Presentata al Concorso 2001 Altre Opere dell'Autore
 

LA MI RAGASSA

Massimo Volponi

 

Trent'ann: tanti auguri ma tutti e d..

Oggi, che ognun va per la su' strada

e dop un po' gambia sa 'n'atra

com gnent fossa, perch pi giovina,

io e te invec ancora insiem, da cla volta;

e anca dman, so' sigur.

Qualca volta ho dubitat de te,

tra i tu' singhioss, i sbandament,

ma t'ho mai lasciata?

Me se piaciutta subbit, semplic, mai truccata,

pulitta, acqua e sapon;

pcina, mo en te mancava gnent,

ogni robba al post giust.

En c'avev prets, me bastavi acs,

fatti l'un per cl'atra.

E la gent se girava a guardacc ...

Quanti viagg insiem, sa du' sold,

qualca volta sa chi atre

quasi sempre n du' soli:

te sonavi, io cantav.

I prim tempi givam fort,

adess sm pi prudenti, el temp passa ...

Ho cargiat dle burdelle?

En f la g'losa !

Per famm perdon

t'ho regalat i vestit e 'na radio,

ma preferivi che cantassa io per te, t'arcordi?

Se ridevi te s'illuminaven j occhj

e 'l vent niva a spass sa n.

Quand mi padre t'ha presentata

me batteva 'l cor t'la testa:

che linea, che class, che nummeri !

E ogg, che l en c' pi,

me par da sentill ancora:

"E' la tua, tienla da cont ".

La mia 500, la mia ragassa ! ...

 

  Presentata al Concorso 2001 Altre Opere dell'Autore