Home Autori Dialettali

Rossana Gambarara

UrbinAte residente a Roma

Scrittori & intellettuali

V'l'arcont in dialett
in www.prourbino.it
Inediti
in Poetarum Silva
PoetiPoesie.com Versante ripido Hysteron Prteron
in www.uniurb-pu.it

 

Biografia

El lensol

Quand artorne a Urbin

La conferensa

La strada d' Palin

La svissera alla 'ndrangheta

L'ort d'la Lilli e de Vincens

Sonett p'i Ducchi

Fori piov

El mercatin

Urbin

El vigol

 

 

 

 

 

Biografia

 

Rosanna Gambarara nata a Urbino dove ha frequentato gli studi fino all'Universit laureandosi in lettere classiche.

Ha insegnato Lingua e Letteratura Latina e Greca e  Lingua e  Letteratura Italiana e Latina a Urbino e a Pesaro.

 Nel 1980 si trasferita a Roma dove insegna Lingua e Letteratura Italiana e Latina presso un liceo scientifico.

 

 

EL LENSOL

I Classificata al III Concorso 2000

 

Iezzo che vent stanott, tremava el lett

e le finestre !  I pagn a spindulon

ma'l fil schiocavne e i arbre de rimpett

avesc sentitt che strida !  Che impresion !

 

Io pro stav tutta chiotta dentra el lett,

sotta c' avev un bel materason

d' lana, t'un cuscin d' piuma benedett

pogiav la testa e avev la protesion,

 

sopra, d'un gran lensol de lin de quei

d'un temp, a quattre tel cuscitti, a trama

grossa, che quasi scroccolavne, bei

 

candidi, sal gigliucc ma l'arversina.

I lavava e i stirava la mi mama,

sa la man i arlisciava quand' er pcina.

 

<INIZIO PAGINA>

 

QUAND ARTORNE A URBIN

Segnalata al III Concorso 2000

 

Va e vien com el tic tac dl'orlogg, camina

l'ombra, se nascond pian sotta el logiat,

p arcresc, e el sol poch pi d'na ftuccia fina

se slarga a p s'artira t'el selciat;

 

e l'ech dle voc' rimbalsa e se sfarina

da mur a mur, se srotola tel fiat

dl' aria che l'arcompon a l'armuscina,

oggi com ier: el temp par ch' s' fermat.

 

Da l'ombra al sol, dal sol a l'ombra passa

com ier la gent, s'arcoi sotta le logg,

parla e paseggia e p arsciama tla piassa,

 

se sparpaia p' i vigol, com ier ogg.

Ma ti occhj spent, t'le facc gualcitt se specchia

el temp.  Guard.  E so ch'so' dventata vecchia.

 

<INIZIO PAGINA>

 

La conferensa

In Antologia al V Concorso 2002

 

Ierlatra sera invec da g un po' a spass

comm al sollit so' gitta t'el palass

Petrangolini: t'el cortil Scalia

e Paioni parlaven d'la poesia

 

dialettal. C'era un bel po' d'ragass

giovini, forestieri, e anca un bel mass

de gent d'Urbin. Ci ho mess tutta la mia

attension ma sa ch' la " diglossia ",

 

o mei perch en lo stess che d

" bilinguismo " boh propri en l'ho capitt.

"La lingua della madre" s, quest s,

 

ch' la madre d'la lingua subbit dritt

m' entrat t'la testa; e po' anca quest: chi va

distant capisc la propria identit.

 

<INIZIO PAGINA>

 

La strada d' Palin

 

Spess me vien voia,quand artorne a Urbin,

de g in gir p'la campagna, mica a f

qualcosa de special, ma sol acs

p'el gust d'arveda i mont e le colin

 

di dintorne. La strada de Palin

vers Colbordle me piac 'na mucchia. C'

un punt apert d' qua e d' l e te p guard

com un mar d'onde fino a San Marin:

 

camp grandi e pcini, quadri, triangolari,

stesi da cima, piani o ti pend,

t'el spicch del sol, nascosti t'el vern,

 

de tutti i ton del verde, del maron, del giall,

un po' pi scuri un po' pi chiari

sconda del giorne, sconda d'la stagion.

 

<INIZIO PAGINA>

 

La svissera alla 'ndrangheta

 

La svissera alla 'ndrangheta invension

tutta d'la Lilli e se prepara acs:

te chiappi tre salsicc e 'n bel pezston

de manz, tritti ben ben in mod da f

 

'na bella palla, aggiungi un po' d'pevron

dolc, macinat (la papprica cio),

p el sal (quell' aromattich) e, attension,

peztin de pundor secc.  E en te scord

 

per carit de fnocchj, di sem de fnocchj !

Muscina tutt p d 'na forma bella

tonda ai ciuftin de carne (che anca i occhj

 

voien la lor), p mett' i t'na padella

sa l'oli bon, p coc'i sensa fretta.

E p magna. E fa anca la scarpetta.

 

<INIZIO PAGINA>

 

L'ort d'la Lilli e de Vincens

 

Vincens e la Lilli ci hann 'n ort pien

de cpolle, de mlanzan e de pundor.

