Home Bruno Betti

BETTI  BRUNO

 

E' GIT VIA

 

E' partit ! e chi s'ne frega

Sia d' lu che dla su' lega ?

Sia ben git ! Ed io en cred

Che non sol c' metrà più el pied

Sia Umberto che Vittori,

Ne i Duc e i fasc littori,

E tutt ch' iatre aguzin

Ch'solament per fè i guadrin,

Fin all'ultim han cerchèt

D'specolè sti disgrasièt,

Sopra quel ch' ha decretèt

Tutt el popolo, che è stèt,

(Quest el sappia certa gent

El sàppien certi delinquent

Che con aria disinvolta

Possen dì che per sta volta,

El pericol l' han passèt).

... Donca el popolo ch'è stèt

Sì trop bon, non minchionèt,

Perchè s' vleva in du e du quattre

Te facess saltè le matre,

le baracch e i burattin.

No ste popol en è 'n cretin !

Ogg lu sa la posision,

Ogg lu sa ch' è 'l sol padron,

E che qui comanda lu !

Ogg la sà che a tu per tu

Pol combatta ogni scola

Ogg, ha libera parola.

(Benchè libera non è)

Perchè v' digh propi ma me

Han vietèt sta poesia.

Viva la democrazia !

 

Donca el Re, ste disgrasièt

Dop avé fort proclamèt

Che el responso lu accetèva,

Non soltant se rimagneva

Tutto quant avea promes

Ma ha cerchèt un compromes

Per sfuggi alla punission !

Al giudissi dla nasion

E fè 'l mus de gentildonna.

Nó, c' credem ! E' 'na Madonna

Com se fa creda ma te ?

Com se fa creda ma 'n Re

Ma un Re d'un mes de magg,

Sensa gloria né coragg,

Ch' ha servit ma Mussolini

E ch' ha larghèt, dic, i destini

D'uno Italia imperièl,

E che infert ha el pugnèl

Su l' amich agonizant ?

E ch' sa 'l stupid su sembiant

Dett ha 'l popol italièn

Ecme qua! Te stend la mèn !

Ma cla mèn per la nasion

Vleva dì rivolusion !

E' git via e sia ben git !

Quest pe'l ben d' tutt i partit

Perchè oggi finalment

Potrem veda tutt la gent

Sa la lingua fora, sciolta

Che proibita era una volta.

 

<INIZIO PAGINA>

 

I Selcin

Pubblicata su "Eco di Urbino ..." Con pseudonimo "Sacch Sfond"
 

I' che tutt el giorne non c' ho gnent da fè,
S' capisc, perchè di sold c' n' ho a stuff,
En fagh altre che gì a sficanasè
In qua e in là, per rida sa i pes buff.
Ultimament, quant nova hann fatt la piassa,
Ho vist che chi tedesch, ossia i selcin
Che m'neven a rotta d' coll sa la lor massa,
Aveven bsogn, ogni tant, d'un bichier d'vin.

Per fè un conticin i' chièr e tond,
So' stat a veda dal giorne insin a nott,
E do' ch' givne i so' stat sempre de dietra.

Ch' t'chiapassa 'n accidenti bsogna essa sfond
Perchè credetme pur ch' per ogni pietra
Ch' han mess só, hann but un gott.

Sacch Sfond (pseudonimo)

 

 

 

CASE POPOLARI

 

Ch'sa succed ogg,in Urbin

Fra vilèn e contadin,

Ch'hann vut el benefici,

Sa 'l consens del Municipi,

Da potè liberament

Fass padroni d'st' monument,

De ste coll, che ognuno sa

E' un faro d' civiltà?

'Na cagnara, un putiferi,

Un can can, un diavoleri

Ch'francament ce fa pietà ...

Non per chi la casa en c'ha,

Ma pel mod com han agit

Tutti ch'ior d' vari partit,          ............................[ch'ior: coloro]

Che en stèt messi ma là

Con fiducia ed onestà

Da sta gent ch' ogg è in Urbin,

E ma st'ior, o bona gent,                                        [st'ior: costoro]

Bsogna dilli francament,

Ch' s' faccia d'men i buratin

Ed i scarica baril.

