Home Don Bramante

Don Bramante Ligi : Biografia Curriculum

 Home Dott.De Scrilli

 

 

Cur venationem relequisti

et piscationem deligisti ?

        (In Antologia al Concorso 1999)

 

  L 'inserimento del seguente "corrispondenza poetica" fra due personalità urbinati, Dott. Renzo De Scrilli e Don Bramante Ligi, è stato suggerito dal Prof. Dante Simoncelli, il quale, nel maggio 1999 dopo aver preso visione della precedente pubblicazione de "V' l'arcont in dialett ", scrive a Rolando Bacchielli in questi termini:

             «Ho il piacere di far conoscere a cotesta Spett.le Commissione una poesia del poeta cui è intitolato il concorso e la relativa risposta del poeta pesarese Don Ciro Scarlatti (1880‑1960). Ho avuto la fortuna di trovarla tra i manoscritti di quest'ultimo, di cui ho curato la pubblicazione dell'opera omnia. So che essa non è stata pubblicata nel volumetto "Dalla mia finestra" del De Scrilli. Ho creduto opportuno inviarla a codesta Commissione, perché sia conosciuta anche a chi non l'avesse letta nel volume "Don Ciro Scarlatti ‑ Sferza ‑ Poesie, a cura di D. Simoncelli, Stibu, 1997".  Credo necessario far seguire alla poesia di Renzo De Scrilli, la risposta per le rime dello Scarlatti, per meglio evidenziare la simpatia che intercorreva tra il canonico don Bramante Ligi e il poeta dottore. Ritengo utili anche le poche note d'introduzione già riportate nel volume sopra citato.»

La sola poesia del De Scrilli è stata inserita nel volumetto di poesia dialettale "I Fior di Camp", ormai non più reperibile, edito nel 1979 dalla STIBU a cura del 'Gruppo Dialettale' coordinato dal Prof. Alfredo Zampolini.

 

Dott. Renzo De Scrilli

(In Antologia al Concorso 1999 - Foto sotto)

 

 Nel 1941 don Bramante Ligi, nominato cappellano militare ed inviato all'Ospedale Militare del Dalmine di Riccione , ricevette una poesia umoristica da parte del Dott. Renzo De Scrilli di Urbino, suo amico. Questi scherzava sul fatto che il Sacerdote, amante di caccia, fosse stato trasferito dalle Cesane nella zona costiera, a Riccione.

 

Don Bramant ! Com me rincresc !!!

è lasciat l'ucel pe'l pesc !!!

Dop ch'è mess sô chi dô galon

è lasciat chla gran passion

ch'te portava sô t'la Csana

sa chl'arietta d' tramontana

ch' fava propi t'el più bel,

artirà qualsiasi ucel !!!

 

Aria, acqua: èn dô element

a de lor molt diferent

ed è quindi natural

che divers sien j'animal

che t'el ciel van svolazzand

e in t'l'acqua van notand, ...

ma tu provi gust ugual

pr'ogni rassa d'animal !!!

 

Ras e pesc: la specie uman

i' ha pres sempre sa le man !!!

Sempre sempre t'se' mostrat

dla natura innamorat,

tant pr'el pesc... com par l'ucell;

quant al gust è sempre quell !!!

Pensa un po', car el mi pret,

ch' per tutt dô ce vôl la ret;

 

 

 

 

 

c' vôl el mezz per el trasport,

la preparazion del post,

i richiam ed i zimbel

tant pel pesc com per l'ucel !!!

ch' toca avè molta pazienza

e qualch volta s'arman senza,

ch' l'animel, car el mi pret,

stenta a entrà dentra la ret !

Che tant volt c'è apena entrat

che s'arcoi tutt malandat !!!

Don Bramant, bada a pescà,

mo dl'ucel en te scordà:

pensa ch' anca sa'i ucclet

se pôl fa 'na spec d' brodett ...

Se pr'el pese lasci l'ucel

sta' sicur, ch' t'artrovi bell !!!

 

Da' por retta ma'l dotor

che te l' dic sa tutt el cor;

tu mantienti in efficenza,

en cambià la tua esperienza ...

qualca passera in t'la ret

pó chiapalla ancora un pret !!!

C'èn le passer anca t'l'acqua,

mo l'ucel malé en atacca !!

 

Te salut, el mi Bramant, 

e, se d' pesc ne chiappi tant, 

te pregam: en te scordà

ch' anca no' ce sem ma qua ...

