HOME CONCORSI

XI CONCORSO 2011 - Agenda 2012

 
Home

 

Preliminari

Testi Premiati

Tutti i testi presentati

Parte Antologica:
Poesie in romanesco
Testi Dialetto Urbinate
Storia Sport Urbinate

 

 

   

VLARCONT IN DIALETT

Agenda 2012

XI Concorso di Poesia dialettale urbinate Renzo De Scrilli

 Composizioni, poesie e sonetti inediti in dialetto romanesco

 Antologia in dialetto urbinate

Pillole di storia dello Sport urbinate della prima met del secolo scorso

Editrice Montefeltro

 

La presentazione e l'assegnazione del Premio avverr

AL  COLLEGIO  RAFFAELLO

VENERDI'  16 Dicembre 2011 ore 17.30.

 

 

Immagine di copertina
Zelmira
di Paolo Albicocco acrilico donato dallAutore ad Alberto 'Luminati

 

La Zelmira era mi madre e te, Paolo, che cavevi suppergi i mi ann,  chsem cresciuti insim per el Mont, tel palass del nonn, l arvista tla tu fantasia dop tant temp; te s arcordat de quand ancora no eravam quattre fiol, quand, tra de no o insim a qualcaltre burdell dla via, giocavam a caccia per le scal o alle pallin tel porton (vincevi sempre te e le tnevi tna borraccia dla fanteria!)

Dop, passat el front, fnita la guerra, avm cminciat a respir per le strad laria dla libert e per qualch temp ce sm persi de vista: avm gambiat casa, en stavam pi per el Mont e, sen me sbaj te te rugolavi per Lavggin e marcord chsaltavi de slanc el foss del Montepiscio, mentre io me sbucciav i ginocch tel Mercatal o me buttav sal biruccin gi per Valbona

Jann dop no, da quattre fratell sm  dventati sei, te e io ce sm artrovati per cs tra le nebbie de

Milan, e la Zelmira ha continuat a f la chioccia sa i pi pcin. 

Avm scelto el tu disegn per un sac de motiv: prima de tutt perch ma me en me fa mal arcordam de mi madre (anca se de quest jimportar ma pochi), po perch jurbinat chel vedrn tla copertina potrn rifletta, almn qualcun, e pens a quanti de no, bravi com se stat te, Paolo, sn trovati lontani perch, per sbarch el lunari, han dovutt emigr (qualcun clha fatta a arni, na mucchia no); pi de tutt, lavm scelt perch bell e, tla semplicit dna madre challarga i bracc per proteggia i fiol, propri com fara na chioccia sai pulcin, pien dumanit; c piaciut per i color, per la grazia e per chjocch spalancati de qi burdei che te guardne com se vlesser chiedte e cap, dop tutt quell chera passat, csa sara potut succeda de pi prima de dvent grandi.Chi lavra dett, invc, che sara bastat sol un scatoln, sa na lampadina dentra, per rincojonic ma tutti! Grazie Paolo del bel regal e dla tu amicizia: sper davet dat na sodisfasin, mo se so gitt pi avanti del consentit, so sicur chm perdonat.

 Paolo ci ha lasciati allinizio del 2011. Addio amico, non ti dimenticher.

Alberto

 

Questanno sar la meridiana di Porta Santa Lucia ad accompagnarci giorno per giorno.

Il nome della porta deriva dall'antico complesso di Santa Lucia, formato da una chiesa e annesso convento che sorgevano in fondo alla discesa, di fronte alla chiesa dedicata allo Spirito Santo. La sua struttura ha qualche tratto in comune con la porta di Lavgine.

Sopra la volta stata eretta una piccola costruzione, mentre, nella parte interna si nota una meridiana.

Porta Santa Lucia (XIV - XV sec.) uno dei punti panoramici pi interessanti di Urbino. In particolare, dalla Porta si domina la citt e le colline che si snodano ad oriente verso la Repubblica di San Marino ed il mare.