L'insalata e i  pevron ci hann un odor

mentre ch'i coji che te vien a men

 

el sentiment; el stommac e 'I duoden

fan fru fru fru e l'intellett e 'I cor

volen t'el ciel.  Sa t'ho da di' di fior

d'le succ, di fnocch', di cidiron d'almen

 

mezz metre (chi cines, no i nostran

pi corti e tossi). Ho colt sa le mi man

i fagiolett !  La Lilli t'un second

 

ha preparat la cena. Oh che magn !!

A casa lor, carin, se p mand

a chiapassl' in t'el cul el rest dei mond !!

 

 

 

Sonett p'i Ducchi.

 

I Ducchi ci hann el vin te giur pi bon

del mond, ci hann p ogni sorta d'animal:

L'annatre, l'och, i poi, i galnacc, i pcion,

par l'arca dei giudissi universal.

 

Produchen p un bel po' defurmenton,

d'orz e de gran (en so quanti quintal !)

E I'ort ?  Pundor, suchin e peveron,

cidiron ... tutta robba natural

 

che la Gianna la Dmennica e la Lina

coltiven da per lor.  E la cucina?

Prosciutt, caplett, porchetta, pappardelle,

 

arost mist e contorni e taiatelle ...

Te dig sol: "Vien, mettet a seda, magna,

bev e respira l'aria d'la campagna !".

 

Le precedenti 5 poesie sono state consegnate alla Pro-Urbino nel giugno 1999 e inserite, in ordine alfabetico di titolo, in questa rassegna antologica nel Gennaio 2002.  In fede  Michele Gianotti

 

<INIZIO PAGINA>

 

Fori piov

Segnalata al X Concorso 2010'

Pubblicata in Agenda 2011

 

Un d tre quattre cinq sei sett ott nov...

a gegia cont...

tel lett...

tl'orlogg camina

el temp...

nott

ho sonn...

fina dmatina voj durm

tutta chiotta...

fori piov...

quindic seddic dicsett dicdott dicnov...

boll el vin nov

tel scur cup dla cantina...

che odor!...

sto ferma...

aspett...

so ch' p l'artrov

la strada...

fori piov...

pi d 'na ventina d'ov c'n,

a du ventell,

grossi,

in tel nid...

fori piov...

voj durm...

el batusc strid...

vaggh gi...

c' 'na catassa d' furmenton

sa i acin com nociole

t'un canton.

fori piov...

voj durm

sotta 'sta pianta...

trenta quaranta

la galina canta...

 

 

La precedente poesia stata ritenuta meritevole di segnalazione con la seguente motivazione:

Filastrocca dei numeri e della pioggia, nel carosello di pensieri e immagini di un dormiveglia. La lingua nativa torna ad esistere per frammenti di forte realismo, in un'atmosfera surreale, scandita da sospensioni, fra versi di varia misura, alcuni di una sola parola.

 

 <INIZIO PAGINA> 

 

El mercatin

Presentata al X Concorso 2010'

Pubblicata in Agenda 2011

 

Davanti a San Francese

sopra i banchett

la dmennica

c' 'n sacc de batanai,

libre, perett pr acenda a cap del lett,

orlogg sensa lancett,

sighett e tnaj,

bichier deco

tasin e bocalett,

ochial sensa stanghett

ventaj

artai de giornal

gialli anticchi,

scaldalett de cocc,

pinsett per el camin,

fermaj

e spassol p'i capei,

ventaj de piss,

santin

rosari d' vetre

crocifiss.

Ogg c'era un clarinett

e 'n mandolin

e du organett,

e 'n sett d' lensol de lin

sa 'l giornin.

E tun sfond celest

c'er' anca

'na santa

sa la faccia rosa e bianca.

 

 <INIZIO PAGINA> 

 

Urbin

Presentata al X Concorso 2010'

Pubblicata in Agenda 2011

 

L'ho vista a l'improvis dietra la svolta

d'un sogn, fors. Scivolava pian tel pel

dl'acqua. Se rispecchiava capovolta

com 'n'isola, com tun mond paralel.

 

Me par d'avella arvista 'n'antra volta,

forsa tra l'imbra e l'ambra, in mezza al ciel

sospesa malas. Viagiava arcolta

com dentra 'n'astronav. S' gonfiava el vel

 

dle nuvle sotta. Sensa ps pian pian

volava sa 'l palass i toricin

el campanil la cuppola la mura.

 

Mentre volava sempre pi lontan

quand era ormai poch pi d'un punt pcin pcin

sapev d'av trovat la quadratura.

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

EL vigol

 

Che pac c', che silensi cert matin

prest t'el vigol, che luc chiara, che bella

aria anticca: s'arsent quasi el spasin

ch' g ratta la via le donn ma la canella

 

(ch' en c'era l'acqua e en c'era el lavandin

t'un casa) e 'l cicalecc in comunella

a tai e a cuscia a seda t'el scalin

d'la Marietina, arsenti la Cordella

 

che batt el lard, le corse di bordei

che volaven felici com i ucei

che tel platan dl'asilo a primavera

 

cinguetten tra le foi.  Sentel pass fitt

d' mama ch' va al Dom e quel lent d' bab ch' gitt

a lavor e ch' artorna quand' sera.

 

 

<INIZIO PAGINA>

 
V'l'arcont in dialett
in www.prourbino.it
Inediti
in Poetarum Silva
PoetiPoesie.com Versante ripido Hysteron Prteron
in www.uniurb-pu.it

Home Autori Dialettali

Rossana Gambarara

UrbinAte residente a Roma

Scrittori & intellettuali