Per Uscire
Scegli Voce di Menu
Presentata al Concorso 2000 Altre Opere dell' Autore
 

EL  MI'  DIALETT

di  Lidia  Ottaviani  Pasquini

Urbino

 

Ho lett chi librett

V'L'ARCONT IN DIALETT .

Tra tanta poesia

c' n' anch' una d'le mia;

non tra i vincitor,

mo sempre un onor

a veda stampata

anca la mi' sciapata.

Io parle in dialett

perch pi perfett,

sempre immediat

e subbit spiegat.

Le parole en tante,

mo p'r tutte quante

en renden l'idea,

te par 'na marea

de quell ch' se vol d

ch' en se pol cap.

bell l'talian,

mo en dimenticam

che un linguaggio perfett

ce vien dal dialett.

E p cert parol,

el dica chi vol,

s' le dici in dialett,

le senti pi schiett.

A d " scucialat "

se sent stritolat

e senti la botta

d'la robba ch' s' rotta.

Se dici la " susta ",

la senti pi giusta,

e vedi insustit

la faccia e el vestit.

Invec la " spurcissia "

en rendeva giustissia

ma quell ch' en s' lavava

(fors perch en magnava).

E tant c' ne sara

da f poesia

che in lingua en s' tradu

manch se i f un po' d' luc.

E p i letterat

hann sempre studiat

per f i paragon

sa quell ch' c' de bon.

Dialett cultura,

avm quindi cura

de non fall spar

parlandle ogni d.

Per Uscire
Scegli Voce di Menu
Presentata al Concorso 2000 Altre Opere dell' Autore