Associazione PRO URBINO

Via San Domenico, 1        61029 URBINO (PU)
Tel 0722-322721
  mailto: aprourbino@gmail.com
Cod. Fisc. 91010130416   Part. Iva: 02104160417

CC 000100180173 BCC del Metauro Agenzia di Urbino

IBAN     IT14R0870068701000100180173
 

HOME

STATUTO

L'associazione Pro Urbino è nata nel novembre 1996.

L'obiettivo dell'associazione è di promuovere lo sviluppo, la promozione e la qualificazione dell'offerta turistica della città, sia in ambito nazionale che internazionale

 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE

Studio Notarile Dr. Pasquale Venturini :  REPERTORIO N.32.788 - RACCOLTA N.6881

Repubblica Italiana

 Addì 27 - 11 - 1996

 

L'anno millenovecentonovantasei il giorno ventisette del mese di novembre in Urbino nel mio studio alla Via Vittorio Veneto,18 Avanti a me dr. Pasquale Venturini notaio in Urbino iscritto presso il Collegio Notarile dei Distretti Riuniti di Pesaro e Urbino sono presenti:

1. BACCHIELLI ROLANDO nato a Urbino il 29 marzo 1927, ivi residente, località Tufo, docente universitario,

2. BRUSCIA MARTA nata a Urbino il 12 agosto 1937, ivi residente, Via Zena Mancini  9 docente universitario,

3. CALAVALLE SERAFINO nato a Urbino il 20 maggio 1926 ivi residente; Via Porta a Maia, pensionato,

4. CALZINI AUGUSTO nato a Urbino il 4 aprile 1940,ivi residente Via SS.Annunziata .37,docente pensione, che interviene in proprio e quale procuratore speciale di:

5. PIERGIOVANNI SUSANNA nata a Urbino il 10 novembre 1961, ivi residente,Via Nuova  23, impiegata, giusta procura da me notaio … omissis …

6. IODICE ITALO nato a Sorrento il dì 1 maggio 1924, residente a Urbino. Via della Rocchetta  2, funzionario in pensione,

7. LUMINATI ALBERTO nato a Urbino il 2 agosto 1938, ivi residente Via Cappellini, Mazzaferro, 4, dirigente in pensione;

8. PORFIRI SILVANA nata a Roma il 26 settembre 1923, residente a Urbino, Via dei Fornari 3, docente in pensione;

9. RUSCIADELLI FABIO nato a Urbino il 10 febbraio 1936, ivi residente Via S.Donato  69/A, funzionario in pensione, che interviene in proprio e quale procuratore speciale di:

10.GIANOTTI MICHELE. nato a Urbino il 16 dicembre 1937, ivi residente, Via Dini 3, docente universitario giusta procura da me notaio ricevuta … omissis … ;

11.UCCI FABI GIOVANNA nata a Fano il 21 settembre 1931, residente in Urbino, Via Brandani 11, pensionata;

12.ANNIBALI ALDO nato a Urbino il dì 11 maggio 1927, ivi residente; - Viale Comandino, 13, docente in      pensione.

13.DONINI GIULIANO nato Urbino il 25 luglio 1929, ivi residente, Via Valerio 1, pensionato,

14.CANGIOTTI SIRO nato a Urbino il dì 1 agosto 1948, ivi residente, Via Veterani  23, insegnante,

15.CECCARINI CRESCENTINO nato a Urbino il 15 giugno 1933, ivi residente,Via S.Donato 69, artigiano in pensione,

16.BEDINI ALDO nato a Urbino il 6 gennaio 1927 ivi residente, Via Oddi 14, docente in pensione,

17.BRUSCAGLIA RENATO nato a Urbino i1 19 novembre 1921 ivi residente, Via Veterani 1, docente in pensione,

18.VESCARELLI GIORGIO nato a Urbino il 26 settembre 1927, ivi residente, Via delle Stallacce 97 pensionato,

19.ROMAGNOLI SERGIO nato - a Urbino il dì 8 giugno 1946, ivi residente, Pieve di Cagna,via Ligi  27, commercialista,

 

Comparenti della cui identità personale io notaio sono certo, rinunziano d'accordo fra loro e col mio consenso all'assistenza dei testimoni e convengono quanto segue:

 E'costituita tra essi una associazione

 "Pro - Loco" denominata "ASSOCIAZIONE PRO-URBINO"

con sede in Urbino avente oggetto, durata e organizzazione indicati nello statuto sociale che composto di numero ventotto (28- articoli, da me notaio letto ai comparenti e da essi meco sottoscritto, si allega a quest'atto sotto la lettera "C".

