H

HOMEPAGE

Dott. GAETANO  SAVOLDELLI  PEDROCCHI

Il Saggio Magistrato

 

Urbinati indimenticabili

 

Biografia

Hanno detto

Necrologi su n.2/2005:
"ACC. RAFFAELLO: Atti e Studi

Commemorazione del  17-05-2005 Avv. Giovanni Chiarini Commemorazione del
25-11-2005 Accademia Raffaello
Presidenza Accademia Raffaello

 

Toto

Nacque a Pesaro il 2 Agosto 1928 da famiglia agiata con il padre notaio.

Intorno ai dieci anni rimase improvvisamente orfano di entrambi i genitori.

A Pesaro il 17 Novembre 1943 a 15 anni vide i suoi compagni di giochi dilaniati da una bomba di mortaio inspiegabilmente lanciata da una truppa tedesca (errore o rappresaglia!?) e caduta sul Piazzale Spalato ora detto Piazzale degli Innocenti. Doveva ammettere: “Le vicende familiari e storiche che ho vissuto mi hanno rubato l'adolescenza” e anche “mi sono fatto allevare dai libri”.

Si è formato sui colli ventosi di Urbino ospite del locale orfanotrofio prima come assistito e poi come istitutore. Appena ottenuta la maturità classica presso il Liceo Raffaello, superò gli esami a Cancelliere esercitando poi questa attività presso la Pretura di Urbino per almeno tre anni.

Nel frattempo conseguì la laurea in Giurisprudenza laureandosi in Procedura Penale con Conso.

Dopo qualche tempo superò anche gli esami da Magistrato (1960 ?) e divenne prima Pretore, poi Giudice al Tribunale di Ravenna, poi ancora Sostituto Procuratore della Repubblica, qui in Urbino, e infine Procuratore della Repubblica qui in Urbino (19.. - 1985) e poi a Pesaro (1986-2001).

Nell’Aprile 1976, sostenuto dal suo acume investigativo e dal suo grande amore per l’arte e per la sua Urbino, recuperò magistralmente i tre grandi capolavori rubati 14 mesi prima dal Palazzo Ducale.

Nel 2001, all’età di 73 anni, andò in pensione dopo circa 50 anni di lavoro dei quali 41 con la toga.

Dal 2001 al 2005 venne nominato Presidente dell’Accademia Raffaello di Urbino, dove già agli inizi del 2002 riprese la pubblicazione degli atti dell’Accademia interrotta per mancanza di fondi dal 1965. Inoltre, rese possibile il restauro del monumento e della facciata della casa di Raffaello.

Da convinto sostenitore della necessità della corretta informazione, in questo periodo accettò di collaborare al Corriere Adriatico, offrendo ai lettori del quotidiano pregevoli saggi della sua sensibilità e del suo sapere.

Morì il 16 Aprile 2005.

 

Biografia

Hanno detto

Necrologi su n.2/2005:
"ACC. RAFFAELLO: Atti e Studi

Commemorazione del  17-05-2005 Avv. Giovanni Chiarini Commemorazione del
25-11-2005 Accademia Raffaello
Presidenza Accademia Raffaello