Home Concorso 8

Home testi premiati

VIII  Concorso  2007:

TEATRO

 

 

 

Tiziano Mancini
La cenere di Millo

Atto I

Atto II

Atto III

 

 1 Premio per Prosa & Teatro

 

La Cenere di Millo

(commedia dialettale in tre atti di Tiziano Mancini)

Il premio per i testi teatrali viene assegnato a:

LA CENERE DI MILLO di Tiziano Vecellio Mancini

con la seguente motivazione:

Agile composizione teatrale che con battute veloci e vivaci, ben graduate in un crescendo di toni psicologicamente veri e adeguatamente motivati, costruisce e sbroglia situazioni comico-grottesche di fresca attualit.
Il gioco degli equivoci condotto con brio ed efficacia senza scadimenti nella volgarit. Buona la teatralit del testo accompagnato da opportune didascalie.  Buono il ritmo narrativo sempre veloce e coinvolgente sostenuto da ben misurati alti e bassi.
Bella, in particolare, perch di forte impatto scenico, l'invenzione della giovane olandese, il personaggio-chiave, in forte chiaro-scuro scenico con l'ambiente popolare, dimesso e ripiegato sulla quieta e un poco noiosa quotidianit, ma ancora disposto, perch no?, a sognare.
 

Personaggi:

MILLO -Il capoccia. Pensionato brontolone ma vivace e sarcastico.

CLEOFE - La moglie.

BETTA - la figlia di Millo di Cleofe.

TONINO - - il vicino di casa, amico di Millo, un po' tonto

FLORA - moglie di Tonino, ingenua e bonaria.

INGRID - la crematrice, altera e sensuale.

           - due beccamorti.

 

SCENA: Una grande sala con divano letto al centro sullo sfondo. A destra il camino. A sinistra in fondo due scalini danno sull'uscio, da cui si vede la porta della casa di fronte. Un 'altra porta sul lato sinistro.

 

ATTO PRIMO

MILLO - (il vecchio vicino al camino e si sfrega le mani con aria infastidita) - el ciocch vol el compagn ...

CLEOFE - (la moglie, in piedi che stira) - Sa vresti d, ch' c' ho da g a chiapalli io la compagnia, vera? Mo che io c'h da f, en el vedi? Vacc te ch'en f gnent!

MILLO - Eh gi, perch io en c'avria gnent da f ...   I c'ho da guard ma 'l foch ... e p guarda, fam el favor, lascme st che so' stuff ch'en staggh in pied.

CLEOFE - S ch'ne f 'na mucchia, c' da essa stuff.

MILLO - Chis, propi per quel ch' so' preoccupat: en ho fatt gnent e so' stuff lo stess.

CLEOFE - Mmm (preoccupata)... Mo, el ricostituent l' pres ?

MILLO - C'ho provat.

CLEOFE - Sa vol d "c'ho provat", o l' pres o en l' pres ... Te se' scordat, vr d.

MILLO - No, no, me so' arcordat e l'ho anca trovata, la scattola ... mo... (sospiro)

CLEOFE -Mo?

MILLO - (d'un fiato) en li ho fatta a 'prilla!

CLEOFE - Oh signor.

MILLO T' l'ho dett ch' c'ho sta gran debolessa.

CLEOFE - A mo dacs en credev..

MILLO - Ah s ... Pensa che ier sera, quando so' git tel  lett, mica me so' indormentat ... so' svenut !

CLEOFE - E' svenut ... pensa. E com fat a cap ch'eri svenut e no ch' t' eri indurmentat?

MILLO - Chis perch ... me so sentit a sven, e me so svejat stamattina...

CLEOFE - ... ch'avevi durmit com un ciocch ... io comunque en avev mai sentit un svenut a russ.

MILLO - Schersa, schersa, ho anca sognat ch'er mort.

CLEOFE - S, ch' eri mort... dal sonn: vedi ch' durmivi ?  Quei svenut mica sognen...

            Entra Betta, figlia di Cleofe.

BETTA - Chi ch' mort?

MILLO (facendo gli scongiuri ... magari dando le spalle al pubblico.) - Ambeeee, e mica s' pol durm, mach: roba che se al limit si svenut te splischen subbit. Manca ch' c'avessa n'eredita da spart.