Vengono nominati membri del primo Consiglio Direttivo che durerà in carica un anno, oltre al Sindaco di Urbino, quale membro di diritto, i costituiti:

  • Bacchielli Rolando

  • Bruscia.Marta

  • Calavalle Serafino

  • Calzini Augusto

  • Gianotti.Míchele

  • Iodice Italo

  • Luminati.Alberto

  • Porfiri Silvana

  • Rusciadelli Fabio

  • Ucci Fabi Giovanna

i quali accettano ed eleggono

  • quale Presidente esso Calzini Augusto,

  • quali Vice Presidenti essi Bacchielli Rolando e Bruscia Marta,

  • quale Segretario Amministrativo esso Iodice Italo,

  • quale addetto alla Pubbliche Relazioni esso Luminati Alberto,

  • quale addetto alla Promozione e Tesseramento esso Calavalle Serafino

Vengono quindi nominati membri effettivi del Collegio dei

  • Revisori i contituiti Annibali Aldo, Donini Giuliano e Romagnoli Sergio

  • Membri supplenti i costituiti Cangiotti Siro e Ceccarini Crescentino;

tutti gli eletti accettano ed i tre membri effettivi eleggono quale Presidente del Collegio esso Romagnoli Sergio.

A comporre il Collegio dei

  • Probiviri vengono nominati i costituiti Bedini Aldo, Bruscaglia Renato e Vescarelli Giorgio i quali accettano e nominano quale Presidente esso Bruscaglia Renato.

Le spese del presente atto e conseguenti sono a carico dell'Associazione.

Richiesto io notaio ho ricevuto quest'atto, che ho' letto ai comparenti i quali da me interpellati lo approvano come conforme alla loro volontà.   Consta di cinque pagine sin qui dattiloscritte da persona di mia fiducia con nastro indelebile su due fogli firmati a norma di legge.

…  omissis …

 

 

 

 

Allegato C:  ASSOCIAZIONE "PRO - URBINO"

 

STATUTO

 

 

ART. 1

 COSTITUZIONE

Nel Comune di Urbino è costituita una associazione "Pro - loco" denominata Associazione "Pro - Urbino" con sede in Urbino e con durata illimitata.  L'Associazione agisce, in collegamento con gli Enti Territoriali competenti, per il coordinamento dell'attività turistica nella regione e per la tutela, gestione e valorizzazione dei beni culturali e ambientali.

ART. 2

AUTONOMIA

L'Associazione afferma la sua assoluta autonomia nei confronti dei partiti, delle formazioni politiche, dei pubblici poteri degli enti locali.

ART. 3

FINALITA'

Gli scopi principali che l'Associazione si propone sono:

a-  riunire tutti coloro, siano essi privati cittadini ovvero, Enti, Organismi sindacali, economici e sociali che hanno interesse allo sviluppo, alla promozione e alla qualificazione dell'offerta turistica della Città, sia in ambito nazionale che internazionale;

b-  contribuire ad organizzare turisticamente la città in collaborazione con le Autorità Comunali, le Soprintendenze, gli Enti e le Associazioni competenti nei rispettivi settori;

c-  elaborare progetti per manifestazioni a carattere non solo territoriale ma interregionale ed europeo;

d-  promuovere un osservatorio permanente del movimento turistico al fine di rendere il soggiorno sempre più gradevole e incoraggiare. e appoggiare il miglioramento dei servizi di accoglienza;  

e-  promuovere e collaborare alla organizzazione di festeggiamenti popolari, fiere, convegni, spettacoli pubblici, gite, escursioni;

f-  fornire assistenza e  informazioni turistiche.

