Home Autori Dialettali

Olsano Cavapozzi

Cherasco - Udine

 

Le travegle

Cavalin-Madonna del gir

Le straness dla stagion

Lontani Ricordi

 

LE TRAVGGLE
PRIMO PREMIO PER LA PROSA
al XI Concorso di poesia dialettale urbinate "Renzo De Scrilli
Pubblicata in Agenda 2011

Sta bufand ormai da giorne e anca ogg en s'ne pol pi, n'ha gi fatt guasi mezz metre e non acenna a lasc g. E la galaverna che anca bella da vedse ha combinat pr un mezz disastre. Silensios guard da dietra i vetre sti fiocchj d'nev che scendne gi, sembrene guasi sensa pes. Intorne par ch'sia tutt pietrificat e st'atmosfera guasi irreal me fa sent un po' trist. Ma la ment in t'un balen abbandona sta vision e se sposta t'un paesin che tengh sempre dentra d'me. Me vien subit un pensier: chis che temp far ogg malagi t'un cl'altura che guasi a cinqcent metre ?
Quante idee s'argirne t'la mi' testa, ma tutt d'na volta quasi per miracle io vegh i bosch, i prat, le cas e le person, stampat contra el mant bianch d'nev che tun st moment me sta davanti. Preoccupat me dmand, ch'sa me sta mai capitand ? Sogn o c'ho le travggle! Io propi en el so d, ma a ste pont socchiud 'i occhj e m'abbandon estasiat da ste vision. Ma el fatt che en da creda, ste scen cambien de continue e parne quasi sensa fin. Ma non sol, io ch'so' gi tla tersa et all'improvis arveng burdell. Ades me trov ma Cavalin e so' a seda tel murell sa un po' di mi' compagn. una gran bella serata. Vicin a n c' un grupp d'ansian che seri seri, s'arcontne i fatt del giorne, storie vere e travisat. Ma dop d'un po' c'dann da d e sa n s'mettne a parl. Un d' lor c'arconta i fatt dla guerra, di fascista e partigian e descriv dacs ben i post, le scen e le person che n burdei armanem a bocca aperta. Subit dop intervien Gvanin ch'ne sa una pi del diavle, e per mettce un po' d'paura tira fora storie stran do' le stregh, sprit e folett se divertne com i matt a chiap per i fondei tant i grand quant i burdei. Altri parlene, parlene e ridne e per chiuda la serata c' Gustin ch'fa 'na cantata. Quant me piac stai a sent, en m' ne vria propi g. Ma ormai se fatt tard e alora c'se salutta e ognun va per la su' strada. Un de lor me batt t'na spalla, me dic "ciao" e s'incamina a pass lent apogiat t'un baston sa un cirolin spostat tla su' testa tutta bianca. El guard per un moment, ma ecch en el vegh pi sparitt dietra la curva. So armast sol, la mi' testa imbarbugitta en riesc pi a capacitam. Stagh sognand opur ho pers la testa! Apre 'i occhj e guasi en c'poss creda, quanta nev c' intorne a me !, l'avev gi dimenticata.


MOTIVAZIONE PER LA PREMIAZIONE
Al precedente racconto breve stato assegnato il Primo Premio per la Prosa con la seguente motivazione:
Il racconto si caratterizza per una lingua che utilizza termini asciutti, precisi, senza fronzoli per descrivere, prima, un evento meteorologico che perdura e combina anche disastri, per, poi, connotare con precisione l'atmosfera caleidoscopica suscitata dalla abbondante nevicata che attualizza ricordi lontani, quotidiani, sia seri che fantastici in un'atmosfera di canto corale.
La neve, come un tappeto volante, porta l'autore alla sua citt natale. La trasposizione dal presente al passato provoca uno stordimento, un annebbiamento della coscienza che si lascia rapire dal passato che si sovrappone al presente come fosse viva realt quotidiana.
Il ricordo del passato non semplice nostalgia del tempo che fu, ma autentico amore della terra e degli uomini della propria infanzia, che si allontanano senza che li si possa o voglia fermare.
La chiusa finale ci riporta alla recente e abbondante nevicata che, con sorpresa, il narratore dice essere stata dimenticata.