CLEOFE - Eh gi, meno mal ch' brusciat tutt, vera? Adess en te brama la mort nisciun.  Ansi, te bramam da camp namucchia che sn ce tocca anca spenda ma n i sold tel funeral, che te en c' i sold manca per la casetta.

MILLO - E chi la vol, la casetta? Me brusciat. Ho brusciat tutt? Brusciat anca ma me!

BETTA - E' vera, mama, almen dopp el po' tiena tel comodin !

CLEOFE - Val, gi ch' pussa da crud, capire da cott, che schif.

BETTA - Mo sa dici, mica el cocien: lo inceneriscono, lo mettono in un' urna cineraria pcina dacs.

CLEOFE - Ah, avev vist t'un film, pr me pareva ch'el facevne al cartocc (poi, indicando il camino al marito) alora te facem f la fin de chel ciocch ... ch' bell e incenerit.

BETTA - Ma che cartocc ... ho capit, te d'av vist un ustionat ma quei i copren sa un lensol d'allumini aposta per i ustionat. Vedi sa suced sa quei dla televisione: en spiegne sa fan veda?

MILLO - Mo se quei ch' guarden en capiscne gnent o ch' n di gran ignorant, mica colpa lor ...  Piutost vlet f basta sa sti discors ?!

CLEOFE - Guarda ch' cminciat t.

MILLO - A d ch'en me reggh in pied. Mo se 'l sapev che bastava a non st in pied per essa gi tel portacenner, m'als subbit.

BETTA - E' ragion, babo, s' faceva per d ... comunque vera ch' me sembri pi secch del sollit: se' dimagrit ?

MILLO - S, so' dimagrit... l'ho fatt per fav un piacer.

BETTA - Oste, un piacer. E che piacer avresti fatt, a dimagr ?

MILLO - Eh, dacs se so' dimagrit... chiap men post, almen v'impicc de men, tant'io impicc e basta !

CLEOFE - (interviene) Lascle st val, ch'en li ha fatta manca a apr la confesion di ricostituent.

BETTA - Oh, porett. Mama mia che da f, pr, sa ste medicin. Cl'atre giorne credevi ch'era i calmant.                                                                                                                                    

MILLO - Per forsa credev ch'era i calmant: c'era scritt "agitarsi prima dell'uso"!

BETTA - "Agitare, agitare"! Vleva d, ch' dovevi sbatta la botiglia, mica eri te ch' te dovevi agit, ancora en l' capitta? Comunque aspetta che c' l'ho io ma casa,   'na bomba ch' m'ha dat l'erborista. Vien sa me, mama, ch' te facc veda anca le tend ch' ho mess s.

CLEOFE - Mo c'ho ancora el ferr cald. Tocca st atenti: ha dett la television che 'l cinquanta per cent d'incidenti domestici sucedne dentra casa!

MILLO - Oddio oddio! (scrolla la testa in silenzio e sbatte le mani disperandosi, poi guarda il pubblico) Sa ch'avr capit? (poi si rivolge alla moglie) Sa ch' capit? Me piacria a sap alora cl'atre cinquanta per cent du' sucedria.

CLEOFE - Chis du' suced ... fora de casa: tel  tett, tel giardin.

MILLO - Infatti, en vedi i giornal: casca i antennista tutti i giorne... tla testa di giardinier. E' vist ch' han mess anca i cartel tel vigol..."caduta antennisti, attraversamento giardinieri in fuga". Quel che t'ha montat la television ma te, per esempi: en era mej s'el chiapava un fulmin? Almen te en sentivi el telegiornal sa ste cassat per non capicc un cass.                                                          

CLEOFE - (offesa) - Maleducat ch'en si atre, capir tutt te, no? Mo s'eri dacs inteligent, dimm com avresti fatt a spos 'na stuppida come me, en el so. Invec me sa tant che so io a essa stuppida daver, se t'ho sposat.

MILLO - Vedi? Te se' risposta da per te.

BETTA - Basta, mama, vien via che sn argit a ltigh ben ben. E lascia anca st el ferr aces,  mama, che tant se mach va tutt a foch bastar a g a compr cla scatolina d'argent, vera Babooo?

MILLO - (urla) GIVAT VIA ?!

CLEOFE - (ferma, improvvisamente trasognata, immagina la scena) Che bel, tant ch'en vag da l'oreffic ... "scusi, vorrei una... cum s' chiama?