ART. 4

 ISCRIZIONE ALL'ASSOCIAZIONE

 

L'iscrizione è aperta a chiunque ne faccia richiesta al Consiglio. L'iscrizione implica l'accettazione incondizionata dello Statuto e del Regolamento. Se il Consiglio respinge la richiesta di iscrizione, entro 30 giorni dalla data di ricezione della domanda, deve darne notizia all'interessato, il quale può ricorrere entro 15 giorni dal ricevimento della comunicazione scritta, al lodo dell'Assemblea. Avverso la decisione dell'Assemblea non è ammesso appello. II rilascio della tessera sociale, che certifica l'iscrizione all'Associazione, è subordinato al pagamento contestuale della quota sociale. La morosità comporta l'automatica decadenza dalla qualità di socio

ART. 5

SOCI

I soci si distinguono in: FONDATORI, ONORARI e EFFETTIVI.

I soci onorari sono nominati dal Consiglio fra quelle persone od Enti che si siano particolarmente distinti in favore di Urbino e dell'Associazione.  I soci effettivi debbono presentare domanda come prescritto dall'art. 4 del presente Statuto. Possono iscriversi:

a-      i cittadini residenti nel Comune;

b-      i cittadini nati nel Comune anche se residenti altrove;

c-      i cittadini che, pur non avendo la residenza o non essendo nati nel Comune vi abbiano risieduto cinque anni o vi soggiornino per dei periodi nel corso dell'anno.  

d-      ogni iscritto all'Associazione partecipa, in uguaglianza di diritti con gli altri iscritti, alla formazione delle deliberazioni; è eleggibile alle cariche direttive di ogni livello e la sua adesione all'Associazione è volontaria e a tempo indeterminato;

e-      dopo la Prima Assemblea Ordinaria ( quindi ad Associazione formalmente costituita -, la domanda di iscrizione di ogni nuovo socio deve essere avvallata da due soci;

f-       non possono essere accettate richieste di iscrizione di nuovi soci durante l'intervallo di tempo intercorrente tra la richiesta di una Assemblea Straordinaria e la data dello svolgimento della medesima.

La qualità di socio si perde:  

a-      seguito di dimissioni che il socio dà per iscritto da presentarsi entro il 31 dicembre e da valere per l'anno successivo;

b-      per morosità o a seguito di radiazione per mancata osservanza dello Statuto o Regolamento;

c-      qualora venga a mancare il requisito di buona condotta morale e civile.

ART. 6

QUOTE ASSOCIATIVE

Le quote associative sono annuali ed indivisibili,vengono deliberate dall'Assemblea e si intendono per anno solare. Le quote debbono pervenire contestualmente all'atto della iscrizione e per gli anni successivi entro il 3 1 gennaio.

ART. 7

RAPPORTO DEI SOCI CON L'ASSOCIAZIONE

I soci sono impegnati a dare all'attuazione della politica dell'Associazione il contributo della loro attività ed attenersi alle decisioni democraticamente prese dalla maggioranza. Ogni associato ha il diritto di partecipare alle Assemblee, di esprimere la propria opinione sugli argomenti in discussione, di esercitare la propria critica, di prendere parte a tutte le votazioni e le elezioni che vi hanno luogo.

ART. 8

STRUTTURA DELL'ASSOCIAZIONE

Organo dell'Associazione sono: a-- l'Assemblea dei soci; b-- il Consiglio Direttivo; c-- il Presidente; d-- il Collegio dei Revisori dei conti;  e-- il Collegio dei Probiviri.

ART. 9

ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI

Il massimo organo deliberante dell'Associazione è l'Assemblea dei soci. L'Assemblea è Ordinaria e Straordinaria.

    L'Assemblea Ordinaria, da convocarsi almeno una volta all'anno mediante messaggio pubblico o invito scritto da rimettere ai soci fuori del Comune almeno otto giorni prima della data di convocazione, ha i seguenti compiti: a-- eleggere, a scrutinio segreto, otto membri del Consiglio Direttivo (il primo Consiglio è eletto dall'Assemblea Costituente dell'Associazione-; b-- eleggere, a scrutinio segreto, tre membri del Collegio dei Revisori dei conti e tre membri del Collegio dei Probiviri; c- - approvare il bilancio preventivo e il conto consuntivo con le relazioni del Presidente e dei Revisori; sia il bilancio preventivo che quello consuntivo devono essere predisposti dal Presidente con l'approvazione del Consiglio Direttivo.

