Walter Paolo Paolucci

In Antologia nel IV volume di:

"V' l'arcont in dialett " (2001)

 

 

La  cena in famiglia

 

 

Alla sera per cena

pane e lardo

e un po dinsalata.

Lho raccontato in un tema

alle medie:

un buon voto mhan dato

e un elogio

per la gran fantasia

 

   

 

E' dura

 

 

E' dura

arriv mal Mont

in cima,

adess

sa tut sti ann.

Me ferm a San Serg,

mal discolat

e ancora pi in s,

d c'era l'osteria d'Chiln.

 

   

 

Galinacc

 

 

Chi s'arcorda ormai

d'Galinacc?

girava sal baston

per i vigol

sensa sbaj

na porta,

d'mandava

un tocch d'pan

e du baiocch.

Al sabbot

mal Mercatal

per la fiera

cantava

per na foietta,

s'ubriacava

e d'ventava ross

 

   

 

Oh, s'me piaceva!

 

 

Oh, s'me piaceva!

Era bella come el sl

quand scendeva t'la piazza

dal Dom

ardita e leggera.

Ma me s'fermaven l'anima

e la parola.

M'la fatta cnoscia

un amicch:

la man fresca

profumava d'amor,

t'i'occhj neri

la malssia d'burdella.

Stupid, en ho saputt

sa f,

sal cor

ch'coreva come un matt,

mez d'qua,

mez dl

sa la terra

ch's'apriva sott i pied.

 

   

 

Mio zio Alberto

 

Alberto, mio zio,

era anarchico.

Padrone di tre pecore

e di un palmo di terra

sulle colline basse di Schieti

bestemmiava Dio e i preti.

Di domenica

curava i baffi arditi

e metteva il vestito buono,

al collo

il fiocco nero

come quello di Marangoni.

 

   

 

Lungo la via del Monte

 

 

Lungo la via del Monte

risaliva il vento

fischiando.

Il nevischio

sollevato

in ritorti caroselli

savventava

contro le cosce nude

dei ragazzi.

 

 

   

 

M come Mussolini

 

 

 

Sulle colonne dei portici

in piazza

grandi M in vernice nera

a ricordare la repubblica di Sal.

Sulla collina dietro la pineta

adolescenti imberbi

massacravano contadini e partigiani.

I tedeschi del Palazzone

avevano grandi cani lupo

e cantavano in coro Rosamunda

 

 

 

 

 

 

   

 

Strisc e buss.

 

   

El fascio,

s, el fascio

sa la camiscia nera

e i stivalon da patacca.

Sa i disgrasiat

e sa i anarchich

magari

sol per via del fioch ner

strisc e buss

pi ch'a tresette

e  s'faceva capott,

l'oli d'rccin

t'un bel bichier

per la cacarella

da f

fora tel camp

dietra la casa.

  

   

N.B. I tre disegni sono stati fatti dall' Autore