CAMICIOLA

[Gioco infantile: si teneva un maggiolino, camiciola, su una mano e gli si cantava il testo che segue ripetendolo finchè l'animaletto non pigliava il volo.  Il maggiolino, che non è un gran volatore, spicca il volo solo quando si trova nella sommità di un dito; così, diventava una gara di abilità di costringerlo ad un percorso più lungo possibile sù e giù sulle dita prima che prendesse il volo]

 

Camiciola, camiciola

chiappa el libbre

e va alla scola.

 

LA CASTAGNA

Fora è bella  /  dentra c'ha la magagna

 

Quest'è 'l brutt de la castagna / lia tha fatt e lia t'armagna

 

CANZONETTA

(vedi Raccolta di Mueller e Wolff)

Viva viva la castagna.

Frutto buono e saporito,

D' ogni frutto il più gradito,

Che produce la campagna!

Viva viva la castagna!

 

Ve ne son di più figure.

Larghe, lunghe e rotondette ;

Ma però le più perfette

Son d' Italia e d' Alemagna.

Viva ecc.

 

Ve ne son di più colori,*

Bionde, negre e castagnole.

Del colore delle viole.

Della pietra di lavagna.

Viva ecc.

 

Questo frutto è vago e bello,

Ma la scelta sia prudente.

Perchè avviene facilmente

Ritrovata da magagna.

Viva ecc.

 

Se ne pasce l'uomo adulto,

Se ne pasce il vecchio ancora;

Non potendo più, talora

Se n' affligge e se n' affagna.

Viva ecc.

 

Dentro il riccio la natura

Si conserva a meraviglia;

Come chiocciola in conchiglia

Di soave umor si bagna.

Viva ecc.

 

Se vedesti il castagnetto

Quanto è vago e quanto è bello,

V' è una grotta, v' è un ruscello,

V' è una picciola montagna.

Viva viva la castagna!

 

 

 

LA BELLA MARGHERITA

(vedi Raccolta di Mueller e Wolff)


Chi bussa alla mia porta?
Chi bussa al mio porton?
«Son il Capitan dell' onde,
Son il vostro servitor.»


Se sei buon servitore.
Adesso ti vengo a aprir.
La bella in camicetta
La porta vien a aprir.

"Ditemi un poco, mia bella,
Dove è vostro marit?"
Mi marito sta in Francia,
Non puossi rivenir.

"Ditemi un poco, mia bella,
Se vi sta a sentir?"
La bella diede un sguardo.
Conobbe il suo marit.

Si butta in ginocchion,
E gli chiese perdon.
"lo non perdono donne,
Che hanno tradito me!"

Messe mano alla spada.
La testa le tagliò;
La testa fece un zombo,
E in mezzo alla casa andò.

In mezzo alla sua camera
Ci nascerà un bel fior,
Fiore di Margherita,
Ch' è morta per amor.

Sonate le campane,
Ch' è morta Margherita,
E' morta per amore,
E' morta, non c' è più.
 

 

 

CHECCUCC'

Checcucc', Checcucc'

magna le fav, caca le bucc'.

 

 

 CICCOL CICCOL

Ciccol ciccol mascherina

s’en-c’è l’ov c’è la galina.

El maial l’avet masat

su pel mur l’avet tacat.

Se me chiappa la fantasia

sensa ciccol en vagg via.

 

 

 

 CIUFFILIN

Ciuffilin sonava la pifra

tutt’le don correven a veda,

chi in mutande chi in camicia,

Ciuffilin sonava la pifra.  (Age,74,28)

 

EL CIUNCARIN

So’ statt a San Marin,

ho comprat’un ciuncarin.

Quand’so stat tel pont dla Foja,

ho scopert ch’era ‘na troja.

 

EL PALTIN

La storia d'un paltin
Ovvero: Don Birbon,don Galiott e la serva

Pubblicata in: " PRIMAVERA" del 12 aprile 1914
Numero Unico di foglio in tre, letterario, dialettale e umoristico
Autore: anonimo

Stètm attenti; un fatarell
ve voj dì, ma propi bell.
E' la storia di un paltin,
d'un d' chi' ordegn ch' stann tel camin
sa la cendra e le mojett,
i trepied e le palett,
e che serven in tutt' i loch
per potè scatissè 'l foch.

T' 'na parocchia a cima 'n mont
c'era un pret, no de chi tont,
ch'era svelt in tle su' asion,
e i' diceven don Birbon.
Ma sta volta sentiret
che figura ha fatt ste pret.

