fermat serven ma n per archiap fiat e serven anca ma Gisto se vol risponda.
De - E se Gisto en rispond?
Ma - He da veda se rispond! E1 sa ben l? che pi aspetta e pi critich ricev. El se' sa te digh? Quest mach, dopp diec minut, ha fatt!
De - Alora argm a casa subbit?
Ma - Cum capisci le rob, te! Diec minut per mod de d, ce vol quel che ce vol, e basta! Piutost, arcurdatve che se cmincia tutti asim, prima a batta ti bidon e dopp sa n' urie gross. Oh, la gent s' ha da acorgia ch' sm arivati!...E dopp dai sa le trombetti
Pi - Alora i' en so' pi el prim?
Ma - Uffa! Te me fe dvent matt! ... Te en p cminc da per te sol, duvm atacal tutti asim, acs: "GISTOO! GISTOO!"...dopp tocca ma te. Te i dici: "Gisto, sa c arconti d' bell?" e p vengh i'. I facc: "N' avr dle robb da d?".... pol g questa... e p chi vien?
Ri - Dopp vengh i'. I' facc la part, acurdatve, cum se avessa da difendle, ma Gisto. I digh: "c n'ha da d e da arcunt dle robb, mo a st' ora avr voia?"
Ma - Va ben, va ben. (a Debolessa) Adess ce se' armast te. Te sa chi dici?
De - I digh: "Dai pur s, Gisto, che n te stam a sent!"
Ma - Emb, en na gran robba blina, mo fa listess... intant acs... dopp nir in ment calcos' altre. Oh, se en vien in ment pi gnent, se sta sitti... mei a ste sitti che d le sciapat.
De - (indicando) Guardat, hann smorciat la luc !
Ma - nn gitti a lett i d mors, adess vien el bell! ... Arcurdatve ch' ha da essa na surpresa...se nisciun de voiatre ha parlat.
De -Pi (uno dopo l'altro)- Io, no! Io, no!
Ma - Tun l, tun Rimedi, ce mett la man tel foch, mo tun voiatre en el so!
De - Pi (uno dopo l'altro) El giur! El giur
Ma - En el so s' v' ho da creda ... mo tant, se avet parlat, se capisc subbit, e alora ...
(fa un gesto di punizione molto evidente)
De -1' so' pront!
Pi - Anch' i' so' pront!
Ma - Cambia, cambia discors! Intant, per essa pronti, avet da ste' vicin... acs... ecch, acs (li allinea). Te, Rimedi, te metti mach ... Va ben.... oh, el batecch pront tle man, e avet da sbatta fort, mo quand el dir i'... donca prima se batt e p se sgaggia, e p dai sa le trombett! Ce sm capitti?
(Pistapep si curva reverenzialmente)
Ma - E te sa fe', adess?
Pi - (girandosi e movendosi) - Me s' slaciat na scarpa.
Ma - Propri adess! A fall aposta, en se credra!
Pi - (sempre armeggiando intorno alla scarpa) - Ho fatt, ho fatt!
Ma - Propri adess te se' acort?
Pi - (scusandosi) Eh, s, propri adess!
Ma - (risentito) Mo chi t' ha chiamat ma te?
Pi - (scusandosi) - So' pront, so' pront!
Ma - (risentito) - Te, burdell, se' bon sol da perda el temp !
(si riforma l'allineamento)
Ma - Alora, sem pronti davr ...c nisciun ch' ha da alaciass na scarpa o un buton?
(tutti i compagnoni fanno cenno che son pronti)
Ma - Alora, apena digh "via", partm tutti asiem sa i batecch! Alora, atenti... atenti...
(Marolla si ferma perch si accorge che qualcosa non va bene)
Ma - (a Debolessa) E te sa co' batti, sa quest? (gli
prende dalle mani un bastoncino sottile sottile e lo
fa vedere a tutti) Mo sa c avr te tel testn? Ch!...i' t' ho dett da chiap un batecch, no un righn come quest!...adess tocca perda el temp per truv un batecch adatt! ... (rivolto a Rimedi) I' tel dicv che sti d en faceven !
Ri - En f el dificil! Un baston? Sa c vol a truval! (d uno sguardo in giro). Vd, mach, ste ram d' alber (lo raccoglie). Quest pol f! (lo d a Debolessa dopo aver fatto l'atto di picchiarlo in testa)
Ma - Ragassi, gim mal, mal na mucchia!...avra voia d' lasc nico' (con forza e decisione). Mo sicom me chiam Marolla e quand ho decs da f na robba la facc... alora, alora, arcminciam da cap:prima batt ti bidon e dopo urlat fort, mo sempre tutti nsiem. Va ben?... e guai a chi sbaia! ... Alora, atenti ma me, pronti!...pronti!....atension, tutti insiem... pronti ... via! (Marolla e i compagnoni battono sui bidoni e suonano le trombette)
Ma - N' antra volta! (si ripete)
Ma - Va ben! E adess, subbit sal sgagg'! Alora... atenti, guardat tutti ma me, urlat fort...pronti, via! (Insieme) GISTOO! GISTOO!
Ma - M' piaciuti Alora n'antra volta! (si ripete)
(a Pistapep) Adess tocca ma te!
(URLATO)
Pi - Gisto! Sa c arconti d' bell?
Ma - N' avr da d dle robb!
Ri - c n' ha da d e da arcunt dle robb, mo a st' ora avr voia?
De - Incmincia pur, Gisto, che n sem mach a sent! (commenti favorevoli, risatine di compiacimento)
Ma - Intant, adess ch' he spent la luc e se' a lett, sa i vo' f ma cla burdella?
Ri - Sa vo' ch' i faccia? Gnent i fa!
Ma - Gisto, mach digghen ch' en se bon a fai gnent, rispond un po' te!
Ri - (facendo finta di sentire la risposta di Gisto) - Sa dici, ch' en vera? che te invec ce se f?
Pi - (in falzetto) - Sar, mo i temp dl'amor per te enn pasati!
Ri - He sentit ma quest? Ma quest tocca perdonal perch pcin e sfaciat! (commenti, risatine e conciliabolo per le prossime battute)
Ma - Da che part te se' mess tel lett, Gisto?
De - Li far a truv la pusision bona?
Ri - Gisto, questi mach en maligni. El s sa pensen? Lor pensen che te se' bon a dai sol i bascin ma cla burdella!
De - E' vera, vera! T' hann anca vist da finestra!
Ri - Sa t'importa ma te, fcanas! (risatine e conciliabolo)
Pi - En era mei se tutti sti bascin i davi ma la moj?
Ma - ...ch alora en sara fugitta cum ha fatt!
Ri - Sta sitt, che la moj caveva altre da pens!
Ma - Sa dici? Na moj acs giovina, acs blina.en pensava sempre ma l?
Ri - S' vd de no, che per la testa c aveva altre robb !
(risatine e conciliabolo)
Ma - Gisto, sa ne dici de tutt ste maldicens?
De - En rispondi, Gisto?
Pi - Alora vol d ch' nn vera!
Ma - Dimm na robba, te en se' un po' bagiott per g a lett sa cla burdella?
Ri - Sta sitt, che invec la gent dic che l el pi arabitt (risatine)
Ma -1' vra sap na robba: du' li de' sti bascin?
Pi - Tla punta del nas o tun urecchia? (applausi per Pistapep)
Ma - En rispondi, Gisto? Alora t' vergogni!
De - Cert che sa i ann sua me vergognera anch' i'.
Ma - El s sa te digh? Per non fat veda a d i bascin, prova a chiuda la finestra (risatine)
Ri - Me s di' n' antra robba: cum set messi te ecla burdella?
De - Spusati en st e fidanzati nemen, e alora?
Ri - Alora, ve chiamerm: chi d ch' vann a lett insiem ... che p vra d che a lett ce porti ma l'amicca!
Ma - Di un po' s - ma l'amicca du' la metti per f chel lavor, tel lett dla moj?
De - ... o che un canap de riserva?
Ri - Quant ne voine sap sti Curioson!
Ma - O Gisto, se en c he el canap se' propri un sfaciat!
Ri - E la burdella alora, che chiappa i mosc tel lett d' un antra donna? Cert che en se sara dett de sta Santina!
Ma - (ironico) Perch, acs se chiama?
Ri - Un bel nom, vera?
Ma - Un bel nom, se un el merrita.
Ri - A la bendision, tel ms de magg c gitta sempre!
Ma - Mo el ms de magg', pasat da un pess, babeo! (conciliabolo)
Ma - T'arcordi, Gisto, de cla cansuncina ch' cantavne i nostre nonn?
De - Cla cansuncina di fidansatn?
Ma - Va ben per te e la tu' amicca!
De - La vo' senti, Gisto?
Ri - Sa dici, ch' en t' arcordi de sta cansuncina?
De - Se en t' 1' arcordi, tla meterm in ment n!
Pi - E se 'n la vo' sent, tla cantam listess! (Insieme, mettendosi in posa e con diversi gesti)
(seguendo un motivo molto noto)
El ragass ma la ragassa chiappa le pulc e p le massa e le mett tel tegamin per cundic i taiuln!
Ma - T' piaciutta, Gisto?
Ri - N tropp ne sapem cum questa!
De - Pudm dur fin a dmatina!
Pi - ... e se te en rispondi.arcminciam dmana sera!
Ma - Te vlem tiena alegre, Gisto! Va ben?...dai! tacca banda! (si ripete la canzoncina)
Ma - O Gisto, voi parl sul seri: cum ch' mandat via ma la moj?

