Home Concorso 19

XIX°  Concorso  2021

TUTTI i TESTI  a CONCORSO

Menu Concorsi

Menu Dialetto

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

DOP D'LE STELLE, PRIMA DEL SOL

di Massimo Volponi  (Urbino, 2020)

1° Premio per la Poesia al XIX Concorso 2021

 

Quand ancora la gent è indormentata

io so' già machè: Aurora so' chiamata.

E quand la nott apena và schiarend

e 'l sol pianin pianin va nascend,

già me liber dietra la collina

soridend ma'l mond, felic, ogni matina.

C'ho na sorella più pcina, se chiama Boreal,

ma mentre lia esc sol in via eccesional,

io annunc ogni nova giornata

perché propri per  quest so' nata.

E com da sempre è stat, dacsè per sempre ancora,

so' l'inisi dla vita, la vostra Aurora.

 

 

 

 

 

Il primo premio va a Massimo Volponi, Dop le stelle, prima del sol, che avvalendosi delle fresche sensazioni di chi si sveglia sul far de giorno, si apre alla nuova vita presentandoci l’aurora: “so’ l’inisi dla vita, la vostra Aurora”. È senza dubbio un augurio post-Covid, di forte respiro a pieni polmoni.

 

Sanzio Balducci, presidente della giuria

 

 

Na guerra nova

di Massimo Volponi  (Urbino, 2020)

Presentata al XIX Concorso 2021

 

Ogg è primavera:

burdlin che recita le poesie,

goccia del mar che incontra i oceani,

nuvola che fa  'l gir del mond.

Ogg è primavera

pero' manca le rondin.

C'è  'l virus.

Tutti tun casa.

Vagg a lavrè, tocca ste atenti a non rischiè.

Coprifoc, com in guerra.

Niente bombe, striscia 'l silenzi, el virus c'è mo en se ved.

Tutta zona rossa, ansi nera.

Tutti c'han paura. Coscienza sporca?

Un po' de morti, molti feriti.

La guerra de mi padre? 50 milion de morti.

Tutt distrutt. E prigionier per cinque anni.

C'è 'l virus.En serve el canon, serve l'osigen.

Un signor virus, c'ha la corona.

El dottor è l'eroe del giorne,

ogg tj altar, ieri tel forne.

Ieri a domicilj per un rafredor, 

ogg sta a casina sua, 

com un untor.

Lo en chied un verdett, sol stima, mezzi, rispett.

En sem in guerra, en esageram, 

è na malatia nova, 

com cl'atre la combaterem.

Me par d'essa tel front,

tle retrovie sanitarie,

s'aspetta i ferit,

per chiatre c'en i camion.

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

 

La capra tla voliera

di Germana Duca Ruggeri         

1° Premio per la Prosa al XIX Concorso 2021

 

     Le scoriband d'i capriol tl'ort-giardin m'han propri sfnitta. Veda i bociòl dle ros, pilucati un a un sa 'na cura maniacal, fa sofrì e basta.

Fossa d'inverne podria capì, ma tut'intorne è pien de fior e erbe d'ogni tip.

Che magnasser quelle, j nissa el ben!

     Invec 'sa fann sti belimbusti malfidat?

Selesionen j ortagg' e metten in att el lor pian de stermini sa 'na precision bestial.

Sfojen fin al garull le piantin d'insalata, tajen rasent a tera le fav e i carciof, fan a pulì de bietol e cicoria.

En pegg' dla grandin.

 

     «Ce vria calche lup per metta giudisi ma sti farabutt!»

ho sbotat l'altra matina , a petta dl'ort devastat, parland sa 'l mi vicin, grand'espert de recinsion.

     «I lup han trovat de mej, ultimament. En l'hè saput?»

E m'ha rcontat dl'asalt ma sei capre e ma du' sumar t'un lubag sotta casa sua, comprat ch'en è tant da 'n amic per facc' 'na stalla p'i cavall:

     «Anca io c'ho 'na coppia de caprette, ma le teng tel recint.

Lò invec m'ha dett: "El recint? Per 'sa fè! A tiena distant i lup, basten i calc' d'i sumar."

Ma i calc', al veda, en èn bastati: tre capre l'han magnate ma lì, tre èn fugite.

