HOME  Foscolino

Foscolino, Foscolo Sabbatini

 

LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE URBINATI

In occasione della Cena Sociale al Circolo Cittadino

Urbino, 30 gennaio 1965

 

E' pasat degi 'n antr'ann,

cresciut ancor l'afann,

pr quand vien 'l carneval,

tutt de chiopp sparischne i mal.

Se qualcun ci ha 'l rafredor,

o che bsogn ha del dotor,

se fa forsa, strign i dent,

e lasciat i compliment,

te fa in mod d'essa mach

sa tutt chiatre per magn.

C'n i sgnor, c'n i porett

sa le plicc o sa le brett,

sa i vestit a rigatin,

le gravatt fatt a palin;

sa tutt st'aria d'alegria

se sta ben in compagnia.

Incminc'r sol da dmatina

a vol qualch parolina:

che l'arost era cott mal,

che t'l'aless c'era poch sal,

ch' la minestra e 'l galinacc

erne bon ma troppi giacc.

Certament che l'ann pasat

erne tutti pi educat:

te tirava 'n antre vent ...

che nesun spendeva gnent ...

A proposit de cla casetta,

tant dal Circol benedetta,

ho saputt, en so s' vera,

che schiaf vlevne in galera,

tutt insien sa'l president,

consiglier e inservient ...

 

Ma ormai gi saputt,

che ma me, 'na volta arnutt,

m' piacutt un po' d' parl

de qualch fatt sucess mach;

ho arcontat de chel teatre,

di student, de quell de cl'atre,

e di mur e di turion

gitti tutti a rugulon;

de chel pian regolator,

dl'ospedal sa i su' dotor;

ch' siene fnitti 'i argoment ?

I' diggh d' no sicuranent.

C' n' stat un ch' ha tnutt sospes

per parecchi e succhi mes,

i maestre, i impiegat,

i vilan e i avocat;

cert' un fatt propi important

se perfin quei ch' stann distant

en arnutti ben mach

quasi d' corsa per vot.

Donca propi cl' elesion:

n stat tante le person

che de chiopp, tutta d' un bott

sia d' giorne che de nott,

hann fatt veda l'interess

per la pac e pel progress.

In t'la piassa, t'i caf

i giornal sempre a guard,

e a la sera, da sapient,

in t'el Circol gran coment ...

Ma per d de tutti lor

c' vria almen un para d'or;

sensa ofenda ma nesun

i dir sol de qualcun.

E cminciam dai do' pi seri:

da Ranocchi e Desideri;

se cnosceva chel Carlin

pel bigliard e pel ramin

per g a caccia di fringuell,

dle palomb e d'altre ucell;

chi l'avria mai pensat

in t' na lista presentat ?

Sa la cicca a spindulon,

dondoland el su' teston,

ha ma tutti sbalordit,

quand, pavnass, invelenit,

te s' mess propi a spiegh

la politica d' mach.

Ha notat per quattre mes

del Comun perfin le spes

ch' n stat fatt per el logiat

p' i convent de tutt i frat,

per i vecch di capucin,

p' i lavor di Turicin.

T' ha discuss di congiuntura,

d' salariat e de struttura,

dle campagn, dov ma i vilan

armast sol i call t'le man,

di puder gi a rugulon

dal favin al furmenton,

e de tass ch' tocca pagall

solament ma i papagall.

Or c' gi chi pront a schmetta

i calson sa la giachetta,

che sta testa, sta gran ment,

gir' a fn tel parlament.

Ma magari fossa vera,

che l' mandasser da stasera,

vria d che per Urbin,

fra un tresett e un pocherin,

per i fatt, ma per quei seri,

c' penseria Desideri !!!

 

Con la voce piu' pacata,

la sua testa ormai pelata,

anca l sa 'n cert impegn,

seguitava quell disegn:

"Oh Carlin, hai tu parlato

come un libro ben stampato;

siamo messi proprio male,

qui da noi un carnevale;

chi non sa che sin adesso

siamo indietro col progresso ?

E il teatro e la pittura ?

tutto quel che cultura ?

Dai ascolto ch' 'n macello,

non c' amor pi per il bello !

Qui si spendono miglioni

per le navi ed i cannoni,

mentre sono un' indecenza

le pension di previdenza !

Per il figlio e per la mamma

noi vogliam nuovo programma;

ora parto, son aspettato

da un grandioso elettorato

che sin'oggi, a viva voce,

ha votato per la croce .

Quand ha fnitt l de parl,

n da d'entra del caf

ha dett fort: Ma s, ragion,

va in Urbania, lumacon !!!

 

Dit un po' avet po' vist

tutt i nom ch' c'eren t'le list

del partit ch' ha pres impeg

d' f st ben, sensa tant fregn,

'i operai e 'i impiegat

i vilan sa i salariat ?

Non vogliamo noi strafare,

noi sian qui per lavorare,

per far s che la famiglia,

con la moglie e con la figlia

viva meglio di adesso

nella pace e nel progresso;

prenda esempio questa terra

l'elesion dell 'Inghilterra,

per non dir di quei paesi

ove stanno i norvegesi .

