Home  Elio Bacchielli

Elio Bacchielli

 

LE SERENAT

21 aprile 1995

Ripubblicata in parte antologica dell'Agenda 2011

 

Spess arpens quand'er burdell

e po' anca giovincel

a la vita ch'ho passat

tra la piassa e el logiat

e po' al Mont e ma'l Petricc

quand ancora er un p ricc,

tra i compagn e tra la gent

bei moment, ed er content.

En poss st sensa arcordam

anca dopp passat tanti ann

quand avev la giovinessa

che regal, e che bellessa.

E arcord le serenat

ma Urbin addormentat

a part a mezzanott

sensa f nemmen un bott.

Eravam tutti affiatati

sa i strument ben accordati

tel silensi dla nottata

dalla musica svegliata.

I' e Pepin, n sa i viulin,

a la chitarra Valentin

sonavam bei motivett

che facevne als dal lett.

E infatti un fil de luc,

'na finestra che arluc

era el segn ch'era arivat

el motiv desiderat.

"Addio serenate, addio sogni d'or.",

"un giorno li dir, amore amor".

E dopp prima da g via

ancora 'n'antra melodia

che a chi temp piaceva tant

la cantaven tutti quant.

Sotta terra Urbin vota

per i poss a tutti nota

e la musica rimbomba

e se spande come un'onda;

'na sonata a mezza via

la gustava chicchessia.

La matina per le piass

s'incontraven le ragass

ringrasiaven del piacer

provat propri per davver. k

Per qualcuna era l'amor

che sentiva t'el su' cor

e bastava un' occhiata

ma'l su' bel per la trovata

e per dii arvien pi spess

te avr sempre success.

Dopp de n le serenat

en s'en propri pi arnovat

fnitt 'n'epoca, 'n'usansa

ch'en ha avut pi rilevansa.

El ricord de tutti n

de c'la vita ch' en c' pi.