NOTA INTRODUTTIVA.  La prima bozza della presente raccolta stata scritta soprattutto sul ricordo delle citazioni di mamma. Mamma Cesira aveva vissuto, prima di venire in Urbino (1900-1930),  in campagna al Barcone, un podere sito nel comune dell'Acqualagna vicino alle Baracche di Urbania.  Questa prima raccolta fatta circolare fra conoscenti urbinati si decisamente arricchita.  Un notevole contributo stato apportato da Antonio Fontanoni. Non ha  nessuna pretesa di originalit ma deve solo ricordare le espressioni usate nell'urbinate.   (Michelin)

 

ALLEGRIA, DOLORE, SBRONZE

Amicisia ch' s' fa sal vin, dura dalla sera al mattin

Ann e bichier, en se conten mai.

A forsa da rida, ho pisciat adoss.

Dalla sgrigna ho pisciat adoss

Belle belle !  Mo n tutte pagate. (Sottintese le sbronze)

S' en bevi, st' a casa  (Si diceva in osteria ad uno che non accetta di bere)

Casca Petrangolini: 'na disgrasia, / casch'io: so' cott

C' 'na faccia ! Sembri un catafalch.

Chi rid sensa perch o matt o rid de te 

Chi vol veda le belle d'Urbin

veng' alla festa de S. Crescentin.

Chi vol veda le belle e le brutt

veng' alla fiera ch' le trova tutt.  

El colme per un bevitor: guid 'na motocicletta che fa: bombo bombo

Cott dur.

Cott in bianch (si dice ha un ubriaco che asserisce di non aver bevuto)

Dop la cinquantina l'om mett la trippa e prend la cantina

E zum, e zum; ventun, trentun el ball di purett o di cuntadin.

En rida dla mi' bua, / ogg la mia, dman la tua

En s' fa temp a d 'l rest.

En c' 'l temp per pisc.

En c' 'l temp da batta 'i occhj

En t'lament: / ogni calc tel cul fa g avanti d'un pass

Fa rida, fa sblich dal rida

Falle pi pcine, falle pi dispess.

Ha fatt 'na cerquaritta.

Ha fatt un crist

Ho fatt 'na brugnola.

Ho fatt 'na tanacca (grosso colpo)

Ho fatt 'na tanacca (grossa sbronza, da Tanaka, cinese qui residente, gran bevitore)

Lasciat g, burdej, / tutt cla sgrigna dventa piant

Me ciurla 'i orecchj

Me fatt sblich dal rida

Per magn, chi magna magna,

pr le butt devn' ess' a pari

Quant avem piant, / quant ce sem divertiti !  (nelle situazioni commoventi)

Rid, rid che mama ha fatt' i gnocch

Visit i sepolcri (entrare in varie osterie)

 

AMORE, ODIO, BONTA' E CATTIVERIA

Amor amor, / quand fe la cacca se sent l'odor

Butti 'n occh ma cla burdella (prendi in considerazione quella donzella)

Chi due ... n come cul e camiscia

El cald di lensol,  en fa bul i fagiol

F l'amor in casa

 

Finito il carneval finito amore,

finito di mangiar le castagnole,

finita l'allegria del sonatore  

I corne en com i dent: / prima fann mal tel crescia, / e po' aiuten a magn

I servisser per la cera  (cio per le candele funebri, spesso rivolto ad un usuraio o frodatore)

La catassa dla legna se cmincia dalla cima  (ingiunzione rivolta dal capoccia ad un pretendente che voleva fidanzarsi con la figlia minore, escludendo la maggiore, probabilmente pi bruttina)

La moje, quand 'i par; /  el marit, quand 'i tocca

L'amor alla Vincensa / lo el fa, lia manch ce pensa

L'amor com la toss, en se p nasconda

L'amor 'na gran cosa, ma la fam passa 'gni cosa ('ni cosa)

L'amor nov scaccia chel vecchj

L'amor sensa baruffa, /  chiappa de muffa

L'amor s'arpaga sol sa l'amor

Ma ogni merlott / piac el su' gagiott  (ad ogni genitore piace il proprio figlioletto)

Magna pagnott, / crepassi stanott

Mej brutta che nient

Mej un marit trist d'un bon fratell

'N amor bestiale

Quand la fam entra dalla porta, l'onor scappa dalla finestra  (la fame in casa pu stimolare l'illecito)

Se en ros, fiorirann

Se parla l'uc'lin vol d ch' ha parlat l'uc'lon  (se parla il piccolo vuol dire che ha sentito parlare i grandi)

Te burdlina bada a crescia che io t'aspett  (un anziano per fare un complimento ad una bella bambina)

Tra l'amor e 'l fum, en veggh pi lum !