Prò chi diavle l'han arivate…

Pla strada de Ca' Lagostina, ho vist sa i mi ochj i rest de du' de lor.»

     «Scusme, ma le capre fugitive en eren tre?»

«Dla tersa, cerca de qua, cerca dedlà, manca la pussa.

I lup eren un branc: du' l'avran strascinata?

Pensav dacsé, guardand dietra 'na fratta, quant ecc ch'me sona el celular.

Era el padron de l'Effegi, quel dla singatura.

Me fa: - Per cas t'è fugita 'na capra?

- No, perché?

- Stamatina n'ho trovata una tla cuccia del can.

- La mia en è, ma imagin de chi pò èssa… Arìv.

Part sa la Panda e vag a veda.

L'arcnosc subbit: è la capra del mi amic.

Tutta spavrita, pora bestia.

Chizà quant'aveva cors prima d'arponse tun cla cuccia!

En c'ho pensat du volt: l'ho presa ti bracc', l'ho sistemata tla Panda e… via.»

     «E du' l'hè portata?»

«A casa, tel recint sa le mi caprette.

Mej de ma lì?

Invec… En l'avessi mai fatt!

I s'èn subbit arvoltate contra.

I han dat de scorne, com d'i ciucabirr, fin a stendla.

A chel punt, m'è nutta in ment la voliera.»

     «La voliera?! Famm capì…»

«C'ho 'na voliera vòta, la teng dietra la stalla.

L'adoprav quant giv a caccia.

La capra en ha fatt resistensa quant l'ho mandata dentra.

Ansi, da com me guardava, pareva che me vleva di' grasie.

Specialment quant i ho portat l'aqua e un po' de fien.»

     «Dài, è fnitta ben!»

«Più che ben…. Ancora en tl'ho dett, ma el bell è nutt la matina dop…»

     «Perché, 'sa ch'è sucess?»

«L'ho trovata in compagnia.»

     «In compagnia!? E de chi?»

«De du' capretin. I aveva fatti lia, cla nott!»

 

     La capra tla voliera sa i su' capretin m'ha fatt scordè tutt. Anca i dispett d'i capriol.

So' armasta ma lì com 'n'incantata, sensa parol.

     En ho manca rispost ma 'l mi vicin. Ch'intant, guardand l'orlogg', me ripeteva:

«L'ort, siché, tl'ho da recintè o no?»

 

La prosa di Germana Duca, "La capra tla voliera", che a me è parsa dai forti connotati poetici, ha combattuto contro se stessa, ma ciò nonostante per la sua qualità di dolce racconto è stata da noi premiata. (Sanzio Balducci)

 

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

 

URBIN   C'HA 'N COR ANTICH

di Coroseduto o Ludius Anonimo

Segnalata per la Poesia al XIX Concorso 2021

 

Urbin c'ha 'n cor antich

e 'n amor nov,

Urbin anca quand piov

c' ha 'n sol nascost dentra i su monument,

Urbin  c'ha nebbia e vent,

dentra le ser,

quelle piò sole,

quand tutt se ferma e c'è  silensi intorne.

De tristess e sperans

riemp ogni giorne,

ti vigol ciechi

o ti andron di palass ch' s 'apren tle piass.

S' alsa e s' acend el sol

tel mezz dl' estat

so ma la S'ciana,

dentra le auror piò calde e piene d' luc,

tel verd di camp,

tel fresch di su canet,

tel cant di ucell

nascosti in mezza ai ram.

Urbin alora s' ferma, com sentissa

ni da lontan le voc di su richiam:

sta a sentì el temp,

la gloria, l'emosion,

la fieressa de tutt el su pasat.

E po 'l giorne pian mor

dentra  'n tramont tutt d'or,

sfumand la luc in tel piò pur mister.

Ti prat distesi,

in tle piò calme ser

ch' aspettne el fitt del scur,

ti mont sospesi

sotta l'argent dla luna

ch' guarda in silensi el mond,

se stend tutte el rimpiant

ch' me chiappa dentra:

e vria ch' sentissa  fort,

com in tun sogn,

el mi cant piò  profond

ch' me vien dal cor

e i portassa, per el mi confort,

l'annima tutta

e inter tutt el mi amor.