BETTA - Urna cineraria

CLEOFE -  Ecco ... "vorrei un'urna cineraria d'argento per el mi' marit".  E l: " un regalo per suo marito?"   "no, no, l ch' ha fatt el regal ma me"

MILLO Quant se' giniala!

BETTA - Comunque a part i schers, io diggh che a fass crem 'na gran comodit. El se' sa voj f?  Voj scriva 'na lettera ma quei dla ditta per sap cum s' fa a f domanda. Adess la scriv. Me manca sol da sap l'indiriss. Dop babo te facc sap, va ben? Almen p prenot el post.

MILLO - Betta. T'ho da d na robba ch'en t' ho mai dett: te en s la mi' fiola... si troppa stuppida per essa la mi' fiola. Ansi, en el so chi potria essa tu' padre, ch'en c' nisciun tel mond dacs stuppid.

            Dalla porta aperta entra Tonino

TONINO - En lasciat la porta aperta, vall a veda chi t' pol entr tun casa.

MILLO (sconsolato, scrolla la testa) - Me so sbajat. Qualcun c'. En m'arcordav de Tonino.

            Le donne ridono ed escono.

TONINO - Mo sa c'han da rida? T'han pres in gir n'antra volta?

MILLO -Me vojne spl prima dl'ora.

TONINO - Anca la mi' moj ma me: s'en era ch'en hann maturat la reversibilit dla mi' pension, m'avevne gi masat.

MILLO -Eh, gi, la pension... el sapria io com spendla, la pension. La brusciaria tutta, se potessa.

TONINO - Oh, brav, propi quel che te vlev sent a d: t'ho portat propi el giornal per fattle leggia.

MILLO -Ce creggh ch' l' portat per leggle... sn per co' l'avresti portat? Ce vlevi f 'na bustina da murator? 'n aeroplanin? O pensavi ch'avev fnit la carta igienica?                         

TONINO - Ragassi, sa te en s' pol d gnent... (si siede, prende dalla tasca un giornale piegato e lo apre con fare solenne. Legger con fatica). Va ben, facem finta d'gnent.... Ecco qua. Sent un po': "nelle case di riposo olandesi sono state introdotte con successo le "happy girls" (pronuncia "appi girls") le "ragazze della felicit". I risultati raggiunti con la pornoterapia sono ottimi, dopo aver
fatto sesso con le nostre ragazze, i vecchietti sono pi tranquilli e stanno anche meglio. Gli atti di violenza sono scomparsi e il consumo di farmaci diminuito, soprattutto tra i dementi, i pi difficili da controllare.
(Alza gli occhi dal giornale e guarda Millo)

MILLO -(si arrabbia) Csa vresti d? "Demente"... io en dmentic mai nient, carin, m'arcord tutt! M'arcord anca dla prima volta ch' t'ho incontrat, ch'eri nut a st mach davanti e per trov la tu' casa chiest informason ma me... (poi imita in falsetto la voce di Tonino) "scusi, sa dove sta Antonino Baggiarini?" "E chi ?" "Sono io!" "Amb, m'hann dat un vicin svelt da rida" ho pensat "chied ma
me du' sta de casa l"  no, che m'hann dato la casa popolare ma non la trovo"  "Emb i' com facc a sapell, se ancora en ce st?"  "Ah, pensavo che c'era scritto nel campanino", vlevi f el fin, el campanino! El campanell!

TONINO - V st sit! Me f fn?! (riprende a leggere) "dice il Direttore Sanitario: "La pornoterapia pi sana delle medicine: da quando il servizio di queste gentili donnine compreso nella retta della casa di riposo, c' un continuo aumento di domande, anche dall'estero, da quasi tutta Europa: stranamente ci mancano solo gli italiani" ... (alza gli occhi dal giornale, guarda l'amico ed
esclama...)
Noiatre! Aspettne ma no! Adess c' sol da cnoscia l'indiriss.

MILLO -Mo sa dici?

TONINO - Diggh daver, i scrivem e gim a st mal... almen la godem daver, la pension, atrech a st mach sa ste stregh...

MILLO -El se' ch' c' ragion? Dai, chiappa un foj ch'i scrivem, prima ch'arvenghen  cle donn. Dacs appena trovat l'indiriss li mandam.                                                                     

            (Tonino prende carta e penna e aspetta)

MILLO -Alora... Cari...

