Home Autori Dialettali

GIAMPAOLO COLOCCI

Carpegna

 

Io del Montefeltre

Attime che s' movne t'un mond de carta

El giorn' e la nott'

El foss Mutìn

'Na sera d'inverne

In quel loco d'Urbin

 

 

Io, del Montefeltre
di Giampaolo Colocci - Carpegna

 
El sol curr dietra ma la luna
cima 'sta terra dolc e amara
tutt l'è bel a q'i rocchie
ma ia guard e so sol.
p'r aria e abandonat
en trov la mi via.
 
M'aviticchiane ancora
antic pensier
profum d'n'aria lontana
che s'èn perduti t'la cruda realtà
ch'ha rubat un vecchie moment gioios.
 
Le mi giornat fan la bangiola
tra la gioia e l'aviliment.
l'aviliment e la gioia c'èn
mo c'è anca la speranza
che d'venta 'n aquilon
che'l fugg alt
t'el ciel azur pien de nuvole bianc
do' le tramontan e le bufer el vojne chiapà
sa i lor granfie da falc
mo 'n c'la fann
perch' arrnan tacat
m'al su' pianeta
sa d'le cord robust.
 
Caten de ferr batut
ch'en se spezza
rno sbatt ti mi pensier
del temp che passa e va
 
La mi terra
'spetta el moment bon,
 

<INIZIO PAGINA>

 

 

ATTIME CHE S'MOVNE TUN MOND DE CARTA
di Giampaolo Colocci - Carpegna, 30/08/2000

Segnalata al II° Concorso 2000
 
Son torment, quel ch'a prove
t'un qualch' moment particolar
quand tel mi cor
lottane di sentiment
de mal, o de ben
che vurria urlà ma'i vent.
 
Arman, prò sempre
‘na viva speranza
che 'sta sonata
possa portà la danza.
 
‘Sta dolc canzon,
anch' adess,
tel passat me porta
sempre e ancora via.
 
Come el ricord
de quel che c'è stat
t'arman apicicat.
 
Ora t'el futur cerch d'andà
con l'esperienza d'le cos vecchie
anca se c'è poch post
tun 'sto mond de carta.
 
Cerc' da di quel ch' ho dentra
anca quand so' in onda
en é detta ch'ei capisc'
o che tutt t'ascoltne:
fatiga, è trovar la sintonia.
 
A forza d'armescolà le parol
sper da trovà la magia
com l'alchimista
vol fa l'or dal ferr
i' a cerch da fa arriva' el dialett
e scriva ‘na bona poesia.
 
Tant' bott ho chiappat, fin da pcin
ma continue per i sentier ch'a trov
a trasmetta la gioia
ma chi s'annoia.
 
Comunicà en fa mal
i' a sparg' la mi voc'
al mio cuor piac' el ben
e so' sicur che convien.
 
Dop tutt ‘sto parlà arriva un sorris:
me sent t'el paradis.
 

<INIZIO PAGINA>

 

 

EL GIORN' E LA NOTT'
 Presentata al IV° Concorso 2001

Sal spuntà del sól
com 'na raganella, a ne cerch el calor.
 
Vag in gir tra la sabbia
a osservà e pensà.
 
Quand incontre 'na zingarella
che me chiappa le man,
e me porta sa lia a riscuprì
di bugh ma me vicina e 'na mucchia lontan
dai pregiudizi e dai volt' uman'.
 
Ce guardàm atravers 'i occhie
metém, insiem le nostre annime
èn limpide e chiar,
com'è un p'cin acquarol.
 
Mar de gioia e alegria,
com e 'l mond dla bona fantasia.
Non sempre chiappat,
dal genere uman.
 
Tutt d'un bott sparisc la luc;
el fantastiche mond s'arduc.
Arman el sconfort,
de chi dentra se sent mort.
 
T'la nott arvìv el sogn del giorne.
Quand l'incantesime del mattin
Sona com' un campanacc.
Acsì artorne ma l'antich, amat,
p'cin mond.
 
 

<INIZIO PAGINA>

 

El foss Mutin
di Giampaolo Colocci

Segnalata al V Concorso 2002
 
'I urle di burdei
se spegn'ne tel silenzie
de chi sta per fnì
el viagg vers el mar.
I struzz dentra i gorghe
ormai èn fniti
èn lontan
i giorne ch' s'andava a pescà.
Sembra tutt mort
e tutt è cupert dal silenzie
mò dle voc'
s'arsentne echeggià.
Parlane d'usanz nov
d' na forza ch' pò tutt
com rompa 'i argine
dla indifferenza.
La gioia d'argoda
d'un fossatell
ch' resta tel pensier
d'un nuvol d'burdei.
 

<INIZIO PAGINA>

 

 

'NA SERA D'INVERNE
Presentata al X° Concorso 2012

Cima 'na poltrona a sdrugolon'
Cucchiat' davanti ma 'l camin'
Guard' i cepp' de carp'ne e de cerr' a brucià
Spicca il lor' particolar' odor'
El su' foch' fa luccicà tutt'intorne ...
Le su sfiammat
Me fan veda d'i color
Ross arancion ed azzurr
Mo anca di folett o di piccole diavolett
Che i corr su per il camin.
Stat sarà perché ho bevut
Un po' del fiasch de bianchett
Dla vigna del mi por nonn
Ca s'trova vicin al foss'a Mercatell
C'm' argalat el contadin ch' la cura adess.
Sent'anca le campan da mort
Me dispiac per q'el poret
El mettrann tel nov lazarett
Almen en c'ha più da pensà
Ma sta vita antrufolata.
Quasi quasi me ven voja
Da cocia du' castagn
Du' patat o du' sancicc
Che sa sto vinell en stona mica
E me rend più allegra la serata.
So' tropp stracch che ma paluzz
Quasi quasi vag tel cucchie
Conclud achsì la giornata
Fora bufa come un matt
D'matina me tocca cenda anca la stufa.
 

<INIZIO PAGINA>

 

 

IN QUEL LOCO D'URBIN

di Giampaolo Colocci - Carpegna
Presentata al X° Concorso 2010

Pubblicata in Agenda 2011

Tel borgh del mercatal
i svettene i torricin
i student chiappane il tranvail
van de cursa com i struzz
invec ma i bar s' parla l' Urbinat strett.

Gli artist com i matt
van dal Micucc
comprane gli atrezz per piturà
perdene la testa tra le rob da comprà
sempre el scont quand c'è da pagà.
C'èn le salit che fann nì il fiaton
mentre all' inverne
quand' c'èn i lastron
per fà la discesa
sé rischia da fà i rùgolon.

Mò c'è anca la festa de San Crescentin
ma la procession del duom
sbatne i batocch del campanon
nascost tra i vicol struzzane sai bott i burdel
a men en se fà d'un spuntin sa la crescia ed el vin.

S' pos'ne veda dle belle mostre
all'Accademia Raffaell
do' se riconferma el post più arcnosciut
dla storia dl' incision
e te sé rizza i pel a guardà i lavor.

Tel giorne di aquilon
su per el grepp
fan fà le capriol p'r aria
da le mille forme e color gli aquilon
che, quand i se spacca, el fort vent li porta lontan.

Po' anca capità de trovalla imbiancata
e 'lora te sembra post' incantat
la poesia te ven in un fiat
in un dialett spicicat
e t'la pó arcontà tutta d'un fiat.
 

<INIZIO PAGINA>