 

 

AMICA SCONOSCIUTA

di Coroseduto o Ludius Anonimo

Presentata al XIX Concorso 2021

 

Adess armani in tla tu esensa pura,

tun ste moment, intens e inocent,

in nient el tu candor per sé s' oscura

e nient pol insinuass in tla tu ment.

 

L'amor d' la vitta ormai te rasicura,

e 'l tu cor, ch' è tutt pien de sentiment,

smorcia i dulor e frena ogni paura:

dacsè del mond en te pol tochè niente!

 

 

 

 

 

I te rispett, amicca sconosciutta:

lasc'te guardè, perché inter el mond

trov rifless tla tu luc, intensa e mutta,

 

ch' c'è in ti tu occh. E nient i te nascond

del por cor mia ch' ogni moment te scrutta

per fatt capì tutt el mi amor profond.

 

 

 

AL TEMP DEL "CORONAVIRUS"

di Coroseduto o Ludius Anonimo

 

Presentata al XIX Concorso 2021

Ma te, o gent d' Urbin, ch' armani chiusa

dentra casa tel più total sconfort,

ma te che' n trovi piò un stracc de scusa

per scapè, chè ogni giorne va tutt stort,

 

vria mandè sti por vers che la mi Musa

m' ispira tun ste temp inuttil, mort,

par datt un po' de forsa. Mo com s' usa

piantè sement de vitta dentra i ort,

 

ognun coltivi el sua sa la speransa

che i frutt d' sicur nirann in tel futur:

el pasat va a l'indietra, el nov avansa

 

e quel che adess ce sembra brut e scur

d'man chiapparà piò luc e piò sostansa!

Insiem, dài, scavalcam tutti ste mur!

 

 

MESAGG   URGENT

di Coroseduto o Ludius Anonimo

(quarta poesia fuori concorso)

 

Car popol del dialett machè present,

anca se, a di' el vera, ultimament

el mi impegn è stat un po' asent,

cumbinand per daver ben poch o nient,

 

so sicur ch' m' avet tutti tnut a ment

per quel ch' so fè, per quel che sa 'n sapient

lavor e 'n  mod de scriva giust e atent

v' ho già fatt leggia, seri o sorident!

 

Donca alegri che ancora en s' è tutt spent

el mi estre poetich, cara gent!

Dacsè ve mandarò prosimament

 

calcosa sa n' impegn nov e crescent!

Se po en saprò ste dietra mal mi intent,

en v' la chiapat! So instabbil com el vent!

 

 

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

 

Al temp del covid-19

di Enaide Galli (marzo 2020)

Segnalata per la Poesia al XIX Concorso 2021

 

N' atmosfera irreal, com t'la Cità ideal

se viv adess a Urbin e senti un gran rusighin.

Malé, tra tanta armonia e perfezion

de viv c'è sol du' pcion t'un cornicion

Anca maché sém circondati de belessa

mo en chius' i negossi e vôta è la piassa

Deserte le strade, i vigol, la fortessa

se tien a debbita distansa qualcun ch' passa.

Colpa del virus ch'avem pres un po' alla legéra

adess avem capit ch' en era n'influensa pasegera

Stam chiusi dentra casa e c' acorgem

che de certe abitudin se pò fè a men.

Ce s'arconta, ce s'informa, se fa qualch pichiarin

se chiama ma qualcun, se sta 'tacati ma'l telefonin

C'è chi se rilassa sa 'n libre t' le man

chi guarda la tele sdraiat t'el divan.

Facc 'na pasegiatina per goda el paesagg

Urbin, t'el su' splendent azurr, sembra un miragg

la siep cresciutta davanti è 'na lunga mascherina

ch' l protegg com 'n abracc d 'na madre divina.

C'è 'n silensi assordant che parla m'al còr:

"Forsa, tutt' insiem, ne uscirem sa pió vigor!

L'emergensa ce fa capì el valor d'la solidarietà

el rispett d'l'ambient, la nostra fragilità!"

 

 

 

Ma'l monument de Rafaell.

di Enaide Galli  (Urbino, 2019)

Presentata al XIX Concorso 2021

 

Maché per sollit tira sempre un po' d'arietina

invec ogg è tutt ferme cum fossa 'na cartulina.

