Home Renzo De Scrilli

el DOTOR  De Scrilli

 

Cur venationem relequisti

et piscationem deligisti ?

L 'inserimento del seguente "corrispondenza poetica" fra due personalit urbinati, Dott. Renzo De Scrilli e Don Bramante Ligi, stato suggerito dal Prof. Dante Simoncelli, il quale, nel maggio 1999 dopo aver preso visione della precedente pubblicazione de "V' l'arcont in dialett ", scrive a Rolando Bacchielli in questi termini: Ho il piacere di far conoscere a cotesta Spett.le Commissione una poesia del poeta cui intitolato il concorso e la relativa risposta del poeta pesarese Don Ciro Scarlatti (1880‑1960). Ho avuto la fortuna di trovarla tra i manoscritti di quest'ultimo, di cui ho curato la pubblicazione dell'opera omnia. So che essa non stata pubblicata nel volumetto "Dalla mia finestra" del De Scrilli. Ho creduto opportuno inviarla a codesta Commissione, perch sia conosciuta anche a chi non l'avesse letta nel volume "Don Ciro Scarlatti ‑ Sferza ‑ Poesie, a cura di D. Simoncelli, Stibu, 1997".  Credo necessario far seguire alla poesia di Renzo De Scrilli, la risposta per le rime dello Scarlatti, per meglio evidenziare la simpatia che intercorreva tra il canonico don Bramante Ligi e il poeta dottore. Ritengo utili anche le poche note d'introduzione gi riportate nel volume sopra citato.

La sola poesia del De Scrilli stata inserita nel volumetto di poesia dialettale "I Fior di Camp", ormai non pi reperibile, edito nel 1979 dalla STIBU a cura del 'Gruppo Dialettale' coordinato dal Prof. Alfredo Zampolini.

Dott. Renzo De Scrilli

Nel 1941 don Bramante Ligi, nominato cappellano militare ed inviato all'Ospedale Militare del Dalmine di Riccione , ricevette una poesia umoristica da parte del Dott. Renzo De Scrilli di Urbino, suo amico. Questi scherzava sul fatto che il Sacerdote, amante di caccia, fosse stato trasferito dalle Cesane nella zona costiera, a Riccione.

 

Don Bramant ! Com me rincresc !!!

lasciat l'ucel pe'l pesc !!!

Dop ch' mess s chi d galon

lasciat chla gran passion

ch'te portava s t'la Csana

sa chl'arietta d' tramontana

ch' fava propi t'el pi bel,

artir qualsiasi ucel !!!

Aria, acqua: n d element

fra de lor molt diferent

ed quindi natural

che divers sien j'animal

che t'el ciel van svolazzand

e in t'l'acqua van notand, ...

ma tu provi gust ugual

pr'ogni rassa d'animal !!!

 

Ras e pesc: la specie uman

i' ha pres sempre sa le man !!!

Sempre sempre t'se' mostrat

dla natura innamorat,

tant pr'el pesc... com par l'ucell;

quant al gust sempre quell !!!

Pensa un po', car el mi pret,

ch' per tutt d ce vl la ret;

 

c' vl el mezz per el trasport,

la preparazion del post,

i richiam ed i zimbel

tant pel pesc com per l'ucel !!!

ch' toca av molta pazienza

e qualch volta s'arman senza,

ch' l'animel, car el mi pret,

stenta a entr dentra la ret !

 

Che tant volt c' apena entrat

che s'arcoi tutt malandat !!!

Don Bramant, bada a pesc,

mo dl'ucel en te scord:

pensa ch' anca sa'i ucclet

se pl fa 'na spec d' brodett ...

Se pr'el pesc lasci l'ucel

sta' sicur, ch' t'artrovi bell !!!

 

Da' por retta ma'l dotor

che te l' dic sa tutt el cor;

tu mantienti in efficenza,

en cambi la tua esperienza ...

qualca passera in t'la ret

p chiapalla ancora un pret !!!

C'n le passer anca t'l'acqua,

mo l'ucel mal en atacca !!

 

Te salut, el mi Bramant, 

e, se d' pesc ne chiappi tant, 

te pregam: en te scord

ch' anca no' ce sem ma qua ...