Per ricambi, in t'un cestell,

t' manderem i nostr'uccell !!!

 Firmato: Dott. De Scrilli

 

Don C. Scarlatti  a nome di don Bramante

(In Antologia al Concorso 1999)

 

 

Benchè anche don Bramante fosse molto spiritoso e allegro, non possedeva l'arte di scrivere in poesia, per cui è costretto a ricorrere all'aiuto di don Ciro Scarlatti, come farà nel 1948 in occasione della festa di S. Cecilia di cui era Presidente del Concerto Musicale urbinate (Poesia n. 101 dello Scarlatti)

Don Ciro risponde a tono, - senza preoccuparsi di mutare titolo alla sua composizione - quasi per le rime, mantenendosi però molto più contenuto nel doppio senso, spiritoso ma meno malizioso, come si addice ad un sacerdote che su questo campo è stato sempre molto riservato.

Da notare il linguaggio dialettale urbinate usato anche da don Ciro che, pur immedesimandosi in don Brarnante, precisa: "Raccomando di leggere lo scritto solo come risposta adatta ai due individui, che fra loro hanno una confidenza trascendentale e non accusare me, che ho scritto per ordine di Don Bramante".

 

 

Côm farò, car Dottor mia,

a rispond' te in poesia ?

Parché m' sa che l'argoment

en sia bell propri par gnent !!

Sì gentil e spiritos

mo sì anch tropp malizios ...!

Sotta, sotta, m' sa ch' ce sia

una vera porcaria ...!

 

Tu, Dottor, ch' tocchi per tutt,

certament hai conosciut

(un po', cert sa la tû scenza

e un po' sa l'esperienza,

fatta spess de contraband,

spess sanand e ... spess guastand)

(tu, ch' osservi la ... natura ! ... )

com se caccia a mezza altura ...!

 

Mo nojatre, pori Pret,

adopran sempre la ret

per dà l' man ma qualch uccell !

E poi, dop, c'è quest de bel,

che nojatre l'aspettan:

s'en vien ogg, verrà doman,

senza gì, com fat vojatre,

a cacia t'i fondi d'j'atre !!!

 

Miga nô c' preoccupan

de caccià tel mont, o al pian;

e neppur ma nó c'rincresc

de cambià l'uccel sa'l pesc !

Ch' anzi el pesc è più gradit,

parché lô, quant'è condit,

s' met a cocia senza plall

sa'i budell, senza sventrall.

 

 

 

 

 

Chi se tien brav caciator

ha da fè anch' el Pescator.

Quant l'uccel en s' pol chiapà

s' scend al pian per gì a pescà !

A chsì sempre t'el fornell

o ch' c'è el pesc, o ch' c'è l'uccell ...!

Nô provam el gust ugual

pr'ogni sorta d'animal.

 

Mentre invec i cacciator

del tu par, che ma l'onor

en ci tenghen guasi gnent,

cacne sempre t'un chl'ambient

do' che spess l'uccel en degna;

e dle volt sprecat la legna,

credend d' fa un arrost gradit,

mo c' trovat sol el condit ...!

 

S' te succed quel ch' tu m'è scritt,

Dottor mia, tu scì fritt ...!

Mo del rest è natural

che dle volt tu dventi ugual

ma chi spess ve' a mastriccè,

parché a forza de trattè

ma dle rob a penzolon,

com. lor, pas da cojon !!!

 

 

 

 

 

 

Scend al pian, o Dottor mia,

che oramai sì for de via ! ...

Chla cacciata ch' brami tu,

al tu temp en s' pol fa più

A caccià su par chi mont

(anca s' trova qualca font)

arman sempre faticos;

mo t'el pian trovi ripos ...!

 

En c'è bsogn da camminà,

e neppur tant d'aspettà.

Basta a sta ben preparat

ch'entra el pesc dentra t'el piat !

Seppie ! sfoglie ! e ... baldighere

s' trovne sempre e po'... en èn chere

E po' el pesc quest'ann verrà

abbondant anca da d'là !

 

Scend al pien, da' ment, Dottor ...!

parché st'ann di pescator

c' ne sarà 'na scarsità

e anca quei ch' san poch pescà,

è sicur ch' faran figura  ... !

Scendi giù, en avé paura !

E vedrai ch'en te rincresc

de lascià l'Uccell pel Pesc !