Anca Rafaell en ne pò pió

e dal su' piedistall è 'nut gió.

Se bagna e bev t'la fontanina

pò fa tutt'intorne 'na pasegiatina

tra i bust di grand personagg

per faj un salut de pasagg.

Dal su' padre se ferma parecchj

e j dic qualcò t'un orecchj:

"Cum'è, babo, se' tutt ruginitt?

Te devi dè 'n'armulitta

prima che l'estat sia fnitta!

Per i mi' festeggiament

nirà a Urbin 'na mucchia de gent!"

Adess artorna t'la su' postasion

ch'è per tutti 'na bella vision

quant s'ariva da cima al mont

sa'l cor batt fort e sa'l fiat cort.

Sta sitt ch'adess tira un po' de vent

oh...ce s'arcora, so' propi cuntent!

 

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

 

AAA SE CERCHEN RIMEDI

di Giovanni Volponi

Segnalata per la Poesia al XIX Concorso 2021

 

Ciccol ciccol mascherina

s'en c'è 'l gel c'è la Muchina.

I vaccin en i han mandat

mo mess mond han tamponat.

S'en me chiappa la pandemia

Sal Grin Pas (*) chiapp e vag via.

(*) Green pass: certificazione verde

 

 

AAA SE CERCHEN I MATT

di Giovanni Volponi

Presentata al XIX Concorso 2021

 

Se vo' veda i malat d'Urbin,

va' all'ospedal de via Commandin.

Se vo' veda i malat e anca i matt,

và t'un bar e saré soddisfatt.

 

 

 

LETTERA APERTA DI RAFFAELLO

di Giovanni Volponi

Presentata al XIX Concorso 2021

 

Urbin, Urbin…

So git via ch'er pcinin

So artornat imprenditor

po' so arpartit e me so fatt onor.

Cert, i duchi ho ritratt,

ho tenut i contatt,

mo el sapet: tla capital

ho trovat la mi città ideal.

Ve capisc: ve mancav

vlevat tra vò i mi avansi,

mo propri en m'l'aspetav

da gì dal Pantheon agli Scalsi!

 

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

 

PREGHIERA VIRUS MA S. CRESCENTIN

di Alberto Calavalle  (Urbino, 30/05/2020)

Presentata al XIX Concorso 2021

 

 

San Crescentin, t'avem prés da Tiferne
mille an fa ch'era d'inverne
perché eri famos per chel dragon
ch'avevi masàt sa'l tu spadon
no' t'avem dat un bel Dom
e t'avem fat d'Urbin Patron
el prim de giugn è la tu festa
e la cità è tutta mesta
te c'è protèt da pest e guerre
in cità e tle nostre terre.
Mo ades te preghem S. crescentin
arsalva ancora ma no d'Urbin.
Te se' el nostre protetor
dà na mana ma i dotor
ce gira intorne un mez draghin
che manch se ved da quant è pcin
mo ce fa un sac de dan
perché ce chiappa per afan.
E' peg dla peste del Trecent
e ancha de quella del Seicent  .
almen quelle colpiven na sol cità
mentre questa salta de qua e de dla
e fra un salt e un giratond
ha steés a terra tut el mond.
Sta a sentì S. Crescentin
arsalva ancora ma no d'Urbin
da tre mesi dalle nostre cas
en metem fora manch el nas
da tre mes en s'apre piò na porta
e la cità par mezza morta
vie e pias en na desolasion
perché en se veden le person
e di' ch'era l'an de Rafael
del nostre artista del gran pnel
e s'aspetava tanta gent
da tutti cinque i continent.
Sta a sentì S. Crescentin
fac contenti un cuncinin
 

 

