Home  Elio Bacchielli

Elio Bacchielli

 

LE NOSTRE NOZZE D'ORO

12 settembre 1945  --  12 settembre 1995

12 settembre 1995

 

Anca i' cinquant'ann fa

ho decis da g de d'l

ho lasciat el celibat

e la moi mia ho sposat

ho vissut quindi sa la

e in bona compagnia

p'r en statt sempre seren

natural, quand se vol ben,

ogni tant 'n'incomprension

sensa av p'r l'intension

d'lasci el ciel arnuvolat

e de viva imbronciat.

nat el nostre incontre a Caporetto

t'la sede delle poste sotto il letto

t'el giorne nominat San Paganin

do' ermi gitti a prenda un p d'guadrin.

La cosa ch'm'ha colpit a prima vista

stat el su' nas lung la su' conquisa,

guardand dop mei ho vist el su' visin

ce sem sentitti subito vicin.

Quand'i' ho fatt la mi' dichiarasion,

m'arcord ancora tutta l'emosion,

statt a Plezzo, el giorne dla vittoria

e da allora nat la nostra storia.

Dacs l'amor sort a prima istansa

e ha avut subit per n gran rilevansa,

avem arcolt t'el bosc tanti bei fior

ch' hann presto rinforsat el nostre amor.

Felici 'na canson n cantavam

che anch'ogg ce piac ancora e ch'arcordam,

'na melodia dolce e proprio bella

che dic: "quando cadr la prima stella".

nato p'r alquanto travagliat,

pi tardi i' so gitt a f el soldat

e s' allungata dopp la litania

a causa dla mi' lunga prigiona.

El giorne ch'i' ho lasciat le stellet

i' t'ho incontrata a Udin, Dio che effet !

un gran miracol ch'ha fatt la Madonnina

del Sanluari che pregam sera e matina.

Sem giunti al '45, al 12 de settembre

el giorne pi felic ch'io rimembre,

Gorizia, alla Castagnevizza la funsion

immaginat voiatre tutti l'emosion.

E dopp a Grado, a l'isola del sol

pe'l viagg de noss avem n pres el vl,

l'ann dopp subit nat el prim fiulin

t'el ms d'agost, el dodic in Urbin

a Bari sei ann dopp 'n'antra fiulina

che n avem chiamato Biancolina.

Adesso sem de casa a Roma eterna

do' n restam insiem e do' se sverna.

Quasi ottanta di ann n' gi passat

e oggi sem content del nostre stat

e b'sogna ringrasi el Padreterne

per la vincita ch' ho fatt d'un gran bel terne.

Chiedem la protesion per 'n' antre p

ce dia tanta forsa a tience so,

per viva ancora in serenit

prima da g tutt do' da la part d'l.

Un bel traguard raggiunt, le nozze d'oro

sa i voti dei presenti tutti in coro

do' regna l'amicisia e l'allegria

uniti e lieti in bona compagnia.

cert un gran bel sogn ch' n raggiungem

ancora tutti do' legati insiem

'na vita de lavor e fedelt

sa un p de gioia, pac, serenit.

I fioi en grandi e i nipotin vann so

e n c'minciam pian pian un p a g gi,

p'r sem contenti d'av realisat

'na vita che ce dic ch'ce sem amat.