Un cavalier fra du' dam, / fa la parte del salam

Va a f 'l ben ma i sumarr

El ben s'appressa, quand s' pers

El ben tocca cercall, el mal aspetall

El ben se scorda prest, le offes armanghen

 

ANIMALI  CAMPAGNA

Sa 'na fava chiapp du' pcion

Con una fava prendo due piccioni. (perseguire contemporaneamente due obiettivi)

 

E' viscid com l'inguilla

E' sguisle, sguisle com i muccich

E' viscido come l'inguilla. E' scivoloso , scivoloso come il muco. (Si dice di uno sfuggente)

 

Grass com un beccaficch

Grasso come un beccafico. (Ucellino ingordo di fichi ricchi di zuccheri.  Essere di bell'apetto))

 

Soffre com' 'na bestia.

Soffre come una bestia.

 

Bov vecchj, solch dritt

Bue vecchio, solco diritto (esperienza e docilit)

 

Can da paj, baia quand lontan da te

Cane da pagliaio, abbaia solo quando ti lontano (poi trema dalla paura)

 

Van d'acord com'el can e 'l gatt.

Vanno d'accordo come il cane e il gatto.

 

El pass en basta, / el galopp tropp, / el trott en guasta

Andare a passo non basta, al galoppo troppo, il trotto adeguato. (Non fare le cose precipitosamente n con lentezza, ma nel tempo giusto)

 

S' el cavall bon e bell / en guard rassa o mantell

Se il cavallo buono e bello, non guardare razza e mantello. (Vale anche per un fidanzato: se buono e ben messo, non guardare alla dinastia e al vestito)

 

Dai che te dai, / la cpolla dventa l'aj

Insisti, insisti si pu trasformare la cipolla in aglio (Si usa quando un ciarliero vuol convincere un altro di aver ragione)

 

A magg en bsogna pi metta el pret tel lett, s' no te vien a pissich el cucch tel cul

A maggio non bisogna pi mettere il prete nel letto (prete: aggeggio per riscaldare i letti) altrimenti ti viene a pizzicare il sedere (mentre dormi) il cuculo (che molto attivo per rubare i nidi)

 

Quell penn e voc com un cucch

Quello penne e voce come un cuculo. (Il piccolo uccellino emette un canto deciso e marziale per spaventare i predatori)

 

Sol com un cucch

Solo come un cuculo. (La femmina del cuculo, non facendo un nido proprio, depone un solo uovo per nido di altri uccellini simili; questo lo ripete su altri 20-30 nidi. Il cuculino che nasce prima degli altri, perch deposto prima, con il dorso butta fuori tutte le altre uova e cos rimane solo)

 

El ficch da la goccia.  Ah se' n fich da rida.

Il fico dalla goccia. Ah sei un grande ambizioso. Il fico quando ha la goccia di zuccheri che trasuda al culmine della bont e bellezza)

 

Se sogni el fien, ogni desideri pien; se sogni la paja, ogni desideri se squaj

Se vedi il fieno, ogni desideri pieno;
se vedi la paglia, ogni desideri se dilegua.

 

Devi parl sol quand piscien le galin.

Devi parlare solo quando pisciano le galline. ( Si diceva ai bambini ed anche alle donne che mettevano il becco negli affari di famiglia. Poich le galline, come tutti gli uccelli, non fanno la pip, bambini e donne non devono discutere le decisioni prese dai grandi)

 

Fa', fa' el gall, vedr che fin te fann f!

Fai pure il galletto, vedrai che fine ti faranno fare.

 

Galina vecchia fa bon brod

Galina vecchia fa buon brodo. (Vanto della donna matura nei confronti delle pi giovani)

 

G a lett sa le galin

Andare a letto con le galline. (Andare a letto presto: le galline dormono non appena tramonta il sole, ma si svegliano quando risorge)

 

Sembra 'n gall tel pular.

Sembra un gallo nel pollaio. (Un uomo che si pavoneggia e parla forte in mezzo a ragazze)

 

Chel gatt birichin bev tropp, / me sa ch' gitt tla salata (maiale sotto sale)

Quel gatto birbante beve troppo, mi sa che andato a mangiare la carne di maiale sotto sale. (una volta si salava la carne di maiale per poterla conservare)

 

E' 'na gatta da pl!

E' una gatta da pelare. (Si dice per imprese difficili come quella di spellare una gatta)

 

En di' gatt, fintant ch'en c' l' tel sacch

 

Non dire ho preso il gatto, finch non l'hai messo nel sacco. (Non dire di avere raggiunto un obiettivo prima del tempo)

 

Quel pela la gaggia sensa falla strida

Quello pela la gazza senza farla stridere. (Si dice di un furbacchione che ti frega senza che tu te ne accorga)

 

Dorm' com un ghir

Dorme come un ghiro. (Il ghiro ha un letargo di circa 6 mesi)

 

Magna com un grill

Mangia come un grillo. (Molto parco)

 

S'en piov e' n fa le guass, la lumaca en bricca 'n cass

Se non piove e non fa le guazze, la lumaca non rovista affatto (cio non esce dal suo rifugio)

 

Magna com un lup

Mangia come un lupo. (Il lupo, dovendo competere con l'uomo le sue prede, non trova da mangiare tutti i giorni: quando fortunato deve saziare la lunga fame e fare scorta per il domani incerto)

 

Ognun el su' mestier,  el lup a chiapp le passer .  Ovvero: E' svelt com el lup a chiapp le passer