CAVALIN - MADONNA DEL GIR - 2011
Presentata al XI Concorso 2011
 
Ho voja d'arcont un fatt che pur esend antich tel stess temp atual. Prima pr bsogna ch'facc un brev resocont storich de ste event. La festa chiamata dla Madonna Del Gir, che celebra la Beata Vergine Maria, par ch' abbia avut origin tla prima met del millecinqcent. Quest dimostra che le tradision, ch' hann avut una grossa partecipasion popolar, n destinat a dur a longh.
Infatti sta ricorensa ogg com alora se sviluppa tel gir de diec parocchj d la Madonna arman un ann per ogni chiesa.  Al moment del trasferiment tra l'una e cl' atra l'enorme imagin de Maria vien portata a spalla dai rappresentant dle d comunit.  El fatt pr che st' event se ripet ormai da secle la dimostrasion che ancora esist un quale legam tra el present e un pasat ormai lontan. Quel che fin adess ho scrett sol l'antefatt dla storia che ora vaggh arcont.
Era el magg del 1961, io facev ancora part dla comunit cavalines e cl' ann mal ho partecipat per l'ultima volta alla festa dla Madonna Del Gir.  Anca se dop cinquantann i ricord en ormai sfocati, quant' arpens ma chi moment sent dentra d!me una gran nostalgia.  Alora me d'mand: se me suced dacs forse vol d che un quale motiv c' sar!  Infatti, st!ann a Cavalin se ripet sta solennit ed da un p de temp ch' me gira per la testa l'idea da pot facc una scapata.  Ho valutat ben la stuasion e so partit decis. Alle tre del pomerigg del sett de magg me trovav a Montcalend tle vicinane dla chiesa de San Michele Arcangelo.  La gent che c'era in ste borg de quattre cas era roba da non creda. Conclus i preliminar i sacerdot hann cminciat la disposision del corteo: davanti le donn, p i burdei, i pret, l'immagin dla Madonna e dietra 'i omne.  C' sm aviati vers Cavalin in forma composta, tra canti, preghier e lettur varie.  Al confin tra i d paes un parochian de Montcalend ha ringrasiat la Madonna per l'ann de permanensa e ha espress el desideri d'un arrivederci al 2021. A ste punt sostenuti anca da una briosa banda musical, i cavalines hann pres in consegna la Sacra Immagin. Quest stat un moment entusiasmant.  C'era talment tanta gent ch' en ce se poteva mova e tutti spintonavne per pot guard magari de sfugita la figura de Maria.  A ste punt in mezz a tutta sta baraonda ho pers el sens religios e spiritual dla celebrasion. Tutt intorne vdev sol soris, abrace, baci e strett de man, gent c'sartrovava dop mes, ann e magari anca de pi. Era una festa tla festa e anch'io me so sentit felicement coinvolt.  Pasat un p de temp i pret hann ripetut la dispozision del corteo e dignitosament c'sm aviati vers la Piev de San Cassian.  Dal moment pr che una parola tira cl'atra, man a man ch' se giva avanti io perdev sempre pi el fil.  Me piaceva parl sa person ch'n vdev da tant. Ma non sol, girav continuament la testa indietra, de fianc, in alt e in bass, scrutand ben ogni canton perch lung tutt el percors a cminc dalle cunett e ti giardin, ti balcon e tle ringhier, t'i murell e ma le finestre era un'apoteosi floreal.  Ross de tutt le qualit e color che formavne scrett e decori d'ogni tip.  Gerani grandi e pcini, calle, papavre, giaggioli, glicini, ortensie e tant altri ancora.  Al sol pensier che tutt sti adobb sian stati fatti dalle man di cavalines, me faceva sent orgoglios.  In tutt sta meraviglia, de forme e color mancava una cosa sola el profum, che sti fior pur dachs bei en potevne comunque av.  A quest pr c'ha pensat la natura, infatti lung tutt el percors e tutt intorne, i spai d'acac ormai fioriti parevne ricoperti de manna e propagavne un profum intens e penetrante. Presi ormai in st' atmosfera serena e festaiola a pass lent e regolar sm arivati alla chiesa de San Casian. Ma sta Piev, che a di' el vera un gran bell esempi d'architettura romanica, io'me sent per motivi diversi particolarment legat.  Ho fatt de tutt per trov un bugh, ma la confusion era dachs tanta che en me stat posibil entr. C'ho arprovat pi volt e alla fin ho rinunciat e so argitt ma Gavalin. Pi el temp pasava e pi cresceva dentra d'me la voja da veda da vicin 1'immagin dla Madonna.  Ho aspetat un para d'or e alle ventun e trenta me so incaminat vers la parocchia e mach la sorpresa stata grand, perch i punti luc sapientement disposti davne tel scur dla nott la sensasion dfun gigantesch presepi.  Era una vision straordinaria.  Intorne alla Piev c'erne ormai poch person, ho ragiunt velocement el portal e so' entrat.  La chiesa era completamente sgombra, ho girat vers la navata destra e me so' avicinat ma chel gran quadre. L'ho osservat tel su insiem per qualch minut e p me so' soffermat ti particolar.  La tela, alta pi de d metre e larga un metre e mezz abondant incastonata t' una gran cornic dorata e intaiata sa maestria.  La figura de Maria, alta, slanciata e dolc tla su espression domina la scena, ha i brace apert e le man morbide e delicat tengne su sensa fatiga un mantell enorme che sembra vl proteggia l'intera umanit.  Tla part alta del dipint d angiulin leggeri e premurosi stann per pos tla testa de Maria una presiosa corona.  El quadre tel su insiem me par bell tla forma e ti color e trasmett in chi el guarda un fort impatt ernotiv.  Dop un'attenta osservasion me so inginochiat a mani giunte e guardand el vis dla Beata cercav dentra d'me le parole giust per f una richiesta. Mentre pensav, un rumor de pass m!ha distrat dal proposit e alora ho fatt el segn ella croc e spontaneament pianin pianin, me nut da d: Madonina protegg sta comunit che t'ha acolt a brace apert, con gioia, amor e devosion.  Lentament me so aviat vers l'uscita, erne ormai le ventid pasat.  
Fora tirava el vent e le bandierin s'agitavne producend un sibil che rendeva la nott ancora pi misteriosa. So argit ma Oavalin e me so artrovat sa un grupp de paesan tla curva di sospir aspetand la conclusion d'un event per me straordinari.  Ecch adess cmencne i foch artificial, un, do, tre, quattro, cinque e tra una cosa e cl'atra alla fin ho pers el cont. Sti foch pr, en stat un pi bell de clatre per i color, le forme e i gioc de luc.  Una degna conclusion d'na giornata bella e ricca d'emosion.  Alla fin me so' dett: Madonina d'man arpart, ma port sa me la gioia d'av partecipat a una festa d i cavalines tutti, lavorand tenacement, con amor e competensa hann saput un Sacre e Profan com mej forse en s'poteva.
 