Pi - Sem i amich tua, ma n ce 1' p anca di'!
Ma - N' ha dett tant la gent de sta moj tua. E' mei che parli, se no tocca st a sent ma le linguacc.
De - E sa digghen, donca, ste linguacc?
Ri - En li dit ma Gisto, che dopp i dispiac!
Pi - Se i dispiac, pegg' per l!
Ma - Alora, el s sa digghen ste linguacc? Che la colpa la tua perch ma la moj en se stat bon de sudisfalla!
Ri - Brutt sfaciatl, acs i dici ma Gisto!
Ma -I' diggh quell ch' ho sentitt.
De - Ecch perch la s' stufata!
Pi - ....e acs un bel giorne fugitta!
Ma - ...e te c he prs un gran dispiacer che per poch en t' amassi!
Ri - Dopp, te se' armess... mo t' nutt el brill de cumpagnat sa n' antra donna!.
Ma -I ann nn pasati anca per te, Gisto!.
Ri - Mo l minga i conta!
Ma - Sta a sent ma me: cla burdella troppa dolcia per i tu' dent!
De - Sa rispondi, Gisto? (pausa e messa in posa di Rimedi)
Ri - Ha dett che i salt tel lett, en i poi f pi.
De - Bravo, Gisto, sta volta se' stat sinceri
Ma - E alora arcordet: en te f ni el panscion!
De - El panscion, el panscion!
Pi - Quant bel Gisto sa' 1 panscion! (Marulla fa un cenno brusco di tacere e invita i compagnoni a trovarsi un posto per riposarsi)
Ma - Alora ... ste Gisto en rispond. Cum la metm?
Ri - Fa el dur, fa el sostnut.
Pi - E se non s' arend?
Ma -Sciap, com en s' arend? N continum a stussicall, a la fin duvr d ch' i basta!
Ri - Ste Gisto ce d da f, en credevi
Ma - Faccia quel ch' vol: n sem in quattre, l sol!
De - Pr i' vra sap sa suced se en ce rispond.
Ma - T' 1' ho gi dett, incantat, arcminciam dmana sera!
De - E la gent sa dir?
Ma - Se divertir na gran mucchia!
Pi - Sta a sent: se dmatina Gisto me vien a cerch e p me mena?
Ma - Mo sent ma quest! Va l ch' en te vien a cerch, el sa ben l dopp sa chi tocca!
Pi - Mo i' intant le chiapp !
 

