Egidio Conti

 

Egidio Conti, figlio unico di Antonio – pittore professionista di quadri a carattere sacro – nasce in Acqualagna il 14 febbraio 1858, dove rimane per quasi tutta la vita, e vi muore il 15 giugno 1922. In un primo momento esercita la professione di maestro (in Acqualagna e Treviglio) poi, per oltre trent’anni, è Direttore Didattico delle Scuole Elementari di Acqualagna e anche Segretario Comunale sino alla morte. La sua passione costante resta lo studio degli usi, dei costumi e del linguaggio del popolo, che illustra in prosa e in rima. Collabora al “Picenum”, al “Fra Crispino”, alla “Esposizione Marchigiana”, ecc. . Il Vocabolario Metaurense costa all’autore dieci anni di fatiche e ricerche, lodato anche dal famoso glottologo Graziadio Ascoli, ma anche da altri illustri scrittori, fra i quali il de Amicis. Tra gli altri scritti vanno ricordati: Proverbi dialettali metaurensi, Cagli 1898; Usi e costumi della campagna urbinate, Cagli 1912. Durante la sua lunga malattia egli stesso volle dettare l’epigrafe per la sua tomba:

EGIDIO CONTI

NATO IL 14 FEBBRAIO 1858 – MORTO IL 15 GIUGNO 1922

 

VISSE DEL SUO LAVORO

DELLA MODESTA VITA SI COMPIACQUE

 

ALTRE PAGINE WEB SU E. CONTI IN QUESTO SITO (clicca)

 

PANOREMA D’URBIN

Versione tratta da “L’Eco Di Urbino del 13 marzo 1904

 

Se arrivi da la part del Mercatèl,

Vedi alzass fin al’cél i turigin;

E te pèr ch’han da èssa i dò clarin

Pel concert del guidizi universèl.

 

E vedi el dom dietra ’l palazz duchèl

E chiés e chès ’na mucchia senza fin,

Sichè dai Zocolanti ai Capucin

Se presenta ’na scena trionfèl.

 

Sia d’invern o d’estet l’eria serena,

O sia copert el cél de nuvolon,

Sempre sempre è ’na gran scena d’incanti.

 

Te vedi intorn intorn una catena

De monti, che te compien l’llusion

D’essa in mezz a ’na festa de giganti.

Se’ ’na volta te cappiti in Urbin

E te fermi a guardè dal Mercatel,

Vedi slanciass in alt i turigin

Ch’en impireti tel palazz duchel

 

Campanili e terazz e tetti e schel,

Su pel mont una stesa senza fin,

Te presentèn ’na scena trionfel,

Com un’isola in mezz al cèl turchin.

 

Sia d’invern o d’estet l’eria serena

O sia copert el cèl de nuvolon,

Sempre sempre è ’na gran scena d’incanti!

 

Te vedi intorn intorn una catena

De monti, ch te dànn l’illusion

D’essa in mezz a ’na festa de giganti!

 

 

 

PANOREMA D’URBIN

 Versione tratta dalla rivista “Esposizione Marchigiana”

 del dicembre 1904, n°1

 

Se’ ’na volta te cappiti in Urbin

E te fermi a guardè dal Mercatel,

Vedi slanciass in alt i turigin

Ch’en impireti tel palazz duchel

 

Campanili e terazz e tetti e schel,

Su pel mont una stesa senza fin,

Te presentèn ’na scena trionfel,

Com un’isola in mezz al cèl turchin.

 

Sia d’invern o d’estet l’eria serena

O sia copert el cèl de  nuvolon,

Sempre sempre è ’na gran scena d’incanti !

 

Te vedi intorn intorn una catena

De monti, ch te dànn l’illusion

D’essa in mezz a ’na festa de giganti!

 

 

 

Per quanto concerne la vita di Egidio Conti si rimanda a: Delio Bischi, Conti di Acqualagna. Generazione di artisti, Urbania 1976; Luigi Nardini, Egidio Conti, in “Atti e Memorie della Regia Deputazione di Storia Patria per le Marche”, 1924, vol. I, fasc. I.

 

 

ALTRE PAGINE WEB SU E. CONTI IN QUESTO SITO (clicca)