Da tre mesi, e non da piò,
don Birbon chiappò sa lò
'na servetta propi blina,
tracagnotta, in tla ventina,
che per lia anch sant'Antoni
saria gitt dritt dal demoni.
Donca, 'st' pret ch' aveva intorn
a sè clia tutt quant' el giorne,
capiret lo csa argireva
tla su' ment quand la gurdeva
e 'i cercheva d' gii vicin
per daj qualchi ganascin;
ma 'i diceva lia: "stia, fiss
e csa 'i chiapne i sghiribiss?"
En c' fu mod ! chè cla servotta
ma chel pret 'i tneva botta.
E lo, vdend tant'innnocensa,
pensò mej ch'era prudensa,
sensa mettla tla malisia
de lasciai la pudicisia.
E diceva don Birbon
tel sentì le tentasion:
"Era mej 'na vedovella
che chiappè ma sta burdella,
ch' almanch sensa pregiudisi
m'avria fatt tutti i servisi.

Ecch, ch' un giorn da don Birbon
c'era gitt un su' amicon,
un compagn de semineri
ch'era un pret in t'un santueri
poch da d' longh, da ló vusutt
t' na gran festa per aiut.

St'arcipret era 'n fanell
propriament de quei d' cartell,
birb per sett e furb per ott
e 'i diceven don Galiott.

Propi com' un can da caccia
che nasand trova la traccia
o di lepr' o di quajott,
capì subit don Gagliott
che chel tocch de contadina
ch' facendeva in tla cucina,
dovev' essa un de chi arnes
da sapella longa un mes.
Diss fra d' ló: «Quand'è stasera
trovarò pur la magnera
p'r un boton o p'r una ftuccia
d' falla 'nì tla mi' stansuccia».
Ed infatti dopp la cena
don Gagliott diss: «Madalena,
chiappa un èch sa 'n po' d' coton
p'r atacamm dò o tre boton ».
Madalena da ló andied,
e po', quel ch'è pegg, ce stied
sin a quand el gall cantò;
tla su' cambra dopp tornò.

Don Birbon ebb' el sospett
ch' lia en foss gita in tel su' lett:
c'è del torbid, ló pensò,
ma, per dindo, el scoprirò.
E csa fec? chiappò 'l paltin
e sitt sitt, pianin pianin,
el schiaffò prima d' gì a cena
in tel lett dla Madalena.

Dopp du' giorn, fors pió che men,
Madalena era in tle pen:
en trovava el su' paltin
ch' steva sempre in tel camin.
«Dov sirà? - diceva spess -
chel paltin dov'è stat mess?»
E ma 'l pret diss: «Sor padron,
l'ha chiapat lei dal canton?»
Don Birbon scatto de botta
a 'sta dmanda dla servotta.
«Ch' te chiapassa un i e po' un acca,
vo' sapè brutta baldracca,
dov se trova el tu' paltin?
Vien sa me maché vicin».
E chiappètla per un bracc,
la portò com s' porta un stracc
tla su' cambra: «Ecchel maché
c'è 'l paltin ch' tó vo' trovè
i diss ló scoprend el lett -
de te me facc un bel concett !
Ho capit, sa don Gagliott
te se stata tutt ste nott …»
«Mamma mia ! - urlò piangend
cla poretta - è tropp tremend,
sor padron, ste su' sospett,
è tre nott ch'en vaggh a lett
p'r un dolor trbble d'un dent
ch'en me dà pèc un moment,
Mamma mia ! cs' ho da sentì …
da sta casa voj fuggì».

E quell ch' diss fu propi vera,
ch'el giorn dopp malè piò en c'era.
In chel giorn anch don Gagliott
da lè aveva fatt fagott,
ch'eren fnitt tutt le funsion
ordinet da don Birbon;
che dla festa fu content,
ma i voss prenda 'n accident
tel sapè che cla servtina
era gita in cla matina
a servì el su' nov padron:
clatre pret, quel su' amicon.
«Porco mondo ! brutta boia !
diss - so' rmast sol sa la voja …
me l'hann fatta sti birbon
e i' so' statt un gran minchion».


Canzone:

Nel letto c'è 'l paltino
io son sigur che dormi col prete biricchino.
 

 

 

FRONT  SPASIOSA

Front: spasiosa

Occhj: brillant

Nas: fumacamin

Bocca: sprecapanin

Pett da latt

Berzigh berzagh, la coda del gatt

 

 

HO FAM

Ho fam                     (pollice)

en c’è ‘l pan                    (indice)

com farem                          (medio)

ruberem                                 (anulare)

gnich, gnic chi ruba s’impicca      (mignolo)

Ho fam’, tira la coda mal can.