Ma - Te en capisci propri gnent. Gisto dman en vien n da te, n da me, Gisto en va da nisciun!
Ri - Pensm intant cum pudm fall risponda, ma Gisto.
De - El sapet sa i pudm dmand? I pudm
dmand: "Cum se' riuscit a purtalla a casa ma cla burdella? "
Ma - Toh, na volta ch' parli ben!.
Pi - (a Debolezza) - Me 1' f dmand ma me?
De - Sa centri, te? L'ho pensata i' sta facenda!
Pi - Alora i' i facc na cantatina!
Ma -  (sbuffando) - Oh, l canta! ... e sa i canti?
Pi - Na cansuncina!
Ma - Mo gli avm cantata?
Pi - N'antra...pi blina!
Ma -  (sbrigativo) - Statme tutti a sent!...Nit tutti vicin a me. Debolessa ha ragion, i duvm tuch ma la burdella. Se pudra d: "Gisto, cum ch' nutta via da casa, cum ch' ha lasciat el su si' per n a st sa te?"
Ri - Facem cum dic Marolla.
Ma - Vedret che se tucm ma la, l s' arsent e ri-
sponde. (Uno dopo l'altro) - Va ben...va ben, va
ben....ostia se va ben!
Pi - Pr i' voi incminc sa na cansuncina!
Ma - Mo lascia g de pens ma le sciapat!
De - E cum ha nom sta cansuncina?
Pi - Quella dia furmicca.
De - Quella dia furmicca ch' cerca maritt?
Pi - S, propri quella!
De - Oh, blina per daver!
Ma (duro) - V' ho dett de no!
Ri - Digh la vrit, me piac anca ma me cla can-
suncina!
Ma (sbuffando) - Mo sa facm mach?...
Ri - Gira propri ben per chi d (con un cenno di
allusione)
Ma (irritato) - Voiatre st na cova d' matt!
Ri (alludendo agli altri due e rivolto a Marolla )-
Mo lasci f!
Ma - Tutti contra d' me! (innervosito) - Mo fat
cum ve par! Cantat la cansuncina, cantat quell
che vlet, basta ch' fat presti
Pi (battendo le mani e canticchiando) - Bravo Ma-
rolla, bravo Marolla!
Ma (risentito) - Un acident che te spacca!
Ri - Dati s, en perdm temp! Cum fa gi cla can-
suncina?
Pi (recitando) -La furmicca va pel prado, gira gira
vol maritt. Scappa fora un bel lumbricch....
Ri - Basta! Chi ch' la canta
Pi -1'la cant.
De - Anch' i' la cant.
Ri - E te, Marolla?
Ma (duro) - No! I' en la so e manch la cant.
Ri - Alora sem in tre!
Ma (allontanandosi) - I' vaggh ma l, dietra cla
cerqua!
Ri - No, en g via!
Ma - E' mei ch' en ve vd!
Pi - Mo sta sa n!
De - Sta sa n !
Ma - Artorne quant t fnitt sta bufonata! che
ora sar?....sar le undic. Tirat via,
che la scampanata longa! (scompare dalla scena)
Ri (a Pistapep) - Dai, incmincia te!

(Pistapep canta da solo, con molte mosse, i primi quattro versi. Gli altri due versi vengono cantati in coro. Poi i tre compagnoni si alternano, sempre restando due versi cantati in coro. Gli ultimi cinque versi sono cantati in coro):

La furmica va pel prado
gira gira vol marit.
Scappa fora un bel lumbrich
- se me vua sar el marit ! -
El marito trovato 1' avemo
D' una casa come faremo ?
Scappa fora 'na lumca
- se me vua sar la chesa -
E la casa trovata l'avemo
d' un paiacc come faremo ?
Scappa fora un raganacc
- se me vua sar el paiacc -
El paiacc trovato 1' avemo
d' una coperta come faremo ?
Scappa fora 'na lucertola
- se me vua so' la coperta -
La coperta trovata l'avemo
Dei guancl come faremo ?
Scappa fora d conei
- se me vua sar i guancl -
I guaincl trovati li avemo
del lensol come faremo ?
Scappa fora d rosignol
- se me vua sar i lensol -
I lensol trovati li avemo
d' una carossa come faremo ?
Scappa fora 'na pacca rossa
se me vua sar la carossa !
La carossa trovata l'avemo
d' una frustaccia come faremo ?
Scappa fora 'na bisciaccia
- se me vua so' la frustaccia ! -
La frustaccia trovata l'avemo
dei cavall come faremo?
Scappa fora 'na pera de gall
- se me vua sar i cavall ! -
I cavall trovati li avemo
di una servaccia come faremo ?
Scappa fora 'na somaraccia
se me vua so' la servaccia! -
Sa i orecchj ce careggia l'acqua
sa la lengua lia ce lava i piatt
sa la coda ce spassa la chesa
sa le gamb carduna la legna.
Guarda cla sumarra com la s'ingegna !

 

De - La sapevi questa, Gisto?
Pi - cavr vist da la finestra cum avm fatt ben!
Ri - Mo Gisto c ha atre da pens, en 1' he capit ancora?
Pi (graziosamente) - Ma chi penser tutt el giorne, ste Gisto!?
(Intanto Rimedi chiama a bassa voce Marolla e gli fa cenni di ritornare sulla scena. Anche gli altri
due lo invitano con parole e cenni. Marolla alla fine rientra e dopo un breve conciliabolo riprende la
canzonatura)

(URLATO)
Ma - O Gisto., t' voi dmand na robba: cum ch' he prs tun casa ma cla burdella?
Ri - Lia chiappa ancora el latt, te c pi de quaran'ann!
Ma - Gr ben n' acopiament acs?
Ri - Quest en el so, ma in tutt i mod ha da essa svelt, ste Gisto!
Ma - Ostia! Guarda cum el macina!
Pi - Gisto, birichin, me pudresti insegn cum se fann le conquisti
Ri - Perch, te c he invidia dle su conquist?
Pi - Nooo! dicv per parl!
Ri - Perch, Gisto te sa antipattich?
Pi - Onn antipattich, Gisto n' amich mia!
Ri - Alora perch i dici "birichin"?