TONINO - No, cari en va ben, dop pensen ch'en vlem spenda.

MILLO -E' ragion... gentili signori, siamo molti interessati...

TONINO - "Molto" interessati.

MILLO -Ignoranti sem in due, plurale, molti.

TONINO - (perplesso) Ah, va ben.

MILLO -Siamo molti interessati ai vostri servizi. Ci dite per favore come dobbiamo fare per averli?  Siamo Millo e Tonino di Urbino, Marche, Italia, via dei Morti, 90. Oh, mett el tua, d'indiriss, ch' propi com l'oss per el can.

TONINO - En li vlem d che gim per le donn?

MILLO -No, no, en fa. Tant el sann che se vlevam g sa le nostre vecchj, alora stavam mach.

TONINO - E' ragion. Va ben, va ben. (poi si fa pensieroso) Cert che p dop, quand sm mal... sa  cle bordelle.... sarem in grad?

                                                                                                         '

MILLO -Sa ch' paura, chiaparem un cincin de Viagra.

TONINO - Mo dic che fa mal.

MILLO -No, en vera. E p, se anca tocassa mor, saria la mort la pi bella, no?              

TONINO - Comunque Gino, el mi' cognat, l'ha doprat, e m'ha dett ch'i aveva fat n un gran mal de testa.

MILLO -A mo lo 'n testa d' cass, vol d propi ch' funsiona.

TONINO - Osteria, ragion. Quant'el veg li dig: "Gino, adess c' anca la prova scientifica, ch' se' 'n testa d' cass"

            Entrano all'improvviso le due donne

BETTA - Oh, e sa c'avet da scriva?

MILLO -Nient, un de chi concors sa i punt... valla a imbuche, Tugnin...

TONINO - Vaggh subbit, che scad propi dmatina. Arrivederci (Esce alla svelta con la busta in mano)

MILLO -Ciao, Tugnin... Alora Bettina, 'i en piaciutt le tend ma la tu' mamina?

CLEOFE - En bline un bel po'... odo, en un po' sfaciate... tutte de macram, da fora s'ved tutt.

MILLO -Se per quest en ave paura, ch'en te guarda nisciun, anca s'en c'n per gnent, le tend.

CLEOFE - Mo sa ch' capit? Io el facc per quei d' fora: che s' veggne ma te se spaventne.

MILLO -Basta, vaggh a lett. En so gradit.

BETTA - Toh val piutost, chiappa ste pasticch, che gi una t' armett tel mond!

MILLO -Prima me vlet spl, adess m'armetet tel mond... decidetve, pr!  Bonanott.

            Millo esce dal lato destro. Le donne restano sole, quando entra Flora, moglie di Tonino.  (parla sottovoce)

FLORA - Cleofe, du' ch' git el tu' marit?

CLEOFE - E' git a durm... perch, sa ch' sucess?

FLORA - El mi marit ha mess tel casett  'na lettera sensa indiriss... guarda mach (e mostra la lettera leggendola assieme)

FLORA - e CLEOFE - (insieme) gentili signori... bzz... bzz... vostri servizi.... Via dei Morti, 90.

BETTA - Ah, s s, la lettera per quei dla Socrem. L'han scritta per daver, sti du' sciap!

FLORA -La Socrem... e sa ch'?

BETTA - La Societ per la Cremazione. En quei che t'mettne el marit tel portacenner. Quant' mort, se sa: mica tel masne lor...

CLEOFE - Che pcat, pr saria chieda trop. Pr vedi chi due... han pensat ben.   

BETTA - Dammla ma me, el cnosch' io l'indiriss. En a Morcian.

FLORA - Ah, ho capitt: 'na donna, un'olandes. I' la cnosch, anca bella, 'n pcat che pr fa la becamorta. Aiuta ma 'l marit, lo fa el becamort e lia fa le cremasion... Dio i fa p 'i accompagna... Va ben, spedisc'la te, che dopp i farann sap.                                                                               

Betta Ordinaria.

FLORA - No, l'ordinaria en c' pi: adess tutta "posta prioritaria", dacs devi pagh el doppi de prima e le letter arvan tutte ugual. Cum faran a chiamalla "prioritaria"?  Prioritaria rispett a co', s'en c'n pi le ordinari?  En cnoscne manca l'italian.  E dop ce fann anca i brav, digne anca ch' hann radopiato gli utili... ce creggh! Se quest en prenda per el cul !  Tocaria scrivle tel disionari: "presa per il culo: vedi Poste italiane"

BETTA - Dai gi en te metta a f el lament, manca scrivessi tutt i giorne. Voj d che la mandam sa la "posta celere"! Ansi no, ma la cremasion se scriv in "posta cenere"!

