Home Autori Dialettali

DORSI DUILIO
Urbino

Menu Dialetto

 

I' marcord. Voiatre?

IN PREPARAZION D'LA GITA SCOLASTICA

 

I' marcord. Voiatre?

Presentata al II Concorso 1999

di Duilio Dorsi

 

I en so' un de chi Urbinat

ch’en s’arcorden du' en nat.

Anca s’manch da cinquant’annn

en me vien minga l'afann

se partend dal Mercatal,

senza bsogn d'metta l'al

tutt Valbona e s pel Mont

i' vag s e non dvent tont,

sa 'na fermatina in piassa,

sorsegiand un bon Lavassa.

Cert, sia el Mont ch'el Mercatal

en n propri tal e qual.

Quand da cima se' arrivat,

te riposi in mezz'ai prat.

La vision del panorama

'na spec de toccasana.

Vedi el Dom e i Torricini,

ma non vedi pi i bambini

t'el piassal del Mercatal

do' en propri tal e qual.

Quand i' er pcin

c'erne quei ch' bevevne 'l vin.

perch c'era l'osteria.

C'era anca el maniscalch.

P, al prim sabbot del mes,

se facevne anca le spes,

p'r en credet ch'vendesser i ov,

se compravne sol i bov,

perch adess, du' c'n le macchin,

se riempiva de bestiam

ch'p'r lasciava gran letam.

Chiatre giorne, in mezz ai cocc,

se giocava anch'alle bocc.

Adess ch'ce sem modernizati

respiram i tub de scarich.

E l'aria bona ch' c'era allora?

Se p av, sol a bonora.

 

  <INIZIO PAGINA>

 

  IN PREPARAZION D'LA GITA SCOLASTICA

di Duilio Dorsi

 

Una scuola un po' ardita

ogni ann pensa alla gita.

Per chi suona la campana?

per la solita Toscana.

Altri invece con passion.

senza fa' tant discussion

vrien rinnov del tutt

el percrs, o bell o brutt.

Chi vol g nel sud estremo

preferendolo a San Remo.

Chi gradisc le cose rare,

indicand le Puglie care,

do' el Romanich e 'l Barrocch

en n minga di balocch,

do' andando piano piano

s'pol gi' anca tel Gargano.

A 'ste punt qualcun c'arpensa:

perch'en gim tun quel d' Cosenza,

che saria el punt d'partenza

per scoprire la Calabria,

la Region che ma la Patria

dat ha el nom de bell'Italia.

Da ma l s'pol gi' in Sila,

senza bsogn de metse in fila,

perch i prati sono tanti,

aspettand tutt'i gitanti

e do' i lagh artificial

sembren tutti natural.

'N altre giorne com t'un guizzo

t' se presenta quel di Pizzo

per mostrarti la bravura

d' quel ch' stata la natura.

Ora siamo sul Tirreno

do' en falsa la nomea

del pulit mar de Tropea,

do' in fond ad una strada

c' 'na bella balconata,

dov s' t'afacci - d'soprassalt -

te s'presenta un mar d' cobalt.

Proseguendo calmi calmi

incontriam el mont de Palmi,

che si chiama Sant'Elia,

per mostrarti la magia,

se sar bella mattina,

dello stretto di Messina.

Arprendem l'itinerari,

senza f tanti lunari,

a Reggio che s'arriva,

dove i Bronzi di Riace

s'possen veda in santa pace.

Ce sar l'approvasion

per prov tutt st'emosion?

Dir d's el gran Consiglio,

e far come el coniglio?

Se tutt quest 'nissa a manc

csa c'armarr da f?

Minga andrem s sul Titano?

S'agirebbe in modo strano.

Tant, lass a San Marin,

s'compren sol i ricordin.

 

<INIZIO PAGINA>