HOME  Foscolino

Foscolino, Foscolo Sabbatini

 

In occasione della cena sociale al Circolo Cittadino

Urbino, 22 gennaio 1966

  

Ringraziand el Padr' Eterne,

anca st'ann t'el fond dl'inverne

sem mach in compagnia

per st un po' in alegria.

Ma rispett a l'ann pasat,

sto congress anticipat;

stat dett pe'l carneval,

dat ch' cort e promett mal;

la ragion, propi cla vera

perch tra qualca sera,

lo sportivo Presidente,

con assiem ad altra gente,

gir a prenda l'aria fina,

in t'i mont sopra Cortina.

Ma per me, e ve l' confess,

anca ogg' v ben listess.

 

Anch' sta volta ho preparat,

com ho fatt in t'i ann pasat,

'na robetta, un sermoncin,

ch' i' leggr pianin pianin.

In ste nostre bel paes

s' sucess in tutt sti mes ?

Quell ch'avvien in tutt el mond:

chi sta a galla e chi v a fond;

ma saria propi matt

s'en parlassi de chel fatt

ch' ha procurat tant discusion

per motiv de cl'elesion;

E tra i bei politicant,

(per fortuna. ch'en n tant),

com se f a non parl

de chel tal ch'en d' mach

e ch' pretend d'armetta i mal

dand el vot ma i liberal ?

Questo rauco professore,

dal parlar trascinatore,

t' ha 'vutt propi in st'elesion

bsogn di un sucesson !!                                ??

Mess in pied t'un baldachin,

t' ha dscors, oltre d'Urbin,

di cines e del governe

ch'ascher, dic l, st'inverne.

Mentre quell porett sbraitava,

manch'un can che t'el guardava:

a sent la su' orasion

in t'la piassa tre person:

'n apuntat di finansier,

sa do', tre carabigner !

Ma tien dur el mi' Tenella,

spera pur in t'la tu' stella;

se la gent en vol ma te,

e tant men vol ma Fef,

fatt coragg, archiappa fiat,

pensa un po' che 'rmast trombat

quell che ier c'aveva ross

oltre el sangue perfin tutt ioss;

pr de l dic gi la gent

ch' nir pur el su' moment:

s'gir a spass quach' altra stmana

sa Baldeschi e sa Fontana,

st'altra volta, st'altre dman

sar elett da sagrestan !!!

 

Quell ch'invec' 'nutt a galla

per un pel restat in palla,

il dottor Dino Ugolini

che sa tutt i sorisini,

le sciapat, le barzelett,

dit quell ch' vlet, stat elett.

A sentill in discusion,

tel Comun, dop l'elesion,

subit d' bott vien da pens:

"Quell mal sa ce st' a f ?"

En ve diggh propi de tropp:

c'manda men del do' de copp!

Quand discorr per un moment,

tutt giovial, sempre content,

f sap ch' 'n benpensant

e no' d' cert politicant,

e ch' dal grupp ha 'vutt mandat:

un grupett che l ha insognat.

Sensa av nisciun rimors,

oh dotor, sent ste discors:

"De quell ch'f ma tutt la gent

en 'i frega propi gnent;

ma daver faji ste regal:

pensa sol ma l'ospedal

ma le monich, le infermier,

e pio' d' tutt ... a f i clister !!!

 

Ma c' n ancora pi seri:

c' Carlino Desideri !

Par 'na fregna, pro vera,

quest t'ha fatt 'na gran carriera.

Mentre prima era tutt pres,

tutt i giorn, per mes e mes,

dal bigliard e da le bocc',

chi rimpiven le sacocc',

quand te passa adess in piassa,

gi tutt plat, a testa bassa,

un te prova l'impresion

che de d'entra el su teston,

abbia con un mulinell

chi batt fort com un martell:

te sa tutt del Pakistn,

de quell ch'fann in t'el Vietnm,

dl' acquedott e dl'ospedal,

e dla giunta provincial;

d del te ma i deputat,

ch' l dic cnosc da quand nat,

va sa'l sindach a bracett,

s' fa riceva dal prefett;

stando all'Irab consigliere,

vuol saper tutte le sere,

se ma i vecch di capucin

ogni tant i dann el vin;

po' parland in mezz' ai dent,

f cap ma tutt la gent

che i problema del paes,

de sicur entra tre mes,

prima ch' venga ancor l'estat,

'i avr tutti sistemat.

Fra 'n po', se l tien botta,

manovrand de sotta sotta,

se vedr sicurament

a g a fn t'el parlament.

E t'la casa dov' nat,

in tla piassa, p' el logiat,

ce metrann el monument

con s scritt: A sta gran ment,

ch' dventat p' el su' cervell

pi famos de Rafaell,

la cit de tutt Urbin,

dedicat ha ma Carlin !!!

 

Or facend un po' de scart,

e politica da part,

cosa dire del gran bello,

di quell tal ch' ha nom Marcello ?

