Tutto Fontanoni

Home Autori Dialettali

Antonio  Fontanoni:
poesie in dialetto urbinate presentate a Concorso

 

Poesie pubblicate in
V' l'arcont in dialett:

 

Discuten

Le ocasion pers

Parol

J' animal rideven

Sognam

Trasparent

Chisà se c'è

Perchè el dialett

Cement e sentiment

Le lacrim

Ogg' t'el mi' ort

Girarò in eterne

Sospir de soliev

La vera storia dla Caverna magn'angosc

Per dìs ch' c'è

 

 

Sfondo: Avvio alla vita di Antonio Fontanoni (Fusione in alluminio)

DISCUTEN

I° premio al I° Concorso  di poesia Dialettale "Renzo De Scrilli" (1998)

 

Stagh a seda t’ un banchett

e pens in dialett

 

Chi’ atre cristian

bagaien in italian

              Discuten

 

Esprimen el lor pensier

anch’ sa parol stranier

               I lasc dì

               sensa intervenì

 

Sol

da cima ‘ste banchett

rispond in silensi

sa’ l mi’ dialett

 

 

LE  OCASION  PERS

In Antologia nel I° volume di

 " V'l'arcont in dialett " 1998

 

Le ocasion pers

chisà dov èn gitte ?

Forse èn fnitte

sensa vlél

t’ un cors d’un ruscèll

o tra l’erba murella

o tun chi mur vecch

tra i cocc

e pess de specch

o fors tun chi verd

de muffa dle cantin

sotta le strad d’Urbin

Fors èn nascost

in t’ l’atésa d’ arcumparì

opur essa da sempre sparitte

perché en èn mai esistitte

Le ocasion pers

en hann un vers

un nom, un grid

èn fors el rest

de quel ch’ ho pagat:

èn el mond incantat.

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

PAROL

In Antologia nel I° volume di

 "V'l'arcont in dialett" 1998

 

E’ ‘n gran fium de parol

scritte, parlate, serie e com Dio vol

Se fa ‘n gran parlè

e d’ogni robba, mille perché

 

Tutti sapém e nisciun sà

de quella ch’  chiamàm verità

Ogni parola se rincorr

e tutt el giorne se discorr

e se ‘n c’ avém sa chi parlè

dentra de no’ è borbottlè

 

Parla, parla…discutém

Tun ‘ste mar de parol ce rincorém

 

<INIZIO PAGINA>

 

J'ANIMAL RIDEVEN

Pubblicata nel II° volume di: "V' l'arcont in dialett " 1999

 

Tel temp di temp

j'animal éren sorident

anch'j' ucell

rideven a crepapell

e i gatt e i can

t'neven la pansa sa le man.

Era tutt un sgrignatic

da per terra a sopra i fich

Era 'n scorra d' barzelett

da le pianur ai montalett

C'era chi rideva a piò non poss

fin a falla adoss'

Po' è nutt fora 'n bìppid

un po' stupid

- en intend la galina o 'l gall

e manch'el papagall -

ch' ha incminciat a dè i schiafon

perchè se sentiva padron

e tle su' legg ha stabilit

quand' era ora da rida o stè sit

Tutt j animal

s'l èn presa a mal

e le barzelett

en s' l' èn pió dett

non tant per ribelion

mo per paura di schiafon

Sol chel bìppid, sa la su'arogansa

ogni tant rid a crepapansa

 

<INIZIO PAGINA>

 

SOGNAM

Pubblicata nel I° volume di

" V'l'arcont in dialett " 1998

 

Da apena nati

sém destinati

a viva come bachi

e dentra ‘sta palla sognàm

de dventè farfalla

per volè legeri

tra la luc e i fior

sensa pés

sensa sorprés

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

TRASPARENT

 I° premio al II° Concorso  di Poesia Dialettale "Renzo De Scrilli" (1999)

 

Traspanent

com l'acqua de sorgent

da la cima de chi mont

malà, dov c'è 'l tramont

so' sces, so' cascat

ho ralentat

e po' so' arprecipitat

Tel piò bell ch' l'acqua stagnava

la corsa arcminciava

en riusciv archiapamm

a fermamm

Cl' acqua trasparent

me portava via come nient

se pasava tle stretoj

com le foj

Com l'acqua s'alargava

ce se quietava

So' arprecipitàt

so' arcascàt

Niva sempre pió evanescent

el mont de cla sorgent

en pensav da fermè

era pió fort de me

acetàv le cadut

sa tutt el contenut

Adess l'acqua scorr pian

mo en riesch a veda lontan

véd, quell ch'è intorne

ch' me segue tutt i giome

e l'incminc asaporè

perchè è dentra de me

Me sent afesionat

ma quell ch' m'ha circondat

en riesch a comunichè

mo sol amirè

sta natura

per me fori misura

Me lasc scivolè

e accompagnè

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

CHISA' SE CE' ?

 Pubblicata nel IV° volume di

"V'l'arcont in dialett" 2001

 

Chisà se c'è

un pió important de me ?

Se diceva 'n baghìn

masticand el favìn:

Me laven

Me curen

Me dann da magnè

Me fann ingrasè

sensa fam lavorè

Me tratten propi da re !

Va' là, en c'è

un pió important de me !

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

PERCHE' EL DIALETT

da Ora se rid Ora se piagn

 

Perchè el dialett ?