   L'Assemblea Straordinaria è da convocarsi ogni volta che il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno oppure su richiesta scritta e motivata di almeno 1 / 3 (un terzo- dei soci, mediante messaggio pubblico e invito scritto da rimettere ai soci residenti fuori Comune almeno otto giorni prima della data di convocazione, che dovrà essere fissata entro venti giorni dalla richiesta stessa per: a-- apportare modifiche allo Statuto con le modalità stabilite dal successivo art 28;  b-- decidere gli altri argomenti proposti.

   L'Assemblea Generale, sia Ordinaria che Straordinaria, è valida, in prima convocazione: in prima convocazione, quando si riscontri la presenza di almeno la metà dei soci in regola con le quote sociali;  in seconda convocazione, trascorsa mezz'ora dalla convocazione, se Ordinaria, è valida qualunque sia il numero dei soci intervenuti, se Straordinaria, invece è valida con la presenza di almeno 1/10 (un decimo- dei soci. In sede di rinnovo delle cariche sociali l'Assemblea è convocata e presieduta dal Presidente uscente. Nel caso di gestione commissariale; dal Commissario Straordinario. Non hanno diritto di voto nell'Assemblea Ordinaria e Straordinaria nuovi soci iscrittisi nei trenta giorni precedenti l'Assemblea stessa.

ART. 10

CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di cinque ad un massimo di quindici membri, di cui uno è membro di diritto, vale a dire il Sindaco Protempore del Comune di Urbino o persona da lui delegata a rappresentarlo su tutta la durata del proprio mandato. Resta in carica tre anni ad eccezione di quello eletto dall'Assemblea Costituente il cui mandato cessa dopo un anno.  Le decisioni del Consiglio Direttivo sono prese a maggioranza dei voti dei Consiglieri presenti; in caso di parità prevale il voto del Presidente.  Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza di almeno la metà più uno dei Consiglieri .  Il Consiglio delibera in merito all'attività, alla organizzazione ed alla amministrazione dell'Associazione. Il Consiglio Direttivo elegge, a scrutinio segreto, fra i componenti: 1. Il Presidente; 2.Due Vice - Presidenti;  3.Il Segretario Amministrativo;  4. Il Responsabile della promozione e del tesseramento;  5. L'Addetto stampa, propaganda e pubbliche relazioni.

Il Consiglio Direttivo si riunisce mediante invito scritto del Presidente che indicherà anche l'ordine del giorno da rimettere ai membri almeno cinque giorni prima della data di riunione.  Nei casi di particolare urgenza il Consiglio deve essere convocato a mezzo fonogramma o messo, con preavviso utile di ventiquattro ore.  Con la procedura del comma precedente il Consiglio Direttivo deve essere riunito dal Presidente qualora tre membri del Consiglio stesso ne facciano richiesta scritta e motivata.

ART. 11

DIMISSIONI DEI CONSIGLIERI

Qualora un Consigliere non partecipasse per tre sedute consecutive senza giustificato motivo, è considerato dimissionario ed è sostituito con il primo dei Consiglieri non eletti, oppure, in caso di indisponibilità, con un socio cooptato dal Consiglio.

ART. 12

PRESIDENTE

Il Presidente ha la rappresentanza legale dell'Associazione a tutti gli effetti.  Promuove, coordina e dirige l'attività dell'Associazione, adottando, ove ricorra, tutti i provvedimenti a carattere di urgenza, salvo riferirne, per la ratifica, alla prima riunione del Consiglio Direttivo. Convoca e preside sia il Consiglio Direttivo che l'Assemblea dei soci.  Quando per dimissioni o altra causa risulti vacante la carica di Presidente questa viene assunta "ad interim" dal Vice-Presidente anziano il quale entro 60 (sessanta- giorni dalla vacanza della carica convoca il Consiglio Direttivo per l'elezione del nuovo Presidente. E' facoltà del Presidente, udito il Consiglio Direttivo, di nominare apposite Commissioni per provvedere alla organizzazione delle manifestazioni ed attività previste dal presente Statuto.  Tali Commissioni saranno composte da soci o persone che abbiano spiccate capacità per le manifestazioni che si intendono promuovere e di esse farà parte un Consigliere dell'Associazione.