E' un partit ch' ha da st mal

s' hann chiamat mezz ospedal

per sostienle, visitall,

sotta e sopra per tastall;

e daver per fall st mej,

per guardall in t'i budei,

pront Sestili sa i su' ragg,

per faji sotta un bell masagg

c' Ugolini ch' la matina

ci ha 'n tubett de vaselina,

mentre Franco Carnevali

con un pizzico di sali

sul punt de chiam fort

el caplan sa'l beccamort.

Quell che propi en s' capitt,

n per stort e n per dritt,

Capeletto ch' sa c'entrava;

fors ma l sol i tocava

tiena strett in tel camp sant

el tigam sa l'oli sant ...

 

El discors va un po' pi in l

sa cla lista dl' Unit:

se d' l piov o buffa fort

se qualcun d'un colp mort,

te diceven ma la gent

ch' n'era vera propi gnent,

ch' c'era invec el solleon

o che i mort eren minchion.

 

Ecca quei del scud crociat:

vann a spass sotta el logiat,

e 'na volta arnutti in piassa,

sempre insiem, a testa bassa,

hann gi fatt tutt i progett

per i sgnor e p' i porett.

Questa volta sar gloria,

avrem noi la gran vittoria;

io star all'assessorato

dell'igiene e dell'ornato,

mentre tu, e con ragione,

avrai quel dell'istruzione

Po' de chiopp pieghne el gnocchj,

alsne praria tutti j occhj

e saluten sa la man

l'arcipret sa'l sagrestan ...

 

Sprofondat in t'le poltron,

consumand men d'un limon,

c'erne quei de cl' angolin

ch' discuteven pian pianin.

I' m'arcord d'av sentitt,

da 'na part e sempre sitt,

el coment de un de quei:

en ve digh, i mi' bordei

Allorch con la mia truppa,

con borraccia e poca zuppa,

nella terra d'Albania,

con moderna strategia,

io sconfissi questo e quello,

date ascolto al colonnello,

combattei per lo Stivale

con lo spirto Liberale;

mi domando dunque adesso:

sia stato proprio fesso

se ancor oggi, a tutta vista,

qui comanda il comunista ?

E Peruzzi sa Pasquini,

sa Tenella e Vagnerini,

a sent tutt cl' orasion,

quasi quasi a lagrimon,

rimanevan senza fiato

per il dir di quel soldato.

Sol pi tardi s' saput,

ch' tutti quanti sti fatutt,

controlat i risultat,

erne armasti strafregat.

Non per f el gran sapient,

ma en ce vleva 'na gran ment,

per cap cla conclusion

saria gitta a rugulon.

Ma pensat un nomentin

chi erne mai sti gingilin:

quel ch' cmandava sta gran lista

era un ch' vendria la vista

pur da f i su' interess

sa la scusa del progress;

anch da poch l'ha dimostrat,

quand de nov t'ha fabricat,

un palass, un casermon,

ch' coster ducent miglion;

e po' ha dett ma tutt la gent:

"Or i' daggh 'n apartament

pi la luc e l'altre spes,

per cinquanta mila al mes.

 

E Pretelli chel Gigin ?

Rintanat t'el su' mulin,

t'la su' vitta ha 'vut pasion

sol per l'orz e 'l furmenton ...

Ma el stomoc s' arbaltat,

da levatt perfin el fiat,

quand poch dop se anch saput,

sott e sopra da per tutt,

che cla lista l'appogiava,

(ma i guadrin cert en i dava),

'na gran coppia d' spendaccion,

propi i cap di scialacquon:

da chel Gig di Vagnerini

sa chel Tullio Lucciarini !!!

I staggh sitt en diggh pi gnent,

fatle vo' el giust coment

 

Per risolva el lor problema,

quei ch'hann l'edera d'emblema,

le radic ormai tarlat,

hann sperat de chiap fiat

apogiand i lor brancon

sopra un ficch a spindulon;

ma se sa che cert inest

tocca fai da giovin, prest;

hann lor voja da innest,

d'aiutass e da puntl;

se le fors vann sempre in gi,

chi li fa a tienli s ?

Tutta quanta st' aleansa,

st' bascia bocca, a pansa a pansa

l' hann po' fatta sa un tipett

ch' me par nat gi vers el ghett

ch' era un temp pi ross del foc:

s' sciorat a poch a poch ...

El motiv de sta sbiavitta,

de sta pell pi sbiancuscitta ?

Par, com digghen da per tutt,

ch' si cl' aria dl' Istitut ...

Tira 'n aria da convent

da levatt i sentiment:

La corona spess t'le man,

Matteini sagrestan,

i capoccia, i superior,

en sicur che st' proffsor,

se vers lor, com fin adess,

far ancora qualch progress,

certament che d'entra 'n ann

in t'el Dom t'el porterann,

a cant tla porcesion,

in ginocchj per la funsion,

e la moji messa t'le monich,

t'el farann perfin canonich' ...

 

E 'l final, la conclusion

de tutt quanta st' elesion ?

