Home Urbinati indimenticabili

Maestro ALFREDO  ZAMPOLINI

Una intera lunga vita in Urbino e per Urbino

Home Dialetto&tradizioni

 

Biografia

Bibliografia

I quattre vent

Scritti dialettali

Scritti in lingua

Necrologi Ricordo Unilit

 
Il Comune di Urbino nella toponomastica inserisce "VIA ALFREDO ZAMPOLINI" (clicca)

 

 

per professione:

Maestro Elementare

Direttore Didattico

Saggista in materie pedagogiche

Cavaliere Ordine al Merito della Rep.It.

per dovere:    

Combattente nella

Seconda Guerra Mondiale

 

per passione e amore per Urbino:

Sport: centometrista e Robur Tiboni

Musica: cultore e brevi composizioni

Scrittore della scuola e della sua terra

Dialetto: poesie, commedie e saggi

 

 


LA MI CITA'

(A. Zampolini, dalla raccolta "La mi Citā". Arte Tipografica V. Sartini, Urbino, 1989)

 

O mi cita'

te sprofondi da tutt le part,

dal Mont e da S. Pol,

da Lavaggin e da Valbona,

e po' artorni cuntenta in piassa

a prenda el sol;

in piassa,

tra i portic e i palass,

tun cla serra vecchia

ch' te protegg dal vent e dal fredd,

da l'acqua e dal gel:

č un post, o mi citā,

dov en c'č malincunia.

 

In alt, in tla Fortessa,

se spalanca la porta del ciel,

fresca e legera č l'aria

e volen gli aquilon;

scendend i tett

giķ giķ fin a Valbona,

fin a liscič i madon

del gran Palass del duca

e la chiesa del Dom.

 

Festos čn le tu strad

el giorne de San Crescentin,

sa la gent ch' se saluta

e 'l campanon che sona;

va 'l Sant in procesion

sa i vestit lucicant

e la su bella piuma.

Guerier gentil,

passa trionfant

tra la gent che se segna,

guardand avanti fiss

sa'l musin d'un burdlin.