Pi - Acs...per rida.
Ri - En ch' pensavi che Gisto fossa un vecchj?
Pi - No, no!
Ma - (a Rimedi) Quant ann de precis ha, ste Gisto?
Ri - Te poss risponda ch' un pess ch' ma'l mond!
Ma - E quant?
Ri - Bsognara dmandalli ma l!
Ma - Ben dett! Gisto, quant anni c he tla schina?
De - En te vergogn, ansi mej che '1 dici, se no cartocca sent ma le linguacc!
Pi - El se' che le linguacc nn sfaciat na mucchia!
Ma - El se' sa pudren d? Che te c he pi de quarant'ann!
Ri - Ch, pi de quarant' anni!
Ma - Alora, quant nn? Quaranta o cinquanta?
Ri - (fingendo di ascoltare) - Cum dici, Gisto?... ch !... quarantaquattre !
Ma - nn un bel brustoli He sentit ben?
Ri -  (stando alla finzione) - Cum no? L' ha dett chiar: quarantaquattre!
Ma - E lia quant c n' ha?
Ri - Se' un bell sfaciat a dmand i ann d'na donna!
Ma - Mo tant el san tutti che lia c ha men dla met di ann de l!
Ma - (a Rimedi) - Sa dici, se sar ofesa la Santina per via di ann?
Ri - Nooo! E' vera Santina ch' en te se' ofesa?
Ma - Alora i' voi f n' antre discors. I voj dmand: "Cum fatt a lasc ma'l tu si' che te mantneva cum na fiola?"
Ri - En se' stata ricunuscent! Acs se fa?
Ma - El tu si' t' ha arcolta, el tu si t' ha arlevata...e te invece de ringrasial, se gitta ti bracc de Gisto. Mo cum ?
Ri - Ha d' av pers la testa per ste Gisto!
Ma - El vo' sap chiar? La gent dic ch' se' fugitta da la casa del si' cum se el piancitt te scutassa sotta i pid!
Ri - Sta a sent. En era mei se te metevi sa un giuvanott?
Ma - c n' avem tanti di bei giuvanott ch' vojen f l'amor!
Pi - (graziosamente) - Pudevi 'ni sa me, Santina!
Ri - En bad, quest un sfaciat!
Ma - Mo mach c n' avem n' antre de sti giuvanott... ginial... ben fatt. Pudevi chiap ma l, Santina! E te invec, subbit sa Gisto!
Ri - En arcminciam a parl mal de Gisto!
Ma - E chi parla mal?
Ri - E' da sap che Gisto, sa tutt i su ann, sempre un bell om!
Ma - E chi dic gnent!
Ri - E p digh che la Santina chiappa ma ch' i par!
Ma - Che vra d, che se ma la Santina i piac un om de cinquant' ann el pol chiapall!
Ri - Sigur ch' el pol chiapal! Pol chiap anca ma n pi vecchj! E ma te en ha da impurt gnent.
(Pausa)
Ma - O Gisto, me se d cum che te.. Gisto (con voce forte che viene dalla casa, senza che il personaggio si veda) - Vlt lasc g o vengh gi e ve romp el mus! (scena di sorpresa e anche di smarrimento tra i compagnoni)
Ri - Toh, Gisto s' sveiat!
Ma - Vien, vien gi, farem a chi le d pi gross!
Gisto - I' digh ch' ora de fnilla, ora d'lasc in pac ma la gent! (breve pausa tra i compagnoni per pensare a una risposta)
Ri - Ostia, se' trist, Gisto!
Pi - N facevam per rida, vera?
Gisto - Bel rida, da un' ora ch' urlat.
Ma - Mo questa na scampanata, Gisto!
Gisto - Avet fatt tropp critich, avet ofs tropp!
Ma - Mo questa l'usansa, el s anca te!
Gisto - Voiatre st di vilan e di sfaciat!
Ri - Te se' arabiat, Gisto?
Ma - En pensavam ch' t'la chiapavi tant!
Gisto - Ve diggh de fnilla, se en vlt busch!
Ma - Guarda che Rimedi c ha el pugn proibit !
Gisto - E i' ve diggh che se vengh gi ve spacch el mus ma tutti!
Ma - Oh, v f basta da d le fregnacc? N en avm  paura de te e continuam a butatt s le crittich! La scampanata fnisc sol quand ce far entr dentra casa, ce dar da beva e ce far f un balett sala tu burdella!
Ri - Perdn, Gisto, mo l'usansa dic propri dacs!
Gisto - A casa mia voiatre en ce mett pid!
Ma - E alora la musiga cuntinua!
Gisto - Vlt veda ch' git via? Tutti (uno dopo l'altro) - No!..Oh no!...No,   no!...No e p no!Gisto - Vlt veda ch' ve facc corra per i camp cum i lepre? (gesti di diniego, risatine)
Gisto - Adess vaggh a prenda el schiopp ! (smarrimento da parte dei compagnoni)
Ma - Gisto, en te sar minga immatitt?
Ri - El s che chi massa la gent va in galera!
De - E quand se' dentra en scappi pi, el s?
Pi - E quand se' dentra, chi bada ma la tu bur-
della?
Gisto - En ve rispond per gnent, rassa de tarpani, mo adess vaggh a prenda el schiopp e ve mass ma tutti e quattre!
(Paura dei compagnoni, confusione e fuga dalla scena di Pstapep e Debolessa. Poi se ne va anche Rimedi mentre Marnila cerca di trattenere tutti, imprecando. Alla fine se ne va anche lui. Tutta la scena sar accompagnata da un motivo musicale) 
 

 

INIZIO

 

SECONDA PARTE
(La stessa scena dell'inizio. I compagnoni per sono seduti e con gli occhi bassi)

 

De - E adess, sa facm?
Ma - (duro) - Adess s' resta mach!
Pi - Mo se quell ce spara?
Ma - Ma chi spara!? En capisci ch' 1' ha dett per
spaventace?
Pi - Mo se facessa per davr?
Ma - Acident ma te e la paura ch' c he adoss!
Pi - (implorante) - I' en voi chiap le schiuptat!
Ma - (sempre duro) - E i' te diggh che te en te movi!
(Pausa)
Ri - S'la vlm d propri giusta, se pudra anca lasc g!

