Per Uscire
Scegli Voce di Menu
In Antologia al Concorso 1998  
 

LA  CRICCA  DEL  MERCATAL

di Raffaele Zampolini

 

C’ ‘na cricca t’ el Mercatal

che t’ el mond en c’ l’ugual.

Tutta gent de bon umor,

tutta lingua, tutt rumor.

Gioca alle bocc e alle cart

e organizza cene ogni quart,

se sftt a pi non poss

tant ch’ i s’ingrossa perfn el goss.

Tropp ce vra a parl de tutti,

e per dvv s’ n bei o brutti.

Ve parler di pi important,

de chi tip che s’ vanten tant.

Cmincim da un bel pancin

che tutti chiamerm Baioccn,

spess i tocca cert stangat

d’ armana imbambolat.

Qualca volta le d ma tutti

d’archiap perfin i frutti.

In contrast c’ un tip com un oss,

e per quel el chiamen Pioss.

Se vanta d’essa el re dla scopa,

mo la sostansa sempre poca;

se dichiara el len dle bocc

mo spess i tocca g t’ le sacocc.

Se stima un gran cantarn,

mo nessun ce crd a Urbin.

C’ n che camina a ciampicn

e per quel el chiamen Nottoln.

Fa el fornar e s’affacenda

per prepar ma tutti la merenda.

C’ anca un vecchi negosiant

che vd poch da vicin e men da distant.

‘Na volta sonava el mandolin

e andava in cerca del merlin.

Adess ha datt l’addio ma la chitarra

e ha arpost anca la scimitarra.

C’ anca n ch’ en s’acontenta mai

e invec dla pac, combina i guai.

En mai acondiscendent

e en se riguarda manca dalla gent.

E’ el spirit dla contradision

e guasta spess la ricreasion.

En manca un vic notari

che maneggia i cambiari

d’ i artigian e commerciant

d’ i operai e ambulant.

I piaci tant de rusigh

e cerca sempre de magn

e de st alle cn in allegra

insim a tutta la compagnia.

En manca un fratel d’un frat

che spess piutost sgraziat

perch d’un littre ne bv la met

e per i atre com la va, la va.

El su gioch dle cart sporchicc

e magna pan prosciutt e salsicc.

Quand sta per perda la partitta,

invoca el fratel: ata ! ata !

Ecca un bon e brav artigian

che i vetre ha sempre tra le man.

Tranquil, calm e sorrident,

quant canta arduna la gent.

Ecch’ ariva un piccolin

che tutti chiamam Tersn,

el su nm p’r ‘n antre

e cerca e crd d’essa scaltre.

Quant parla se paoneggia e se fa ross

e se gonfia a pi non poss;

se p chiappa ‘na cantonata

allora fatta la frittata.

En badat se la cricca

en p tanta ricca;

in compens piena d’allegra

e se distingue per l’armona.

La storia en finira mach,

tropp ce sara d’ arcont !

Sar per ‘n antra volta

e la farm pi dritta e meno storta.

 

Per Uscire
Scegli Voce di Menu
Presentata al Concorso 1998