Home  Elio Bacchielli

Elio Bacchielli

 

UN INCONTRO - RICORDI

Urbino, 14 settembre 1996

 

Ormai un fatt del tutt normal

ne parlen ogni tant anca i giornal

la voia d'incontrass, dopo tant temp,

arvedse, st insiem, essa present,

le gamb malferme t'nutt sotta el tavlin

e beva alla salut un gocc de vin

intorne a una tavola imbandita

per festegg che ancora sm in vita.

Elench tra de n le nostre storie

che en n sol belle e le cui memorie

t'nutt in cont del temp ch' gi passat

e in qualche incontre, avem anca arcordat.

Eravam tanti e sm ancora el doppi dle man

de nummer, anca se pian pian

la fila dei present s'restringer

ma questa la sort de chi ancora de qua.

Che bei moment quand c'era la giovinessa

che nessuna cosa supera in bellessa.

Da p'cin, c'accontentavam propri de poch

e la sera stavam vicin al foch,

a guard la fiamma sa le su' scintille 

che en contavam m erne pi de mille.

Cresciutt, avem c'minciat a st fora la sera

che era tant bel, entrand la primavera (dla vita),

i prim sospir e p i primi amor

ch' riempiven d' teneressa i nostre cor.

P nutt la guerra e ha portat via ma tutti

e sol i fortunat en un po' per volta arnutti.

La vita dopp c'ha sparpaiat p'el mond

e c'ha fatt veda quanto l fond.

Ogg sm ach, de pi de quattre gatt

pi o men contenti de quel ch'avem gi fatt.

Avem da ringrasi ma 'l Padreterne

se ha fatt vincia ma noiatre un gran bel terne,

essa seduti ancora in ste bel giorne

riuniti e ben contenti, tutti intorne.

Ce sm trovati a nostre ag' insiem

passando un momento de seren

che c'ha arcordat che un temp ermi burdei

e adesso stam d'ventand quasi mei.

Cert, vivem sa un po' de nostalgia

pei giorne che se vegghen a g via.

Sta sorte pr propri ugual per tutti

t'nemce i piacer alora e allontanam i lutti.

Sia de sprone ancora l'amicisia

ch'avevam n mantenut in tutti sti ann

cercarti d'avenne ancora con dovisia

e de st'incontre tutti c'arcordam.