 

 

 

 

Firmato: Don Ciro Scarlatti

 

 

 

 

 

Al  Canonico  Bramante  Ligi

BICORDI ED IMPRESSIONI DELLA OTTOBRATA  TRASCORSA IN CESANA A COFA

di Rodi  (amico di Don Bramante e De Scrilli)

 

La prima sera,inton' a chel tavlin

parechiat sa 'n mantil,tre piatt fiorat,

la posata de piomb, com chi soldat

ch'ce se giocava quan' eravam pcin,

in tre sa do' bichier,in tel camin

'na fiamata d'ginepre profumat

e sopra un barbacan un mocoltin                

che da la bindizion t'era arvanzat,

avem incominciat da Mercantin

sa 'na minestra in brod mezz scialaquat,

do' sansicc e so quanti bichier d'vin,

l'Otobre ch' avevam tant sospirat !...

 

"Per la Sassonia ho sonno !!".  Eran le sett: 

"Sor canonich,la cambra é preparata

farà lei quand vol gì sora tel lett !"

Dic la Tresia sa 'n'aria compassata.

"Flamini,chiappa so chel mocolett

gim, che dmatina tocca prest l'alzata;

afacte malasò,dal taburchiett

sent un po' ch'ostia d'aria s'é arvoltata"!..

«Tira el vente e s'é tutto arnugolato?!..»

Smena la testa el pret: «Sempre così;

senti senti che vento indiavolato;

é una disdetta ! Andam, gim a dormì !»

 

"Ostia com ronfa el pret ! fai un fischiett"!

Rispond Flamini:"Par un ghirlonzon"!

«Dai d'barba.dai 'na botta tra pel lett... »

«Orco che pacca ! adess sona el trombon !»

«Questo é un do - dic Flamini - cl' organett

conosc discretament per tradision.»

In ste mentre ma 'l vent s'agiung la pioggia

e a l'improvis un gran rugolaticc

fora dla fnestra, sopra i copp dla loggia!!...

"Che madosca sarà st'arbaltatic?....?!

L'urinal ch'èven mess fora del tett

sa 'na ventata s'era arbalticat

e gitt a fni tel bregn del maialett!...»

 

Mo prima d' chiappa sonn, un'atra scena

s'é svolta e questa propri original:

perché tutti èm sentit, sa 'l cor in pena

batta in tel mur l'orlogg de San Pasqual (1)

Scalsi,in camicia, giò pe'l cameron

givi de qua e quel ... de là bateva

"Dighen che porti mal !"  "C'é st'opinion,

anca la pora nonna me 'l diceva"!

guardam in tla faccia, ratristati

per un peztin,sensa sape csa dì !

"Don Bramant, nó sarem già fortunati

se almen i tu "rumor" lasciasser gì !"

 

A la matina, saran state le tre,

el dotor piccia el lum, s'alsa Flamin,

chiapa da la cassetta el macinin

e via che gira... s'mette a fa' el café!!

 

S' alsa dal lett el pret, in mutandin,

imbuga so i calson e do' calsett

lunghi come la cappa del camin,

i scarpon imbrocat sa i mazzuchett,

va a das 'na strofinata t'el catin

met un giactin sfugitt, schiafa sò el brett

'na sciarpa intorn al coll e do' dopiett…!!

Pareva el cap d'na banda d'assassin !

Mo prima de scapà, guarda de fora

e s'arvolta arabit invers de me:

«Per la Sassonia boia, quest'é l'ora

di preparar quel cavol di caffè ?!»

 

Intant, quel odorava in do' tazstin                     

una per me e cl' atra per Flamin !!!

 

 

 

Rodi, Rudio Ricci

(1)   Assai diffusa in Italia, ed anche a Gallicano nel Lazio, è la credenza che si tratti d’una figura misteriosa: San Pasquale che, con il suo bastone, batterebbe dei colpetti al fine di avvertire chi si trova in pericolo di morte di mettersi nella Grazia di Dio.
Pare che in realtà il fenomeno dell’Orologio è dovuto a un coleottero della famiglia degli Anobidi, il Xestobium rufovillosum che scava gallerie nel legno vecchio. Non più lungo d’un centimetro, si aggira nel suo labirinto finché nel periodo dell’accoppiamento comincia ad emettere il richiamo, quasi un segnale d’alfabeto Morse, al quale risponde la femmina. Il suono è ottenuto percuotendo le pareti della galleria con la corazza o le mandibole...

Rodi