Home  Elio Bacchielli

Elio Bacchielli

 

SAN BERNARDIN

Novembre 1995

Segnalata al III Concorso di Poesia Dialettale  Renzo De Scrilli

 

T'un poggett de front a Urbin

svetta alt Sanbemardin

ce vann propri tutti quant

ma l dentra, c' 'l campsant.

Ce va chi en ha mss i dent

e ce va el malvivent

e po' el ricch e anca el purett

per tutti l'ultim lett.

 

Post de visita e preghiera

ce se va matina e sera

a parl sa chi en c' pi,

in silensi, no' e lo'.

D'una vita tribolata

quella sola la fermata.

Quand te metten propi sotta

pi nessun te f la lotta,

e se te c' la cappella

la tu mort mi sorella.

 

 

Dopp chius i occhj,

sem tutti ugual,

la servetta e el general,

la dimora d' quest e d' quella

l'ha appaiata la livella.

Ogni tant t' venghne a truv

per rest un po' sa te.

 

Tra i pensier e i sospir

de tutti 'st'avvenir.

Nel silensi e nella pace

dove p'r non tutto tace

sa la mort conviv la vitta

stann insiem, perch en f'nitta,

el process del corp uman

ch'se consuma piano pian

c' po' el sol per la natura

cad la pioggia ch' vinc l'arsura

te fann bona cumpagnia

stann sa te sensa g via

la lumaca e i moscerin

i petross e i sisin

e svolassen le farfalle

sa le loro ali gialle.

C' el profum de tanti fior,

le bellesse di color

d'l' usignol le serenat

sa i motivi pi svariat.

Ognun d' no' porta de l

quale scgret che sol lo sa.

 

C' el rispetto per la mort

e per quei che hann cla sort,

anca se el ricord de no'

pian pianino po' va gi.

 

De com s'tien el cimiter

s' ved se sem cristian davver.

Alor fam da essa forti

e t'nem alt el cult dei morti.

Quand sar per sempre a Urbin

ospit de San Bemardin

'na domanda s'potr f

e se i' te poss pregh

en me f bull t'la pec,

famm content e damm invec

da pot ancora ascolt

un p d' musica mal.

 

M'accontent, o Signorin,

d'la sinfonia d'un cardlin

che saltella tra i pin.

Famm sent anca 'n'antra cosa,

el profumo d'una rosa.

Cert, me mancher la luc'

mo, avr la Tua che pi arluc'.

 

No' sapem che Te, o Signor,

en c' fatt sol p' el dulor

'na finestra lasciat

per tutt quei ch' hann aspettat

per tant temp el Tu perdon

la Tu grasia e resurresion.