Per ricambi, in t'un cestell,

t' manderem i nostr'uccell !!!

Firmato: Dott. De Scrilli

Don C. Scarlatti  a nome di don Bramante

 

Bench anche don Bramante fosse molto spiritoso e allegro, non possedeva l'arte di scrivere in poesia, per cui costretto a ricorrere all'aiuto di don Ciro Scarlatti, come far nel 1948 in occasione della festa di S. Cecilia di cui era Presidente del Concerto Musicale urbinate (Poesia n. 101 dello Scarlatti)

Don Ciro risponde a tono, - senza preoccuparsi di mutare titolo alla sua composizione - quasi per le rime, mantenendosi per molto pi contenuto nel doppio senso, spiritoso ma meno malizioso, come si addice ad un sacerdote che su questo campo stato sempre molto riservato.

Da notare il linguaggio dialettale urbinate usato anche da don Ciro che, pur immedesimandosi in don Brarnante, precisa: "Raccomando di leggere lo scritto solo come risposta adatta ai due individui, che fra loro hanno una confidenza trascendentale e non accusare me, che ho scritto per ordine di Don Bramante".

 

Cm far, car Dottor mia,

a rispond' te in poesia ?

Parch m' sa che l'argoment

en sia bell propri par gnent !!

S gentil e spiritos

mo s anch tropp malizios ...!

Sotta, sotta, m' sa ch' ce sia

una vera porcaria ...!

Tu, Dottor, ch' tocchi per tutt,

certament hai conosciut

(un po', cert sa la t scenza

e un po' sa l'esperienza,

fatta spess de contraband,

spess sanand e ... spess guastand)

(tu, ch' osservi la ... natura ! ... )

com se caccia a mezza altura ...!

 

Mo nojatre, pori Pret,

adopran sempre la ret

per d l' man ma qualch uccell !

E poi, dop, c' quest de bel,

che nojatre l'aspettan:

s'en vien ogg, verr doman,

senza g, com fat vojatre,

a cacia t'i fondi d'j'atre !!!

 

Miga n c' preoccupan

de cacci tel mont, o al pian;

e neppur ma n c'rincresc

de cambi l'uccel sa'l pesc !

Ch' anzi el pesc pi gradit,

parch l, quant' condit,

s' met a cocia senza plall

sa'i budell, senza sventrall.

 

Chi se tien brav caciator

ha da f anch' el Pescator.

Quant l'uccel en s' pol chiap

s' scend al pian per g a pesc !

A chs sempre t'el fornell

o ch' c' el pesc, o ch' c' l'uccell ...!

N provam el gust ugual

pr'ogni sorta d'animal.

Mentre invec i cacciator

del tu par, che ma l'onor

en ci tenghen guasi gnent,

cacne sempre t'un chl'ambient

do' che spess l'uccel en degna;

e dle volt sprecat la legna,

credend d' fa un arrost gradit,

mo c' trovat sol el condit ...!

S' te succed quel ch' tu m' scritt,

Dottor mia, tu sc fritt ...!

Mo del rest natural

che dle volt tu dventi ugual

ma chi spess ve' a mastricc,

parch a forza de tratt

ma dle rob a penzolon,

com. lor, pas da cojon !!!

Scend al pian, o Dottor mia,

che oramai s for de via ! ...

Chla cacciata ch' brami tu,

al tu temp en s' pol fa pi

A cacci su par chi mont

(anca s' trova qualca font)

arman sempre faticos;

mo t'el pian trovi ripos ...!

En c' bsogn da cammin,

e neppur tant d'aspett.

Basta a sta ben preparat

ch'entra el pesc dentra t'el piat !

Seppie ! sfoglie ! e ... baldighere

s' trovne sempre e po'... en n chere

E po' el pesc quest'ann verr

abbondant anca da d'l !

Scend al pien, da' ment, Dottor ...!

parch st'ann di pescator

c' ne sar 'na scarsit

e anca quei ch' san poch pesc,

sicur ch' faran figura  ... !

Scendi gi, en av paura !

E vedrai ch'en te rincresc

de lasci l'Uccell pel Pesc !

Firmato: Don Ciro Scarlatti

 

 

(In Antologia al 2 Concorso 1999)