Ognuno il suo mestiere, (per assurdo perch il lupo non ha artigli e quindi non si pu arrampicare sugli alberi) il lupo a prendere le passere. (Questo si dice quando si osserva che un lavoratore che non conosce il mestiere).  E' svelto come il lupo a prendere le passere (cio un incapace)

 

Le pecor contat, le magna el lupp

Le pecore contate, le mangia il lupo. (Si dice ad uno che gode della propriet e conta e riconta i suoi averi, per evitare che altri glieli rubino)

 

Cald com  un picchj

Caldo come un picchio (i picchi sono ben piumati e fanno nidi molto confortevoli)

Per el foch c'vol la cerqua del verni'

 

Per il fuoco (camino) ci vuole la quercia (cresciuta) con esposizione a nord. (Nel freddo la crescita pi lenta ed il legno cresce pi compatto)

 

St alla solina com' un raghin

Stare al sole come un ramarro.

 

S'atacca com 'na mignatta  

Si atacca come una sanguisuga. (Una volta usate per abbassare la pressione)

 

A l'ann nov,   ogni galina vien all'ov 

All'anno nuovo ogni gallina incomincia a far le uova

 

Trema com'un ucclin tla foja. 

Trema come un ucclin sulla foglia.  (La foglia un sostegno molto instabile...)

 

Fa trentasei cantat com l'usignol

Fa trentasei cantate come l'usignolo. (Essere bravi a cantare  o esprimersi)

 

A mars ogni vilan va scals, in april ogni vilan cvil (gentil)

A marzo ogni contadino va scalzo (il terreno non pi ghiacciato), in aprile ogni contadino gentile (perch ha finito le preoccupazioni per mangiare)

 

Carta canta,  villan dorm

Carta canta, villano dorme. Quando c' una scrittura, anche un ignorante pu star tranquillo (verba volant, scripta manent)

 

 

 

DABBENAGGINE  MENOMAZIONI

Beata te che'n capisci nient !

Chi en ha la testa, ha bone gamb (quando ci si scorda di una misiione e si deve ritornare sui propi passi)

Chi la vanga, chi la sappa, / el pi cojon careggia l'acqua

Chi se loda se sbroda

Chi balla sensa son, o matt o minchion

C' ha 'na scrittura ch' par le samp dle galin

Com un stocfiss - Com un crocfiss  (rimanere di sasso)

De ball ne dici ! mo en le se' arcontalle

E' 'n cojon de prima riga

E' 'n' imbecill ch'en fnisc pi

E' 'n sumarr de prima riga

E' pi cojon de Tacchi  (forse dei tacchi delle scarpe, ma nella valle del Metauro esistita una generazione di Tacchi veramente tonta)

E' rivat chi t' mett giudisi

E' rivat el castigamatt

E' svelt com la polver baganta  (logicamente, polvere da sparo)

El guadagn del castagnar  (rimetterci)

E' tocch  (toccato, demente)

En batt pi ben

En bon manch a cav un ragn da 'n bug !

En sa fa un o sa 'n cul de bicchier

En sa f un tond sa 'l cul del bichier

En s' batt un chiod

En bon manch da batta 'n chiod

En s manch quant' se' lung

En val du' sold

Fa rida anca ma i poij (F rida anca ma 'l gatt)

Gall sensa cresta un cappon, om sensa barba un minchion

'I manca 'na rotella

'I manca un venerd

Ignorant com una sappa.

Ignorant com una talpa

La moje ha mess i calson

Lavora com un can legat !

Magnagnocch (mangia gnocchi. Con la bocca oltremodo piena di gnocchi la masticazione diventa lenta e l'espressione beota...)

Sa 'na mantella en 'i ce scappa manch 'na bretta (un incapace che da un mantello non riece a ricavare neanche un berretto)

Se propri un bell barbacan !  (grosso piolo di legno murato da usare per sostenere assi o fungere da attaccapanni)

Disgustos com la broda di gnocc.

Disgustos com la merda t'el lett.

E' un stupid de prima riga.

Tajat sa 'l scurcell  (tagliato con l'accetta)

Te carin ... ma me ... en m'imbianchi 'i occhj

Te cmandi com el do' de briscola

Te cmandi com el fant da copp

Te, me sa, ch' batt la testa da pcin

T' facc f 'l bugatt (nella neve)

T'un chel pett / c' pasat S. Giusepp sa 'l su' piavlett   (donna scarsa di seno)

Va' cach t' el gess, almen fa presa  

COMPORTAMENTO   LAVORO

'I tocca st com l'erba tajata  (Ha finito la sua crescita, ormai il suo destino segnato)

A casa de chiatre prima se scalda un pia e po' clatre  (a casa degli altri non si pu avere tutto e subito)

Ambizione: Vin e ambision, te tojne la ragion

Blin blin - Davanti te fa blin blin, de dietra t' ne dic de tutt i color

Bonanott ai sonator (la festa fnitta; chi s' vist s' vist)

En arcminci cla bgioliga  (non ricominciare quella lagna o tiritera o litania)

Ha fatt una bgioliga com la camiscia di gobb !