FLORA - E' ragion! (scrve e ripete lentamente)... "Posta... Cenere"

            Scrivono l'indirizzo e Fiorina se ne prende carico di spedirla.

 

 

inizio pagina

 

SECONDO ATTO

Alcuni giorni dopo. Millo in casa da solo. Suonano alla porta.

INGRID - (una bella ragazza, alta e magra, in tailleur nero) Buona sera...

MILLO -Buona sera

INGRID - Sono qui per la sua richiesta

MILLO -(si agita improvvisamente) Oste com set svelti!

INGRID - Noi siamo sempre rapidi nelle nostre cose: non si sa mai, a partire un attimo...

MILLO -E' propi vera... Mej alora, en veggh l'ora da part!

INGRID - Addirittura...

MILLO -S s, ansi, sem in due... c' qualch problema se sem in due?

INGRID - Assolutamente

MILLO -Spetti ch'el chiam, abita mach davanti... TONINO! ! TONINO! !

TONINO - Csa c'?

MILLO -Vien otra ch' hann rispost, fa a la svelta.

(Arriva Tonino, si salutano)

MILLO -Alora, c'avet el post per noiatre?

INGRID - Certamente, possiamo mettervi dove volete.

MILLO -Beh, intant toccar n in Olanda ...

INGRID - In Olanda? Ma no, noi siamo in Italia. Noi olandesi siamo stati i primi, effettivamente, ma adesso siamo anche in Italia.

TONINO - Mei ancora... Alora, sa tocca f?

INGRID - Semplice, basta che compiliate questi moduli e al resto pensiamo tutto noi.

MILLO -Va ben, va ben, dia mach che firme.

TONINO - Anca io ne voi un.

            (La ragazza d loro due moduli che i due firmano subito, senza leggere, tanta l'ansia)

MILLO - (dopo aver firmato) - Ma, signorina, scusi, i poss f 'na domanda?

INGRID - Dica pure, sono a sua completa disposizione.

MILLO -Ecch, propi quel, vlev d... Lei... lavora mal?

INGRID - Certo, sono una professionista... specializzata.... in... pompe: specializzata...non so se si pu dire... diciamo cos... nella accensione.... (la voce si fa sensuale) del .. .del...

MILLO - e TONINO - (a bocca aperta)- deeeel?!

INGRID - del ... fuoco... ! !

MILLO - e TONINO - Mmmmm!

MILLO -Mamma mia...

TONINO - En veggh l'ora.

INGRID - Eh eh, calma, calma, c' tempo...

MILLO -Va ben mo intant, en ce potria spiegh com funzionaria?

INGRID - Mah, semplice... voi entrerete in questa... camera.... luci basse, soffuse.... sarete stesi... nudi... rigidi... e io sar l.  Prima di tutto, come sempre, ci saranno i preliminari... con calma... {alza la voce all'improvviso e cambia tono, ricordandosi) ah, se volete potranno essere presenti i familiari.

MILLO - e TONINO - (insieme) - No, no, per carit !!

INGRID - Ma... il commiato...

TONINO -(urla)- GINO ??!!  En el voj sicur... e che cass vol?

INGRID - Chi Gino?

TONINO - Chel testa d'cass del mi' cognat.

INGRID - Commiato, commiato, saluto, come dite voi? no cognato.

TONINO - Aahh, scusi...

MILLO -Che figura se' sempre el solit ignorant.

TONINO - Comunque en vlem ma nisciun, manca ma i cognat.

INGRID - Come volete... {riprende un tono ieratico e sensuale e cresce di tono via via che descrive le fasi) Dicevo, verrete messi nella giusta posizione, mentre io mi dedicher a portare.... il calore... sempre pi forte, sempre pi forte, fortissimo... e alla fine... l'introduzione... nella bocca di fuoco.

Millo e TONINO - (insieme, sognanti) - Oooooh... che professionista!

INGRID - eh, certo, ve l'ho detto che sono specializzata.

MILLO -In pompe...