Ma - Bravo, bravo! En credev che Gisto avessa cunvint anca ma te!
Ri - Mo Gisto in da canna del schiopp en ce mett minga i stupacc - ce mett el piomb, el s?
Ma - Mo l en 1' ha manch el schiopp?
Ri - Com en c ha el schiopp! Li fa l i schiopp!
Ma - I fa per venda, quest el sapem, mo per l s'l' tnut?
Pi - L' ho vist i' na volta a butega a f un schiopp !
Ma - Sta sitt, che te he tanta paura ch' en t' arcordi manch quell ch' he vist!
Pi - Ce poss giur ch' vera!
Ma - Sta sitt.ch' mei per te! (a se stesso) Prima d' arg sa questi m' ha da chiap un colp, m' ha da chiap!
De - Mo quell matt, quell ce vol spar!
Ma - En matt, no, birb!
De - Mo c' ha un nervos !
Ma - Sa credevi che dopp tutt quell ch'i he dett te facessa le caress?
Ri - I' la pens sempre come prima: per adess se pudra f basta.
Ma - En t' vergogni? En mai sucess che na scampanata se ferma!
Ri - Mo stavolta c nn de mezz le schiuptat, oh! !
Ma - Le schiuptat ch' ha inventat Gisto! La scampanata bsogna fnilla, en vol casch tel ridiccoll!
Ri - Sa i frega p ma la gent?
Ma - Ostia se i frega! Dman sta scampanata sar tla bocca de tutti!
Pi - Mo c' avrann sentit davr?
Ma - Ecca el solit imbecilli Parla sol perch c' ha la bocca!
De - Va ben, c' hann sentit, mo pudren pens che la scampanata fnitta !
Ma - O babeo, la gente en minga sensa cervell!
Ri - Decidm, perch Gisto ormai ariva.
Ma - Stat a sent ma me: voiatre git tel bosch, i'vaggh tla casa de sotta, da Orest, ch' un amich mia, e me facc d el schiopp.
Ri - Acs te t'la squai e ma n ce lasci tel bosch !
Ma - Quant se' coin anca te! Tel bosch ve pudet nasconda, no? 
Ri - Sa ste chiaror de luna, Gisto ce trova anca tel bosch, e p per arivacc bsogna travers tutt el camp. El se' cum cuntent, Gisto? Per l cum spar ti fringuelli
Ma - Ho capit, anca te la f adoss!
Ri - (risoluto) - Stamm a sent ben: se te attorni sal schiopp d' Orest mach ce scappa el mort. No, te en ve' da nisciuna part!
Ma - (saltando addosso a Rimedi) - Arcrdet ch' i' en chiapp i ordin da nisciun!
Ri (tenendogli testa) - Mo nemn n chiapam i ordin da te!
Pi - Vlm turn a casa?
Ma - (durissimo) - Ardai!
Pi - I' staggh pront per dmana sera!
Ma - (c.s.) - Te cnosch ma te! Te se' bon de nascondet per non fat truv dmana sera!
Pi - No, no! I' vengh, vengh!....basta che Gisto en tira fora el schiopp !
Ma - Brutt fifn, en capit che Gisto sal schiopp te vol imbambol? Te te spaventi e ve' via, acs 1'ha de vinta l.
Ri - (a Marolla) - I' te diggh che la scampanata ha da essa na robba divertent. Se s' ardue' acs, en va pi ben!
De - Ha ragion Rimedi!
Pi - S, s, ha ragion Rimedi!
Ma - (molto risentito) - c 1' avet tutti sa me, vera?... Acidenti cla volta!
De - (indicando la casa d Gisto) - O Dio, vien n!
Pi - E' Gisto, fugm tutti!
Ma - (guardando da quella parte) - Aspetta ch' en Gisto!
De - Com en Gisto! Chi vo' ch'sia?
Ma - (sempre guardando) - Te diggh ch' en l!
Pi - I' fugg', listess !
Ma - En l, papagall, un pi pcin de l e p en c' ha el schiopp.
Ri - (guardando) - Adess el veggh chi .