Ho set’,  tira la coda mal pret

Ho sonn, tira la coda mal nonn

 

 

HO PERSO 'NA PECORELLA o IL  PASTORELL

 (Suggerira dalla M° Lidia Ottaviani)
Con la "conta" si individuava il bambino che doveva fare il pastorello ("P").  I rimanenti ("G"), di nascosto dal pastorello, si accordavano su chi doveva essere la pecorella. Poi si iniziava a cantare la seguente cantilena: (Suggerira dalla M° Lidia Ottaviani)
 

P - Ho perso una pecorella, din don dan,
Ho perso una pecorella, diceva il pastorell.

 

G - Dove l'hai perduta, din don dan
Dove l'hai perduta, rispondi , oh pastorell.

 

P - L'ho perduta in cima al monte, din don dan
L'ho perduta in cima al monte, diceva il pastorell

 

G - Che vestito aveva ? din don dan
che vestito aveva ? rispondi, oh pastorell.

 

P - Aveva un vestito bianco, din don dan
Aveva un vestito bianco, diceva il pastorell.

 

G - Che calze aveva

G - Che scarpe aveva

………………………..

G - Che nome aveva ? din don dan
Che nome aveva? rispondi, oh pastorell

 

A questo punto il pastorello doveva indicare il bambino prescelto dal gruppo.  Se indovinava, cessava di essere il pastorello ed entrava a far parte del gruppo, mentre il bimbo indicato prendeva il suo posto; se non avesse indovinato, continuava ad impersonare il pastorello.  Nel frattempo il gruppo si accordava su un nuovo nominativo.

 

 

LA STMANA (SETTIMANA) DEL FANULLON
(Suggerira dalla M° Lidia Ottaviani)
Lundè, san Dirindill
Martedì, san Scarafill
Mercoldè, san Cristofne
Giovdè, san Niclos
Vernerdè, sant' Agta
E' festa anch sabte
Domenica en s' fila
Sett fest tutte de fila.
 

 

 

LA VACCA MUNGANA

La vacca mungana ha portat tun canton

e datt 'na scornata tel cul ma'l padron:

oddio che mal, oddio che dann

'i ha rott tutt el cul e straciat tutt i pagn !

 

 

LA MERENDA

Mama, sa c’è d’merenda?

Fiol mia, el pan sal sputt.

Io en el voj el pan sal sputt,

magnle te el pan sal sputt.

 

 

LA SOLITUDINE

Un giuoco canoro tipico per le bambine, dove un gruppo di queste si mette in fila e di fronte ad una bimba da sola. Il gruppo canta:

La solitudine si deve fuggir, si deve fuggir

Sol con i compagni si può gioir (a voce alta)
Sol con i compagni si può gioir (a voce bassa)

In un bel circolo intorno a saltar, intorno a saltar

Oh che piacere dobbiam provar (a voce alta)
Oh che piacere dobbiam provar (a voce bassa)

Vieni fanciulla a me vicin, a me vicin

Sei una bimba che salti benin (a voce alta)
Sei una bimba che salti benin (a voce bassa)

Lalla la-lalla, lalla-la-lalla la.lalla lallà
ecc. ecc.

 

 

LE BELLE D'URBIN

Se vo’ veda le belle d’Urbin,

va’ alla festa de san Crescentin.

Se vo’ veda le belle e le brutt,

va’ alla fiera ch’le vedi tutt.

 

LETTERE DALLA GUERRA

Caro padro, io vi scrivo

staggo beno e sono vivo

non sprecato tanto inchiostro

ch'oramai Tripoli è nostro,

mo mandatemi i guadrino

che voj goda un tantinino.

 

Sciupte el padro 'i ha risposto:

se padroni sèm del posto

vendi pur la parto mia

bada a goda e sta in 'legria.

 

 

LUMACA LUMACA

Lumaca, lumaca

caccia fora i corn’e iaca

le iaca dalle spille

lumaca dalle inguille.

 

MUCICHIN

Mucichin pasava el fium

la su mama i-tneva el lum

el lume se smorsat

mucichin se affogat.

 

NESPOLE !

 

Gesù viaggiava sempre sa tutt i apostol dietra che non perdeven 'n batutta. Per saltè un foss i scappa 'na perussa. San Tmass, che i stava piò acost avend, com se sa, poca fede, sclama: " Nespole, Signore !!!". "E nespole siano " sentensia Gesù. D'acsè da alora in qua i nespol naschen in ti foss.
 

 

OH BURDELL

Oh  burdell,

fatt’a canell

moll tl’acet

fiol d’un pret.

 

PADRENOSTRE

......

Et ne nos in ducàs in tentazione

liberanòs a malament

................

 

 

PALAZZO VERGINE
(Suggerira dalla M° Lidia Ottaviani)
Si fa un girotondo e si inizia a cantare la strofetta sotto riportata. Il bambino/a corrispondente al nome indicato deve ruotare e continuare il girotondo con il viso rivolto verso l'esterno. Si continua finchè tutti siano girati verso l'esterno. Si può continuare fino a far riprendere la posizione originale a tutti i partecipanti.