Ha pres la patent sa 'l persciutt

Dov'?   'Vagg in piassa.' / A 'sa f?  'A veda chi c' ha la testa pi grossa.

Anca l'occhj vol la su' part.

Bevutta, fatigata da olii sant

Chi balla sensa son / o matt o cojon

Chi bell vol compar, / qualcosa ha da soffr

Chi mlens a magn, / mlens anch'a fatigh  (melenso)

Chi svelt a magn, / svelt a fatigh

Chi en' bon per el re, / en manca bon per la regina  (un giovane non ammessi al servizio militare non buono per il re e quindi non buono neanche per la regina)

Chi en ved, en cred

Chi ha pi giudisi el dopra

Chi ha un porch, el fa grass, / chi ha un fiol, el fa matt

Chi mal fa, mal pensa // Chi mal pensa mal fa.

Chi romp de vecch, paga d'nov

Chi vol, vada; /chi en vol g, mandi  (chi vuole qualcosa, si faccia avanti; chi non vuol andare, mandi qualcuno. Ovvero per avere qualcosa ci si deve scomodare)

Da la vergogna me nasconderia dentra un tutol de canna (un segmento di canna: cio mi farei piccolo piccolo)

Da quant brav, toccaria massall per ugnia ma chiatre (da come bravo bisognerebbe ammazzarlo per ungere gli altri)

Da 'n pal in frasch

D du' sold ma gambin (vado a piedi)

Dorme com un ghir

E' fals com la moneta

E' pi fals d'una moneta

E' fals com un gisvt

E' git dritt com una palla de schiopp.

E' a 'n tir de schiopp

E' git via d' testa

E' gitt via sa la coda tra le gamb.

matt com una cerqua / E' matt schiant / E' matt del tutt 

La materia el porta via .  Sa c' la materia?

E' mej essa invidiat che cumpatit

E' robba da stracciass el cul sa i ditta 

E' tutt a pr'aria com un ragg matt   (Raggio matto. Individuo estremamente agitato e fuori di s)

En f 'l lament de Caldari

En s'atacca ti spin  (uno che ama scegliere il bello e il dispendioso)

Fa com el pdocchj, / magna e s'vergogna

Fa tutt' mio com la cvetta  (tutt'mio, tutt'mio onomatopeico con il verso della civetta)

Fann com i antichi: / magnen le bucc e cachen i ficch

Farsi tagliare la legna nella schiena  (essere estremamente servizievole)

F i lunari

Gira gira, arcasca sempre mal

Ha fatt come quell ch'en vleva g alla messa! / Dopp s' fatt pret ...

Ha fatt 'na bgioliga lunga com la camicia di gobb

I cargiava l'acqua sa i orecch  (molto servizievole o molto amore)

I tira l'orghen, i tira l'organett, i tira el cul

M' ha fatt veda i sorc verd

L'acqua ch' scorr e la gent ch' vol parl / nisciun i pol ferm

Lavora com un can legat

Malattie del vin: fraidin, pichin, spuntin, merdin, corinat

O magni sta minestra, o salti la finestra

Ogni sassulin sa schiacc la su' noc  (anche i piccoli e i deboli possono essere utili se presi nel senso giusto)

Ognun tira l'acqua ma 'l su' mulin

Mej 'n aiut che 'na mucchia de consigli

Paret le statue tle grott  (sono statue di maiolica raffiguranti i personaggi della deposizione dalla croce con espressioni piene di dolore e mestizia)

Parne Suntn e la Peppa  (una coppia tipica per inettitudine e la sporcizia)

Per el foc c' vol la cerqua del verni'

Pien com un ciambott

 

Piov e nengue e mal temp

a casa d'atre 'n gran brutt st.

Se fuss'io a casa d'atre com j atre a casa mia 

chiapparia la mi' strada e po' giria via

 

Piove e nevica ed cattivo tempo

a casa di altri un gran brutto stare.

Se fossi io a casa di altri come gli altri a casa mia

prenderei la mia strada e poi andrei via.

 

Di origine campagnola. Una volta la neve, la pioggia e il freddo creavano seri disagi non esistendo gli attuali mezzi di rimozione e trasporto. Le colonie pi disagiate rimanevano isolate per settimane.  Il limite di normale sopravvivenza era massimo di un mese basato sul tempo di conservazione e sulla riserva della farina. Essendo farina integrale, dopo 25 giorni i componenti grassi e proteici del germe si erano abbondantemente alterati (diventava stantia, rancida) e vi nascevano le tignole, che creavamo come una ragnatela che formava tipici grumi, fino a renderla inappetibile e poco nutriente.

 

Quant n' ho vutt, ma quant n'i ho dett !

