Alfredo  Zampolini:  NATALE 1979

I quattre vent

Pubblicata ne "I quattre vent" n. 1 del 1979

Esecuzione al pianoforte (clicca)

 

Questa la storia

d'un Natal apasit

e d'un incontre

ch'ho avut a la sera.

Suced qualca volta

che sotta le fest

s'appiccica dentra la malincunia.

 

St'ann enn stat troppe

le nostre disgrasi

el lutt dle famiglie

la disperazione.

C'enn state le lagrim

e pochi gli auguri.

Soltant a la sera

m' arnut la speransa.

 

Facev i mi' pass

so e gi per le logg'

ti portici lunghi

fin al teatre,

la luc' era poca

en c'era nisciun

el fredd di chi muri

gelava la schiena.

 

Da sotta 'na volta

vien fora 'n'ombra,

nemen i' ce bad

continue ad and.

al pari de me

alora la guard,

sa tutta la grasia

me dic': Buon Natale.

 

 

Quest era un negre

un negre de quei

che studien adess

tla nostra cit.

O nut da Kenia

o da n'altre paes

i' manch el cnoscev

l en cnosceva ma me.

 

Aveva el su' vis

'na gran cuntentessa

i occh lucicaven

de sotta al lampion.

El pes che dentra

me dava fastidi

pian pian se scioglieva

arcminciav a sper.

 

Alora i ho dett

anch'i': Buon Natale.

Ma el vlev abracial

e stringel ma me.

Invec' so' git via

a casa sit sit

pensand ma st'incontre

sa 'l cor che batteva.

 

Chiunque tu sia

o negre del mond,

che sort curiosa

avert incontrat.

P te ringrasi

per quel che m' dett

'na buia sera

sott i portic' d'Urbin.

 

 

Come si detto nella biografia, il Zampolini era appassionatissimo di musica

fino ad arrivare alla composizione musicale di alcune sue poesie.

Il video successivo riporta l'esecuzione al pianoforte della composizione musicale

della precedente poesia.

 

 

 

Alfredo  Zampolini:  NATALE 1979

I quattre vent