INGRID - In pompe.

TONINO - S' capit... E p e p ?  Sa suced dop ?

INGRID - Dopo, si passa all'introduzione, dove il calore salir, sempre di pi, finch... alla fine, una... VAMPATA, quasi un'esplosione, come una bomba! ... (poi, calmandosi) e tutto finisce con una fumata.

TONINO - (riprendendo fiato) - Eh gi, alla fin 'na bella fumatina ce sta sempre ben.              

INGRID - E poi raccogliamo le ceneri.

MILLO -Senti com en pulitti?  En s'pol manca butte la cenner per terra.

INGRID - {ora smette il tono sensuale e si fa professionale) Bene! Adesso la pratica avviata, vi faremo avere presto i documenti per la conferma definitiva. Arrivederci.

            (Esce. 1 due sono rimasti inebetiti, fissi, poi si guardano).

MILLO -E' sentit che robba?

TONINO - Mo l' vista? Se ved ch' 'na professionista.

MILLO -Mamma mia, en veggh l'ora da part! E' 'na roba de d'atre mond .

              Entra Cleofe

CLEOFE - Chi era cla bella bordella ch' scapata?

MILLO -Ah gnent 'na studentessa.

CLEOFE - Anca lia vleva sap s'afitavam?

MILLO -Nooo, vleva f l'amor sa me... chis sa vleva.

CLEOFE - S, vleva f l'amor sa te... ch'en cercava ma te el sapev, era troppa blina. Te se' sempre stat com la carta igienica: gira gira cascavi sempre tun cess.

MILLO -Te invece se' pegg anca dla carta igienica. Almen lia serve a qualco', sol che per sapel tocca sforsass...

CLEOFE - Te giust chel sfors mal, riesci a f: t'han fatt l'encefalogramma credevne ch'era gitta via la corrent.

TONINO - Ve salut (ed esce)

 

inizio pagina

TERZO ATTO

 

MILLO - solo in casa. Entra Flora, trafelata e ansiosa.

FLORA - Millo, vist ma Tugnin?

MILLO -No, da ier ch'en el veggh. Sa ch' sucess, ha trovat el coragg da g via de casa?

FLORA - C' poch da schers. E' sparit, nisciun l'ha pi vist da stamattina, en manca arnut a magn.

MILLO - (serio) - S'en arnut a magn alora c' qualco' ch'en va daver...  Se' gitta a veda ma l'ospedal?

FLORA - Mamma mia, en c'h pensat... vaggh a veda subbit.                                                 

MILLO -Va a veda, che io chiam ma qualch' amich per veda se san gnent.

              (Flora esce)

MILLO - (parlando a bassa voce tra s e s, mentre prende il telefono) - M' nutta 'na mezz' idea, ma me, de du' ch' gitt chel sporcacion... (prende un biglietto dalla tasca e compone il numero che vi scritto).... Pronto?  (con tono grave e preoccupato) Buona sera Ingrid, sono Millo.... Eh, s s, i staggh ben, mo el mi' amich Tonino... eh, s... Purtroppo... scomparso... i vlev d se lei... Pronto, pronto... ha mes gi.  Mo cum saria a d "vengh subbit"? Vlev sap s'era mal e lia me dic "vengh subbit"... lascia pur ch' ce cnosc... Boh. Comunque da lia en c'. E du' sar git?

            (improvvisamente entra Tonino stravolto e sfinito)

TONINO - Oddio oddio!

MILLO -E te, da du' scappi fora? Sa t' success? Te cerca la tu moj.

TONINO - Sta sitt sta sitt, en ne poss pi (Si siede sul divano-letto, mentre Millo gli porta da bere. Riprende fiato e comincia a raccontare, con grande fatica). E' vist chel ficch secch dapied el foss del mi' poder, ch' tant ch'dicev ch'el vlev taj?

MILLO -Com no, m'arcord. Mica so demente (stupid).

TONINO - Ecch, stamattina so' git gi sa la sega per tajal. So' montat s, e ho cminciat a sgh i ram chi pi alt, p chi pi bass.... A 'n cert punt rivata 'na scrofa, 'na baghina, grossa, trista, inselvatichitta, sa 'n pel ner, sembrava un cinghial, vall a veda da du' nutta fora... m'ha incminciat a soffi com 'na matta, en el so cum che c' l' aveva propi sa me... me s' schiafata sotta al ficch, en gitta pi via.... Ho chiamat aiut mo nisciun me sentiva, provav a metti paura sa la sega mo s'incassava pi ancora.... Intant chiamav aiut... nir qualcun, pensav.