Palazzo, palazzo vergine,
se gli angiolin ci fossero
se Tizio si rivoltasse
un bell'angiol l'abbracciasse
rivestito/a di rose e di fior …
Signorino/a. voltatevi voi.
 

 

 

PIETRO S'ARVOLTA

C’era na volta

Pietro s’arvolta,

c’era ‘na suppa

Pietro ‘saccuppa.

 

Rabbia in corpo

Se hai la rabbia in corpo

prendi la medicina

un cucchiaio per mattina

la rabbia ti passerà.

Se ancora non t'è passata

prendi la cioccolata

…………………..

Se ancora non t'è passerà

un pess d'baston t'la farà passà.

 

 RAGN RAGN

Si prendeva per una zampa uno di quei ragnetti dalle gambe

lunghe piegate a squadra e si recitava a mo’ di cantilena.

Ragn ragn dalla costansa

dann’na goccia d’acquasanta

se no te schiant’na gamba.

oppure:

Se-t’fa mal la pansa

va da la Costansa,

te dà un acin d’ua

te fa passà la bua.

 

Santa Polonia

G: Santa polonia

P: Santa polonia

G: me fa mal i dent

P: me fa mal i dent

G: en posso magné nient !

P: en poss magnà nient !

G: Magna la merda.

 Scongiuro che un guaritore “G:” fa recitare ad un paziente “P:” con mal di denti.

 

 

SGNORA E CUNTADINA

'Na cuntadina un pò malmessa e salla gonna tutta arconciata era al mercat per venda 'na gallinella in fila sa i venditor.

'I s'avvicina 'na sgnora tutta sostnutta sa un bell caplin tla testa e 'i dic:

« Oh villana cuntadina, quanto costa cla galina ?»

La cuntadina per gnent intimorita rispond:

« Oh sgnora dla città

gonna lunga ben ve sta

pret o frat el cul ve tasta

trenta sold la mi' pulastra »

 

SON SONATE LE UNDICI E MEZZA

 Son sonate le undici e mezza

e Peppino non si vede.

Chiappa la sedia e se mett a seda:

“la partitta, la partitta la voglio fa”.

Eccolo laggiù col sigaretto in bocca

guai chi lo tocca lasciatelo passar:

‘Mamma non piangere ch’è ora di partire,

vado alla guerra per vincere o morire:

se vincerò, a casa tornerò

se perderò tel campo resterò’.

 

SOR ARONN

Sor Aronn blin blin,

dalle scarp fin fin

è’l più bell d’Urbin.

 

 

TERESINA SUL PORTONE

Teresina è sul portone
con le man sotto il sinale (grembiale)
passa un giovin ufficiale:
« Teresina come la va "»

«Come vuol che me la vada
come vuoi che me la senta
è l'amor che mi tormenta
mi tormenta notte e dì »
……… non mi ricordo come prosegue …..
 

 

TOGNA

Togna, un ragazzo analfabeta, al catechismo non era riuscito ad imparare neanche una preghiera. Il parroco per consolarlo gli dice che Dio Onnipotente era molto comprensivo e che avrebbe esaudito qualsiasi richiesta fatta con tutto il cuore. Allora Togna prega così:

Tu se' Dio, io so' Togna
tu se' ben quel che me bsogna
sia tun st' mond, com tun clatre,
pió de quest en so dì atre.

 

 

 

TORDO BALORDO

Un tordò ‘di passo’ si era fermato in un olivo per mangiare e riposarsi. Un cacciatore appostato gli spara, colpendolo in pieno. Una merla ‘di stanza’ che aveva visto tutta la scena si rivolge al moribondo:

Tordo balordo dalle gamba sottila

per un acin d’oliva sei andato a morire.

Il tordo offeso risponde:

Merla superba fattora di merda

tu che’l sapevi perchè’n’me 'l dicevi.

 oppure:

Tordo balordo dalla gamba sottila

per un’acin d’oliva te toccata morì.

Rana quadrana fio’sta-puttana

te ch’el sapevi perchè’n me 'l dicevi?

 

TUNCHETETERA

Tun-che-tett’era ?

Tel tett de Tintin

che magnava la pulenta

sal sal sol.

 

T’ ho cott’ott’ova

 

TURIN SUCCON

Turin Succon

è’l mi’ padron.

Didin didon

didin didon

(Si canta imitando il suono delle campane a martello)

 

VECCHIONI

Giusepp è nat vecch

Ludvicch è 'l piò antich

Catarina è nata prima

Gvann ha piò ann

.......................

chi è piò ansian