Home  Elio Bacchielli

Elio Bacchielli

 

I NOSTRE GIOCH

Aprile 1995

Ripubblicata in parte antologica dell'Agenda 2011

 

Per n che un temp ermi burdei

la vita en era solo de dolor

ce piac de tant in tant artorn quei

e arviva bei momenti de calor.

Affioren tra le nostre rimembrans

che venghen fora quand se guarda indietra

nostalgiche e belle ricordans

sensa ariv fin all'et dla pietra.

En quelle relativ ai nostre gioch

che a cuntai en erne propri poch,

la vita en era alora tanto ricca

b'sognava f per forsa propri a cicca.

Erne limitat pertanto le prets

perch en se poteven f le sps

ma n p'r ce bastavano lo stess

e riscoteven tutt el lor success.

S'metteva in mot la nostra fantasia

e n ce facevam guid da la;

sa quattre chiod oppur sa un pess de legn

tutt stava so guidato dal sostegn

d'le nostre idee, unite al nostre ingegn

e a chi temp en erne tant le fregn.

Sa un po' de carta e anca un pess d' baston

qualcosa ch' guidat da l'intension

s'accontentaven i nostre desideri

ch'erne per n davvero quelli veri.

Un po' d'elastic, 'na striscia de cimosa

facevne realis sempre qualcosa.

Bastava poch, 'na semplice tavletta

per diverticc un po' sa 'na palletta.

Un oggett d'ingn che se chiamava frull

statt per n davver un bel trastull,

'na frusta in man sa in cima 'na curdlina

bastava per avvi la frullatina.

S'cumprava al Mercatal da un cert Diavlett

un artigian tant brav mo anca purett,

oppur un cerchj guidat sa un pess d'baslon

riempiva i nostre cor d'soddsfasion.

Avev cinq'ann, m'arcord un mi' capricc

invec da g all'asilo ho fatto sgarraticc

e mal Spint sa Gigi Luminati

s'al cerchj a gioch n sem andati.

E' nutt dopp le palin e tutt i lor giochett

a cioda, buticchio, pancott e castellet.

In seguit en arivat le figurin

ch'eren tant varie mo anca tante b'lin.

E c'era po' la bicicletta d'legn

du rot, 'na tavletta, un manubrio de sostegn,

invece dla benzina l'aria fina,

la forsa per cals e falla gir.

A ottobre c'era el passo dei fringuelli

e armedievam 'na mucchia de cartucc

en serviti anca quelle a n monelli

per gioch in gir, per tutt, in t'i cantucc.

Un gioch ch' statt per me fra quei pi bei

quello che ho fatt tant temp sa'l lacc

ed era praticat da n burdei

e i sisn colpiti cadeven come stracc.

I' giv a caccia intorne ai molti pin

nei pressi del Padion, fora d'Urbin.

La lisla de sti gioch en ancor fnitta

altri ne fan parte d'la partitta.

L'arc sa 'na rama d'olme legat sa 'na curdlina

per dai 'na certa forma rotondina,

la freccia era de canna sa un chiod aruginiii

che sa 'na pieira avev ben appuntitt.

El temp passava, giocando anca a batt mur

mo en erne p'r le vincite sicur.

E quand dopp nevicat 'niva la g'lata

se sdrucciolava e c'era qualch cascata

e dopp buffat, s' tirava la curina,

se dava cacco ma'i butacci fatti prima.

La nev in poco tempo se squaiava

la strada in do' e do' quattre se puliva.

A settembre era el ms de l'aquilon

e s' vdeva ma le Vign, in t'i canton,

'na mucchia de burdei s'al fil t'le man

ch'ognun scioieva dal gomitolo pian pian.

Pi tardi tutti insieme in t'l'ora bella

se giocava a cutt, scaricabott e chiapparella.

E po' a guardie e ladri e a bandiera

e questo soprattutto verso sera.

El gioco dle burdelle era campana

e ti saltell se v'deva la sottana,

e fin ch'en statte p'cin, c'erne le bugattin

e ste gioch ha durat un bel pestin,

mo i Iraslull han avull dopp un antre effett

sa la palla, i filett e po' i cerchiett.

Anca el pallon da n desiderat

s' rincorreva tutti insiem sopra i prat.

'N antre bel gioch, per molti, el biruccin

s' faceva corra per le vie d'Urbin.

A ottobre ce piaceva a g p'i grepp

arcoia tante viole da chi cepp

i fior ch'en patrimoni del Creat

e ch'el bon Dio a tutti n ha donat.

E quando eravam stuffi e sensa impicc

s'andava al garavell o ma'l Petricc.

Pi grandi giocavam anca alle bocc

ma pochi erne i soldi in t'le sacocc.

A Natal el presepi s' preparava

do' c'era i fiol l propri en mancava.

Sa tutt 'sti gioch la nostra fanciullessa

c'ha fatt raggiungia infin la giovinessa

e alora n'antre gioch ha prs furor

stato propri quello dell'amor.

En fnitti dopp i nostre giorne belli

c'arcordam ed erne propri quelli

che n avem per tant desiderat

e questo prima da g a f el soldat.

Hann 'vutt inissi alora i giorne brutti

nessun esclus, hann riguardat ma tutti.

Sparitti i sogn e po' la vita bella

n sm cadutti tutti in t'la padella

e po' ahim parecchj anca scottat

e a fatica ce sem p liberat.

C' armast adess tanti ricord soltant

che venghen a la mente tutti quant

che in n resten t'el cor per ch'i bei giorne

peccato che per lor en c' ritorne.