 
 
LE STRANESS DLE STAGION
Presentato al XI Concorso 2011
 
Stamatina en so el perch ho durmit pi del dovut. La sveglia segna quasi le undic, me als de scatta apre la finestra e el sol intens me barbaia la vista. Abass la testa e m' apogg tel davansal. A pochi metre sotta d'me c' 1'ort del calsolar. ordinata ben t 'nut e c' ogni cosa. Do colonin d'vit rigoglios e carichi d'ua, spars qua e l fann bella mostra de s un po' de piant da frtt e la part pi esposta al sol coltivata a ortagg. Me par propi un ort botanic. Als el sguard, gli occhj ormai s'en abituati all'intensit dla lue e mal t'un bell pogett inserit tra i tigli, crque secolar, acac ed altre variet de piant, svetta imponent e solid el campanil dla chiesa romanica de San Cassiano.
La giornata propi bella e el ciel chiar com un pagn d'bucata.  I mi occh j pian pianin scivolne via, gi vers Schiet, Ga Gall, su dalle part de Montcalv vers San Ludec, ancora scendne in diresion de Borgmasan, Rio Salso e fin a Pesre e oltre, do' el ciel e mar en 'na cosa sola.  Tun sti moment prov di brivid dacs intensi che ho dificolt ad esprima.  Stupefatt da sta vision me vien voia da grid, quant' bella la natura!
Ma c' un punt in tutt st'insiem che me lascia un po' dubbios: una grossa macchia grigia che ogni tant f capolin malagi tra chi valon.  Guard piutost incuriosit, passa quasi una mezzora e la macchia vien avanti, par ch' sallarga e propi adess sta entrand tla vall del Foia. Me sa un fatt un po' curios e alora voj segui i svilupp dla situasion.  A momenti s'avicina, retroced, esitant e pu c'arpensa, s'armov d'nov ed lotta sensa tregua contra un filarin de vent.  Trascor un po' de temp e la situasion par stasionaria, ma tutt d'na volta anca el vent tira pi fort e quell che io stagh guardand un duell entusiasmant.  A tenton sta mole avansa un po' incerta, subit dop s'artira, sping ancora e pu indietreggia contra el vent en c' la pol f.  S' arfermata par ch's' concentra, arv all'atacch e in fin s'argira e in tutt ste tira e molla se trincera a met dle rip di falch. Dop d'un pess el vent se ferma d' colp e sta massa en s'contien pi, par na furia scatenata, avolg tutt me par propi un uragan, ma en se sent nisciun rumor.  Ormai la visibilit s' ardotta, en s' ved da che a mal, 1'atmosfera dventata umidiccia, caliginosa e c'ha un che de misterios.
Me par d' essa t'nantre mond. I rumor s' n atutiti en se sentne quasi pi. Adess st' enorme banch grig-scur arivat anca da me, n vegg pi gnent, manca l'ort del calsol.  Slong i brace e stregn i pugn ma en li face a chiap gnent, en c'ha corp e manca odor sol fatta de vapor. E' quasi ora de pranz e un po' disorientat chiud le impost e pens: com strana la natura. E' un nebbion tel mezz dl'estat.



