Home Cesaroni

Libretto di 10 fogli in fotocopie fotografiche

 

 

URBIN VENTOS

 

 

Nino Cesaroni

 

                   Pro – Urbino                 

 

 

Disegni degli alunni della

classe V

Scuola Elementare Pascoli

a.s. 1996

 

 

Guidati dalla Maestra

Laura Marangoni

 

Edizione 2002 a cura di Michelin / "Pro Urbino"

 

 

URBIN VENTOS

E' qualch giorne che in Urbin

tira 'n vent indiavlat,

l'ho lett anca tel "Carlin"

ch'ai cent all'ora ha soffiat.

 

 

Per le strad 'n arbaltaticc:

vola le cart, vola i carton,

i ram dle piant sa i brancon,

de copp e vetre un scrociolatic.

Vola el capel ma qualch vechiarell,

ch' en ha fat a temp a tienle dur.

Fa el chiass 'na cola rotta

a strascinon tel mur.

 

 

 

 

S'rugula per terra un barattol d' latta

mentre fugg spavritta 'na gatta.

I pal dla luc, tla strada, fann la staccia

e i nuvolon tel ciel se dann la caccia.

 

 

 

 

Casca le antenn,

casca qualch camin

( sucess anca ma 'l mi' vicin !)

Se givi contra vent, se fatigava;

invec tocava corra, se t' calsava.

 

 

 

 

El da fa ch' c'avevne cle por donn

per tiena gi basse le lor gonn !

Mo el vent schersos i girava tond

e faceva veda anch' qualch mappamond.

 

 

Ma una, ch'era statta dalla paruchiera

e vleva fass veda armulitta,

'na ventata l'ha scapciata tutta:

era bionda, mo dventata nera !

 

 

Le piant cle gross se scrulavne tutte,

mentre cle pcin te facevne l'inchin,

e qualcuna en li faceva pi alsass

perch la "testa" aveva batutt ti sass.

 

Le foj secche amuchiate tla cunetta

cmincne a fa el birell,

par ch' ballne la "scarpetta"

o el " saltarell".

 

 

 

La gent va via svelta, par ch' ha prescia,

com se a casa se brusciassa la crescia.

Qualcun camina un po' distant dal mur

ch' en 'i caschi un copp tla testa pi sigur.

 

 

 

A Urbin, quant tira el vent,

essend in t'na colina,

en fa tanti cumpliment,

specialment s' la "sciu rina".

E quant el vent pian pian sar calat

e i nuvolon chi grossi avr ardunat,

alora el cl incmincia a bromtol

e la pioggia fitta fitta a casch.

 

 

Vien gi a catinelle e a bidon

mo a Urbin en c' paura dl'aluvion,

sm in alt e ha da piova i ms

per veda 'n s a galla ma i Psars.

Se dic che Urbin cit del sconfort,

mo mej ch' piov e tira vent

piutost che soni a mort

 

El dialett per Nino

 

Per chi el parla: 'n piacer,

per chi l'ascolta: un mister,

per chi el scriv: 'na festa,

per chi el legg: un gran mal de testa.

 

 

Autore della poesia: Nino Cesaroni

 

 

Nato ad Urbino il 23/12/1919 e ivi residente in Via Giro dei Debitori. Ex impiegato presso l'Ente Ospedialiero di Urbino e in pensione dal 1978. Ha svolto per molti anni attivit orchestrale e ha fatto parte della Banda Musicale cittadina suonando diversi strumenti ed, in particolare, i "tamburlan".

Ha incominciato a scrivere rime dialettali dal 1950 per diletto e senza alcuna pretesa letteraria. Ha scritto un centinaio di poesie ed ha partecipato a numerosi concorsi ricevendo spesso premi e consenso, ma, soprattutto, ha divertito molto riscuotendo alto gradimento negli urbinati che lo ascoltavano. La foto lo ritrae appunto in momento di lettura in pubblico delle sue composizioni, che cos acquistavano calore, brio e vitalit sorprendenti.

 

Alcuni scolari autori dei disegni:

Caterina - Martina N. -  Martina S. -  Stefano

Iacopo -  Di Paoli

 

Settembre 2002

 

Ed. Pro-Urbino

Si tratta di un libretto di 10 fogli di carta fotografica in formato 145 x 205 mm.