Home Autori Dialettali

Maria Lenti

Urbino

Home Scritti in lingua

 

Una sera, quella sera

D'là dle colin

Storia mia de me

 

 

 

 

 

 

 

 Una sera, quella sera

  

Avem fatt cla strada

che fnisc dop 'na salita

e se slarga delimitata

da 'n murett.

Dal torrion de Santa Chiara

avem guardat in giò,

mo en se vedeva nient:

c'era la nebbia.

Sol le luc, cla sera,

sembraven più chiare

e ce sem guardati.

 

I capei e le man umidi,

i dita intrecciati,

avem accostat i vis

e ce sem guardati.

 

Ce pareva la matina,

acsé vicini

com 'na volta, com sempre.

Mo era nott, oh,

com'era nott.

 

 <INIZIO PAGINA>

 

D' là dle colin

  

Che pena 'n tel cor

c'ho io stasera.

El sol sta tramontand

d'là dle colin,

mo io en el vegg

'ste tramont che in atre moment

farìa impazzì.

C'ho sol un gran burron

davanti a me. Ma me ferme:

fac un pass indietra.

Chiud 'i occh e po'

arguard. El burron

è sempre ma lè

pront a chiapam

'n tel su scur.

 

(Ecch, l'ho fatt el pass:

- com s' fa a resista -

rotol, rotol, rotol giò

fin in fond,

fin do' en me ved nessun).

 

El sol sopra de me

è tramontat.

 

 <INIZIO PAGINA>

 

Storia mia de me

 

Da pcina propri pcina la lagna “fa’ la brava”

m’intronava per via che era morta la mi mama

e io er armasta com’una pulcina

- sal sal sol tla testa.

I fratei le sorelle poco più che implumi

el mi ba , i mi parent, j’ amich di mia,

la comunanza vera di quegli anni,

han fatt per me quel ch’han potut (el massim

dic adess che un po’ le rob le cnosc).

Via via qualca pessa l’ho tacata anch’io:

so’ dventata granda sensa i dann chi gross

me so’ innamorata più d’ ’na volta

ho lavrat ho insegnat studio ancora

facc politica (me piac se cambia el mond -

per chi sta pegg - in mei).

Bona o trista, chisà. Le pretes

su me sulla mia mente sul mio corpo

j’ho mandat prest t ’un chel paes

mentr’ho tenut la primavera tle mi ven

tel cor che batt e arbatt i bei pensier e i brutt.

“Te, c’è sempre j’occh sereni.

E’ da essa nata sa la camicia”,

me dichen quand m’incontren.

(C’han voja da schersè, d’ironizzare,

così non saprò mai chi sono per loro.

O c’han ragion su quest?

Vest sempre sa la camicetta de coton,

bianca più spess:

d’inverne me salva el cald sott’ a la maja

me tien fresc d’estat) -.

O pur - rincarne la dòs - è fatt granata para |sa la vitta”.

Lunga la mi storia corta la lor memoria

 

  <INIZIO PAGINA>

 

 

Home Autori Dialettali

Maria Lenti

Urbino

Home Scritti in lingua