LONTANI RICORDI
Presentato al X Concorso 2010
 
Era fnitta da qualch ann la sconda guerra mondial, la miseria a detta de chi grand c' n'era dacs tanta che molt spess se sentiva di "en c'ho 'na lira da f cant un ciech". No burdlin en capivam la gravit dla situasion e sa l'ansia del gioch sensa pr av tant gioch, cercavam le solusion per cert vers pericolos. Per esempi: en savria propi d el perch de cla pasion che n burdei de nov diec ann c'avevam da g sempre a ravaston per i bosch del circondari.
Sta de fatt che tutti insiem, sa i lacc dentra 'na sacoccia e un curtlin aganciat ma i pantalon, partivam da Cavalin chiapavam la scurciatoia fin de sotta Micarin e p via in tla maruga do' da sempre se sentiva un gran bel concert de uc'lin. Svolasavne diffidenti ma armoniosi ed eleganti tra le cann e i cepp d'ginestre, fra i ram dle cerque e i bosch de rogh. N a seda tra 'l falasch, sotta l'ombra di sambucre sa la massafrombla tra le man caricata sa 'n sass tond, guardavam incuriositi e setti setti sensa quasi respir aspettavam el moment bon. Ma i burdei se sa cum n, de pasiensa en c' n'hann mai troppa e tra un moviment sbaiat e una serie d'rumorin s'aspettava inutilment ch'arivassa qualch uc'lin.
Aspt tropp ce s stufava e dacs se decideva da lasci la postasion e g f 'na puntatina tra i filar de Che'-Rzin. Quant el sol brusciava fort, salivam per Che' Pasaia e arivati in cima al mont tun chel tuf che luccicava facevam tutti la liscia, capriole e rugulon. Subit dop se ripartiva, entusiasti e caricati, tutti sporchi e scurticati per chi grepp a strascinon.
Intant el temp velocement pasava e da g a casa nisciun d' n c' pensava. Ma le nostre madre ansios, per non d preocupat, ce chiamavne e ce cercavne tutt intorne ma 'l castell. Arivati dentra casa, de tutt quell che dop sucdeva en ne voj propi parl. Quant el pegg era pasat, me metev a magn in fretta e aspettav el moment giost per g fora un'antra volta e tutti insiem c' s'artrvava per decida cosa f. Quante volt n sem partit a esplor i fundon dla Vall e com c'divertiva s e gi, avanti e indietra tun chi bosch ch' en fnivne mai. Ma per arcontalla giosta poich n eravam un branch e facevam 'na gran casciara, le cos en givne sempre lisc. Dalle parole s'pasava ai fatt, ogni tant se discuteva, qualca volta s'litigava e prima o poi qualcun piagneva. Nonostant st'inconvenient in poch temp tra d'n tutt s'appianava e decisi s'arpartiva a scopr qualcosa d'nov.
Ah..! che vita spensierata bella e ricca d'novit ch'avem pasat t'un chi ann mal. Ma el fatt pi curios, che ogg nonostant che j ann pasat sien ormai tanti quant arvagg ma Cavalin sent qualcosa dentra d'me, un richiam talment fort ch'me costring arg a f un gir com facev quant s'er burdel malagi ti bosch dla Vall.