 

vien fora dal tu Dom
prend in man el tu spadon
mena fort quattre fendent
da rompa tut i dent
ma chel virus del diavle
cercle in piassa sotta i tavle
dai la caccia per le scalet
mandle via da sotta i tet
da S. Polo fina el Mont
sa'l spadon fa d'essa pront
taile tut a cuncinin
com se fa sa 'l spesatin
buttle giò dai torion
per i grep a rotulon
fal stané dai nascondin
per cacial via da tut Urbin.
Confidam in te S. Crescentin
sta a sentì ancora un cuncin
tanti urbinati en s'en più visti
en sparitti ancha i turisti
en fugitti tut i student
e in cità en c'è piò gnent.
S. Crescentin fa arnì un Rinasciment
dai, fam un po' content
pro sensa ste cuffie ma la bocca
sensa ste atent che qualcun ce tocca
e sensa tutte ste distans
che ormai c'n' avem d'avans
arporta in tutti l'armonia
che ste virus c'ha portàt via
ardàc le stret de man i abrac
che sensa queste e quei en potem stac
arporta i basc i schers e le cares
ch'en ce facem piò da un gran bel pes.
E scusa tant S. Crescentin
ch't'ho disturbat per un bel cuncin.
Sa sta lunga filastrocca
me s'è asciugata ancha la bocca.

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

 

Girà ben, girà tutt ben!

di Giorgio Corbucci (16 marzo 2020)

Presentata al XIX Concorso 2021

 

È na storia un po' complessa

En se spiega facilment

È svanita la certessa

E c'è la vita de tanta gent.

Quando un virus ce minaccia

Ben nascost tra le persòn

È fatica dai la caccia,

Ce vol sciensa e comprensiòn.

Né arrogansa, né incosciensa!

E se tutti el capirem,

"girà ben, girà tutt ben!"

 

So sorprés, prima de tutt,

da chi grida ai quattre vent

sensa freni, soprattutt,

che sta storia non è nient.

La Spagnola ha fatt rassìa,

tolt de mezz qualc milliòn

ma anca adess è pandemia

e sem tel mezz del bulliròn.

E ce serven i cervell fìn!

E se tutti el capirem,

"girà ben, girà tutt ben!"

 

 

Per chiappé le decisiòn

En va usata l'emosiòn

Se sa ben che vien sfruttata

E malament manipolata.

En sem tutti espert de tutt

E per ogni argoment

C'è chi è più competent.

Ringrasiam ma chi le sa

Se ce piac armana d'qua!

E se tutti el capirem

"girà ben, girà tutt ben!"

 

In onor di tanta storia

Se dovria tiena a ment

Dedicand alla memoria

Ogni storia d'ogni temp!

Ce vol sciensa e cosciensa

Poesia e medicina

Più cultura e tolleransa

Fantasia e disciplina

Per di' un giorn, finalment,

Tutti in piassa, tutti insiem

"è gitta ben, è gitt tutt ben!"

 

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

 

AL TEMP DEL CORONAVIRUS …

di Stefano Smargiassi  (Italia Rossa, Marzo 2020)

Presentata al XIX Concorso 2021

 

 Adess sem tutti rossi, sensa piò confin,

ogni italian è ugual ma cl'atre, come citadin,

che sem del nord, del centre o del meridion

dovem risolva tutti insiem la situasion:

batta ste cavol de virus che sta facend i mort,

ch'ha fatt chiuda le strad e i aeroport

e che mett a dura prova i ospedal

e chi lavora per aiutè ma chi sta mal !

Sarà sicur 'na facenda dura,

 

 

speram almen che dop de st'aventura

no' e i nostre fiol avrem compres

che 'l mond ma 'n fil sotil è appes,

che la vitta va visutta sa atension

chè scn'avem una sola, sensa ripetision,

e che non sol tel mezz dle calamità

dovem de sfog ma la solidarietà !

V'abracc ma tutti, sal cor e sa la testa,

tnem dur gent, che pasarà anca questa !

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

 

SANT'ANGEL IN VAD

di Giovanni Mameli e Maurizio Passeri (Sant'Angelo in Vado)

Presentata al XIX Concorso 2021

 

Diciasett  ann fa per amor e per lavor

Ho lascet la mi chesa.

Un paes de ches d'argent

E anime d'or m'ha accolt.

En avrì mej credut che al mond

Esistessr person cose pien de valor.

Tla vall del fium Metauro

Sant'Angel ha sepolt el mi cor.

 

 

URBIN

di Giovanni Mameli e Maurizio Passeri (Sant'Angelo in Vado)

Presentata al XIX Concorso 2021

 

Del Montefeltr splendid diamant,

De Raffaello culli el nom e a pochi pass del Bramant

El Rinasciment dev ma te el su splendor,

Seconda sol alla Firenz capital del mond.