E' che ognun armast convint

anch sta volta d' av vint;

perfin Mendes t'ha esclamat:

Ha rispost l'eletorat;

avet vist le posision

ch' m arpres a Ch Sanchion ?

 

Chiedo scusa se in ritardo

ma col massimo riguardo,

solo or io mi domando;

cos'ha fatto il grande Orlando

per il grande avvenimento,

per il civico cimento ?

Onde aver maggior cultura

lui si diede alla lettura

di riviste, di giornali,

quotidian settimanali

alle otto del mattino

commentava gi il Carlino,

con l'aspetto sempre fiero,

alle dieci il Messaggero,

poi la Stampa col Progresso,

la Giustizia con L'Espresso;

e per esser pi sicuro

sugli eventi del futuro,

c' chi dice che ogni sera

consultasse Barbanera.

Se qualcun vleva sap

o de quest o d' quell mal,

t' rispondeva :"Sa vo' ch' sia

f sol sta profesia ?

Dodic mila per quei d' l,

un po' d' men per questi d' qua

mess insiem republican

so quei ch' n ancor Nennian,

vien un cont, dat ment ma me

de settcentcinquantatr

E tutt dritt sa'l su' cappell,

apogiat sopra l'ombrell,

in t'la piassa tonda tonda

t'arcminciava a f la ronda

dal teatre fin a Diani

a bracett sa'l su' Catani.

 

A la fin de ste coment,

ma com s' fa a non d gnent,

de cl' omin biscutolat,

sempre lisc, sempre sbarbat ?

Chi l' cnosc, en d'adess,

certament 'n gran bel pess;

i' m'arcord ancor bordell,

anch' allora grasotell,

quand 'na mana sopra i calson,

ch' i fugivne a pindulon,

in t'la testa s'era mess

d' f 'l sportiv com vol f adess;

sensa av nesun rimors,

ha provat a f le cors

sa i polpacc fatt com du' ciocch,

dalla piassa fin m'ai Locch;

t'ha giocat po' sa la palla;

t'ha provat armana a galla,

in t'l'estat ti foss Bracon,

otenend per conclusion,

che fra tutt i su' compagn,

asciatat e sa l'afann,

d'essa prim per le spansat,

per f i bocciol, l'ingunsat !

E sta certa frenesia

en 'i gitta minga via !

V'arcordat che anch l'altr'ann

tutt pi tes d' n attaccapann,

propi el giorne del cenon,

sa ch' ha dett ste bell campion ?

Alla cena non verr,

per le Alpi partir

per lo spirto divagare

soprattutto per sciare .

El pensat ma ste bordell

sa la pansa a tamburell,

sa'l pomp sopra la bretta,

ingulfat in t'na giachetta,

a g gi a rotta d' coll

sbiancuscitt 'l nas tutt moll ?

I' chis s'avria pagat

per arvedle scurticat

Ma per altre gran ragion,

non soltant per sta pasion,

lo esend un gran pess gross

cnosciut tra grepp e foss.

Stagionato damerino,

questo "dandy" qui d'Urbino,

per lo spirto dei sui motti

ricercato nei salotti;

per la penna molto arguta

(pur da Boni conosciuta),

oltre che gran magistrato,

definito letterato;

per goder di tal partito

su di lui ben teso il dito

hann puntato ereditiere

sia nostran che forestiere;

sino a oggi, in verit,

par votato a castit;

c' chi dice addirittura

voglia darsi alla clausura;

con la stessa frenesia

gli farebbe compagnia,

'l capucc strett in tle man,

ma sa'l grad d' padre guardian,

avrichiat t'un gran cordon,

el su' amich Coen Fabion

 

Or mej ch'i' stessa sitt,

perch so' degi pentitt,

d'av parlat in sta magnera

propi d' quell che 'na gran sera

fu eletto per valore

qui del Circol Reggitore.

Ma permetta a un extra muro,

poi finisco lo assicuro,

di volerle rammentare

quel che lei solo pu fare:

lanci dunque un grande editto

e nel qual sia ben scritto,

che a quel gioco del bigliardo,

ma lo dica con riguardo,

non s'incontrin sempre i cani,

cugin Nevio con Catani;

poi disponga che al tresette

sian pi basse le bollette,

ed aggiunga perentorio

non scambiare in dormitorio

le poltrone del salone,

ove dopo colazione

non si sente sol russare,

ma persin scatarracchiare;

ed infin che alla tiv

non avvenga proprio pi,

che in presenza di signore

e financo del Rettore

sitto sitto a passettini

quel dottor, quel Mandolini,

se il programma non gli addice,

lui la spegne e poi felice

con in bocca una castagna

s'allontana con la cagna

 

Finalmente ho terminato

vo' anch'io a prender fiato,

implorando sol clemenza

dalla somma presidenza

per il lungo mio parlare

fatto solo per scherzare.

Mi sia dunque ora concesso

formulare proprio adesso

tanti auguri ai qui presenti,

ed ai soci, quelli assenti,

e a inneggiar con questa gente

vita, vita al Presidente.