Perchè è schiett.

Perchè è tradision

de molt generasion.

 

Perchè el dialett ?

Perchè è di purett

de quei ch'hann patit

de quei ch'èn sparit.

 

Perchè el dialett ?

Perchè è 'n linguagg perfett

de quei ch'aveven sempre fam

e ch'en poteven studiè 1'italian,

 

Perchè el dialett ?

Perchè è de chi usava el pialett.

De chi en faceva cultura

mo scultura.

 

Perchè el dialett ?

Perchè era maledett

da quei che vleven dimostrè

ch'eren piò important de te.

 

Perchè el dialett ?

Perchè me sent sotta i tett,

i tett de casa mia,

la piò bella cosa che ce sia.

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

Cement e sentiment

Pubblicata nella raccolta omonima e nella Parte Antologica in Agenda 2011

 

Lavoré, lavoré, lavoré

sensa lascè gì da sudé

Fatighé, fatighé, fatighé

sensa el fisich risparmié

Pensé, pensé, pensé

per mai sbaié

Acsé 'n'isola avém costruìt

sensa mai essa avilìt

dat chel lavor ce liberava

e non c'imprigionava

'Na casa è nutta a cap

e ma no' avém dimostrat

ch'en c 'é impresa ch'pò tratiena

quand el cor se scatena

Diec ann é durata st'aventura

mo en avém mai avut paura

Adess ce sém calmati

perché ce par d'essa arivati

Sotta stì tett

ce sentìm propi protett

 

Storia della costruzione della propria "Casa"

NdE:  Un nido costruito da Antonio e le moglie con le loro mani in un paesino bello e ospitale (non è Urbino)

 

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

 

LE LACRIM

Nella Parte Antologica in Agenda 2011

 

Le lacrim en deven scapè piò

bsogna imparè a mandalle giò

per mascherè

quell che dentra c'è

perchè la gent

en dev veda nient.

Piagna o rida èn compagn,

tant tel fond c'è sempre afann.

En c'è bsogn da dì ma lor

tutt el nostre dolor

perchè tant ognun de no'

ha qualcosa da mandè giò.

Fors c'è 'n'utilità,

tel cnoscia la verità,

perchè 1'esperiensa mia

pol dè ma 'n altre la giusta via.

Ce vol un pò de coragg

mo tutt,tla vitta, ha 'n pedagg.

Dì la propria verità

dà un pò de ansietà

mo tocca schiantalla

se la vo' arcuntalla.

Sti argomant

posne acumunè la gent

e spingce vers la sincerità,

ch'è segn de libertà.

La verità, quella interior,

en pol essa che'n segn d'amor

de fiducia e de rispett

vers quei che t'avrann lett.

Perchè è di purett

de quei ch'hann patit

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

OGG T'EL MI' ORT

Segnalata nel IV Concorso 2001 di Poesia Dialettale "Renzo De Scrilli"

 

Ogg t'el mi' ort

c'è 'n gran vent fort,

tutt le piant èn contort:

i ram se pieghen

e arvenghen,

s' inchinen

e s' argiren.

Tutt è tormentat

agitat.

Anch' el cilieg

ondeggia a pió riprés.

Se piega e se difend,

se rincicola e protend,

s'inchina e pó ardventa dritt

com se tutt fossa fnit.

Pó arcmincia la su' balata,

sa i ram tocca guasi l'insalata.

S'argira e arvién só

e io facc com fa ló.

L'accompagn t'el moviment

che i fa fè el vent

e cerch da capì

cosa i vol dì

perchè anca ló è tutt agitat

e se lamenta a perdifiat.

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

GIRARO' IN ETERNE
Pubblicata e Segnalata nel XI Concorso 2012 di Poesia Dialettale "R.De Scrilli"


Ho insognat
ch'er in Urbin
e sotta el schiop del sol
me guardav intorne
e la mi' ombra en c'era
I palas c'aveven la lor ombra
le person ch'pasaven
c'aveven la lor ombra
io, no
"Sta'veda
-me dicev-
so' 'n' anima
che in eterne
girarà in silensi
tla su' bella città !"
 

 

<INIZIO PAGINA>

 

PER DìS CH' CE'

1° Premio nel XII Concorso 2012 di Poesia Dialettale "Renzo De Scrilli"

 

E' stran

el ciel se spegn

de giorne

e s'acend

tel scur dla nott.

Dventa profond

immens

pintichiat

de stelle

 

I mi' occhj

i vostre occhj

fors en i occhj

dl' Univers

per vedse

per capis

per dìs ch'c'è

  

Motivazioni - Per dìs che c’è
Dall’intreccio di luci e ombre, presenti in cielo e nell’animo umano, nasce la ‘poesia di sguardo’ di Antonio Fontanoni. Sostenuto da un bel ritmo, il breve componimento, all’apparenza semplice, dice la complessità dell’esistenza, aprendo portali su fraternità e mistero dell’Universo.
 

 

<INIZIO PAGINA>

 

SOSPIR DE SOLIEV

Presentata al X Concorso 2012 di Poesia Dialettale "Renzo De Scrilli"

 

 Magnam i fagiol
magnarti i cèc
magnam i pisel
e pó speram

 

Sensa 'na lagrima
sparpaiam le sperans
in ti'aria
tun mar
de sospir
de soliev

  

 

<INIZIO PAGINA>