E Federico splendid signor d'Urbin

Gloria in battaia e grand onor.

 

 

 

L'ALBA TL'APENIN

di Giovanni Mameli e Maurizio Passeri (Sant'Angelo in Vado)

Presentata al XIX Concorso 2021

 

Un giorn apena svegghj so it so a Bocca Trabbaria,

Albegieva e insiem alla bressa me sfioreva la storia.

Osservev  da malasò le collin e sognev,

Carezzev un amor  e in silenzj sperev.

Artornet in paes me so fermet dala fredda lapid del mi fratell,

Che fa da guardia al cimiter tel paes fior del Montefeltr.

 

 

 

 

 

Le tre precedenti poesie sono state scritte da Giovanni Mameli e trascritte in dialetto da Maurizio Passeri entrambi di Sant'Angelo in Vado (ndr)
 

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti  

 

 

 

LA BRETELLA

di Brunello Bedosti, Bruder Jr.

Presentata al XIX Concorso 2021

 

Sa saria sta gran bretella

che ma tutti fa parlà,

da Mont Soffi a Rancitella?

E' per tiena sò le cals,

o è daver na strada nova?

 

Per sa fà na strada nova

per riempì fin da Volponi

fin da pied a Fermignan

sa i grand'arbre de ciment?

En era mej asptà un po' d'ann

ch'ar crescesser le cerquelle?

 

El sò, en pòl viva na cità

s'el progress en pó arrivà

Sa saria pò ste progress

soffocà l'agricoltura, riempì

S. Bernardín sa le sedie "Salvarani"?

 

Sa saria ste gran progress,

gì al cinema al Ducale, invec

de gic da "Bicicletta"? Beva

sol la Coca-Cola, che s'al vin

te pussa el fiat? Brav cojon

ciacca d'piò l'agricoltura che

d'acsé en se lavora.

 

Gi saí tram, a 1'ascensor

quand po t'chiappa el mal

de cor? Gi all'USL fra tre mes

sa í'apuntament, invec ch'asptà

tun chesa de De Scrilli el sucesor?

 

Sa saria ste gran progress,

armetta in Piassa la fontana

che d'acsé en se pol veda che

d'Urbin tuta la gent

en c'è piò propri per gnent?

 

Sa saria ste gran progress,

strosass del tutt sa sta bretella ?

Per sa fa, tant ha da servì sol

per gì via, che maché l'economia

è ardotta comm la musica de Szurlo. (1)

 

 (*)M° Zurlo della Cappella Musicale di Urbino

 

 

 

So burdei en fat el sclam.

di Brunello Bedosti, Bruder Jr.

 

So burdei en fat el sclam,

tant se sa ch'ennè vera

propri gnent, ma la giò

do stat adess c'è stat ben

un gran bel po'.

 

So burdei, en fat el sclam

se piagnet tutti a chel mod

en ve basta tutt inter pra

scuttarv un lung lensol,

da Lavaggin a San Pol.

 

So burdei, en fat el sclam,

s'tratta sol de quattre càs'

tutt'un vicol sa un po' d' muffa,

sa i copp rott, armediati, e ardotti

mal, com' le cals d'Jacmin d 'alora.

 

So burdei, en fat el sclam,

c'le salit ch've piac'ne tant

giv'ne ben sol sal Duca per

difendse dai nemic, per ni sò sol

sal caval, o la treggia sganganata.

 

So burdei, en fat el sclam,

p'run po' d' brombol c'se

tormav'ne da chi copp che

brilavnen contr' el sol, ma

ch'colaven anca tun chesa.

 

 

So burdei, en fat el sclam,

tant Urbin en è più fatt

com quand niatre s'giva

a scola e de nev ne niva tanta

ch'anca el dom sonava a ciocc.

 

So burdei, en fat el sclam,

da 1'Orlog fin a Cà Dam

en se trova più nisciun

c'sarcordi verament se via

Masini (*) è Lavaggin, o Valbona.