ART. 13

VICE - PRESIDENTE

I Vice-Presidenti collaborano con il Presidente nella conduzione generale dell'Associazione e lo sostituiscono in caso di sua assenza od impedimento.

 ART. 14

SEGRETARIO AMMINISTRATIVO

Il Segretario Amministrativo assiste il Consiglio Direttivo e l'Assemblea dei Soci, redige i verbali delle relative riunioni, assicura la realizzazione delle deliberazioni e provvede al normale funzionamento dell'Associazione. In particolare:

l.  compila i bilanci preventivi e consuntivi;

2. custodisce il patrimonio sociale;

3. provvede al pagamento per gli atti amministrativi;

4. funge da tesoriere.

L'azione del Segretario potrà essere sostenuta da uno o più collaboratori, anche esterni, di nomina del Consiglio Direttivo, qualora i mezzi finanziari lo consentano.  Qualora per dimissioni o altra causa risulti vacante la carica di Segretario Amministrativo, questa viene assunta, per un periodo di non oltre 60 (sessanta- giorni da un Vice-Presidente.  Le dimissioni comportano la contestuale decadenza dal Consiglio Direttivo. Entro tale periodo dovrà essere convocato il Consiglio Direttivo per l'integrazione del Consiglio stesso e per l'elezione del nuovo Segretario Amministrativo.

ART. 15

Il Dirigente dell'organizzazione, responsabile del tesseramento, collabora con il Segretario Amministrativo, provvede alla riscossione delle quote associative, cura il tesseramento dei soci e la organizzazione della vita interna dell'Associazione.

ART. 16

Il Presidente, il Segretario e il Dirigente dell'organizzazione e tesseramento sono responsabili della tenuta dei registri dai quali risulta la gestione contabile dell'Associazione.

ART. 17

L'addetto stampa, propaganda e pubbliche relazioni è responsabile della stampa, propaganda e pubbliche relazioni nel preminente interesse dell'Associazione. Cura in modo particolare i rapporti con Enti, le forze politiche democratiche, sociali ed economiche.

ART. 18

I componenti degli Organi dell'Associazione durano in carica tre anni e sono rieleggibili.  Tutte le cariche sono gratuite, salvo rimborso spese secondo le norme previste dalla Regione Marche. Fa eccezione il Segretario per il quale può essere stabilita retribuzione nei modi previsti dalle leggi vigenti qualora le disponibilità finanziarie dell'Associazione lo consentano.  In questo caso la sua partecipazione al Consiglio Direttivo si svolge senza diritto di voto e un altro Consigliere sarà nominato con la procedura prevista dall'art. l1.

ART. 19

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

Il Collegio dei Revisori dei Conti si compone di tre membri effettivi e due supplenti, eletti dall'Assemblea Generale dei soci. Durano in carica tre anni e possono essere rieleggibili. Eleggono nel loro seno il Presidente. Compiti del Collegio dei Revisori dei Conti sono: a - effettuare la revisione almeno semestrale della contabilità, esercitando sulla stessa una sorveglianza attiva, controllando le spese, i versamenti e il movimento presso gli Istituti di Credito, proponendo al Segretario Amministrativo i provvedimenti per migliorare la tenuta amministrativa e segnalando eventuali deficienze; b - redigere una relazione annuale del proprio operato da allegare al bilancio consuntivo; c - intervenire, senza diritto di voto e con la facoltà di proporre mozioni da inserire a verbale, alle sedute del Consiglio Direttivo, quando vengono esaminate questioni amministrative.

ART. 20

COLLEGIO DEI PROBIVIRI

Il Collegio dei Probiviri è composto da tre membri eletti dall'Assemblea Generale dei soci.