Ma - (agli altri due pronti a fuggire) - Indvinat chi ?
Gli altri due (spaventatissimi) - Chi ? Chi ?
Ma - E' la Santina!
Gli altri due - La Santina?
Ma - Propri lia! Vd che Gisto en vol mas ma nisciun? (Compare Santina, seria ma senza collera e si avvicina)
Ma - El tu Gisto vleva rompa el mus ma tutti, vleva tir le schiuptat, cum ch' en ha avut el coragg' da n fora?
Sa - Sta sitt, per carit! Sapessi quell ch' ho fatt per tienle bon?
Ma -Te duvm creda? O invec Gisto ha mandat ma te perch da la paura la fa adoss?
Sa - Paura l? L sol ner da la rabbia. Vleva n gi sa 'n torcol tle man per spacavle tla testa!
Ma - Mo dimm un po', s' immatit el tu Gisto?
Sa - Per gnent!
Ma - Mo tant l'usansa de minchion quand un omin ansian se porta tun casa na ragassa?
Sa - Minchion un po', va ben; mo vuiatre ne avet dett troppe, l'avet ofs propri ma Gisto!
Ma - (ironico) - O purtin! Mo te en sar minga nutta da n per av le nostre scus?
Sa - No, i' so nutta a d che ma Gisto en el duvt prenda in gir, che de tutt quell ch' sucess la colpa en la sua.
Ma - (ironico) - E de chi, alora?
Sa - E' la mia.
Ma - Toh, questa propri nova!
Ri - T' vo' spiegh un po' mei, carina?
Sa - C' poch da spiegh, v' 1' ho gi dett: la colpa tutta la mia!
Ma - E se te inventassi tutt per scagion ma l?
Sa - St padroni de creda o de non creda, mo i' parler!
Ri - E alora di pur s!
Sa - Emb, so statta i' a g da Gisto.
Ma - Me piac de sapll, toh! Mo pensat che Gisto un omin sposat?
Sa - C' ho pensat s, c' ho pensat!
Ma - Alora, carina, daver en te capisch !
Sa - I' en avr fatt ben a cumpagnm sa Gisto, mo anca el mi si'!...
Ma - En me d ch' el tu si' en te vleva pi tun casa?
Sa - No, no, ansi l sara stat tutt cuntent s'i' fossa armasta!
Ma - E alora?
Sa - Alora... ho vlut n via i', t' ho dett, de testa mia!
Ma - Alora la matta se' te, no Gisto!
Ri .- Stam calmi. Donca, te arconti d'av lasciat el tu si' de voia tua. Mo quest par impusibil, perch tutti sann ch' el tu si' te vleva ben, ch' t'ha arcolta da pcina quand perdut babo e marna, t' ha arlevat cum na fiola!
Sa - Quant ce vol a capilla! Tun cla casa en ce stav pi ben, e sicm mal sotta lavora Gisto, ch' i' cnuscev da 'n pess, e so ch' un bon om, so' fugitta da l!
Ma - Ah, te f prest! Un giorne te chiappa el brill de g sa chi cha passa quarant'ann e che per de pi spusat, e te ce ve' subbit de corsa, sensa pens ma gnent!
Sa - Na ragion c' 1' avr avutta, no?
Ri - Oh, sentmla sta ragion! He parlat, he parlat, mo sensa d la robba pi impurtant: perch lasciat ma'l si'?
Sa - Se el vlt propri sap, l'ho lasciat perch l me dava fastidi.
Uno dopo l'altro - Cosa!?...Cosa!?..Cosa h dett! ?... mo se' sigura de quell ch' he dett?
Sa - Avet capit tant ben !
Ma - Te vo' spiegh mei?
Sa - Uffa! Me dava fastidi, me tucava, me niva
adoss, avet capitt, adess?
Ma - Mo dir per schers?
Sa - Te sembre una ch' ha voia d' schers?
Ri - Per el diavol porch! Mo te batti ben? Mo ca-
pisci sa dici?
Sa - E com no?
Ri - Donca, Gig', el tu si', un om che fin adess
sembrava onest e seri, scond te saria un gran pur-
cacion!
Sa (con forza) - Propri!
Ma - Mo e' avem da creda ma tutt quell ch' he
dett?
Sa - Fat cum ve par, ma me en m'importa!
Ma - T' ha da impurt invec, perch s'en dici la
vrit....te purtam a Pesre, tel manicomi!
Sa (spazientita) - Insomma, i' er nutta per d che
la colpa en de Gisto. Adess poss arg via! (fa
l'atto di andarsene)
Ri - Frmet, ascolta ma me! Perch en che dett
ma tutti e subbit de ste vissi del si'?
Sa - Perch sa Gisto me so' messa d' acord de
non parl....per riguard dia sia e die mi cugin...
mo era mei av parlat, acs tutti avren saput e sta
scampanata en F avresti fatta!
Ri - Gig' e' ha moj e du' burdelle....me s d cum
hann fatt a non acorgse?
Sa - La sia puretta, forsi F avr anca capitt....I
ormai cercava in tutti i mod de rest sol sa me...
mo en m' ha mai parlat. Le burdelle? Le burdelle
no, en sann gnent....ancora enn troppe pcine.
Ri - E non he mai urlat, en he mai chiamat aiut?
Sa - Se urlav, se chiamav aiut, la gent avra capitt
e alora sara nut fora un scandol. F stav tutta la
matina tun casa a f le facend (le burdelle erne a
scola e la sia, cum sapet, al servisi). Emb, quand
l me s'avicinava, i' fugiv, fugiv sempre, per le
cammer, per el salotin....En ho mai chiamat aiut
....chi c avra armss saren statte la sia e eie du'
burdelle....per lor sara stat na vergogna troppa
grossa!
Ma - Ma me en me centra che Gig', sa la moj e
du fiole, gissa in cerca de te. En i avr minga fatt
cap, in qualca maniera, che te ce stavi?
Sa - Vergognet a dimm acs! T 'ho dett ch' fugiv,
fugiv sempre ....inventav le scus per non armana
sola sa l, mo ogni giorne me niva pi vicin, ogni
giorne dventava pi sfaciat!
Ri - E Gisto cum s' truvat tel mezz?
Sa - La prima volta so' corsa tla su butega, ch'
sotta la casa del si'. Ho inventat na scusa e me so'
messa a discorra. En ha suspetat gnent. La sconda
volta so' entrata de corsa, sempre da butega e i
ho dett ch' avev na gran paura. M' ha fatt curagg'
e m' ha acumpagnata de sopra. Mo la tersa volta
ha sentitt a corra per tutta la casa e p ha vist mal
si' afaciass da la finestra.ross com el foch...e alora
ha capitt!
Ri - La gent pr ha dett che te he fatt i tu interess
a g sa Gisto.
Sa - La gent poi pens ch' me so' messa sa l per-
ch ha un mestier bon e la casa del sua, mo te
adess s ch' en vera. I' ho sbaiat sol a non parl
subbit.
Ma - Dimm na robba: en mai pensat che ma
Gisto la moj i poi anca turn?
Sa - Cert ch' c' ho pensat, anca se Gisto dic che
cla donna en turner pi da l. Se la moj torna,
sar na disprata... .Gir tun antre pas, a f la ser-
va ma qualch pusident o a lavr a giurnata.
Ma - Lavr a giurnata fatiga un gran bel po' !
Sa -1 bracc enn boni e la salut en me manca!
Ri - Rispondine subbit, mo arcordet ch' he da d
la vrit: te, i v ben te, ma Gisto?
Sa (senza imbarazzo) - Cert ch' i vol ben !
Ri - Mo el s che per 1' et pudra essa tu padre?
Sa (c.s.) - Emb, i vol ben listess!
Ri - En pensi che tra na decina d' ann, se st sa
l, el tu Gisto en sar come ogg'?
Sa - En vaggh tant avanti sa' 1 pens!
Ri -Hi fiol? I fiol che te dar ma Gisto en possen
purt el nom sua, quest el s, no?
Sa (senza scomporsi) - Portarnn el nom mia!
Ma - Te poss dmand n' antra robba o he da
turn da Gisto?
Sa - D pur, Gisto m' ha prumess ch' en se mov
da casa fin che en arvengh!
Ma - Sta moj de Gisto, me s d cum che l l'ha
mandata via da casa tutta d' un chopp?
Sa - En afar mia quest, mo de Gisto.
Ma - Va ben ch' de Gisto, mo i' so' sigur che te
el s!
Sa (risoluta) - Podr anca sapel, mo resta sempre
un afari sua.
Ma - Sta a sent: el fatt sucess qualch ann a sta
part. I' m' arcord che la gent parlava mal na gran
mucchia de sta donna.
Sa - Vria veda, serpent cum era!
Ma - Anca Gisto p'r, en scapat pulitt da sta fa-
cenda.
Sa - Sa vresti d?
Ma - Vria d che anca l en faceva ben.
Sa - Mo sa ste discorra? Parla chiar!
Ma - Dmandli ma Rimedi, l ne sa pi de me.
Sa - Alora sentim ma quest.
Ri - La gent diceva che la colpa pi grossa sana stat-
ta de lia, mo parlava poch ben anca de l!
Sa - De Gisto, tutta na malignit!
Ri - Epur, se el dic la gent, calc d' vera c sem-
pre!
Sa -I' alora er pcina e i discors dia gent en i ho
sentitti, mo adess so curiosa un bel po'!
Ri - I' te diggh, mo accordet che dopp tocca ma
te a arcunt!
Sa - E va ben! Mei a parl che ste sitti!
Ri -Alora....c poch da discorra... la gente diceva
che Gisto la spaventava ma la moj.
Sa - Com, la spaventava?
Ri - La spaventava....sa la su forsa sa i su ca-
lor....insomma per ste robb.
Sa -1' en capisch. E de lia sa diceva?
Ri - De lia diceva ch' era na donna ambisiosa, mo
delicata.
Sa -1'te poss di' ch' era anca na svergognata! Gi-
sto ha fatt ben a mandalla via!
Ri - Alora ha cumbinat calc de gross?
 