Rosc dal pel, trist daver

Rosc dal pel, squissa velen

Se' sempre dappertutt com el pundor

Se sord com un banch

Se vo' suffr le pene dl' inferne: / d'estat sa 'l fabbre, sa 'l murator d'inverne

S' voja da corra, daj la caccia; / se 'n voja, aspettla tla buga  (se hai voglia di correre, dagli la caccia; altrimenti fagli un agguato)

Sempr'  indietra com el rugol del birocc o com  i cojon di can

S' en lasci g da piagna ../  te facc  piagna per qualch'co'

S'en lasci g, te magn sa i pagn e tutt

Scodinsols com un can: non per te ma per el pan

Sta dur com un pioss

Sembra ch' c' ha un pioss tel cul

St alla solina com un raghin

Sto cald com un picch

Te fann bln bln davanti la faccia / ... e dietra!...

Tira 'l vent e l'acqua bagna, / Crist 'i fa, po' 'i accompagna.

ovvero:

Dio 'i fa e po' 'i accompagna

Tutt sbudlat

Tutt vin e pesc fritt

Urli com un mulinar o com un campanar

Urli com un straciar

Va via sempre a coda dritta o a cul ritt

Vagga el mond t'na cerqua  (forma di rassegnazione: anche se il mondo va su una quercia, io non mi scompongo)

Voios e/o gusutt com le donn pregn   (voglioso e goloso come uma donna incinta)

CORAGGIO  PAURA   

Chiap pe'l gruvatin

Te chiapp per el grovatin

Te dagh un lisc e buss

Te facc  ricc  

CACCIA  PESCA  SPORT

A san Luca palomba perduta

Corina: palomba vicina

En chiappa manch t'na cerqua.

Levante: palombe tante

Ponente: palomba niente

Quand' chiara la marina, / magna e bev e sta in cucina

Quando piove e tira vent, / cacciator en perda temp.

Santa Teresa: Palomba presa.

Tramontana: palomba lontana.

Vento: palombe a cento.  

SULLE  DONNE

Massimo: prestante giovanotto eterosessuale; Peppino: pratico di farmacia omosessuale.

Massimo, lo sai che andare con le donne fa venire il tumore?

Peppin, en d le stupiddaggin!

El so ch'en vera, ma te sparg la voc

 

Brutta in fasc, bella in piassa

Chi ha le fossette nelle gote, / si marita senza dote

C' ha le tett com du' brisciol.

C' ha 'na lingua ch' taja e cusc

Donna baffuta sempre piaciuta

Donna brisciolosa, presto se sposa

Donna nana, tutta tana

Donna plosa, donna virtuosa

E' pegg d'na gaggia.

E' com 'na seppia.

En s'guarda, en s'tocca (una lasc'me-st)

Io t'ho fatt e io t'armagn  (la mamma rivolta al figlio capriccioso o disobbediente: "io ti ho generato, io ti rimangio")

La donna da poch se ved quand accend el foch

La testa dle donn come i corn dle vacch: dura, torta e vota.

Nasin in s / una per casa e non pi

Onest e gentilessa, sopravansen ogni bellessa

Pan, vin e ficch / che Dio ne desssa per castigh

Quella c' ha le zirle

Quella s' lava tropp, / vol di' ch' poca pulitta  (Le donne di casa facevano il bagno poche volte nella loro vita, al contrario delle donne di malaffare)

Se' bella com el cul de la padella.

Risposta: La padella c' ha 'l cul tond, / so' la pi bella del mond.

Spenta la luc, tutt le donn en ugual  (sublata lucerna, nullum discrimen inter feminas)

Vest 'na fascina / te parr 'na regina.  

CARATTERIALI

Av 'l pep (foch) ma 'l cul

Beccafich

Bell e gitt.

Brutt e gitt.

Bell e fatt

Bocca larga, simpatia

C' ha 'na bocca com un forne

C' ha la testa com un quart

C' arpensa com i curnut

C' ha du' sessol !

Di un ghiottolone: / fa tal' qual' com 'i can.

Dov' el grand se china, / el pcin lega 'na fascina.

Dritta com un fus

E' rozz com i spin

El pi bon di rosc /  ha butatt la madre tel poss

En c' bsogn ch' f le smorfie.../ sa cla faccia ch 't' artrovi !

Forza avanti donca / finch 'l cannip en se stronca oppure: va pian, burdell, te se stronca el cannip (forza avanti [con stravizi] finch la salute ti regge; cannip una corda di canapa, quindi, finch non si schianta la corda alla quale appesa la vita)

Va' pian ch' se stronca el cannip.

Ha fatt 'na bocca pcina / com el cul de la galina.

Ho pien el fus  (quando la donna aveva riempito l'ultimo fuso, era stanca morta)

I burdei (o le donn) deven parl quand piscen le galin.

I mont s'abassen, / le person s'incontren.

La stecca vien dal ciocch

La carne senza dent / sent fredd a tutti i temp

L'aria di fessura porta a sepoltura

Le disgrasie venghen sempr' in cumpagnia

Le disgrasie: chi ce l' ha, le tien

L'et dei tre C: / Catarr, Caduta,  Caccarella

Magnagnocch (vedi Dabbenaggine)

Masticcabrod  (uno lento o svogliato nel mangiare e lavorare)

Mettse a seda tun fus  (la fine di chi non fa buon uso delle supellettili)

'Na parola poch e due en troppe.

