HOME:
Urbinati indimenticabili

BAFUTT E LA BAFUTTA

 

Era pcin pcin,

secch e brut,

s'chiamava Bafut..

Sempre in gir su per Urbin

sopratutt pr' i vigulin,

propi com un pelegrin.

Sa le cals a spindulon

tutte mezze sbutonat

propi com un  disgraziat !

Era un vagabondi patentat,

sempre vestit de scur,

portava tle man 'na padlina

chi serviva per gì a chiapè el latt

de prima matina.

C'aveva du' scarp slabrat apuntit

e tutt sfondat.

Era ner com un sumar

pien de baff e de capei

per quest el chiamavne "Bafutin".

Girava sempre com un can randag,

era stran come figura !

De ló i burdei avevne 'na gran paura

e fugivne com el vent !

En c'aveva niscium mestier,

la gent el chiamava sol

per un gran brut lavor:

fè la barba ma i mort.

'I piaceva scovè le coppie,

s'nascondeva dietra i cepp,

t'le fratt, dietra i grepp

e tla macchia di Capucin

e da malé seguiva tutti da vicin.

Un bel.giorno per su' disgrazia,

è arivat un ch'en ne vleva tant,

l'ha chiapat per el gropon

e l'ha fat volè sopra due in amor.

Ha avut le sua !

Da alora stava atent,

era dventat prudent

e se guardava sempre intorne !

Spess per intimorilla,

dmandava ma la coppia

qualch, soldin

in cambi del su' silensi,

s'no minaciava de fè la spia

ma quei de casa d'lia.

C'aveva t'le man anca un curtlin,

per fè paura ma chi i giva vicin !

Viveva sa la madre

ch' se chiamava Bafutta

portava 'na gonna nera

e, mezza sganganata com'era,

sbugava da la Voltaccia de' Valbona

e giva per Urbin

pogiata su du' baston

per armediè qualch guadrin.

Trist e guai ma chi en li dava !

Volavne i colp e le imprecasion !

Tutt le person ch' la cnoscevne,

la schivavne, perché dicevne

ch' faceva le fatur

o el malocch ch'è più sicur !

Lia viveva sai su' fiol

t'na casetta dla Piola de S. Gvann

Dopp 'na vitta tribolata

sta vechietta s'è malata,

s'è malata gravement e c'ha

lasciat improvvisament !

Bafutin è armast sol

com un can sensa padron,

combinava poch e gnent.

Qualch' persona l'aiutava

e dle volt el consigliava,

mo ló en dava ment.

Era dventat propi matt,

se spoiava tutt mezz nud,

sbotonava i su' calson

ch'i armanevne a spindulon

e dacsè dava spetacol !

Era dventat scandalos !

Tel manicomi l'han portat

e da malé en è piò scapat.

S'arcmandava sa i conoscent

de potell fè liberè,

mo en c'è stat piò gnent da fé.

Ha visut 'na vitta strana,

fatta sol de zironzana!

 

Giorgio Tiboni (presentata al V Concorso di poesia dialettale - Pro Urbino 2002)