Home  Elio Bacchielli

Elio Bacchielli

 

 

ARPENSAND AL PASSAT

febb 2001

 Pubblicata nel IV volume di:

"V' l'arcont in dialett " (2001)

 

La mi' Urbin c' l' ho te'l profond,

tra le belle ch' c' n al mond,

la pi amata, la pi cara

com 'na gemma splende rara.

 

Mett da part ogni tristessa

e arvv la giovinessa

perch tant n le ragion

ch' me procur'ne emosion

 

per i ann ch' er'ne ancor poch

pi portati per i gioch.

Ogni angol m' genial

a c'minc dal Mercatal

 

e p dopp t'la Piassa d' l'Erba

quand la vita era pi acerba

e d' ottobre ma'l Petricc

m' arcord ben, er ancor ricc

 

e pi p'cin Santa Lucia

do' nat la vita mia.

E tra i tanti badurln

c' er'ne i gioch sa le paln

 

e tra questi chiapparella

c' divertiva anca quella.

La memoria arv lontan

a le castagn d' ippocastan

 

e a quand da n bufava

e p'le strade se slittava

e ai tant ricord del Mont

c' fermavm fin al tramont.

 

E arpens i temp antich

quei passati sa i amich,

le passeggiat sotta el logiat

e i schers e le burdlat

 

e i ball sa le burdelle

se stringev'ne ed er'ne belle.

E p dopp, i prim amor

c' addolciv'ne i nostre cor,

 

e tant' atre bei ricord

ch' en de tutti, p'r arcord

anch n' et pi tribolata

e non sl, pi rattristata,

 

per le cos ch' vann a l' arversa

e ogni intimit persa.

Ora en ce se divert pi

de chi temp, sparit 'gni co'

 

e el gioc ormai fatt

manca solo l' ultim att.