Durano in carica tre anni esono rieleggibili.  Il Collegio dei Probiviri elegge nel suo seno il Presidente.,

I1 Collegio dei Probiviri è competente a conoscere ogni provvedimento disciplinare e ad adottare le relative sanzioni nei confronti degli iscritti. La procedura dinnanzi al Collegio dei Revisori è promossa dal Consiglio Direttivo o su denuncia di qualsiasi iscritto all'Associazione. Le denunce devono essere motivate e documentate. L'interessato deve essere chiamato per essere sentito; in caso di rifiuto o di assenza ingiustificata, il Collegio delibera in sua assenza.

La pronuncia deve essere emessa entro e non oltre 6 0(sessanta- giorni dalla data del deferimento del caso al Collegio.

E' facoltà del Consiglio Direttivo sospendere da ogni attività dell'Associazione l'iscritto nei confronti del quale sia pendente un giudizio davanti al Collegio dei Probiviri.

Ogni sanzione è decisa a maggioranza dai componenti del Collegio.

Avverso il giudizio espresso dal Collegio dei Probiviri è ammesso ricorso al competente ufficio della Regione .  La facoltà di ricorso deve essere esercitata entro e non oltre 30 (trenta- giorni dalla comunicazione della pronuncia all'interessato.

ART. 21

SANZIONI DISCIPLINARI

L'iscritto che viene meno ai suoi doveri di membro dell'Associazione è sottoposto, a seconda della gravità del caso, alle seguenti sanzioni disciplinari:

a- - il richiamo;

b- - la deplorazione;

c- - la destituzione dalla carica di cui fosse investito;

d- - 1'espulsione dall'Associazione.

ART. 22

BILANCIO ED AMMINISTRAZIONE

L'esercizio inizia il l° gennaio e termina il 31 dicembre. Entro il mese di novembre deve essere trasmesso all'Ente Regionale per il Turismo il bilancio di previsione dell'esercizio successivo con i relativi allegati (verbale di approvazione dell'Assemblea, delibera del Consiglio Direttivo e relazione programmatica-, mentre entro il mese di marzo deve essere trasmesso il conto consuntivo dell'esercizio precedente con i relativi allegati (verbale di approvazione dell'Assemblea, delibera del Consiglio Direttivo, relazione del Presidente sull'attività svolta e relazione del Collegio dei Revisori dei Conti-.

ART. 23

CONTABILITA'

La contabilità si esplica attraverso il libro cassa, delibere, mandati e reversali approvati dai Revisori dei Conti.

ART. 24

PATRIMONIO DELL'ASSOCIAZIONE

Il patrimonio dell'Associazione è costituito da: a- - quote annuali; b- - sottoscrizione e contributi di Enti e di privati; c- - proventi di gestione o iniziative permanenti od occasionali; d- - eventuali donazioni; e- - beni mobili ed eventuali immobili.

ART. 26

Per tutto quanto non specificato né previsto nel seguente Statuto si rimanda alle norme di legge.

ART. 27

MODIFICHE STATUTARIE

Il presente Statuto e il Regolamento possono essere modificati dall'Assemblea Generale dei Soci soltanto se saranno presenti 2 /3 (due terzi- dei soci e con il voto favorevole della metà più uno dei presenti, alla presenza di un notaio.

ART. 28

NORME TRANSITORIE

1- - L'Assemblea Costituente è valida qualunque sia il numero degli aderenti.

2- - L'Assemblea Costituente approva lo Statuto, nomina il primo Consiglio Direttivo designando il Presidente, i Vice - Presidenti, il Segretario e gli altri Organi previsti dallo Statuto, che restano tutti incarica fino alla fine dell'anno 1997.

 

FIRMATARI

Rolando Bacchielli - Aldo Bedini - Marta Bruscia - Italo Iodice - Fabio Rusciadelli - Alberto Luminati - Ucci Fabi Giovanna - Siro Cangiotti - Giorgio Vescarelli - Augusto Calzini - Sergio Romagnoli - Aldo Annibali - Calavalle  Serafino - Silvana Porfiri - Renato Bruscaglia - Ceccarini Crescentino - Giuliano Donini - Pasquale Ventutini Notaio

 

Inizio Pagina

STATUTO

Home