MILLO -S, malagi, e chi niva? E dop cum fatt?

TONINO - Ah nient, a la fin gitta via, mo sar stat diec or, en s e no, tutt'el giorne, sensa beva, sensa magn, insomma so' fugitt... mamma mia... (buttandosi gi steso dritto urla) SO MORT !

          A quel punto arriva Ingrid

MILLO - (sorpreso) - Oste che velocit!

INGRID - Ero in zona per un servizio.

MILLO -Oste, anca a domicilio...

INGRID - (ignorandolo osserva subito Tonino).... Poveretto.

MILLO -Ah daver, porett, ha dett "so mort"... e paf !

INGRID - Diceva "non vedo l'ora, non vedo l'ora"... ma com' successo?

MILLO -Ah, gnent, en el so se s' pol d, comunque era appena montat.... s'era mess a sgh.... e dop... c' armast... t'el ficch... secch !

INGRID - Per la miseria! Era con la moglie, immagino.

MILLO -Onn, la moj en sa gnent... stat per 'na scrofa.

                                     

INGRID - Una scrofa... e cos'?

MILLO -- 'Na baghina, com dit voiatre? 'Na troia.

INGRID - Oh mamma mia... e la... la cosa l, la scrofa, scusi, come dice lei, dov'?

MILLO -Ah so un po', dic ch' fugitta!

INGRID - Poveretta, chiss che spavento.

MILLO -Ah daver! ch' av ma ste cristian sopra c' da av paura. Comunque anca lia, i stata sotta tutt'el giorne, tanta paura en la doveva av; Ansi c' vol un bel coragg !

INGRID - E va bene.... Adesso riposa in pace... guarda... sembra che sogni.

MILLO - si gira e guarda verso il pubblico, dando le spalle alla scena, cos non vede che, alle sue spalle, Ingrid sta facendo cenno a qualcuno di entrare. Dalla porta a sinistra entrano due beccamorti in cilindro nero, con una cassa da morto su cui adagiano Tonino che, ignaro di tutto, continua a dormire.  A questo punto entra Flora, la moglie di Tonino, che vede il marito nella
cassetta.

FLORA - (grida) - Oddio, Tonino, Tonino mio!! (si butta sulla cassetta gridando)  E' mort!(Tonino si alza svegliandosi, ma non dice niente, confuso)

INGRID - (e anche i beccamorti) - Oddio! E' viv!

MILLO - (si gira e vede la scena) - Oddio, viv o mort?

TONINO - Oddio! Sa ch' success?! (si vede nella cassetta e grida) So viv o so mort?

FLORA - Oddio viv!

INGRID - (a Millo, arrabbiata) - E allora? Non era morto?

MILLO Mo chi l'ha dett?

INGRID - Lei.... E allora, la storia della troia?

FLORA - Che troia?! Sa saria sta storia dla troia?! E lia sa ce fa mach ?

              Entra Cleofe

CLEOFE - Ecch sa chi vleva f l'amor, alora era vera ch'en era 'na studentessa!

FLORA - Ma che studentessa, la beccamorta de Morcian, quella chi ho mandat la lettera!

MILLO -Intant en offenda la signorina, e p de che lettera parli?

FLORA - Quella ch'avevat fatt voiatre che dovevat imbuch.

TONINO - (sempre da dentro la cassetta) - ODDIO, ma quella era per...

MILLO - (interrompendolo e minacciandolo urla) - Armette gi !  tla casetta ch' mej, che sn t'amass io, ma te e ma i tu' giornal, acs i beccamort en en nutti per sensa gnent !

INGRID - Io non capisco pi niente.

            Entra Eriberto incazzato (quello vero, se accetta, senn ci vuole proprio uno in divisa inequivocabile da beccamorto)

 

Eriberto - Ingrid, gim a casa, che stavolta en s'armedia gnent! Saluta ma tutti
e facem fn sta commedia !

INGRID - Arrivederci a tutti. La commedia... fnitta per daver.

            (tutti si accasciano, Tonino nella cassetta, gli altri sulle sedie e sui divani)

 

FINE

 

inizio pagina