Da 'n paes, ma de campagna,

sotta i foss, vers la Romagna,

arivat pianin pianin

per schiaf le tend a Urbin;

specialista pe' i vitelli,

per le mucche, per gli uccelli,

ha c'minciat un bel moment,

dacs d' bott, com fossa gnent,

oltrech a f 'l dotor,

a insegn com profesor;

con forbito e bel parlare

al mattin ti v a insegnar,

e pi tardi, dop magnat,

sa 'na borsa e tutt tirat,

v de corsa a Canavacc'

per cur tre galinacc.

I capei ben petinati,

i calson sempre stirati,

la camiscia a rigatin,

i gemell in t'i pulsin,

se ved ben, anch' da distant,

ch' oltre bell anca elegant.

E' pasat degi 'n bel pess,

ma chi en sa del gran sucess,

ch' l ha vut t'un chel bell viagg

fatt in Francia. dop de magg ?

I' m' l'arcord propi cla sera

quand montat in t'la coriera.

S' dmandat subit la gent:

"Ma sa part un regiment ?"

Un baul, do' tre cason,

quatre glupp, un valigion,

in tle spalle un tascapan,

mentre tneva strett t'le man

tre butije de caf,

una d' latt e sei de t;

se dnandava d' qua e d' l:

"Ch' acident strasciner ?"

Eran questi i pezzi rari

ch' trasportava st' vetrinari:

vent camisc' de seta pura,

sei d' fustagna, 'na montura                         ??

per g a spass, per f 'l pan

propi insiem ai parigin.

Ott vestaglie, el vestit scur,

diec' mutand, el capell dur,

le scarpin per g a bal

i scarpon per g a sci,

i stival per g a cavall

e 'n gran sciall sopra le spall.

'Na coperta de pignol,

sensa d, po' di lensol,

t'i ginocch' tre quatre plett,

'i mancava d' port 'l lett.

Concludend bell' Urbinati,

no' c' sentimm ben fortunati

de f l'occhj bell mal tu cored,

ch' en el compra chi en el ved;

ma d 'scolt per un moment,

fa ma tutti un po' content;

la fortuna, ch' ci avem no',

perch t' en la porti gi

du' se nat, in tla campagna,

sotta i foss, vers la Romagna?

 

Or per fn ve voj parl,

de chel fatt del circol;

i' m'arcord com fossa  adess,

suscitat tant interess,

ch' s' ne parlava ben o mal

da San Pol al Marcatal.

Chi diceva ch' giva bnon,

(erne pochi sti minchion),

mentre i pi davne del matt

chi 'l progett t' aveva fatt.

C' sem sveghiati 'na matina

sa le strad pien de calcina:

in tle piass, sopra el selciat,

dle gran strisc mezz brigulat;

in t'i mur, a spindulon,

quatrecent e pi cartlon;

" Proibito qui voltare,

vietato parcheggiare,

da Lavagine a Valbona

or la tromba non si suona".

P' i tavlin de tre caf

in tla piassa en spol ferm,

per el Mont en spol g s,

gi dal Dom en s' p 'ni gi,

per and po' vers san Pol,

tocca g fin ma Risciol.

El perch de st' cambiament,

de tutt quant ste noviment ?

La risposta che fu data

dalla Giunta proclamata

fu che tutto il circolare

era ben disciplinare

e che quindi i cittadini,

dai pi vecchi ai pi piccini,

avrian tratto giovamento

da cotal provvedimento.

Ed infatti tutt la gent,

sai colp dur e j acident,

ha cminciat a ringrazi

prima ancor de circol.

E se vlet, se v' l' ho da d,

un salutt l' ho fatt anch' i';

en sapend dove pas,

n che strada avev da f

per g a veda l' Istitut,

cl' atra volta quand so' arnutt.

L'ho dmandat ma 'n pisardon

ch' d' Gabicc o de Ricion:

"Quell sorgendo in fede mia,

nel rion d' santa Lucia,

per andarvi in tutta fretta,

lei mi ascolti e dia retta;

qui le vie sono tante:

chiusa essendo via Bramante,

par andar per la pi corta,

vada gi fuori di porta,

faccia quindi la montata,

non ancor proprio asfaltata,

e arrivato da Stifone

lei imbocchi un bel vialone,

poi girando contro mana,

va sul bivio di Gadana".

Enna fregna, ho dett tra d' me,

te salutt che cammin.

Arivat donca a Loret,

ho incontrat ma 'n arcipret:

Mi sai dir figliuolo mio

ove son finito io ?

Ne ne andavo all'ospedale,

ero giunto al Marcatale,

quando un mi ha fermato,

per Valbona c' il mercato,

"lei di l non puo' passare,

torni indietro, circolare".

E' suonato mezzogiorno

ed ancora giro attorno;

ma che strada dimmi Tu

debbo far o mio Ges ?

