HOME  Foscolino

Foscolino, Foscolo Sabbatini

 

ALL'  AMICO Ettore carneroli

Urbino, 6 agosto 1963

 

E' per tutti grande onore

 ossequiare l'ispettore

quando vien egli in Urbino,

sono tanti a far l'inchino,

salutar sin da lontano,

agitando ben la mano,

questa illustre autorit

che ad Urbin decoro d.

Ma essendo, ed palese,

proprio nato qui in paese,

vo' parlar per mio diletto

sol di lui col mio dialetto.

 

E' cnosciut gi vers San Pol

a Lavagin, a Risciol,

ai Trasann, a Cavalin,

dai vilan de mez Palin.

Quand el veggh tant riveritt,

elegant, tutt arpulit,

m' vien in ment, quand da burdel,

pi scarnitt d'un granatell,

sa 'na faccia sbiancuscitta,

'na gran bretta un po' sdruscitta,

me par propi come ier,

te giocava da portier.

C'era gi qualcun ch' diceva,

e quell ch' diggh propi vera,

che s'avessa ancor durat

sa chi tuff e cle parat,

tra i campion, de l e de qua,

sara nut mej che ne De Pra';

v'arcordat, sor ispetor,

de chel tir, de chel rigor

ch' chiapat sol sa 'na man

in t' l'incontre a Fermignan ?

Ma un brutt giorn, in t' na parata,

beccat 'na gran sampata,

e dacs, scarogna nera,

de portier ... adio cariera.

Ma poch dop, bench intontit,

sempre arzill, mai avilit,

com s' en fossa sucess gnent,

in t' el camp, tra tanta gent,

ha arcminciat, un po' pian pian,

argioch, ma da median;

e i tifosi, i dirigent,

gi diceven tra i lor dent

se i tien botta sempre el fiat,

n vincem el campionat,

e a la fin de sta stagion,

el vendm per qualch miglion.

Ma poch dop adio palon,

c'era un gioch, ma sa 'l canon

e la guerra e le schioptat

i discors e le fregat.

I' l' ho arvist, m'arcord, t'un ms

dla del mar tra i giargianes

era d'nott, chi c' aveva un gran fiaton,

chi fugiva a rugulon.

Propi in mezz a chel casin

un me dic: "C' un d'Urbin

ch' s' fermat un po' mach

sol sa te l vol parl".

Quand l'ho vist tutt asciatat

m' ha dett subbit affamat:

"Ci ho i budei e i intestin

com i vecch di Capuccin".

'I ho armediat sol un bidon

pien d'scarcioff e de cidron,

e sicom en c'era el pan,

ogni tant, sa la su' man,

te chiapava 'na patata

sa un gran pess de ciculata.

I' en el so, or ch' un pess gross,

ch' cnosciutt tra grepp e foss,

se chel temp ormai pasat

c' l' ha tla ment o s' l' scurdat;

l'ho incontrat dop sei sett ann,

anca l sa i su' afann,

sempre dritt, impeperitt,

ma i capei incanutit,

sa 'na voc un po' scialata,

e pi lent tla caminata.

Or ch' ha fatt propi el gran salt,

ed gitt s propi in alt,

i' l'ho arvist giust l'atre ier,

sa 'n aspett sempre pi fier,

tutt intent ad osserv

com i somp i fann mach,

se la pista ben spianata,

se ti cepp dann l'adacquata,

s' creschen i olm e tutt i uliv,

ben a tond t'el camp sportiv;

gi d'un fatt en v'avev dett:

l ne merita el rispett

perch' stat sa' l su' intervent,

che chel camp di quatre vent

non pi adatt n per gioch

e nepur le scarp a f,

stat ben sostituit

da chel nov men argricitt.

Se en c'meteva l le man

sia ogg e tant mej dman,

per cent'ann e pi qualch ms

tutt el sport de ste paes

s' risolveva tel braccial

sa 'l palon ma 'l Mercatal

Or le fregn en conten tant,

l d'Urbin propi un vant;

se sa i calc e le marcat,

sa 'l palon en ha sfondat,

dventat, ed quel ch' val,

ugualment un nasional:

lascia digga pur la gent,

lo va a cul sa tutti i vent.

 

Or davver grande ispettore

lei mi scusi per favore;

della vita gi passata

fatta ho sol 'na carellata,

cos tanto per scherzare,

mica poi per criticare;

quanto scrissi ? Mi vergogno,

lo consideri un mio sogno;

e gradisca il salutino

dell'amico Foscolino.