Pari el fiol de pegg

Ross com un pevron

Sciap com  l'acqua

Balava t'un guadrin

Se' cascat dal lett, / ch' se' tutt s'cifaritt  (cio hai dormito poco per essere cos arruffato)

Se vo' che l'amicisia tenga, / che un canestrin vagga e che un venga

Sporch com el baston del pul

C' le gamb com un baston del pular

Testard com un ciaccabdocch

Tignos com 'na cimicia

Va' fa 'l ben ma i sumarr ! 

 

SUGLI  UOMINI

Com atacai un rov ma 'l cul

Daj 'na bagolata, / ch patisce meno

E' com sia.  C' aveva le pess ma 'l cul.

E' trist impestat

El vin la poccia di omin

L'omin, da qualsiasi part gira el cappell, i sta ben

Oh cl'om, / du' va sa le bsiacc ma 'l coll / e 'l pel ma 'l cul

Tutt tirat com un canell de rigulisia  

CASA

Ad ogni muta, 'na caduta  (ogni cambiamento [ristrutturazione], una malattia)

oppure: Cova fatta, gaggia morta

Chi d' legn e chi d' noc / ogni casa c' ha le su' croc

El matt fugg, /  mo la casa en fugg

La casa nascond / mo en rubba

Ogni casa ha i su' copp rott  

FURBIZIA  SVELTEZZA  INTELLIGENZA

La barba en fa 'l saput   (barba non facit philosophum)

C' ha le man d'or

Arf 'i occhj ma le pulc

Chi fa tropp el spiritos // dventa pi sciap dl'acqua

En ha lasciat n pussa n brusciaticc

En mov manch 'na paja

En pasati per la buga del gatt (bugatra)

Essa svelt com la polvra

Fa di disegn che parlen

Di uno scrittore o di un conferenziere: ha da essa brav un gran bel po', en c'ho capit un cass.

Giva a tutta canna, a tutta birra

La prescia

Lascia g da damm la iuccola

Le pensa d 'nott, per po' arcuntalle el giorne dopp

L sa ben quant gir fa la boccia

Parla com un libre stampat

Parla com un libre straciat

Parla a occhj chius com  el pret t' l'altar

Sa fe 'i occhj anch ma le pulc

Salle ciarl' en s' riemp la pansa

St tel machion  (non voler figurare mai in prima persona)

Te se' la volp, mo i' so'l tass, / te se furb, mo i'  te pass  

FORTUNA  SCAROGNA

C' un cul com 'n ora d' nott !

T' facc un cul com  'n ora d' nott

C' ha la pasqua bassa

Contra 'l cul la ragion en val

Contr'al cul la ragion non vale

Du sem nati, i mi' ragass,   /  propri t' l'ann di testa d' cass ?

E' pisciat tel battesim

E' propi vera: pi fatt e men n' fatt.

(oppure: pi fatt e pi c' da f)

E' propri ver che tutt quant l'acqua va tel mar !...

El bongiorne se ved dal matin

En sempre pasqua

I fa l'ova anca el gall

Piscia tel lett e po' dic ch' ha sudat.  Pol pisci tel lett e po' d ch' sudat.

Se te fa scioper la pell !?  (preoccupazione di uno pelle e ossa)

Te pisciat tel batesim

Te, me sa, patit tel crescia !

Tra l'incudin e 'l martell

Tra l'orc e la mattra

Tutt fa verdura

Tutt fa brod

Tutt quell ch' en astrossa, ingrassa

Va liscia com un zulin

   

GIOCO

Baston dle donn

Baston di coion

Copp va da i locch

Denari alla pari

Le cart n com le piattol: vann ma i coion.

Spada, chi la volta la paga

La prima di burdei

La seconda di chi la vol

La tersa del pi brav

'I occhj de Babullo: il due di denari

La flippa: il due di briscola

Te do el lisc e buss: ti do una lezione

L'angiulin binoss: asso di spade

Ha fatt cent e venti com i svisser: fare cappotto a briscola

 

MERAVIGLIA  ESCLAMAZIONI

Brontola com 'na pignatta de fagiol

Donca, donca; / sotta Mercatin c' sta la Conca

E' da tutt le part com el pundor

E pegg un mal dett  che un mal fatt

E te tacchi 'na pessa

El cald dic mal dla padella

El cul dic mal dla padella

El so io sa boll tla marmitta

En f sempre d'ogni erba un fasc

En s' fann le noss sa i fungh

Era mej, quant'era pegg.

Giva mej, quan giva pegg

Fa poch chiass com 'na noc tun sacch

Ha fatt du' occh com un scaton  (per lo scattone, leprotto, l'unica difesa la vista e la velocit)

Ho vist sa i mi' occh, devi credme

Murissa mach, me chiapassa 'n colp

Puretta no' ch chiatre c'n

Puretta no', com farann chiatre !

