Per Uscire
Scegli Voce di Menu
Presentata al Concorso 2000 Altre Opere dell' Autore
 

LA  BROMBOLONA

di  Lidia  Ottaviani  Pasquini

Urbino

 

Mo, guardat che bell capricc ch' m' nutt

voi arcontavv el fat d'la Brombolona

in t'la stessa magnera ch' lo saput

en gnanca tant temp, da 'na persona

che stava malagi ma Primicili

ch'era un casant de Ubald Basili.

 

T'l' undic' (1911) dacs scriveva el cont Nardini,

cminciand un poemett propi genial,

che piaceva ma tutti, grandi e pcini,

p'r nisciun n'ha saput f 'n antre ugual.

 

Io en so scriva com ha fatt el cont,

mo p'r sa la mi' testa un po' balsana,

qualco' voi f, che quand guard ma chel mont

guard chel castell ch' c' ha 'n'aria propi strana.

 

Vegg 'na torr tutta bianca, solitaria,

che me fa 'n 'na gran malinconia;

arpens ma quand s' sentiva per tutt l'aria

i tocch d'la Brombolona in allegria.

 

C'la volta se sentiva da Spadon,

lungh el Metauro per tutt la vallata;

la sentiven anca da Fossombron,

tutti godeven de c'la sbatocata.

 

Dop d'la guerra nisciun l'ha pi sentitta;

adess t'la croc c'hann fatt un ristorant,

l'hann chiamat Brombolona per dai vitta,

anca se dal castell un po' distant.

 

'Sta gent, io diggh, en pensa sa vol d

quell ch' el significat d'la Brombolona;

mo fra 'n po' d' temp avr ben da cap

perch en capita pi manch 'na persona.

 

Io me rivolgh ma i amministrator,

ma chi s' interessat d'la Torr Cotogna:

per el nostre castell en s' prs cor,

com se questa fossa 'na vergogna.

 

Oh responsabili d'i ben cultural

fat qualcosa anca per la Brombolona,

perch se no mach va tutt a mal,

en ce sar mai pi 'na robba bona.

Per Uscire
Scegli Voce di Menu
Presentata al Concorso 2000 Altre Opere dell' Autore