Presentata al XI Concorso 2011 Altre Opere dell'Autore
 

CHE BELLA FAMEJA

di Massimo Volponi - Urbino

Quand so' gitt a visitaj, m'ha chiapat un bel magon,

m'ha gi dat parecchi guai la fameja di succon.

El pi giovin 'n po' sciancat, el second grass infilsat,

la sorella camina slalata, cl'atra invec indurmentata,

el pi pcin va via a gatoni dop ch'ha vutt gl'infantiglioni,

el pi vecch' ubriac cott, imburnit, sciap e fagott.

Sei fratej, tutti a l'arversa, sa 'na madre brutta spersa,

che apena ragasina 'niva fajend la spirlimpina

sa chi quattre cuntadin d'i puder de C Vagnin.

E difatti tutti i fratei lia j ha fatt sa sei burdei,

men che 'l settim, quel del maritt,

mo mort prest gi a gambritt.

Lia s' sempre cresa bella com 'l cul della padella.

L'ha sposata chel babiocch che girava sa 'n bel fiocch

pett' al baver del spulverin sa chel ris da pituchin.

C' da agiungia el su' cognat, magnauffa e sgulfanat,

sciap com la broda d'i gnocch, sgamblat e ciaccabdocchj.

Petta 'l foch sta sempre 'l nonn, che se cred un fatuton,

sbasufion, sporch e lulon, succaplata e mucicon.

Bricca la nonna tra i furnei, fa la sfoja ma i su' burdei,

cacianasa e cagnarola, en gitta mai a la scola.

En sapev da d cminc, tant en c'era gnent da cur.

Me sentiv com contagiat da ste mucchj de disgrasiat.

So muntat tla mia "500" e via a fuggia com 'l vent.

En el so sa m' sucess, tutt un quant so' dventat fess,

me so' acort, a l per l, che me so' mss a cant:

"So' d'Urbino e facc el brav, cach tle cals e p m' le lav...."

CHE BELLA FAMIGLIA

Quando sono andato a visitarli mi ha preso un bel magone / mi ha gi dato parecchi guai la famiglia degli zucconi. / Il

pi giovane un po' sciancato, il secondo grasso infilzato, / la sorella cammina storta, l'altra invece incantata, / il pi

piccolo va via a gattoni dopo che ha avuto le convulsioni, / il pi vecchio ubriaco fradicio, stupido, sciapo e fagotto.

/ Sei fratelli, tutti a rovescio, con una madre molto brutta, / che appena ragazzina faceva l'ochetta / con quei quattro

contadini del podere di C Vagnino. / E infatti tutti i fratelli lei li ha fatti con sei ragazzoni, / tranne il settimo, quello

del marito, ma morto presto, gi a capofitto. / Lei si sempre creduta bella come il fondo di una padella. / L'ha

sposata quel dabbene che passeggiava con un bel fiocco / sul bavero dello spolverino con quel sorrisetto da

pidocchino. / C' da aggiungere il suo cognato, mangiaufo e crapulone, / insipido come il brodo degli gnocchi, storto

e schiacciapidocchi. / Vicino al fuoco sta sempre il nonno, che si crede un tuttofare, /vaniloquace, sporco e

fannullone, zucca pelata e dal naso sporco. / Lavora la nonna tra i fornelli, fa la sfoglia ai suoi ragazzi, / ficcanaso e

attaccabriga, non mai andata a scuola. / Non sapevo da dove cominciare, tanto non c'era niente da curare. / Mi

sentivo come contagiato da questo gruppo di disgraziati. / Sono salito nella mia "500" e via a fuggire come il vento.

/Non so cosa mi sia successo, all'improvviso mi sono sentito stupido, / mi sono accorto, l per l, che mi sono messo

a cantare: / "Sono di Urbino e me ne vanto, defeco nei calzoni e poi me li lavo...".

  Presentata al XI Concorso 2011 Altre Opere dell'Autore