I sapem tutt i coment

che per st' fatt ha dett la gent;

"L'argomento non si tocchi

- t' ha dett fort Ivo Ranocchi -

Il problema l' ho studiato

ed a fondo ponderato;

se il mio pian non perfetto

correggiam pure il difetto .

E ma chi 'i avea dmandat

s'oltrech  av studiat

avea vist un poch el mond,

dand un sguard a tond a tond,

'i ha rispost sa sta vemenza:

"Ho gi tanto di esperienza;

sono stato a Fermignano,

in Urbania e pi lontano,

ed ai grandi criticoni,

ai ben noti sapientoni,

posso dire sin d' adesso

che il mio pian ha gran successo,

se financo Cavallino,

i Trasanni con Palino,

m'hann chiamato per studiare

la question del circolare

E arpres fiat, mess el capell,

t' ha schiafat n'antre cartell

E adess se chied la gent

ha portat un giovament

tutt sta gran rivolusion

sa le strisc e sa i cartlon ?

S'ho da d fin propi adess

en stat un gran sucess:

s pel Mont un gran mortori,

in tla piassa un dormitori, .

tle botegh, tolt qualch vilan,

d' forestier, ma manch un can;

per san G'vann tre quatre gatt,

t'la fortessa sol qualch matt.

 

E pens che i forestier

fra i nostran e quei stragner,

c' n' stat tanti nott e giorne

a sent quei del Sogiorne.

Balsomini ch'i ha contat,

ha ma tutti pr arcontat

ch' given tutti per d' ins,

e ch' nesun arniva gi;

e Catani dai turion,

quand dal pinc a rugulon

arpartivne a rotta d' coll,

fnitt da f 'n antre controll,

concludeva pian pianino:

"Molta gente oggi ad Urbino;

ma per dir la verit,

il turista qui in citt

non ti porta un grande smercio,

non sollecita il commercio;

qualchedun forse ha comprato

un gingillo od un gelato".

Conclusion? Se dacs dura

stat sol 'na fregatura.

Se dovesser po' atach

i colp dur de quei mal

ch' le botegh hann arpulitt,

lucidat anca i piancitt,

perch aveven t'el pensier

d' f i guadrin sa i forestier

stat sicur che del Comun

en se salva pi nesun !!

L'argoment ormai tratat,

prima ancor d'archiap fiat,

anca i' un pensierin

el voj d pianin pianin:

"O Ranocchi, sta a sent,

fa el piacer, ma lascia g ?

Tutt st' lavor, da ment ma me,

en fatt propi per te;

lascle f ma'l Comandant

che dle fregn anch'l c' n'ha tant.

Sa t' importa se la gent,

quand sbasoffia in mezz i dent,

en capisc se parla ingles,

el tedesch od el frances ?

L'avr vist sa i su' stival,

tutt bardat da general,

quando de corsa va mal,

asciatat arvien de qua,

e controlla i gabinett,

tutt le col ch' n sopra i tett,

t'ispesiona i vigulin,

po' s'incassa sa i spasin,

mett 'na freccia al post de quella,

fa 'na multa e la scancella;

se dopp tutt la confusion

ch' te combina sto campion

te ce schiaffi anch'i cartell,

d 'n po' ment, el mi bordell,

de sicur dentra ste mes

t' manden tutti a chel paes

 

E a ste punt convegnent

f 'n salutt ma'l President;

rieletto, confermato,

sar sempre ricordato

per aver dato vigore,

con passione, con amore,

a ste Circol venerat

ch'era 'nutt mezz scalcinat.

Chi non ha riconoscenza

per la sua presidenza ?

I lavor fatti eseguire

fann davvero sbalordire.

Ben spremend el su' cervell

sistenat ha quest e quell

"Chi il video vuol vedere

pi nel bar potr sedere "

Strascin l'ha fatt de qua,

dop un pess l'armess de l,

per guardal da le poltron

l'ha portat in tel salon,

or l'ha mess in t'la saletta:

en sa pi do' l' ha da metta;

stat sicur, tra 'n antre pess,

quell te 'l schiaffa dentra 'l cess.

Ove inver ha dimostrato

il suo acume proprio alato,

lo notaste, miei signori

fu nel grado dei lavori,

fatti fare nell'interno,

ancor prima dell'inverno;

ha 'rnovat tutt i scalin,

mess a post i lavandini

sistemat ha i rubinett,

el gran marm ti gabinetti

el sapon pl'lavass le man

sa tre quattre asciugaman:

bsogns d in conclusion

ch' ha pres tutti per suson

 

Paserann 'na mucchia d'ann,

ce crescrann un po' 'i afann,

el permess per fabrich

c'l'avr ancor soltant Fef,

in t'la piassa avrem l'orlogg,

Balsomini come ogg

gir ancora s e gi,

ma daver  per tutti no'

de sicur star t'la ment,

quell ch'adess President,

ch' s' curat sto tipett mosc,

sopratutt del Water Closc !!!

E adess un salutin

acetat da Foscolin.