HOME:
Urbinati indimenticabili

Gianotti di Ca' Gnagno

Michele Dialetto

 

Giuseppe Gianotti (qui)

Clemente Gianotti

Attilio Gianotti

Annunziata Gianotti

Michele Gianotti

 

GIUSEPPE  GIANOTTI

nato 11 Giugno 1833

Proprietario di Fontespino di ca. 8 ettari (la quarta parte ereditata dalla mia famiglia era di poco più di 2 ettari...). Fontespino è confinante con Ca gnagno.    Forse nel 1888 o poco dopo, Giuseppe acquista il fondo rustico di Ca' l'Ajala con inglobato Ca' Picchio in Maciolla e Monte Ulivo  (vedi stima del 1 Agosto 1888)

Figli

Clemente Gianotti di    nato il 9 Ottobre 1868

Morto a Ca' Gnagno (San Cipriano) il 2 Ottobre 1920 (a 51 anni 11 mesi 25 giorni, vedi necrologio)

   

Francesco Gianotti nato il 16 Settembre 1874, morto poco prima del 1909, probabilmente senza eredi, come si deduce dal fatto che la sua proprietà è stata suddivisa fra i fratelli (germani) Clemente Assunta e Anna

 

 

 

Anna Gianotti nata il 2 Marzo 1885 sposata Rosati Giuseppe

 

   

Assunta Gianotti sposata a Fattori Nazzareno, nata il 6 Agosto 1890 (??? avrebbe 22 anni meno del fratello Clemente)

 

   

Domenico, figura nel libretto dei conti sotto riportato al punto 1- e)

 

  

 

Fonti Biografiche

1 - Libretto di conti vari così intestato: «LIBRO  DI OGNI SORTA DI GENERI E DI BESTIAME f.to G. Clemente

- Anno 1889 ultimo grano dato a Biccilli dalla parte nostra quintali: 7   libbre:15,16.  Io ebbi a conto q: 1
Semola a L. 5 al cento più 14 libbre , 18; totale semola L. 17,70
Più date da lui L. 40
Di più da una sorella L. 42
Per un totale di L. 99,70
Più date some di vino n. 9 a L. 23 per un importo totale di L. 207

- 4 Ottobre 1892 Dato per conto ???????ari a Macchia Luigi lire 100

- 29 Agosto 1891 il sottoscritto [Domenico Nevi] ha ricevuto da Giuseppe Gianotti per conto di Nicola Bartolini di Fonte Corniale Nap. 100 per ????ci.

- 20 Agosto 1892 comperato due bovi al colognio di Pieve di Cagna ????? da Ceccarini Crescentino detto Dolcini per il prezzo di L. 885 da pagarsi entro un mese

- 20 Agosto 1892 (quattro righe illeggibili che dicono in breve:) comprato un manzo per il prezzo di L. 700 da versare alla fiera di agosto.

- Pagati in acconto i muratori da Gianotti Giuseppe per sei interventi L. 170. A Eugenio del Tufo quattro interventi L. 135

a) Sebastiano Colocci, nominato "Caprino Laroscia ???" di Pieve di Cagna, dato un paio di bovi prima della fiera di S. Francesco 1890 per il prezzo di Napoleoni 145 (1 N. equivaleva a 20 lire); barattato il cattivo forte di giunta ??? Napoleoni 16, il prezzo dei due bovi diventa Napoleoni 161. In più dati altri due maiali per il prezzo di Napoleoni 9,5 arivenduti per il prezzo di Napoleoni 12 e Lire 4.
Pagato per i due maiali semola libbre 100 Lire 6; altre libre 50 Lire 2,50

b) 12 Maggio 1892  comperato un solfatoio (serbatoio ???) per L. 35.
I bovi da 161 sono stati venduti per N. 135.

c) 12 Settembre 1892  Comprati altri due manzi da Calascipre ??? di Pallino per N. 181 sensaleria L. 1,50.
Dato per semola libre 50 Lire 2,50
Venduto il maiale per L. 105,00.

d) Fatti i conti con Paolo Parasacchi li 3 Ottobre 1892.  Resta di credito il detto Parasacchi di L. 47,60 f.tp Parasacchi Francesco.

e) Gianotti Domenico fatti i conti al 8 Agosto 1891.
Comprato due manzi da Nicola Bartolini di Fonte Corniale per il prezzo di Napoleoni 186 sensaleria L. 1,50.
23 Aprile 1892 venduti 5 agnelli per il prezzo di L. 29, divisi.
25 Aprile 1892 comprato due serbatoi (selbatoi ???) per L. 55
17 Maggio 1892 dato un sacco di formentone (granturco) a L. 14; dato un altro sacco di orzo a L.18
Dato per battere L. 5
Venduta un somaro di canna L. 6 [forse un carico di somaro di canne ???]
Pagato il veterinario L. 5 data la metà.
Vendute fascine n. 6 [centinaia] a lire 10 al cento importa L. 60, questi sono stati partiti la metà per ciascun
Vendute due pecore alla fiera di S. Francesco in Urbino ricavate L. 21 questi sono stati divisi a metà.
Lasciato sull'aia formentone sacchi 6 importo L.12 a debito del colognio (colono, mezzadro nel fondo dei Gianotti).
28 Ottobre 1892 Alla fiera di San Luca in Urbania comprati due tori da Settimio Miletti di Perugia per L. 570 sensaleria L.1; [piùavanti si legge:] al 18 Ottobre 1892 comperati due tori da Settimio Miletti di Perugia per il prezzo di Napoleoni 114.
Data semola libbre 150 importa L. 7
Date sette some (1 soma = 60 litri) di mosto al fattore di Santachiara di sua parte, stato atabilito il prezzo di una lira sopra la stima, importa L. 62,26
Date altre 150 libbre di semola presa in Urbino importa lire 7,50
Pagato di sua parte per il lordino (o losdino ???) del maiale L. 2,27, questi sono ritirati.
Voltatura ??? dei tori lire 2.
Venduti 3 agnelli in Urbino a Colocci Sebastiano L. 14; altri 5 L. 20.
1891 a ....  comperati due bovi per il prezzo di Napoleoni 186: arivenduti in Urbania il 1893 al prezzo di N. 171 sensaleria della compera L. 1,50 della vendita L. 4
18 Luglio 1893 venduti un castrato e una pecora per L. 37,50
5 Agosto 1893  vendute due pecore per il prezzo di L. 15 divise col colono
8 Agosto 1893 comperati due bovi per il prezzo di Napoleoni 136
Lasciato formentone sull'aia sacchi 5,5 e quarti 4 prezzo da farsi.
Pagato una ratta ??? di focatino ??? L. 11,20
Pagate 5 libbre di solfato di rame L. 1,75
Date per conto del padrone a Luciarini mosto some tre prezzo da farsi L. 24,50
Comprato un maiale a Sant'Angelo per L. 65, arivenduto per lire 80
Sebastiano Colocci di Pieve di Cagna passati dal colognio di Ca'l Muto 3 agnelli per L. 14; passati altri 5 per L. 20
Coperato un serbatoio in Urbino per il prezzo di L. 27; arivenduto per L. 15

f) Serie di Gianotti con data di nascita + Giorgini Elda

g)  al 18 Ottobre 1892 comperati due tori da Settimio Miletti di Perugia per il prezzo di Napoleoni 114 [come in c)]