Home  Elio Bacchielli

Elio Bacchielli

 

PER 'I SPĎS

8 giugno 1996

 

Ecch el giorne tant attÚs

lasc esclus el cont dle spÚs.

Finalment Ŕ arivat

dopp ave'l tant aspetat

el pi˛ bel giorne dla vita

quand i spos nˇ tutti invita

al banchett, in allegria

e tutt quest prima d' gý via

pel sognato viagg de noss

dopo fatto qualch singhioss,

salutŔ parenti e amici

e sentýss tutti felici.

Quant'Ŕ gaia la tav'lata

riccamente preparata,

passe in pac ste bel moment

tutt insiem, pe'l liet event,

per l'union di du' sposin

che vedrem sempre vicin.

Bravi Massimo e Federica

en c'Ŕ b'sogn che io ve'l dica,

aspetam che fat la cova

innamorat, quand set t'l alcova

in attesa dell'erede

prima o dopp questo succede.

Nˇ sognam un Damianin

o 'na bella Bacchielin.

Quest sarÓ 'n antre moment

ch've rendrÓ assai coment,

sarÓ el frutt del vostre amor

de tutt quel ch'avet t'el cor.

V'auguram prosperitÓ

tanta pac, felicitÓ.

Fat bon viagg, in ste moment

divertitve tra la gent,

vˇ avret un bel ricord

e per quel che i' m'arcord

resterÓ t'la vostra ment:

cl'atre cos en valghen gnent.

Facem festa, alt el bichier

per mostrŔ propri davÚr

tutt el ben che ve volem

e quest, cred, che ve convien.

E adess, la ricetta dla felicitÓ:

"un sacch d'amor,

du' chil e mezz de comprension,

tanta dolcessa

e baci a volontÓ".