Quel 'n tip curios (strani): quand magna bev anca

Quest e nient en parent

Rid rid ... che mama ha fatt i gnocch

Rid, rid,  en ridrann le vacch 'st' inverne  (un figlio al padre contadino che per salvare il pagliaio dall'incendio era bruciato vivo)

Tacca so' sta coppia d'ua. (Usato spesso da Pioss e Gigin Carretta)

Te do io el cuntentin

Tra 'l corra e 'l fuggia

Va a fa 'l ben ma i sumarr !  

SFONDO  RELIGIOSO

Acqua sorgente

c' passato un serpente

 ci ha bevuto Dio

ci voglio bere anch'io

(Preghiera scaramantica prima di bere l'acqua di fosso)

 

Ariva sempre quan se spegn el lum

Chi vol Crist el prega

Crist'aiuta sol mai ricch / ch i porett fann alla mej

oppure:

E' mej ch' va ben ma i ricch, / ch i purett en abituati alle disgrasie

Dio ch't'arutulasc

Dio ch'te conservi la vista, / perch l'appetitt en t'manca

Dio d el fredd scond i pagn

El cortil dl'impajeta (la festa dopo il battesimo)

En cred manch che l'acqua molla 

Era 'n scur ch'en se vdeva manch a betemmi

F un crist

Gira, gira, la bestemmia casca tla testa de chi la tira

Ho fatt na cascata dl'oli sant

L' anima? ...   de sicur c'l' hann sol i sanbucre  (i rami giovani di sambuco hanno al centro un midollo tenero detto anche anima; per asportazione del midollo si ottengono gli "schioppetti" di sambuco)

L'omin propon  /  Iddio dispon 

Prima ha cors la cavalina, adess fa la madonna pentita

Santola, madrina, padrino...

Terque, quaterque, aji e c'polla (scongiuro).

La religion distribuisce a pien man l'ignoransa, el comunismo la miseria.

 

RICCHEZZA  POVERTA'  GENEROSITA'  TIRCHIERIA

'I manca sol el latt dla galina.

A chi sparagna, el gatt magna

Abbastanza:  anca se l'om ha 'na mucchia, mai ha abbastanza

Abbondanza: L'abbondansa genera baldansa.

                     L'abbondansa en fa dorm ma 'l ricch.

Abito - Sotta abit vil, spess c' cor gentil.

Adess manca sempr' un sold per f 'na lira

Ariv t'la greppia (ad es. in Urbino ci sono due greppie: il Comune e l'Universit)

L'avar en posied i guadrin, i guadrin el possegghen

L'avar pi c'ha e pi porett

Bocca vunta en dic mai mal

Le blesse passen, la bont dura fin' alla mort.

C' ha la robba per castigh

Chi ha i dent, en c' ha 'l pan, chi ha 'l sacc, en ha 'l gran

Chi magna magna ma le butt devne essa a pari

Dala fam me 'niva buj mai occh

oppure:

Dalla fm en c'vdeva lum

Dalla fm scricchiava el cul

E' fnitt le noc ma Bacucch che c'n' aveva sett solar e ne magnava un'al giorne !

Fnir anca ma te sta cucagna.

E' fnitt tutt'i foch

E' 'l  pan ch'leva la fam

E' magnat / See / Alora cava i dent (per non f la magnarella)

E' pi artirat d'na formica tel  mezz

E' tant ch'piagnevi!.../  Adess ch'l' vutta ... tienla (pidala).

E' vlutt a n ?  Adess tribulla

El goss strett, /  ma inghiott la casa e 'l tett.

El miglior cunditt e la fam.

El pan leva la fam

El poracc mor du' volt: / quand lavora per cont propi, / quand magna a casa d'atri

En c' 'na lira per f cant ma 'n ciech

En daria el cortell manca ma 'l boia.

E' acs arpltt ch'en d el curtell manca ma 'l boia!

En f el pass pi lung dla gamba

En metta el carr davanti i bua

En metta le man avanti

Fat la carit ma 'l por Gvann / chi manca i sold e 'i avansa 'i ann  

F com  san Niccol ch' d la robba e po' l'art

F tutt del sant

Git pianin: l'ann lung e i giorn' n fitti

Ha pi largh' i occhj dla bocca

I ficch ma che' la stenta !  (I fichi hanno effetto lassativo se mangiati accaldati e a pancia vuota. Per sfortuna nei poderi dove si vive di stenti  abbondano solo i fichi)

I sold manden l'acqua al d'in s.

Invidia, crepa !

La vitta e l'onor, / el gran da venda / i guadrin da spenda.

L'agh e la pessola  mantenghen la famigliola

Ma 'l porett manca molt, ma l'avar, tutt (Inopiae desunt multa, avaritiae omnia)

Magna a uff

Magna e caca com  un'oca

Magn a crepapansa

Me fa gulin

Nat tl' ann dl' abbondansa

O a Roma in carossa / o tla mucchia a f 'l carbon.

Poch pan en leva la fam  /  poca legna en fa el foch

Prima de mur devi magn sett sacch de cener.

Quan va sa le man tle sacocc, /  i se scorcia i bracc

Quant' l' pagata? /  Quattre ditta e 'na paura.

Quel ha lett el libre del tornacont

Ruba anca el fum malle cresc

Se ma cla burdlina i d scaruss, 'i se svegghia i vermin.

