HOME:
Urbinati indimenticabili

Abramo  calzolaio per signora

JACHMIN:

El personagg più caratteristich d'Urbin

(Clicca sull'immagine per ingrandirla)  

 

Jachmin era un personagg molt conosciut da 'i urbinat.  Caminava sempre e poch volt s'fermava sa la gent.  Era bass de statura e robust de costitusion, la su' testa era bianca com la nev, vestit sempre de pagn vecch ch'i regalavne.

Jachmin era un barbon original, era propi 'na pitura !  Tutt le person dla vecchia generasion s'arcordne e i vlevne un gran ben.

Durant l'estat giva a dormì t' na stansa pcina pcina d'un fator e d'inverne sopra i mucch dle balle da un furnar.  Portava sempre t'le spall du' o tre mass de baston e de frust e c'aveva un sacch de cianfrusai: quelle erne tutt le su' ricches.

Mo la più grossa era un baston che lo aveva fatt bnedì e ch' portava sempre dietra. Un brutt giorne, per apogiall sbadatament prima da gì a lett, l'ha mess vicin a 'n antre mucch de baston: en è stat pio' in grad d'arcnoscle. Grand è stata la su' pasion quant è git per archiapall: è stat atent a esaminè a un a un, mo en c'è stat pio' gnent da fè.  A lé per lé s'è sentit perdutt, ma po' ha pres 'na decision:  tutt i baston avria portat sa ló. Da chel giorne infatti ha cminciat a girè per le strad d'Urbin sa i su' fasc de bastuncin.   Erne tutti segnati sa un taiuss a forma de triangol distant poch centimetre l'un da cl'altre.

Lo credeva infatti d'essa un pusident e com s'usava cla volta al temp dla batitura. aveva fat un scanell ogni minella; se chiamava dacsé el recipicnt che tneva mezz quintal de gran.  Apena s'faceva giorne cminciava a girè sensa sapé de precis du' gi', girovagava sensa meta scond do' el portava la testa.

Quant arivava t'el Dom, caminava t'el centre dla chiesa e quant'era quasi da cima, s'en c'erne le funsion, faceva schiochè la frusta. Pasava in rasegna tutt 'i altar lateral e se divertiva a fé sunè tutt le campanlin, per ascoltè i lor son.  Po' scapava e se i burdei el fastidivne sapeva lo com metti in fuga.  Dle volt c'aveva la luna storta, alora bastimìava com un turch, alsava la frusta e la moveva tant veloc ch' pareva 'na girandola. Ogni gir ch' faceva era un chiopp e la gente aveva imparat a contai per metti al lott, altri dicevne invec ch'el temp en aveva dla bona.

Giva in gir per le butegh ti bar. t'le osterì e anca tle cas. Per acuntental i davne un piatt d'minestra, un bichier d'vin, un cafè e un tuscanin. Questa era la ricompensa ma i piacer ch'faceva quant c'aveva l'umor bon,

Le monet en le cnosceva. Era sempre puntual t'le fier d'Urbin e di paes vicin, ormai era dventat famos, se non atre per la storia di bastoni.  Quant arniva lo era ben informat dl'andament de tutt el mercat.

Tla vitta sua en ha comprat mai gnent, è sempre visut sa la bontà dla gent. È mort ma i Capucin circondat dall'afett di vecch vicin e dop tant temp viv ancora tel ricord dla gent d'Urbin.

 Giorgio Tiboni  Pubblicata su "Quattro Venti" n° 4  del 1984

 

Versione del Maestro Carlo Mancini

 

Jacmin era un vecchio scorbutico che viveva solo, dormendo dove capitava, nelle cantine dell'Arcivescovado, sotto il loggiato nei portoni e persino nei confessionali delle chiese.

Girava con un sacco sulle spalle, dal quale spuntavano lunghi bastoni con delle corde attoreigliate: fabbricava fruste da vendere ai contadini al mercato del sabato.

Quando attraversava la piazza, faceva schioccare la frusta tra le gambe della gente. Percorreva lentamente le navate delle chiese girando inesistenti interruttori per accendere o spegnere chissà quali lampadine.

Portò un giorno un suo nipotino al bar Basili. Lo invitò a mangiare tutte le paste che voleva. Quando fu sazio, Jacmin si rivolse a Tonino Basili:

Vo', Basili, 'ste paste l'avet pagate?

Certamente, Jacmin!

Allora en c'è bsogn de pagalle 'n’ antra volta!  E se ne andò, tra il sorriso indulgente di Basili.

Vecchio e quasi cieco fu ospite del Ricovero dei Cappuccini.

II dottore, nel suo giro ai Cappuccini, lo visitò e gli comunicò la sua diagnosi:

—Jacmin, hai la pressione alta, un po' di diabete, la stitichezza, l'artrite, il raffreddore, la tosse e le cataratte agli occhi.

Jacmin gli sorrise soddisfatto:

- Dottor, per sopporta’ tutt 'ste malattì, io c’ho d'avè 'na salut de ferr.  (Per sopportare tutte queste malattie, devo avere una salute di ferro!)

 

di Carlo  Mancini - L'orologio in piazza -

Urbino 1935-46 - Ed. QuattroVenti (1992)