Sol allora s' vinc la bil

De sta gente disgrasièta

Ch' ha da essa coionèta

Sa i discors e le promess.

Basta ! El popol non è un fess !

 

El mi chèn ch'è 'n volpacchion,

Ma dett: «Sèt di gran minchion

Ve perdet in certe cos ...

Lascièt Urbin, i fior, le ros,

Tant ormai i cittadin

Da sloggiè avran da Urbin

En me fèt tant el martuff !

Ma la su vicin el Tuff

Sa du tend e un pò de cann

Fèm de foi un bel capann,

E vivem calmi e beati

Alla faccia d'i urbinati

Che en v'nuti fra de nó

Sa i calson com dicet vó !...

 

"Ma in Urbin; dop chi c' arman ?

Acsì avem mèl e malan,

E chi smonta ma sta gent ?

Ch' tel cervell c'ha gnent più gnent

E che s' cred d' essa chi sa

Per chel po' d'autorità ?

Te ragioni com un chèn.

Invec digh che chi cristièn

Pensin propi per daver

A cmincè a fè 'l lor dover !

Sensa tant tergivasion.

Basta ormai da fè i padroni

I poret han bsogn d'na chèsa

E la gent già s'è persuèsa,

Una chèsa da poret,

Dov ce possa almen stè 'n let

Sia de foi o d'paiaricc

E 'n ce sia '1 raccapricc

D'veda, com purtropp se ved,

Un lett com un marciapied,

Dov i fijoi, madre e padracc

Involtèti fra du stracc

Abituen 'i oss, sensa una scossa

per quant d' mèn saran tla fossa.

S' pensi a quest, o consiglieri !

Fèt le cos sa 'n pò d'criteri !

Le promess sien mantenut.

Basta el dett chi ha vut ha vut !

E se d'quest en set capèc

Argit tutti pur in pèc

Perchè 'l popol è stanch d' sentì

Le parol, cert teorì

D'un pugn d' gent, d'un pugn d'buffon

Ch' c' han la testa com un mlon !

Basta ormai sa tutt ste rèp !

Altre teste c'vol a chèp !

 

<INIZIO PAGINA>

 

Un sacch D' bugì
Pubblicata su "Eco di Urbino ..." firmata B.B.
La prima parte è simile a quella omonima inserita in "Chi siacqua, sciacqua"


"Caro Bette, si m' è 'ntese
Non me sta a fa chiù l'inglese
Non scoccià li scatolone,
Neh, va 'n pace e stàtte bone."
Sa Urbin ecchme alle pres,
Hó lascet gì d' fè l'ingles,
Non era per me 'n mestier adatt
Me pareva d' essa fra i matt.
En giv dacord manch tla magnèta
Tutt i giorne cicolèta
Caramelle, pasticcin,
I gonfet più soprafin
Avev sempre un stomacacc
Ah! è mei du fagiolacc
Sa 'l contorne de galina
là tla nostra cucciarina
Che ne tutt ch' le boiarì
Basta insomma lascem gì
Parlem un po' de ste paes,
Sa che success in sti du' mes:

Donca o gent stet a sentì
Quel ch' varcont è tut bugì !
E crédetme, ben pensèt,
E pó gió maché infilsèt
Sa 'na greia d' bona grèsia:
La bugia non se sdèsia !
Parlarò de bel principi
Indvinèt ?... del Municipi ?...
Staria fresch, en c' saria mèl,
O in prigion, o a 1' ospedèl,
Benché d' quest en spol dì gnent,
Ognun ved presentement
Che lavora propri seri.
Per esempi so' stat ieri
A visitè cle latrinacc
M' ha tochèt un ora stacc
Per guardè tutt chi lavor.
C' hann mes le pietre de Ginor;
Bsogna essa franch, èn propri belle,
C' è 'l piancit de madonnelle
De color mezz cenerin,
Tutt le port sa 'l brunelin ...
Ecch, insomma un bell lavor;
Ma è nut un professor
Specialista p' le latrin.
Eh ?! Ch' sa dit ? I' so' 'n cretin ?
Credet pur, credet ma mè
Tle latrin ogg c' s' pol magnè.
(da qui la parte la nuova versione)
'N antra nova, finalment,
El concert ha subit un gambiament, Banda Cittadina
Invec del solit zabaion
Ce fa 'l solit minestron.
È 'na vera sporcaria ...
Nient affat è 'na bugia.
Pèr 'na favla dla mi' nonna ...
Ultimament ma la Madonna,
Per Lavaggin 'i han sonet
I pestin pió prelibèt
Han sonèt, o bona gent,
El fox trot quel di student,
(Passan bei visetti Ninetta e Lulù)
Pora Madonna quant n'i tocca mandè giù!
E malé schiafèi 'na pessa.
Sarà dventèta studentessa.
Ma ch' sa fan i generèl
Dla Capella Musichèl ?
Basta è mei ch' i' lascia andè
Se no cminc a straparlè.