So' pien come l'ov

So' pulitt com un oss de brugnola

So' satoll

Spiccia chi sold ! E' paura chi vien el sangue ?!

Chi sold , i metti tutti per curtell !

Se' 'n asparagnin da rida !

Te pagher a ottembre.

sALUTE  MALATTIE  PULIZIA  SPORCIZIA

Me fa mal la testa / Bon segn, vol di' che c' l'

Bianch com un cenc.

Bianch com un cadaver

Brimbol dal fredd

Cach 'l foch

C' ho el polistirolo, i trigricitt, l'ucera, 'na lucertola tel stomich, i abeti alti, la cretineria en me manca

C' ha 'i oss tla pansa ... en se po' piegh

C' ha la faccia dla salut

C' ha'l mal d' san Vit

'I ha pres el ball d' san Vit

com  un oncia plata e concia

Cresc com el furment

pasat el fior del bell cant

E robust com un tass

El bracc vol el coll, la gamba vol el lett

El mort se secca, /  el viv se rinfresca

En me va l'acqua per l'ort

Fa lum t'la cener (come il fuoco che si spegne)

Fa 'n la pell pulina o capna

F el grottol

F roncia e runcin

Finch la bocca magna e il culo rende /  in culo alle medicine e a chi le vende

Ha arpres un brod

I fa mal anca la nebbia t'el mont

I occhj pulciarini

La carne sensa dent / sent fredd a tutti i temp

La pianta ch' picca fa miracoli (bruschle, brungle, acac, urtica, stupion, scardaccione, rov, ginepre, rusmarin, gratacula, biancospin)

L'acqua panata.

Dopp 'na bella sbadigliata, / salute ritornata

S lavte ben ben /  ch'en te va via el batesim

Le gamb me fann zago zago.

Facc la  pciangla

L'omo sano piscia / spesso come il cano.

Me fa brut

Mej faccia roscia / che trippa moscia

Ner com un buccre

Par ch'abbia patit le sett padelle

Prima de cinquant'ann / n mal n malann; / e da cinquant'anni in s / en s'magna, en s'bev, en s'ciufla pi

Quand te sposi, en t'arcordi pi

Quell git via d' testa.

Ruginitt

Se' rdott un fil, s' dventat trasparent

Se sporch com el scudagn del sumar

St' attent, / tutt quell ch'passa per la bocca en passa sempre per el cul

St in pied per pratica !

Tiena l'anima sa i dent

Tif e carbunella, /  febbre e foch ma 'l cul.  

TEMPO  PASSATO

Aprile, non ti scoprire

Maggio, non ti azzardare

Giugno fa quel che ti pare  

C' un nebbion ch'en se apren le persian

Cielo che luce acqua conduce

Dop Natale ogni giorn' carneval.

Dura da Natal a sant Stefen

E' 'n cald ch' se schioppa

E' 'n fredd ch' pela

E' un temp bell com una sposa

El ponentin c' ha 'l fiash ma 'l cul

El temp c' fa al padre sant (a S. Francesch), /  fa a S.Luca e a Tutti i Sant

El temp ch'sarf de nott, /  s'dura un giorne dura tropp

En pi el temp che Berta filava

En pi el temp che portaven la fraiolina anca i sorc

L'acqu d'agost, rinfresca el bosch

Prima de Natal,  n fredd e n fam, / ma dop Natale in l, /  fredd e fam in quantit

'Niva gi 'n grandin com i casott.

Ora d'nott

Quant el gatt se lecca el pel \ l'acqua vien gi dal ciel.

Quant el gatt passa i orecchj \ vien gi l'acqua con i secchj

Se piov'al giorn d' san Marc, /  ogni spiga ne fa un quart

Sent com soffia chel ciocch, / dman cambia el temp o riva i parent

So' stat in Urbin, t'ho arportat la fiera, oppure, ho comprat la fiera.

Son finiti i tempi belli / di Carretta Gigi Lelli.

Tra lum e scur.

Tra limbra e lambra

Vien a d'ora. En s' fa pi d'ora

Vien gi el mont Neron sa le capre e i caprett

Vien i rass mai ditt o t' le punt di ditta

 

VA  A  FANO

Chiaptla t'el sacch, m' la so' presa t'el sacch

D la minchiona

En te sputt perch so ch' en se bon a not

F i cass tua

T'chiapassa sonn

Te chiapassa 'n accident: /  un t'la bocca un t'i dent

Te dagh un calc tel cul da fatt batta la testa tel suffit !

Te mand a durm sotta le volte de Risciol

Te mand tel discolat.

T'hann mandat, o ce se' nutt ?

V' arcoia l'acqua sa i canestre ( o sa le balle)

Va' a batta i passon sa i prosciutt

Va a caca' in tre sit e po' magna quella tel mezz che fuma

Va a Fano

Va' a scurgi tl' acqua (dacs fe' i bocciol)

Va' a soffi'el nas mai gallinacc

Va'ffa'n cul e arporta el rest

Vola bass

   Mamma Cesira 1903-1989