 

 

 

So burdei, en fat el sclam,

tuti ben stam t'la pianura,

e s'en c'è piò mod d'artrovass

da Calsini, o da Basili c'è el

telefon per chiamass, basta avè

un po' d'temp, porca malora !

 

So burdei, en fat el sclam,

sa cle quattre burburan

s'ggela anca el nas

de Rafael e anca d' piò

fin da pid tutti i torion.

 

So burdei, en fat el sclam

per sta rima ch'è mancata

mica è po' la colpa mia

se ste gel 1'è gitt tant giò

che la rima m'ha arvinata.

 

So burdei argit a casa

ma la giò do stat adess, che

tra un po' c'arvagg anch'io.

Fatme armana n'ltre po'

che chissà s'artorne sò.

 

(*) Mazzini

 

 

 

 

O che gran liberazione!

di Brunello Bedosti, Bruder Jr. 2016 (*)

Presentata al XIX Concorso 2021

 

So argitt so fin in Urbin                      

Per arveda i turicin

Ch'han svrichiat con grande cura

sopra el Dom, sopra le mura,

Quasi fosse Nicoletta a festeggiare,

c'la mi fiola, f'nit ha oggi di studiare!

Era ora! Dop dl'Asil ed il Liceo, dop de la dotta Padova

oltre Dover, fin gli USA, ora anche Urbin oggi l'approva!

Purtinina ha incminciat anni settanta,

Sal grembiul, i fioctin, e la parananza.

E fnit ha oggi a marz del  sedic

Com i luzin più brilant e più veloc!

Dotorata s'è a gran voce

Ed è questo che mi coce

Dopo dispute feroci da la Francia prosperosa,

Alla placida Inghilterra, altezzosa e schizzinosa,

dal Piemonte, al Mercatale

da via Saffi, fin da pied t'la Strada Rossa,

ha portat 'na scienza  nova che non è poi tanto male

sal microscopi sa i lettron e sai ragg de l'ospedale,

s'un pesc pcin un gran bel po'

strimilzit, rinciculit, rinsechit e sa l'artrit,

prigioniero dell'azzurro e del più liscio miocene

ma con tante assai gessose e bianche vene,

che dovrebber confermare d'una tesi

assai sospetta, che riguarda non sol mesi

ma tanti an prima d'i famosi Turicin,

od i Goti, od i romani, qui a Urbin,

umolto addietro, prima ancora di San Pietro,

molto assai, ed ancor, tant, ma tant  più indietro.

d'Cerigin el fiol d'la Gemma, o i Pavolucci,

od i De Scricrilli, de Pansa Dura e d'i Pigrucci,

quand a Pesre el mar piò en c'era

tutt secc, sciut e sensa fior a primavera.

Ste pesc brutt sa ste gross costicc,

che me paren sol d'le gran salcicc,

testimonia senza fallo, col sottocutaneo suo gonfiore

che doveva regger la spinta d'un tant  salato mare,

che Adriatico e Tirreno, fino Jonio

a Fan, o la Borzaga tutti erano scomparsi,

per lasciare ai malaticci e tozzi pesciolini

solo pozze e grandi laghi assai salatini.

Tutto prima d'asciugare il mar di mezzo e lasciare solo terra

Che, solo poi per gran fortuna, col riaprir di Gibilterra

artornò tutt d'un fiat (qualche secol veramente),

sa tutta l'acqua, e le seppie e i pesciolini come oggi god la gente

                     

Donca com v'ho dett sta fiola mia è ascoltata

da Coccioni, dal marit d'la fiola de Sorbini,

e dai tanti convenuti da vicin, o da lontano,

per parlar de ste fatt, antichissim e un bel pò stran.

Or però cerchiamo tanta scienza di scordare,

e tutt quel mare sa la su sciutta, e pensiam sol a mangiare.

Che se pò, tutt ste gran storie d'una secca tanto nera,

pensat pur che tant ch'è stat, che chi sa manc s'è vera.       

 

(*) Fermignano, Località Verziere: il Mulino Vecchio,  il 11/3/2016 pranzo di dottorato e lettura della poesia alla famiglia.

 

 

Inizio Pagina D. Germana M. Volponi Coroseduto E. Galli G. Volponi
A. Calavalle G. Corbucci S. Smargiassi M. Passeri B. Bedosti