'Na famiglia ma 'l torion
È crepéta d'indigestion,
I han trovèti a pansa prèria
Sfid, per tre giorne han magnèt l'èria.
El mi Pietrin m'ha det Un
En fa el mèl pió ma nisun.
Non se ved pió gent a spass.
El padron del caffè è sempre pió grass.
Quant girà via i selcin
Calarà subit el vin.
Poca attività di lèdre
Sor Pitrin dventarà pèdre.
I mort s' porten ma 'l campsant
Non c' è 'n dasier sa 'n fulminant,
'N' antra volta un discorset
Ve farò de sbroialett. (nomignolo per un medico somaro)
L'inverne en se sa quant durarà
E ... nessun' altra novità.

Ades cred d'en fav dispett
De parlav de chel bosett
Ch' era ma là tel Caffè grand,
Ascoltèt, o gent, m' arcmand !
C' è in Urbin parecchia gent
Ch' è contreria al monument;
El perchè non vel voj dì
E da lor se sent a dì,
El dighen fort tle discussion,
Per fè quel: ce vrà 'n miglion !
E sa i sold sèm al' istrett
E pó dim, dop do' se mett ?
Non c' avem un post adatt
Ma sta gent i dagh di matt.
Signori mia femla fnitta !
Chi per la Patria ha dat la vitta
Hann d' avé '1 prim post d'onor,
En fètni veda d' tutt i color,
Spetta ma lor la palma d' gloria
Perchè lor è la vittoria.
E per fè chel rnonumentin
Ch' è piaciut perchè è blin,
Sa quarantamila scudon
Se finisc le discussion
E sa un poch' de volontà
El monument s' innalsarà.
S' mett ma là ma 'l scond torrion
Gloria e a un temp ammirasion
De chi vien; perchè và el prim pensier
Ma chi ha fatt el su' dover.
B B  (Bruno Betti)       Tipografia Bellucci   Bruno Betti, responsabile

 

<INIZIO PAGINA>

 

VECCHIA MINIERA
(testo per una canzone)

Son sotto terra ...
sono nel fondo ...
non ci son stelle
nel tenebror

Non c'è la luna,
ho per il sole
solo una fiamma
vicino a me ...

Solo una luce
opaca e stanca
tetra rischiara
ore e squallor !

Pum! Tran! Pum! Tran!
Pum! Tran! Pum! Tran!
Pum! Pum! Tran! Tran!
Tran! Tran! Pum! Pum!

(Ritornello)
Voglio la luce,
il sole d'oro,
l'aria più pura
che qui non c'è.
Voglio respirare
tutto il profumo,
la primavera,
dei prati in fior.
Nella lanterna
fioca una fiamma
tremula e stanca
si spegnerà !
Vecchia Miniera
perchè m'attiri ?!
verso la luce
lasciami andar.

Non son più uomo
qual verme striscio ...
ruspe e trivelle
sol per rubar ...
Rubo alla terra
gemme più belle,
tutti i tesori
ch'essa può dar.

Ma vuol che dia
la vita mia,
vuole per sempre
che resti giù.

Pum! Tran! Pum! Tran!
Pum! Tran! Pum! Tran!
Pum! Pum! Tran! Tran!
Tran! Tran! Pum! Pum!