Sa - En me diret daver ch' en sapet gnent de
gnent?
Uno dopo l'altro - Gnent....Gnent de
gnent.... propri gnent !
Sa - En ce crd.
Ri - De sta donna e de Gisto s' parlat na muc-
chia. .. .mo de precs en s' saput.
Sa - Alora, vlet sap sa ch' ha fatt? (allargando le
braccia)
Na robba acs granda, ch' en ce sta da nesuna
part!
Ri - Cuntinua.
Sa - Per prim, Gisto s' fatt prenda tla ret e 1' ha
spusata.
Ri - E dopp?
Sa - Dopp ha apert i occhj e ha vist.
Ri - Mo cosa ha vist?
Sa - Ha vist che la moj era un diavoli...Sapet tutti
che sta donna en era di post nostre, mo dia Ru-
magna. Gisto 1' ha incontrata la prima volta tna
sala da ball. E questa i s' atacata subbit....S' nn
spusati du ms dopp. S' nn spusati e l l'ha pur-
tata ma qua!
Ma - Sembrava gisser d' acord!
Sa - Bella forsa! Gisto i faceva f tutt quell ch'
vleva; se cumprava i bei vestit, giva a bal, faceva
la cvetta sa tutti!
Ma - E Gisto?
Sa - L era inamurat cott, stava sitt! Intant la casa
i s' era ardotta un purcil!
Ma - En sar stat minga per quest?
Sa - Noo! c n' dl'atre! Lia era propri na spu-
durata! Stat a sent sa ha cumbinat....Donca ma
Gisto i aveva dmandat de pud g' ogni tant a
trov mai genitor, ch' stavne a Rimne.
Ma - E' vera. Ogni d o tre setiman sta donna
partiva e non se capiva ben du' gissa.
Sa - Ma na moj ch' te chid da g a truv ma i ge-
nitor sa i vu d? La lasci f! E lia giva s a Rimne,
mo no dai genitor!
Ma - E da chi giva?
Sa - Giva a truv ma l'amant!
Insieme - Ma l'amant!?
Sa - Questa la vrit.
Ma - E Gisto cum 1' ha scuperta?
Sa - Basta, en voi d atre!
Ri - Invec propri adess ch' he da arcunt tutt!
Sa - Sa sto mach a spifer i fatt de Gisto?
Ri - En nn pi i fatt de Gisto, mo de cla putana!
Sa - A la fin, he ragion te! E alora sta a sent cum
P ha scoperta! Na volta Gisto ha dovut a g a Pe-
sre, sal camion, per carich un melott. Ariva a Pe-
sre e i digghen che el melott ferm a Rimne e
che.tocca g a chiapall mal. L tutt cuntent per-
ch pensa de f una surpresa ma la moj. Invec,
quand ariva dal socer, questi arconten de non
avella vista, e in pi cunfssen che die cumpars
dia fiola da lor en san gnent de gnent! L alora
suspetta e i par de cap....S' arcurdava de un giu-
vanott ch' aveva fatt P amor sa la prima de l. Ste
giuvanott stava tun pas mal vicn, ch' s' chiama
Verucchio....Sa fa Gisto? Cum un danat monta
tel camion e va a Verucchio. E dop un po' ch' gira
per el pas, i scova, ma lor d, a fass i cumpli-
ment sotta na pianta.
Ma - Ostia! Adess dventa interessanti
Sa - I trova mal insiem ch' se bascen e s' cares-
sen, e i se scaia adoss! El giuvanott fugg' per i
camp, mo Gisto 1' ariva e i d un fracch de sc-
gnat....el lascia tun foss pi mort che viv, p ar-
torna da la. La en s' era mossa dal post. E
quand l arivat s' messa a recit la part....s' la-
mentava, piagneva, el vleva arconqust ma Gisto.
L la vleva stros...mo s' tratnut. Ni ha dett d'
ogni sorta, i ha mandat cent maledision....e p
turnat a casa sua.
Ri - Por Gisto, en so cum ha fatt de non masalla!
Ma - Ah, i' en P avra perdunata!
De -1' P avra butata a rugulon!
Pi -1' P avra mursicata tutta!
Ri - He fatt ben a arcunt tutt!
Ma - Adess capisch perch Gisto, a un cert mu-
ment, s' era mess a beva!....
Ri - E tucava ste atent d' ustera, perch s'i chia-
pava el nervos, te saltava adoss!
Ma - E tel lavor en arcapsava pi gnent!
Ri - E' vera, vera!
Sa - Adess ch' avet saput, poss arturn via.
Ma - Va, va!
Sa - Sa i ho da d ma Gisto?
Ma - Gnent, propri gnent!
Sa - E' mei ch' en arcminciat sa le crittich!
Ma - Quest el decidm n!
Sa - Arcordet che fin adess 1' ho tnut bon! per
dopp, en el so!
Ma - He da cap che el tu Gisto ma n en ce mett
paura.
Sa - Va l, che el sapet ben che Gisto da sol ha
pi forsa de voiatre quattre messi insiem!
Ma - Mandle gi, mandle gi! Vo veda ch' le
chiappa?
Sa - I' ve diggh che ma Gisto infuriat ve basta
guardai per fuggia!
Ma - T' 1' ha dett nisciun ch' se' na gran papulona?
Ri - Cert che sa un schiopp carich, tutti nn boni
a f fuggia!
Sa -1' en dicev sa '1 schiopp, mo sensa schiopp!
Ri - Mo l ce vleva tir!
Sa - E du' 1' ha Gisto el schiopp?
Ma - En c ha el schiopp?
Sa - Tun casa en 1' ho vist da nesuna part.
Ma - Oh! I' 1' ho dett, vch, che 'n c l'aveva el
schioppi....e questi me rideven, sti fifni
Sa - L ha motivat el schiopp per spaventavi....
fosti gitti via... acs en se niva a le man!
Ma - Va l ch' ho capitt, va l ch' un bel caca-
doss el tu Gisto!
Sa - Mo sa dici? Alora en capitt gnent! L en
vleva ni a le man per el dann ch' te pudeva f!
Perch se te chiappa ben sa un pugn o te manda a
1' uspidal o mal cimiteri!
Ma - Ch, ch! Sa la bocca quant ne dici!...Ma me a
1' uspidal? Mo i' sa na sampata i facc f cinquan-
ta rutulon per i foss !
Ri - Vlet f basta sa sti discors ! (a Santina) Te he
da turn a casa?...Alora bada a g!
Ma - (ironico) - S, s, bada a g, che l t' aspet-
ta. .. .el grand om, el forsut, ch' mena ma tutti!
Sa - Vaggh s! .. Vaggh s!....Mo prima voi rida.
Ma - Sa c da rida?
Sa - Chi quell d' vuiatre ch' cha el pugn proi-
bii?
Ma - E ma te sa t'importa?
Sa - He da essa te, Rimedi! Intant en vera e
p anca s' fossa, i fa na mucchia ma Gisto! ne
massa cent de quei come te!
Ma (risentito) - Ptegola, sfaciata, vu' g via!
Sa - Perch? Se en vaggh via che intension che,
da mnamme?
Ma (.spingendola) - Va via, se no ce f arabi! E
quand n sm arabiati en se sa quell ch' poi suceda!
Sa - St in quattre, c la pudret sa na donna!
Ma - Insomma, va via....lascec in pac!
Sa - Vaggh! Vaggh! (s'incammina)
De - Saluta ma Gisto!
Sa - Oh, sL.sar servit! (Marolla si contrae)
Pi - Di ma Gisto ch' i voi sempre ben !
Sa - Li dir! (Marolla si contorce dalla rabbia)
Ri - E adess pudm g via anca n!
Pi (stropicciandosile mani) - Carin, s'torna a casa!
Ma (inviperito) - Sta sitt, ch' mei per te!
De - Anch' i' voi g via!
Ma (inviperito) - Anca ma te te pussa el fiat!
Ri - S' v continu da per te sol...fa pur!
Ma - Insomma, l'avet capitta? Ce sem fatti metta
sotta i pied da na burdella!
De - He sentitt cum ha parlat?
Ma - Ho sentit, ho sentit! Sa'l su discorra v' ha
inciochitt ma tutti!
De (che sta opponendosi bene) - He capitt sa ch'
sucess ma Gisto?
Pi - .... che nisciun pudeva imaginal !
Ma - S!..s!...e ma no sa ce frega?
De (serio) - I' en ho pi el curagg' de minchion
ma Gisto!
Ma - Perch? He paura!
De - No! E' per quell ch' i ha fatt la moj!
Ma - Mo sa t'importa ma te!
De - Gli ha fatta propri grossa!
Ma - Emb! Sicm la moj i ha mess i come ma
Gisto, la scampanata va a cart quarantott! Te,
cocn, t' arendi tropp prest!
Pi (che vuol darsi anche lui un contegno di seriet) -
He sentitt ma la Santina sa i vleva f el si'?
Ma - Sta burdella t' ha mess tel sacch, propri in
tel sacch!
Pi - He sentitt che Gisto ce vleva spavent sa '1
schiopp per non g a fn pegg'?
Ma - Teston! L sol, n sem in quattre, se giva
a fn pegg' era per l!
Pi - Gisto pr gross, mett paura!
Ma - Perch alora se' nutt a f la scampanata?
Pi - Pensav de divertm !
Ma - El divertiment cera...se me facev d el
schiopp da quell de sotta, da Orest...He da veda
Gisto cum s' arbuniva subbit!
Ri - Le scampanat fatte in ste mod en me vann
ben!
Ma (sempre risentito) - Guardt! Te se' pegg' de
lor!
Ri - Se c' pericol, en vann fatt le scampanat!
Ma - Mo en c era nesun pericol! El schiopp 1'
avra avut i', minga Gisto!
Ri - Te o Gisto listess.
Ma - Sa vresti d, oh !
Ri - Che un colp pudeva part anca dal tua!
Ma (con un sogghigno) - En te se' fidat, ch?
Ri - Sa un schiopp tle man, el brutt poi suceda
ma tutti.
Ma (con un sogghigno) - En te se' fidat! Mo a st'
ora era tutt fnitt, e ma Gisto i tucava abas la gre-
sta!
Ri - El vlevi propri spaventai?
Ma -1' vlev av sudisfasion !
Ri - In cla maniera en me piac!
Ma - E mach la f adoss anca te!
Ri - Tant avr capitt che nisciun mach la tien da
la part tua?
Ma - Bella forsa, fifoni e vigliacchi cum st!
Ri - Ved cum se' fatt? Basta che un en va d' acord
sa te, che subbit i d i tittol!
Ma - St vuiatre ch' mi cavat da la bocca!
Ri - La ragion n' antra.... che te se' un prepo-
tenti
Ma (a Rimedi e agli altri) - Mo git via!...che non
ve voi veda pi, n ma te, n ma lor!
Ri - Se se' stat te a chiamacc !
Ma - Mo chi pudeva imagin ch' eravat acs trolli!
Voce di Santina dalia casa - Marolla! Marolla!
Ma - Eccla quella, ch' arf el vers! (piano)
Voce di Santina - Marolla! Me senti?
Ma - Sa v? (forte)
Sa - Gisto ha dett che pudt ni s a beva un bi-
chier d' vin ! (Sorpresa e soddisfazione tra i compa-
gnoni, meno che Marolla)
De - Dici davr, Santina?
Pi - Mo se sigura propri?
Ri - Vd ch' F ha cunvint! (piano)
Sa - Se vlt ni s, v' aspetta!
De - Alora, se va?
Ri - c ha invitat, gim s!
Ma (grave) - Voiatre git s, mo i' no!
Ri (deciso) - Stavolta vieni s anca te!
Ma - E i' te diggh ch' en vaggh da nisciuna part!
Ri - T' ha chiamat, en te p tir indietra!
Ma - Me so' stufat, vaggh via! (siprepara per al-
lontanarsi)
Ri - Mo t' hann chiamat cum vlevi te? Adess he
da ni s a beva!
Ma (secco) - En m'importa pi d' gnent! (fa per
andarsene)
Ri - (sbarrandogli la strada) Te en te movi da ma-
ch (rivolto agli altri due) - Avanti, chiapatle! (ri-
petendo l'ordine) - Chiapatle! Chiapatle! (Lui
stesso lo afferra)
Ma - Mo safat!
Ri (stringendolo) - El purtm da Gisto! Chiapatle
per le gamb !.
Ma (urlando) - Mett gi le man, vigliacchi!
Ri - He da ni sa n!
Ma (urlando) - Lasciatme, lasciatme!
Ri (reggendolo sotto le ascelle) - Tnetel fort, in-
vec!
Ma (dibattendosi) - En ce voi gi da Gisto! En ce
voi g!
Ri - E te ce vieni, invec !
Ma (sollevato da terra e in bala degli amiconi) -
Mettme gi! Mettme gi!
Ri (agli altri due) - Via, el purtm da Gisto! (co-
minciando a muoversi e uscendo poi dalla scena
con tutto il gruppo)
(forte) Gisto, prepara i bichier!
(MUSICA FINALE)